051 644 7838 [email protected]
TI SPEGO COSA E’ IL TESTAMENTO OLOGRAFO,VUOI SAPERE COME SI FA?

TI SPEGO COSA E’ IL TESTAMENTO OLOGRAFO,VUOI SAPERE COME SI FA?

TI SPEGO COSA E’ IL TESTAMENTO OLOGRAFO,

VUOI SAPERE COME SI FA?

avvocato controversie ereditarie, avvocato causa di divisione ereditaria,avvocato divisione ereditaria quote, avvocato divisione ereditaria, giudiziale avvocato divisione ereditaria imposte,avvocato divisione ereditaria citazione,divisione ereditaria scrittura privata divisione ereditaria avvocato divisione ereditaria consensuale, accettazione tacita di eredità, accettazione tacita di eredità costo accettazione tacita dell’eredità, dichiarazione accettazione eredità,atto accettazione eredità successione a titolo particolare

accettazione tacita di eredità è obbligatoria

A cosa serve un avvocato per impugnazione testamento a BolognaA cosa serve un avvocato per impugnazione testamento a Bologna

AVVOCATO PER SUCCESSIONE E TESTAMENTI A BOLOGNA, PER CONSIGLIARTI LA GIUSTA STRATEGIA!!

 

CHIAMA AVVOCATO PER SUCCESSIONE E TESTAMENTI A BOLOGNA, TROVEREMO UNA SOLUZIOJNE PER LA TUA EREDITA’

1)Lo studio si occupa di offrire assistenza al cliente che intenda redigere testamento.Consulenza e difesa in materia successoria e delle donazioni ed in particolare in tema di divisione ereditaria e distribuzione del patrimonio, redazione e custodia di testamenti, rinunce e petizioni di eredità, legati, azione di riduzione e lesioni di legittima, accettazioni con beneficio d’inventario, validità e vizi del testamento, donazioni e prescrizione.

2)Eredità, Successioni e Donazioni: Lo Studio Legale Avv. Sergio Armaroli Bologna offre assistenza giudiziale e consulenza per la redazione di testamenti, individuazione della quote ereditarie e di eventuali lesioni di legittima, rinuncia all’eredità; si occupa difesa processuale per ogni ipotesi di contenzioso sorto in materia, quali ad esempio l’impugnazione di testamenti, lesioni dei diritti ereditari, contenzioso tra eredi e divisione dei beni in eredità, etc.

3)L’avvocato Sergio Armaroli di Bologna assiste il cliente  altresì, nell’ assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia di successioni, in particolare nelle controversie in tema di validità del testamento, capacità di succedere, accettazione con beneficio di inventario, rinunzia all’eredità, successione legittima,revoca del testamento, istituzione dell’erede e del legato indegnità,riduzione di disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, trasmissione del diritto di accettare l’eredità.
Si offre inoltre assistenza in materia di donazioni, di validità e forma delle stesse e di rapporti con la successione ereditaria.

4)Hai problemi di divisione ereditaria? Vuoi impugnare un testamento olografo?
Vuoi difendere le tue quote di legittima?
Devi dividere la massa ereditaria?
Devi accettare l’eredità con beneficio d’inventario?
Devi presentare la dichiarazione di successione?

AVVOCATO BOLOGNA PER SUCCESSIONI EREDITARIE DIVISIONI EREDITARIE… Cerchi un avvocato a Bologna per successioni ereditarie ,divisioni ereditarie? per separazioni Bologna, avvocato Matrimonialista Bologna, studio legale diritto di famiglia Bologna, avvocato separazioni Bologna, avvocato divorzi Bologna

AVVOCATO BOLOGNA PER SUCCESSIONI EREDITARIE DIVISIONI EREDITARIE… Cerchi un avvocato a Bologna per successioni ereditarie ,divisioni ereditarie? per separazioni Bologna, avvocato Matrimonialista Bologna, studio legale diritto di famiglia Bologna, avvocato separazioni Bologna, avvocato divorzi Bologna

VORREI CHIARIRTI LE IDEE SUL TESTAMENTO OLOGRAFO E SUI POTERI CHE SPETTANO A CHI FA TESTAMENTO ,RICORDANDOTI CHE ALCUNE CATEGORIE DI PERSONE COME FIGLI E CONIUGE O ASCENDENTI NON POSSONO ESSERE ESCLUSI

