Diapositiva1S

 STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA:AVVOCATO SERGIO

CONSULENZA LEGALE BOLOGNA IN MATERIA DI DIRITTO DI FAMIGLIA SEPARAZIONE E DIVORZI E AFFIUDO FIGLI MINORI 

STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA

AVVOCATI DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA

AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA

Famiglia - Matrimonio - Separazione personale dei coniugi - Effetti - In genere famiglia - Matrimonio - Separazione personale dei coniugi - Effetti - In genere - Condotte violente di un coniuge nei confronti dell'altro - Motivo di addebito della separazione - Sussistenza - Comparazione con i comportamenti del coniuge vittima delle stesse - Necessità - Esclusione - Condizioni.

Le reiterate violenze fisiche e morali, inflitte da un coniuge all'altro, costituiscono violazioni talmente gravi dei doveri nascenti dal matrimonio da fondare, di per sé sole, non solo la pronuncia di separazione personale, in quanto cause determinanti la intollerabilità della convivenza, ma anche la dichiarazione della sua addebitabilità all'autore di esse. Il loro accertamento esonera il giudice del merito dal dovere di procedere alla comparazione, ai fini dell'adozione delle relative pronunce, col comportamento del coniuge che sia vittima delle violenze, trattandosi di atti che, in ragione della loro estrema gravità, sono comparabili solo con comportamenti omogenei.

L'esistenza di una stabile relazione extraconiugale ) rappresenta una violazione particolarmente grave dell'obbligo della fedeltà coniugale, che, determinando normalmente l'intollerabilità della prosecuzione della convivenza, deve ritenersi di regola causa della separazionepersonale dei coniugi e, dunque, circostanza sufficiente a giustificare l'addebito della separazione al coniuge che ne è responsabile. È, tuttavia, necessario che non si accerti la mancanza di nesso causale tra infedeltà e crisi coniugale, mediante un accertamento rigoroso e una valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi, da cui risulti la preesistenza di una crisi già irrimediabilmente in atto in un contesto caratterizzato da una convivenza meramente formale.

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA: STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATI DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI, STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATI DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA PENALE, SEPARAZIONI E DIVORZI,RISARCIMENTO INCIDENTI STRADALI

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA: STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATI DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI, STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATI DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA PENALE, SEPARAZIONI E DIVORZI,RISARCIMENTO INCIDENTI STRADALI

La separazione consensuale è un negozio di diritto familiare avente un contenuto essenziale - il consenso reciproco a vivere separati,

 l'affidamento dei figli, l'assegno di mantenimento ove ne ricorrano i presupposti - ed un contenuto eventuale, che trova solo occasione nella separazione, costituito da accordi patrimoniali del tutto autonomi che i coniugi concludono in relazione all'instaurazione di un regime di vita separata (nella specie vendita della casa familiare e attribuzione del ricavato a ciascun coniuge in proporzione al denaro investito nel bene stesso). Ne consegue che questi ultimi non sono suscettibili di modifica (o conferma) in sede di ricorso "ad hoc" ex art. 710 c.p.c. o anche in sede di divorzio, la quale può riguardare unicamente le clausole aventi causa nella separazionepersonale, ma non i patti autonomi, che restano a regolare i reciproci rapporti ai sensi dell'art. 1372 c.c.

Nel giudizio di separazione personale, diversamente da quello di divorzio, ove le ragioni della decisione e più genericamente le condizioni dei coniugi assumono rilievo ai fini della determinazione dell'assegno insieme con numerosi altri elementi, le condizioni alle quali sono sottoposti il diritto al mantenimento ed il suo concreto ammontare consistono soltanto nella non addebitabilità della separazione al coniuge in favore del quale viene disposto il mantenimento, nella mancanza, per il beneficiario, di adeguati redditi propri e nella sussistenza di una disparità economica fra i due coniugi, con la conseguenza che a quello cui non sia stata addebitata la separazione il mantenimento spetta nel concorso delle altre condizioni, a prescindere dal fatto che la prima sia stata promossa con o senza addebito alla controparte.

