051 644 7838 [email protected]

separazioni-a-bologna-affido-studio-legale-diritto-di-famiglia-bologna-avvocati-diritto-di-famiglia-bologna-avvocato-diritto-di-famiglia-bologna-bologna  avvocato-matrimonialista-devi-separarti

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO FIGLI PROBLEMATICHE

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO FIGLI PROBLEMATICHE

IO POSSO AIUTARTI, CHIAMA CON FIDUCIA!!!

https://studiolegale-bologna.it

https://studiolegale-bologna.it

IO POSSO AIUTARTI, CHIAMA CON FIDUCIA!!!

 

SEPARAZIONE DEI CONIUGI ,AFFIDO CONDIVISO,AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA

 

imageREGOLA  PRINCIPALE E’ L’AFFIDO CONDIVISO A MENO CHE:

 separazione consensuale

          separazione con addebito

          separazione consensuale modello

          separazione con figli

          separazione consensuale tempi

          separazione consensuale 

          separazione consensuale senza figli

          separazione conviventi con figli

          separazione consensuale con addebito

          separazione consensuale documenti

 image

 

Consulenza Legale Studio Legale Bologna“l’obbligo di un genitore di provvedere al mantenimento dei figli implica il dovere di soddisfare primariamente le esigenze dei figli stessi e quindi di anteporre le esigenze di questi alle proprie…”. Di conseguenza, sempre secondo la Corte di merito, la eventuale esiguita’ del reddito a disposizione non giustifica la totale inadempienza, protratta per molti anni, da parte del genitore e tale inadempienza “…incide, con riferimento ai figli, non solo sul piano strettamente materiale, impedendo loro la possibilita’ di sfruttare al meglio le proprie potenzialita’ formative, ma incide, ancora di piu’, sotto il profilo morale…” essendo sintomatica della mancanza di qualsiasi impegno da parte del genitore inadempiente diretto a soddisfare le esigenze dei figli “… e quindi della carenza di responsabilizzazione nei loro confronti e di inidoneita’ del detto genitore a contribuire a creare per i propri figli quel clima di serenita’ familiare necessario per una sana ed equilibrata crescita”.

  Consulenza Legale Studio Legale Bologna 

STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA

AVVOCATI DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA

AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA

SEPARAZIONI A BOLOGNA,SEPARAZIONI A CENTO,SEPARAZIONI A CASTELLO D’ARGILE 

 

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE I CIVILE

studio-legale-bologna5Sentenza 17 dicembre 2009, n. 26587

Svolgimento del processo

1. Con sentenza del 5 marzo 2008 la Corte di appello di Catanzaro, – pronunciando sull’appello proposto da A.B.L. nei confronti di D.I.A.S. avverso la sentenza del Tribunale di Vibo Valentia in data 5 giugno 2007, che, nel giudizio di cessazione degli effetti civili del matrimonio tra i suddetti coniugi, aveva affidato ad entrambi i genitori i figli minori e l’esercizio della relativa potesta’, ponendo a carico del D. I. l’obbligo di corrispondere in favore della A., quale contributo per il mantenimento dei figli, la somma mensile di Euro 600,00 – affidava i figli minori alla madre, attribuendole in via esclusiva la potesta’ di genitore, provvedendo a regolamentare gli incontri dei figli medesimi con il padre, ponendo al carico del D. I. l’obbligo di contribuire, nella misura della meta’, al pagamento delle spese straordinarie dei figli per esigenze scolastiche, extrascolastiche e mediche e confermando nel resto la sentenza impugnata.

1a. A fondamento della decisione la Corte di merito osservava, per quel che rileva nel presente giudizio di cassazione, che l’affidamento esclusivo dei figli ad uno dei genitori doveva considerarsi come una eccezione alla regola dell’affidamento condiviso, da applicarsi rigidamente soltanto nelle ipotesi in cui esista una situazione di gravita tale da rendere detto affidamento condiviso contrario all’interesse dei figli, valutandosi tale contrarieta’ esclusivamente in relazione al rapporto genitore – figlio e quindi con riferimento a carenze comportamentali di uno dei genitori, di gravita’ tale da sconsigliare l’affidamento al medesimo per la sua incapacita’ di contribuire alla realizzazione di un tranquillo ambiente familiare. Nel caso di specie i giudici di appello rilevavano la totale inadempienza del padre, sin dal 1996, all’obbligo di versare l’assegno di mantenimento stabilito dal tribunale e la discontinuita’, desumibile dalla sentenza di separazione dei coniugi in data ****, con la quale il D. I. aveva inteso esercitare il proprio diritto di visita, valutando detti comportamenti come altamente sintomatici della inidoneita’ del padre ad affrontare le maggiori responsabilita’ che un affidamento condiviso comportava, cosi’ da determinare proprio quella situazione di contrarieta’ all’interesse del minore richiesta dalla norma per derogare all’affidamento condiviso.