secondo un primo indirizzo, poiché il testamento olografo è un documento che non perde la sua natura di scrittura privata per il fatto che deve rispondere ai requisiti di forma imposti dalla legge (art. 602 cod. civ.) e che deriva la sua efficacia dal riconoscimento, espresso o tacito, che ne faccia il soggetto contro il quale la scrittura è prodotta, quest’ultimo, ove voglia impedire tale riconoscimento e contesti globalmente l’intera scheda testamentaria, deve proporre il disconoscimento, che pone a carico della controparte l’onere di dimostrare, in contrario, che la scrittura non è stata contraffatta e proviene, invece, effettivamente dal suo autore apparente (Sez. 2, 16 ottobre 1975, n. 3371; Sez. 2, 5 luglio 1979, n. 3849);

che – in questa linea – si è precisato che qualora sia fatta valere la falsità del testamento olografo, l’azione – che ha ad oggetto l’accertamento dell’inesistenza dell’atto — soggiace allo stesso regime probatorio stabilito nel caso di nullità prevista dall’art. 606 cod. civ. per la mancanza dei requisiti estrinseci del testamento, sicché – avuto riguardo agli interessi dedotti in giudizio dalle parti – nell’ipotesi di conflitto tra l’erede legittimo che disconosca l’autenticità del testamento e chi vanti diritti in forza di esso, l’onere della proposizione dell’istanza di verificazione del documento contestato incombe sul secondo, cui spetta la dimostrazione della qualità di erede, mentre nessun onere, oltre quello del disconoscimento, grava sull’erede legittimo: pertanto sulla ripartizione dell’onere probatorio non ha alcuna influenza la posizione processuale assunta dalle parti, essendo irrilevante se l’azione sia stata esperita dall’erede legittimo (per fare valere, in via principale, la falsità del documento) ovvero dall’erede testamentario che, agendo per il riconoscimento dei diritti ereditari, abbia visto contestata l’autenticità del testamento da parte dell’erede legittimo (Sez. 2, 12 aprile 2005, n. 7475; Sez. 2, 11 novembre 2008, n. 26943);

che, secondo un altro indirizzo, la contestazione dell’autenticità del testamento olografo si risolve in un’eccezione di falso e deve essere sollevata (tenuto conto dell’idoneità del testamento olografo a devolvere l’eredità quale effetto immediato conseguente alla pubblicazione, ai sensi dell’art. 620, sesto comma, cod. civ., e dell’equiparazione che, a certi fini, la legge penale ne fa agli atti pubblici) solo nei modi e con le forme di cui all’art. 221 e ss. cod. proc. civ. (Sez. 2, 3 agosto 1968, n. 2793; Sez. 2, 30 ottobre 2003, n. 16362);

che quest’ultimo indirizzo ha trovato un avallo in un obiter delle Sezioni Unite contenuto nella recente sentenza 23 giugno 2010, n. 15169;

che, infatti, chiamate a risolvere il contrasto di giurisprudenza insorto sui modi di contestazione delle scritture provenienti da terzi estranei alla lite, le Sezioni Unite hanno si enunciato la regola della libertà di forma nella contestazione delle scritture private provenienti da terzi (motivandola sul rilievo che ad esse non è applicabile né la disciplina sostanziale di cui all’art. 2702 cod. civ., né quella processuale di cui all’art. 214 cod. proc. civ., atteso che costituiscono prove atipiche il cui valore probatorio è meramente indiziario, e che possono, quindi, contribuire a fondare il convincimento del giudice unitamente agli altri dati proba-tori acquisiti al processo), ma hanno perimetrato detta regola con la precisazione che nell’ambito delle scritture private un diverso trattamento deve tuttavia essere riservato a quelle – come, appunto, il testamento olografo – la cui natura conferisce loro un’incidenza sostanziale e processuale intrinsecamente elevata, tale da richiedere la querela di falso onde contestarne l’autenticità;

che l’affermazione incidentale delle Sezioni Unite non ha sopito il contrasto all’interno della Sezione;

che, da un lato, la sentenza 23 dicembre 2011, n. 28637, si è posta sulla scia dei precedenti che ammettono che il testamento olografo può essere semplicemente disconosciuto, ai sensi dell’art. 214 cod. proc. civ., dall’erede legittimo che ne assuma la falsità, in tal modo gravandosi l’erede testamentario che voglia valersi del testamento dell’onere di dar corso al procedimento di verificazione della scrittura (art. 216 cod. proc. civ.);

che, dall’altro lato, con la sentenza 24 maggio 2012, n. 8272, si è data continuità ‘alla giurisprudenza di questa Corte (Cass. 16362/03), che risulta ora confermata dalle Sezioni Unite (15169/10) le quali, pur rivedendo l’orientamento precedente in ordine alle scritture provenienti da terzi, hanno ribadito che deve riservarsi diverso trattamento a quelle (come il testamento olografo) la cui natura conferisce loro una incidenza sostanziale e processuale intrinsecamente elevata, tale da richiedere la querela di falso onde contestarne l’autenticità’;

Codice Civile

Art. 602

FOTOFOTO46Testamento olografo.