Il diritto all'assegno di mantenimento, nella separazione personale,

ha come suoi presupposti la non addebitabilità della separazione al coniuge richiedente, la non titolarità, a parte del medesimo, di adeguati redditi propri, ossia di redditi che consentano di mantenere un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio e la sussistenza di una disparità economica tra le parti. Il precedente tenore di vita coniugale deve desumersi dalle potenzialità economiche dei coniugi, ossia dall'ammontare complessivo dei loro redditi e dalle loro disponibilità patrimoniali, non avendo - invece - rilievo il più modesto livello di vita eventualmente subito o tollerato.

Nel procedimento di separazione personale dei coniugi, i provvedimenti adottati dal giudice istruttore, ex articolo 709, ultimo comma, del Cpc,

 di modifica o di revoca di quelli presidenziali, non sono reclamabili poiché è garantita l'effettività della tutela delle posizioni soggettive mediante la modificabilità e la revisione, a richiesta di parte, dell'assetto delle condizioni separative e divorzili, anche all'esito di una decisione definitiva, piuttosto che dalla moltiplicazione di momenti di riesame e controllo da parte di altro organo giurisdizionale nello svolgimento del giudizio a cognizione piena

Il coniuge che abbia integralmente adempiuto l'obbligo di mantenimento dei figli, pure per la quota facente carico all'altro coniuge,

è legittimato ad agire iure proprio nei confronti di quest'ultimo per il rimborso di detta quota, anche per il periodo anteriore alla domanda, atteso che l'obbligo di mantenimento dei figli sorge per effetto della filiazione e che nell'indicato comportamento del genitore adempiente è ravvisabile un caso di gestione di affari, produttiva a carico dell'altro genitore degli effetti di cui all'articolo 2031 del Cc. Quanto agli interessi sul capitale del figlio minore, essi, come in genere i frutti dei beni del medesimo, spettano al genitore esercente la potestà, ai sensi dell'articolo 324 del Cc, sicché deve escludersi che il figlio, divenuto maggiorenne, sia legittimato ad agire per il pagamento dei suddetti interessi inerenti al periodo antecedente al raggiungimento della maggiore età.

Famiglia - Matrimonio - Separazione personale dei coniugi - Effetti - Provvedimenti per i figli - In genere ascolto del figlio minore infradodicenne - Obbligo del giudice - Modalità - Ascolto del minore da parte del consulente - Differente natura e finalità - Conseguenze - Onere di motivazione.

In tema di separazione personale tra coniugi, ove si assumano provvedimenti in ordine alla convivenza dei figli con uno dei genitori, l'audizione del minore infradodicenne, capace di discernimento, costituisce adempimento previsto a pena di nullità, in relazione al quale incombe sul giudice un obbligo di specifica e circostanziata motivazione –

tanto più necessaria quanto più l'età del minore si approssima a quella dei dodici anni, oltre la quale subentra l'obbligo legale dell'ascolto – non solo se ritenga il minore infradodicenne incapace di discernimento ovvero l'esame manifestamente superfluo o in contrasto con l'interesse del minore, ma anche qualora il giudice opti, in luogo dell'ascolto diretto, per un ascolto effettuato nel corso di indagini peritali o demandato ad un esperto al di fuori di detto incarico, atteso che l'ascolto diretto del giudice dà spazio alla partecipazione attiva del minore al procedimento che lo riguarda, mentre la consulenza è indagine che prende in considerazione una serie di fattori quali, in primo luogo, la personalità, la capacità di accudimento e di educazione dei genitori, la relazione in essere con il figlio.

 

  • 5 domande che dovresti porti prima di separarti dal coniuge Bologna

1)è veramente finita?

 

Cioè è solo una lite passeggera o si puo’ riprovare?

 

2)quanto mi aspetto dalla separazione?

 

Molti coniugi soprattutto mogli hanno aspettative eccessive in termini di assegno dall’ex coniuge, occorre aver ben chiara la situazione patrimoniale del coniuge

 

3)se mi separo che ne sara’ della casa coniugale?

 

Si perché ricorda poi mantenere due case non è facile in termini economici

 

4)conviene una separazione consensuale o giudiziale

 

la consensuale costa molto meno e dura molto meno

 

5)5) e i rapporti con i figli?

Quelli vanno sempre preservati anzi occorre dare loro anche maggior attenzione

Quanti di voi si saranno detti: “Se l’avessi saputo prima di sposarmi….”, o chiesti: “Cosa mi aspetta se mi separo?”

La separazione legale può essere consensuale o congiunta, quando c’è accordo dei coniugi su tutte le condizioni. È giudiziale, quando non c’è accordo sulle condizioni e può essere presentata anche da un solo coniuge.

Le condizioni riguardano:

  • il consenso alla separazione/divorzio

  • la scelta del coniuge presso il quale sarà fissata la residenza dei figli minori

  • il calendario delle visite per il genitore non convivente, considerati anche i periodi di vacanza e le festività

  • l’assegnazione della casa coniugale

  • il contributo economico mensile o periodico, rivalutabile anno per anno secondo gli indici ISTAT

L’accordo dovrà infatti regolamentare gli effetti tipici della separazione, quali l’affidamento della prole (affidamento condiviso o, solo in casi eccezionali, affidamento monogenitorale), il mantenimento dei figli, l’assegnazione della casa coniugale, l’assegno di mantenimento a favore di un coniuge (ove sussistano i presupposti).

Nelle condizioni possono essere altresì inserite clausole relative al trasferimento dei beni da un coniuge all’altro, ivi compresi beni immobili, l’assunzione di obbligazioni per disciplinare i rapporti tra le parti o per adempiere all’obbligazione di mantenimento, lo scioglimento della comunione e/o la divisione del patrimonio comune.

L’accordo di separazione dei coniugi dovrà essere omologato dal Tribunale.

Attraverso l’assistenza legale dell’avvocato matrimonialista SERGIO ARMAROLI DI BOLOGNA  è possibile superare tali controversie in modo chiaro ed efficace e comprendere quale strada percorrere per chi decide di porre fine alla propria unione mediante una separazione consensuale o giudiziale o la negoziazione assistita. 

Attraverso l’assistenza legale dell’avvocato matrimonialista SERGIO ARMAROLI DI BOLOGNA  mette a disposizione la sua profonda conoscenza della legge a tutti coloro che si trovano ad affrontare questioni legali concernenti la loro famiglia, che si tratti dell’affidamento o dell’adozione di un minore, dell’attribuzione o del disconoscimento di paternità, o delle problematiche relative allo scioglimento di un vincolo coniugale, dai rapporti patrimoniali all’affidamento dei figli.

Inoltre, forniamo consulenza e assistenza per tutte le questioni relative alle donazioni all’interno della famiglia, tra coniugi, ai figli o in riguardo di matrimonio, e quelle riguardanti la successione, legittima o testamentaria.
La separazione consensuale è la via più breve per la soluzione delle problematiche connesse alla crisi del rapporto coniugale.

avvocato matrimonialista SERGIO ARMAROLI DI BOLOGNA

Trattasi di un accordo sottoscritto dai coniugi in merito alle questioni principali che vanno regolate all’atto della separazione: assegnazione casa coniugale, affidamento dei figli minori, assegno di mantenimento al coniuge e ai figli.

Tale accordo viene depositato in Tribunale e nell’arco circa di quattro mesi si ottiene l’omologa, se ed in quanto l’accordo è conforme alla legge.

Se i coniugi non raggiungono un accordo, è necessario incardinare un procedimento contenzioso che è la separazione giudiziale i cui tempi e costi sono considerevolmente superiori.