[I]. Il testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore (Art. 606, 684).

[II]. La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni. Se anche non è fatta indicando nome e cognome, è tuttavia valida quando designa con certezza la persona del testatore].

[III]. La data deve contenere l’indicazione del giorno, mese e anno. La prova della non verità della data è ammessa soltanto quando si tratta di giudicare della capacità del testatore (Art. 591), della priorità di data tra più testamenti (Art. 682) o di altra questione da decidersi in base al tempo del testamento (Art. 651 comma2, Artt.656, 657, 687)

 

Codice Civile

Art. 606

Nullità del testamento per difetto di forma.

[I]. Il testamento è nullo (Art. 1418 ss.) quando manca l’autografia o la sottoscrizione nel caso di testamento olografo (Art. 602), ovvero manca la redazione per iscritto, da parte del notaio, delle dichiarazioni del testatore o la sottoscrizione dell’uno o dell’altro, nel caso di testamento per atto di notaio (art. 603, 604).

[II]. Per ogni altro difetto di forma il testamento può essere annullato (Art. 1441 ss.) su istanza di chiunque vi ha interesse. L’azione di annullamento si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie (Art. 590).

afa2

 Codice Civile

Art. 684

Distruzione del testamento olografo.

Il testamento olografo (Art. 602) distrutto, lacerato o cancellato, in tutto o in parte, si considera in tutto o in parte revocato, a meno che si provi che fu distrutto, lacerato o cancellato da persona diversa dal testatore, ovvero si provi che il testatore non ebbe l’intenzione di revocarlo.

 

BOLOGNA SUCCESSIONE EREDITARIA,COSTI SUCCESSIONE, diritto successorio: pianificazione della successione a causa di morte, consigli giuridici nella redazione del testamento, calcolo delle quote ereditarie, azioni di riduzione e restituzione al fine di reintegrare i diritti dei legittimari, accordi stragiudiziali di reintegrazione della quota di legittima, divisioni ereditarie, ecc.;

DENUNCIA DI SUCCESSIONE QUOTE EREDITARIE suddividere, assegnare, devolvere il proprio patrimonio ad uno o più eredi secondo il proprio desiderio compatibilmente con le disposizioni di legge

asse ereditario, ovvero il totale dei beni,

L’asse ereditario nella successione è costituito dal patrimonio di cui era proprietario il de cuius ed è formato da:

  1. patrimonio immobiliare (fabbricati e terreni)
  2. patrimonio liquido (conti correnti, titoli e fondi di risparmio)
  3. aziende, società ecc

 può subire, durante la fase di comunione ereditaria, una modificazione nel valore dei singoli beni che lo compongono, dovute, per esempio, al maturare di frutti naturali e civili (ad esempio affitti, locazioni, ecc.).

Nel periodo di comunione ereditaria

possono, così, maturare interessi, canoni, ecc. Ne deriva che per effettuare la divisione dei beni occorrerà procedere a una nuova stima dell’asse ereditario, determinando l’ammontare della massa dividenda attualizzata al momento dell’avvio della divisione.

Lo stato di comunione ereditaria

viene a cessare quando gli eredi esercitano il diritto di divisione e accettano i singoli beni secondo quanto stabilito nel progetto di divisione ereditaria.

DIVISIONE EREDITÀ

La procedura di divisione ereditaria consta nel insieme delle operazioni volte allo scioglimento della comunione ereditaria.

QUOTE EREDITARIE

Successione ereditaria: perchè  interviene l’Avvocato?

Innanzitutto l’Avvocato presta consulenza professionale nella redazione del testamento consigliando il testatore sulle migliori soluzioni giuridiche da adottare per ottenere, prevenendo eventuali contenziosi tra eredi, il risultato finale che il testatore vuole ottenere con il testamento (suddividere, assegnare, devolvere il proprio patrimonio ad uno o più eredi secondo il proprio desiderio compatibilmente con le disposizioni di legge), e ciò al fine di redigere un testamento “olografo” (ovvero scritto e firmato di pugno dal testatore) o “pubblico” (ovvero redatto e “rogato” da un Notaio).

Se il de cuius lascia:

– solo il coniuge: (senza figli, nel loro discendenti, ne genitori o altri ascendenti, ne fratelli o sorelle o loro discendenti) l’ eredità va per legge tutta al coniuge (art. 583 c.c.)