DIVORZIO BREVE  avvocato matrimonialista SERGIO ARMAROLI DI BOLOGNA

 

Con la riforma sul divorzio breve, si è voluto dunque ridurre le tempistiche per lo scioglimento del vincolo matrimoniale, ma non è stato compiuto il passo decisivo di eliminare la fase intermedia della separazione dei coniugi per giungere all’immediato scioglimento del matrimonio.

 

L’art. 1 della nuova legge modifica l’art. 3 comma 1 lett. b n. 2 della Legge n. 898/1970, disciplinante i casi di scioglimento del matrimonio. Il cambiamento più significativo riguarda proprio la riduzione dei tempi necessari per ottenere il divorzio (e, di conseguenza, anche delle spese correlate): non più 3 anni; si potrà divorziare in un lasso di tempo da 6 mesi ad 1 anno.
In assenza di complicazioni,

Se c’è stata una separazione giudiziale:

 

riduce da tre anni a dodici mesi la durata minima del periodo di separazione ininterrotta dei coniugi che legittima la domanda di divorzio;

fa decorrere tale termine – come attualmente già previsto – dalla comparsa dei coniugi davanti al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale.

Se c’è stata una  separazione consensuale:

riduce a sei mesi la durata del periodo di separazione ininterrotta dei coniugi che permette la proposizione della domanda di divorzio;

riferisce il termine più breve anche alle separazioni che, inizialmente contenziose, si trasformano in consensuali;

fa decorrere tale termine anche in tal caso dalla comparsa dei coniugi davanti al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale.

avvocati separazione divorzio bologna

avvocati separazione divorzio bologna

Con la  sentenza n. 278 del 1994 questa Corte ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 156, sesto comma, del codice civile, nella parte in cui non prevede che il giudice istruttore possa adottare nel corso della causa di separazione il provvedimento con il quale si ordina ai terzi debitori del coniuge obbligato al mantenimento di versare una parte delle somme direttamente agli aventi diritto.

In tale pronuncia è stato rilevato che i provvedimenti presidenziali hanno forza esecutiva anche per gli obblighi economici con essi stabiliti, e che il loro inadempimento può determinare effetti gravemente pregiudizievoli per i componenti della famiglia, analogamente a quanto previsto per gli obblighi fissati con la sentenza di separazione personale e per i casi di cui agli artt. 146 e 148 cod. civ. in regime di convivenza.

E' stato anche considerato che la competenza ad emanare il predetto ordine di distrazione si configura normalmente come accessoria a quella relativa alla determinazione ed alla modifica della misura delle somme dovute per il mantenimento e, soprattutto, che tale ordine coercitivo risponde alla stessa ratio di dare effettiva soddisfazione ai provvedimenti giudiziali; si perviene così alla conclusione che, per evitare la disparità di trattamento degli aventi diritto al mantenimento prima e dopo la sentenza di separazione, ed apprestare un rimedio efficace all'inadempimento di obblighi costituzionalmente tutelati, va riconosciuta anche al giudice istruttore la competenza ad emettere la misura della distrazione.

4.-- Ora, come si rileva correttamente nell'ordinanza di rimessione, le ragioni che hanno indotto la Corte a dichiarare l'illegittimità dell'art. 156, sesto comma, del codice civile, nella parte relativa all'ordine di distrazione delle somme dovute, non possono non valere anche per la parte relativa allo speciale potere di sequestro dei beni del coniuge obbligato, previsto dal medesimo comma. Entrambe le misure coercitive rispondono infatti alla ratio di dare tempestiva ed efficace soddisfazione alle esigenze di mantenimento del coniuge bisognoso e, soprattutto, dei figli minori, esigenze penalmente tutelate che sussistono anche prima della sentenza di separazione in relazione agli obblighi di mantenimento stabiliti in sede presidenziale. L'omogeneità di dette situazioni postula un eguale trattamento, mancando un valido motivo che giustifichi una diversità di disciplina.

 

ARMAROLI,  DIRITTO PENALE,SEPARAZIONI E DIVORZI,RISARCIMENTO INCIDENTI STRADALIStudio legaleCerchi uno studio legale a Bologna?