– coniuge e un figlio: (legittimo, naturale, legittimato o adottivo) l’ eredità si devolve tra coniuge e figlio in parti uguali quindi 1/2 e 1/2. Al coniuge va anche il diritto di abitazione sulla casa familiare. (art. 566 e 581 c.c)

– coniuge e due figli: l’ eredità va 1/3 al coniuge, 1/3 al primo figlio e 1/3 al secondo figlio (art. 566 e 581 c.c)

– coniuge e tre o più figli: in questo caso 1/3 va al coniuge e gli altri 2/3 si dividono in parti uguali tra i figli (art. 566 e 581 c.c)

– coniuge e fratelli o sorelle del de cuius: ( in assenza di di figli e di ascendenti). In questo caso i 2/3 dell’ eredità spettano al coniuge. L’ altro terzo si divide tra le sorelle e fratelli germani. Se vi sono fratelli e sorelle unilaterali oltre ai frateli germani, a quelli unilaterali spetta la metà della quota spettante ai fratelli germani.

 coniuge e un nip

BOLOGNA SUCCESSIONE EREDITARIA,COSTI SUCCESSIONE, diritto successorio: pianificazione della successione a causa di morte, consigli giuridici nella redazione del testamento, calcolo delle quote ereditarie, azioni di riduzione e restituzione al fine di reintegrare i diritti dei legittimari, accordi stragiudiziali di reintegrazione della quota di legittima, divisioni ereditarie, ecc.;

DENUNCIA DI SUCCESSIONE QUOTE EREDITARIE suddividere, assegnare, devolvere il proprio patrimonio ad uno o più eredi secondo il proprio desiderio compatibilmente con le disposizioni di legge

Nipote (figlio di fratello o sorella premorti): 2/3 vanno al coniuge e 1/3 al nipote. Nel caso che i nipoti siano più di uno il terzo si divide tra quanti sono i nipoti

– coniuge ed entrambi i genitori del de cuius (in assenza di figli, fratelli o sorelle): 2/3 vanno al coniuge e 1/3 si divide in parti uguali tra i genitori, ossia 1/6 a ciascuno

– coniuge e un solo genitore del de cuius (in assenza di figli, fratelli o sorelle): i 2/3 vanno al coniuge e 1/3 va al genitore del de cuius

– coniuge e i nonni (in mancanza di altri parenti più rossimi): i 2/3 vanno al coniuge mentre 1/3 si divide tra i nonni in parti uguali

– coniuge, genitori o altri ascendenti e fratelli o sorelle (in mancanza di figli): i 2/3 vanno sempre al coniuge, 1/12 ai fratelli e sorelle da dividersi in parti uguali, i rimanenti 3/12 ai genitori o altri ascendenti

 

N.B:

 

 

ASSOLUTAMENTE NO A PENA DI NULLITA’ DEVE ESSERE SCRITO DI PUGNO DAL TESTATORE

  • Di solito la firma consiste nella apposizione di nome e cognome, ma in realtà è valida qualunque sottoscrizione con la quale il testatore possa essere inequivocabilmente identificato; per esempio è valido il testamento sottoscritto con un vezzeggiativo con il quale la persone è conosciuta.

  • CHI NON PUO’  FARE TESTAMENTO?

FOTOFOTO2

  • La capacità di fare testamento, va intesa come l’idoneità di una persona a regolare i propri interessi dopo la sua scomparsa e presuppone che l’atto testamentario sia frutto di una valutazione libera e cosciente.

  • L’assenza di questo presupposto comporta l’incapacità di testare.

  • Sono ritenuti dalla legge incapaci di fare testamento:

–     i minorenni;

–     gli interdetti: coloro i quali si trovano in abituale stato di infermità mentale, e risultano destinatari di una sentenza di interdizione;

–     coloro che al momento della redazione del testamento si provi fossero incapaci di intendere e di volere. Questa è definita incapacità naturale, che può essere permanente o transitoria (es. stato di ubriachezza, stato passionale).  Quindi l’invalidità del testamento si ha solo se si prova che nel momento preciso di redazione del testamento la persona era incapace .

  • In questi casi di incapacità il testamento può essere impugnato da chiunque ne abbia interesse; il testamento è efficace finché non viene pronunciato l’annullamento.

N.B:

LIMITI AL POTERE DI DISPORRE PER TESTAMENTO

 

536. Legittimari (1).

Le persone a favore delle quali la legge riserva una quota di eredità o altri diritti nella successione sono: il coniuge [143], i figli, gli ascendenti (2).

Ai figli sono equiparati gli adottivi [304] (3).

A favore dei discendenti dei figli, i quali vengono alla successione in luogo di questi, la legge riserva gli stessi diritti che sono riservati ai figli [467] (4).

______________________

FOTOFOTO48(1) Articolo così sostituito dall’art. 172, L. 19 maggio 1975, n. 151.