Studio legale avvocato Sergio Armaroli via Solferino 30, l’avvocato che non si arrende mai

123CONIUGI CHE LITIGANO1123CONIUGI CHE LITIGANO

 

Consulenza Legale Studio Legale BolognaSTUDIO LEGALE BOLOGNA

  1.        BARICELLA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

 

     FOTO AVVOCATO RISPONDE       BAZZANO 
INCIDENTI MORTALI

GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

BENTIVOGLIO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

CONSULENZA LEGALE BOLOGNA IN MATERIA DI DIRITTO DI FAMIGLIA SEPARAZIONE E DIVORZI E AFFIUDO FIGLI MINORI SEPARAZIONE EDIVRZI

CONSULENZA LEGALE BOLOGNA IN MATERIA DI DIRITTO DI FAMIGLIA SEPARAZIONE E DIVORZI E AFFIUDO FIGLI MINORI

 

FOTO AVVOCATO RISPONDE 2BOLOGNA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

 STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA:AVVOCATO SERGIO ARMAROLI.DIRITTO PENALE,SEPARAZIONI E DIVORZI,RISARCIMENTO INCIDENTI STRADALIBORGO TOSSIGNANO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

CONSULENZA LEGALE BOLOGNA IN MATERIA DI DIRITTO DI FAMIGLIA SEPARAZIONE E DIVORZI E AFFIUDO FIGLI MINORI
BUDRIO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CALDERARA DI RENO INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

CAMUGNANO             INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

CASALECCHIO DI RENOINCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

CASALFIUMANESE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CASTEL D'AIANO  INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

CASTEL DEL RIO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CASTEL DI CASIO             INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

CASTEL GUELFO DI BOLOGNA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CASTELLO D'ARGILE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CASTELLO DI SERRAVALLE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CASTEL MAGGIORE  INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

 123 CONIUGI CHE LITIGANO 3

CASTEL SAN PIETRO TERME
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CASTENASO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

CASTIGLIONE DEI PEPOLI
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CRESPELLANO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            CREVALCORE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            DOZZA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            FONTANELICE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            GAGGIO MONTANO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

GALLIERA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            GRANAGLIONE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            GRANAROLO DELL'EMILIA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            GRIZZANA MORANDI
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            IMOLA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            LIZZANO IN BELVEDERE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            LOIANO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MALALBERGO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MARZABOTTO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MEDICINA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MINERBIO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MOLINELLA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MONGHIDORO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MONTERENZIO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MONTE SAN PIETRO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MONTEVEGLIO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MONZUNO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            MORDANO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            OZZANO DELL'EMILIA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            PIANORO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            PIEVE DI CENTO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            PORRETTA TERME
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            SALA BOLOGNESE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            SAN GIORGIO DI PIANO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            SAN GIOVANNI IN PERSICETO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            SAN LAZZARO DI SAVENA
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            SAN PIETRO IN CASALE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            SANT'AGATA BOLOGNESE
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

            SASSO MARCONI
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

FOTO SEMAFORO ROSSO            SAVIGNO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

VERGATO
 INCIDENTI MORTALI GRAVI INCIDENTI RISARCIMENTO

STUDIO LEGALE BOLOGNAavvocati bologna diritto di famiglia

Incidente stradaleLo studio offre consulenza e assistenza giudiziale e stragiudiziale nell’ambito del diritto civile e si occupa in particolare di:

- diritto commerciale e fallimentare, procedure concorsuali e di ristrutturazione di

imprese in crisi

- contrattualistica e arbitrati

FOTO SEMAFORO ROSSO 1- responsabilità civile e professionale

- risarcimento del danno

- diritto assicurativo

Consulenza Legale- diritto di famiglia e delle persone.

Separazioni e Divorzi

STUDIO LEGALE BOLOGNA La scelta della separazione consensuale è senza dubbio la via più celere e meno costosa per porre fine al proprio rapporto matrimoniale.

Essa si basa sostanzialmente nell’accordo dei coniugi che viene manifestato in forma espressa davanti al Tribunale.

STUDIO LEGALE BOLOGNA avvocati bologna diritto di famiglia

diritto penale dell'impresa

diritto penale minorile

diritto finanziario

diritto penale societario

diritto fallimentare

diritto di famiglia e successioni

separazioni, divorzi, diritti alimentari, adozioni, filiazione legittima, potestà

studio-legale-bologna5diritto dello sport

diritto della circolazione stradale

diritti del malato

diritto bancario

FOTOAGENFDALEGALE E CARTEdiritto urbanistico ed edilizio

ristrutturazione con aumento delle unità immobiliari, modifiche di destinazione d'uso, conformità degli interventi urbanistici ai piani regolatori comunali

Diritto tributario

 

 

 

 

studio-legale-bologna4Il tempo medio per ottenere una separazione consensuale (cioè il tempo intercorrente tra il deposito del ricorso e l’omologazione del Tribunale) è di circa 3 – 5 mesi, a fronte di un periodo molto più lungo (2-3 anni) per addivenire ad una separazione di tipo giudiziale.

Inoltre nel caso di separazione giudiziale i tempi possono essere ulteriormente allungati da un’eventuale appello o ricorso in cassazione.

Trascorsi tre anni dal giorno della separazione è possibile avviare le procedure per ottenere il divorzio. avvocati bologna diritto di famiglia

 

FOTO BELLA CIRCOLAZIONEAnche in questo caso la scelta del divorzio congiunto, abbrevia notevolmente i tempi ed il costo della procedura.

 STUDIO LEGALE BOLOGNA AVVOCATO SERGIO ARMAROLI, DI COSA SI OCCUPA UN AVVOCATO MATRIMONIALISTA?


 

 

Un avvocato matrimonialista si occupa del diritto di famiglia, ossia di quella materia giuridica che riguarda il matrimonio in tutte le possibili situazioni, dei diritti delle persone e dei minorenni.

 

ConsulenzaL’avvocato matrimonialista tratta separazioni coniugali, anche informando l’assistito o entrambe le parti dei diritti e dei doveri in seno all’unione matrimoniale, e illustrare le possibili vie percorribili in caso di cessazione dell’unione.

Lo Studio legale Bologna dell’ Avvocato Sergio Armaroli con sede nella città di Bologna offre assistenza legale in caso di separazioni, occupandosi di prendersi carico di tutte le problematiche dell’assistito e di svolgere un’analisi giuridica del caso per trovare una soluzione rapida e vantaggiosa.

 

L’assistenza legale dello studio legale Bologna è essenziale soprattutto quando non vi sia accordo tra i coniugi, in questi termini è possibile avviarsi a un procedimento giudiziale. Lo studio legale Bologna dell’avvocato Sergio Armaroli si occupa di presriguardanti la modifica delle condizioni di separazione e la riformulazione delle istanze del giudice tutelare o del tribunale dei minori.

 

 

 

CONSULENZA LEGALE BOLOGNA IN MATERIA DI DIRITTO DI FAMIGLIA SEPARAZIONE E DIVORZI E AFFIUDO FIGLI MINORI

 

 

 

 

avvocati bologna penalista

 

Lo Studio dell’avvocatiaBologna dell’avvocato Sergio Armaroli esplica attività di consulenza, assistenza e difesa nell'ambito del Diritto penale.

studio-legale-bologna4         In particolare, tratta lo specifico settore del Diritto penale d'impresa e, quindi:

  1. 1.   Reati tributari e contenzioso tributario connesso

  1. 2.            Reati societari

  2. 3.            Reati fallimentari

  3. 4.            Reati doganali

  4. 5.            Reati urbanistici e edilizi

  5. 6.            Reati ambientali

  6. 7.            Responsabilità amministrativa degli enti dipendente da reato

 

         Altre materie di cui si occupa lo Studio sono:

Reati contro la pubblica amministrazione