 

(2) L’art. 70, D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154 ha sostituito le parole: «i figli legittimi, i figli naturali, gli ascendenti legittimi» con le parole «i figli, gli ascendenti»; tale modifica entra in vigore dal 7 febbraio 2014.

Tali soggetti vengono individuati dal codice all’articolo 536, posto in apertura del capo X del Titolo I, libro II: “Dei legittimari”. Secondo la norma richiamata essi sono:

  1. il coniuge del defunto;

  2. figli legittimi (ai quali sono equiparati i legittimati e gli adottivi);

  3. gli ascendenti legittimi.

La tutela che l’ordinamento riconosce a tali soggetti consiste, in via generale, nella riserva di una quota dell’eredità. Tale esigenza di tutela è dettata dalla necessità di contemperare, da un lato, la libertà di ciascuno di donare nel corso della vita i propri beni a propria discrezione o di disporne per il periodo successivo alla morte nel modo ritenuto più opportuno, e dall’altro lato le aspettative dei congiunti più stretti a non essere integralmente preclusi dal conseguire almeno una quota del complesso dei beni ereditari.

FOTOFOTO43

  • QUALI SONO I REQUISITI ESSENZIALI PER LA VALIDITA’ DEL TESTAMENTO OLOGRAFO?

  • I requisiti essenziali per la validità del testamento sono tre, e precisamente:

–     l’autografia,  cioè la completa stesura di tutte le sue parti ad opera del testatore, senza l’ausilio di altri, né di mezzi meccanici. Qualora manchi l’autografia il testamento è nullo.

–     la presenza della data, cioè giorno-mese-anno.

  • La mancanza della data comporta l’annullamento su istanza di chiunque vi abbia interesse. Non è necessario che venga indicata l’ora, né il luogo di sottoscrizione.

  • L’indicazione della data potrebbe essere però utile, qualora si rinvenissero più testamenti redatti nello stesso giorno. In tal caso  infatti l’ora sarebbe l’elemento che determinerebbe quale sia il testamento efficace, in quanto ultimo redatto.

–     la sottoscrizione, cioè la firma in calce alle disposizioni.

  • Naturalmente anche la firma deve essere di pugno del testatore. Abitualmente la sottoscrizione avviene con l’apposizione del nome e del cognome, anche se è sufficiente rendere possibile con certezza l’identificazione della persona che ha scritto il testamento. La mancanza della sottoscrizione comporta la nullità del testamento.

  • COME SI PUBBLICA UN TESTAMENTO OLOGRAFO?

  • Alla morte del testatore il testamento olografo deve essere pubblicato, si devono cioè portare a conoscenza degli interessati le volontà espresse nel testamento.

  • La legge stabilisce che chiunque sia in possesso di un testamento olografo è obbligato, non appena avuta notizia della morte del testatore, a consegnarlo ad un Notaio perché proceda alla sua pubblicazione. Il notaio, alla presenza di due testimoni, redige un verbale che descrive il documento e ne trascrive il contenuto.

  • Il testamento originale viene allegato al verbale.

  • L’occultamento di un testamento olografo costituisce reato.

  • Il Notaio al quale viene consegnato il testamento olografo, ricevuto l’estratto per riassunto dell’atto di morte del testatore, alla presenza di due testimoni procede alla redazione di un verbale, detto “verbale di pubblicazione di testamento olografo”, nel quale il documento viene descritto e ne viene trascritto il contenuto.

  • Il testamento originale viene allegato al verbale.

  • Il Notaio che ha provveduto alla pubblicazione è tenuto a comunicare l’esistenza del testamento agli eredi e legatari di cui conosce il domicilio e la residenza.
Il verbale viene sottoscritto dalla persona che presenta il testamento, dai testimoni e dal Notaio. Al verbale di pubblicazione vengono allegati la scheda testamentaria e l’estratto  per riassunto dell’atto di morte.

  • Cassazione, Sez. II, 28 maggio 2012, n. 8490
(Pres. Schettino – Rel. San Giorgio)
Svolgimento del processo

  • 1. – Con atto di citazione notificato il 26 aprile 1993 P.A. M., premesso che il (OMISSIS) era deceduto R. P., fratello dell’attrice e di P.L., premorta, la quale aveva lasciato eredi i figli G. e B.D., e che il de cuius era coniugato con D.M. e non aveva figli, per cui l’eredità si era devoluta per due terzi al coniuge e per il rimanente terzo ai fratelli e sorelle del defunto, assumeva che la D. avesse intestato a se stessa un’azienda di vendita di casalinghi ricompresa nell’asse ereditario e che la medesima fosse in possesso di buona parte dei beni ereditari. Pertanto, la P. convenne in giudizio innanzi al Tribunale di Massa la D., G. e B.D. chiedendo dichiararsi la propria qualità di coerede del defunto P.R. e, conseguentemente, condannarsi la D. all’immediata reintegrazione dell’attrice nel compossesso dei beni ereditari.
Si costituì in giudizio la sola D., chiedendo il rigetto della domanda sulla base del rilievo di essere l’unica erede del coniuge defunto per successione testamentaria. Dedusse al riguardo che P.R. aveva lasciato un testamento olografo redatto il 27 settembre 1993 con il quale aveva nominato la moglie sua unica erede. Il Tribunale di Massa, con sentenza n. 266 del 2004, dichiarò che la scrittura del 27 settembre 1987 non era idonea a configurare un testamento, in quanto non recava l’espressione della volontà di disporre per il tempo in cui P.R. avrebbe cessato di vivere, ma solo una dichiarazione di riconoscimento che tutti i beni erano esclusivamente di proprietà della moglie. Inoltre il documento non risultava piegato e quindi non poteva essere contenuto nella busta prodotta, la quale recava la scritta “testamento per D. M.”. Conseguentemente, il Tribunale dichiarò aperta la successione legittima di P.R. e dichiarò eredi, per le quote indicate in motivazione, P.A., G. e B.D.; condannò inoltre la D. a reintegrare le altre parti nel compossesso dei beni a lei pervenuti a seguito della morte del coniuge, e condannò la P. ed i B. a rimborsare alla convenuta, ognuno per la propria quota, le imposte successorie e gli accessori oltre agli interessi legali dal giorno del pagamento.
2. – Proposto gravame da parte della D., cui resistevano la P. e G. e B.D., la Corte d’appello di Genova, con sentenza del 17 settembre 2009, in riforma della sentenza impugnata, rigettò le domande dell’attrice, dichiarando che la D. era l’unica erede di P.R. per successione ereditaria. Premesso che con riferimento al testamento vige il principio della libertà della forma, osservò la Corte di merito che il documento in questione aveva tutti i requisiti del testamento olografo, e che era più che plausibile che il P. avesse inteso disporre del suo patrimonio per il tempo successivo alla sua morte, mentre nemmeno la controparte aveva ipotizzato che la frase con la quale egli aveva affermato che i suoi beni erano della moglie avesse il significato che egli fosse un mero intestatario fiduciario di detti beni. Inoltre, anche il riferimento del P. al possesso delle sue piene facoltà mentali deponeva nel senso che la scrittura in questione fosse un testamento.
3. – Per la cassazione di tale sentenza ricorre P.A.M. sulla base di tre motivi, illustrati anche da successiva memoria.
Resiste con controricorso la D., che ha anche proposto ricorso incidentale e depositato memoria.

  • Motivi della decisione

  • 1. – Con il primo motivo del ricorso principale, la P., deducendo violazione e falsa applicazione dell’art. 587 cod. civ., censura la sentenza impugnata perché, dopo aver erroneamente premesso che in materia testamentaria vige il principio della libertà di forma – essendo vero l’esatto contrario – avrebbe ridotto la questione relativa alla esistenza o meno di una valida manifestazione di volontà testamentaria ad un semplice problema di interpretazione, trascurando così di considerare che il punto decisivo della controversia era costituito dall’accertare se la volontà del de cuius, pur dando per scontata l’intenzione dell’autore del documento, fosse stata espressa in modo valido.
Aggiunge la ricorrente che la espressione “Tutti i miei beni …sono esclusivamente di proprietà mia signora”, contenuta nel preteso testamento olografo, non equivaleva alla locuzione “istituisco erede in tutti i miei beni mia moglie”. 2. – Con il secondo motivo la ricorrente principale, denunciando violazione e falsa applicazione degli artt. 587 e 1367 cod. civ., censura la sentenza impugnata per aver interpretato l’espressione “i miei beni sono i tuoi”, rivolta dal P. alla moglie – esclusa la possibilità di interpretarla come dichiarazione di essere un mero intestatario fiduciario della D. -, come manifestazione di volontà testamentaria in favore di quest’ultima. La ricorrente sostiene, da un lato, che l’applicazione dell’art. 1367 cod. civ. all’interpretazione del testamento non potrebbe comportare l’attribuzione di valore negoziale ad un atto che tale portata non abbia, e che comunque, anche ritenendo l’operatività della suddetta disposizione in materia testamentaria, il giudice di appello avrebbe ignorato la problematica relativa alla distinzione tra testamento olografo e donazione nulla per difetto di forma.
3. – Con il terzo motivo la ricorrente principale, deducendo insufficiente motivazione su di un punto decisivo della controversia, censura la sentenza di secondo grado per aver valorizzato, ai fini della interpretazione della scrittura del 27 settembre 1987, soltanto l’espressione “in piene facoltà mentali”, ritenuta usuale negli atti di ultima volontà, senza quindi porsi il problema della irrilevanza di tale espressione in sé considerata, e comunque della compatibilità della stessa con l’intenzione del P. di consegnare alla moglie un documento che avesse solo la parvenza di un testamento al fine di tranquillizzarla, data l’insistenza della stessa, alla vigilia di un grave intervento chirurgico al quale egli doveva essere sottoposto.
4.1. – I tre motivi, che, stante la evidente connessione che li avvince, tesi come sono tutti alla esclusione della possibilità di attribuire natura di testamento alla scrittura del 27 settembre 1987, sono fondati nei sensi e nei limiti di seguito indicati.
4.2. – Va, anzitutto, sgombrato il campo dall’equivoco concettuale che si annida nell’adozione da parte della Corte di merito della espressione con riferimento al testamento vige il principio della libertà di forma.
Risulta, infatti, evidente che il giudice di appello non ha inteso porre in discussione il rigore formale che deve caratterizzare il testamento, la cui solennità trova fondamento nella importanza sociale dell’atto, alla quale il tastatore deve essere richiamato, e nella esigenza di garantirne la spontaneità e la serietà. Il richiamo operato nella sentenza impugnata al principio della libertà di forma ha avuto, piuttosto, nella economia della decisione, il significato di una sottolineatura della non necessità, perché un atto possa qualificarsi come testamento, dell’uso di formule sacramentali per manifestare l’intenzione dell’autore che esso costituisca l’atto con il quale egli dispone delle proprie sostanze per il tempo in cui avrà cessato di vivere, essendo, invece, sufficiente che risulti in modo univoco dal suo contenuto che si tratti di atto di ultima volontà. 4.3. – Ciò posto, deve rilevarsi come problema distinto da quello della necessità di formule sacramentali quale requisito di validità del testamento sia quello della esigenza della riscontrabilità nell’atto di una volontà testamentaria validamente espressa in un atto il quale abbia i requisiti formali di un testamento olografo.
A tale quesito deve darsi risposta affermativa, poiché, proprio in considerazione della serietà dell’atto e delle sue conseguenze giuridiche, vanno individuati requisiti minimi di riconoscibilità oggettiva nell’atto di cui si tratta di un negozio mortis causa, che valgano, ad esempio, a distinguerlo da una donazione, o da un riconoscimento di debito etc. Si versa, qui, in un campo che rappresenta un prius logico rispetto alla stessa interpretazione della volontà testamentaria. E, dunque, non v’è luogo a discettare sull’applicabilità o meno dell’art. 1367 cod. civ., peraltro generalmente riconosciuta. Infatti, il problema della configurabilità oggettiva di una volontà testamentaria nelle espressioni adottate nella scrittura da esaminare prescinde anche dall’effettivo intento dell’autore della scrittura. Si intende, in altri termini, affermare che una volontà che non sia sostenuta da una espressione oggettivamente idonea, sulla base di sia pure minimali frecce semantiche, a rappresentare l’intento attuale di disporre del proprio patrimonio per il tempo in cui si sarà cessato di vivere, e non già un mero progetto, non può assumere rilevanza giuridica.
Va, in proposito, ricordato che in dottrina il c.d. formalismo testamentario è stato giustificato in base alla considerazione che il testamento costituisce atto di particolare gravità, perché destinato a valere post mortem e in quanto contiene precetti rivolti a persone diverse dal suo autore, non essendo più in vita il disponente ne momento in cui le regole da lui dettate avranno esecuzione: si deve, perciò, essere certi che esse corrispondano al suo obiettivo volere, poiché soltanto sul presupposto di tale garanzia il legislatore è disposto a riconoscerne il carattere vincolante post mortem.
Nella giurisprudenza di questa Corte si è affermato che ciò significa che per decidere se un documento abbia i requisiti intrinseci di un testamento olografo, occorre accertare se l’estensore abbia avuto la volontà di creare quel documento che si qualifica come testamento: è, cioè, necessario che emerga una volontà attuale (Cass., sent. 12 ottobre 1957, n. 3785).
Con riferimento ad una ipotesi per certi versi simile – ricordata anche dalla ricorrente – , e cioè al problema del c.d. testamento epistolare, si è affermato che l’accertamento della intenzione dell’autore va compiuto sulla base di rigorose indagini, il cui risultato si presenti univoco, nel senso che risulti con certezza che con esso si sia inteso porre in essere una disposizione di ultima volontà (Cass., sent. 21 gennaio 1964).
Nello stesso ordine di idee in dottrina si è ritenuto che non sia sufficiente la manifestazione di una intenzione o di un desiderio. Ne consegue che, come il dire “istituirò mio erede” non equivale a “istituisco mio erede”, così come dedotto dalla ricorrente, con riferimento alla attuale controversia il fatto che P.R. abbia scritto “Tutti i miei beni sono esclusivamente di proprietà mia signora” non equivale a “istituisco erede in tutti i miei beni mia moglie”. 4.4. – Nella specie, non emerge dall’ordito della sentenza impugnata la consapevolezza di una tale problematica, non rinvenendosi alcuno spunto m tal senso. A prescindere dall’erroneo rilievo attribuito alla espressione in piene facoltà mentali, contenuta nella scrittura del P. 27 settembre 1987 e riferita a se stesso – espressione che, se, come sostenuto dalla Corte ligure, nella cultura popolare viene generalmente associata alla redazione delle ultime volontà, non può però avere valore dirimente – , la sentenza impugnata si limita alla constatazione che il documento in questione contiene tutti i requisiti di un testamento olografo ai sensi di cui all’art. 602 cod. civ., ed alla considerazione che la locuzione tutti i miei beni… sono esclusivamente di proprietà di mia signora non potrebbe avere senso se non in quanto rivolta al futuro, perché, in caso contrario, essa equivarrebbe al riconoscimento da parte del P. di essere un mero intestatario fiduciario: ciò che, secondo la Corte di merito, non sarebbe plausibile, tant’è che non era stato neanche ipotizzato dalla controparte. Ma nessuna seria considerazione contrappone il giudice di secondo grado alla oggettiva constatazione della mancanza nella scrittura de qua di alcuna disposizione in ordine alla sorte futura dei suoi beni.
5. – Resta assorbito dall’accoglimento del ricorso principale l’esame del secondo motivo del ricorso incidentale, con il quale si deduce violazione degli artt. 91 e 92 cod. proc. civ., censurandosi la sentenza di appello per aver compensato integralmente le spese di giudizio avuto riguardo all’esito dello stesso ed ai rapporti tra le parti, laddove tale esito era stato totalmente sfavorevole alla P..
6. – Passando all’esame del primo motivo del ricorso incidentale, con esso si deduce violazione degli artt. 587 e 588 e dell’art. 1367 cod. civ. nonché dell’art. 115 cod. proc. civ., assumendosi che ogni dubbio sulla natura di testamento del documento sopra menzionato sarebbe superato dall’esame della busta che lo conteneva, sulla quale il P. aveva scritto la parola “testamento”.
7.1. – La censura è infondata.
7.2. – La rilevanza della frase apposta sulla busta consegnata al notaio che faceva riferimento ad un testamento per D.M. è stata invero del tutto esclusa dalla Corte di merito, la quale ha fondato il proprio convincimento in ordine alla configurabilità nella scrittura del 27 settembre 1987 di un testamento su altre argomentazioni (peraltro non convincenti per le considerazioni dianzi svolte), astenendosi dal sottoporre a revisione critica il rilievo del giudice di primo grado secondo il quale il documento olografo non risultava piegato in modo tale da poter essere contenuto in una busta delle dimensioni di quella consegnata al notaio e recante la richiamata dicitura. Né è nella presente sede ipotizzabile una rivalutazione delle risultanze, non smentite dal giudice di appello, della indagine di merito del Tribunale, fondata, tra l’altro, anche sulle dichiarazioni del notaio che ricevette il documento, e non solo sulla rilevata mancanza di piegatura del foglio contenente la scrittura del P..
8. – Conclusivamente, deve accogliersi il ricorso principale, e rigettarsi il primo motivo di quello incidentale, assorbito il secondo. La sentenza impugnata deve, pertanto, essere cassata, e la causa rinviata ad un diverso giudice – che si individua in altra sezione della Corte d’appello di Genova, cui è demandato anche il regolamento delle spese del presente giudizio – che riesaminerà la controversia facendo applicazione del seguente principio di diritto:
Ai fini della configurabilità di una scrittura privata come testamento olografo, non è sufficiente il riscontro della sussistenza dei requisiti di forma individuati dall’art. 602 cod. civ., occorrendo altresì l’accertamento della oggettiva riconoscibilità nella scrittura della volontà attuale del suo autore di compiere un atto di disposizione del proprio patrimonio per il tempo successivo al suo decesso. Tale accertamento, che costituisce un prius logico rispetto alla stessa interpretazione della volontà testamentaria, è rimesso al giudice del merito e, se congruamente e logicamente motivato, è incensurabile in sede di legittimità.

  • P.Q.M.

  • La Corte accoglie il ricorso principale, rigetta il primo motivo del ricorso incidentale, assorbito il secondo. Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del presente giudizio, ad altra sezione della Corte d’appello di Genova.
Depositata in Cancelleria il 28.05.2012