2. Per la cassazione di tale sentenza ricorre il D.I. sulla base di due motivi. Resiste con controricorso l’ A..

Motivi della decisione

1. Con il primo motivo il ricorrente – denunciando violazione e falsa applicazione degli artt. 155 e 155 bis c.c. – deduce che la Corte di appello non ha tenuto conto che la sua inadempienza all’obbligo di mantenimento dei figli derivava dalla esiguita’ dei redditi di cui egli disponeva e dalla consapevolezza che i figli stessi erano comunque adeguatamente mantenuti dalla moglie, grazie anche all’aiuto dei suoi genitori, e che la discontinuita’ nell’esercizio del diritto di visita era dovuto al comportamento della madre, che aveva sempre ostacolato i rapporti tra padre e figli. Soggiunge il ricorrente che il mancato pagamento dell’assegno di mantenimento e la discontinuita’ dell’esercizio del diritto di visita non costituiscono fatti di gravita’ tale, da giustificare la deroga al principio generale dell’affidamento condiviso.

2. Con il secondo motivo il ricorrente denuncia vizio di motivazione e si duole che la Corte di merito non abbia tenuto conto delle ragioni per le quali egli non ha adempiuto all’obbligo di versare l’assegno di mantenimento in favore dei figli ed ha esercitato con discontinuita’ il diritto di visita.

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO BOLOGNA, STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATI DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA MATRIMONIALISTA, DEVI SEPARARTI?

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO BOLOGNA, STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATI DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA AVVOCATO DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA MATRIMONIALISTA, DEVI SEPARARTI?

3. I due motivi, che possono essere esaminati congiuntamente in quanto attinenti a questioni strettamente connesse, sono privi di fondamento.

Sulla questione di diritto sollevata dal ricorrente questa Corte si e’ gia’ pronunciata (Cass. 2008/16593), osservando che “…nel quadro della nuova disciplina relativa ai provvedimenti riguardo ai figli dei coniugi separati, di cui ai citati artt. 155 e 155 bis c.p.c., come modificativamente e integrativamente riscritti dalla L. n. 54 del 2006, improntata alla tutela del diritto del minore (gia’ consacrato nella Convenzione di New York del 20 novembre 1989 resa esecutiva in Italia con L. n. 176 del 1991) alla c.d. bigenitorialita’ (al diritto, cioe’, dei figli a continuare ad avere un rapporto equilibrato con il padre e con la madre anche dopo la separazione), l’affidamento condiviso (comportante l’esercizio della potesta’ genitoriale da parte di entrambi ed una condivisione, appunto, delle decisioni di maggior importanza attinenti alla sfera personale e patrimoniale del minore) si pone non piu’ (come nel precedente sistema) come evenienza residuale, bensi’ come regola, rispetto alla quale costituisce, invece, ora eccezione la soluzione dell’affidamento esclusivo.

Alla regola dell’affidamento condiviso puo’ infatti derogarsi solo ove la sua applicazione risulti pregiudizievole per l’interesse del minore. Non avendo, per altro, il legislatore ritenuto di tipizzare le circostanze ostative all’affidamento condiviso, la loro individuazione resta rimessa alla decisione del giudice nel caso concreto da adottarsi con provvedimento motivato, con riferimento alla peculiarita’ della fattispecie che giustifichi, in via di eccezione, l’affidamento esclusivo…”.

Perche’ possa derogarsi alla regola dell’affidamento condiviso, occorre quindi “…che risulti, nei confronti di uno dei genitori, una sua condizione di manifesta carenza o inidoneita’ educativa o comunque tale appunto da rendere quell’affidamento in concreto pregiudizievole per il minore…” (come nel caso, ad esempio, di un’obiettiva lontananza del genitore dal figlio, o di un suo sostanziale disinteresse per le complessive esigenze di cura, di istruzione e di educazione del minore), con la conseguenza che “…l’esclusione della modalita’ dell’affidamento esclusivo dovra’ risultare sorretta da una motivazione non piu’ solo in positivo sulla idoneita’ del genitore affidatario, ma anche in negativo sulla inidoneita’ educativa del genitore che in tal modo si escluda dal pari esercizio della potesta’ genitoriale e sulla non rispondenza, quindi, all’interesse del figlio dell’adozione, nel caso concreto, del modello legale prioritario di affidamento…”.

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO FIGLI PROBLEMATICHE

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO FIGLI PROBLEMATICHE

3.1. Da tali principi, applicabili anche ai casi di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, in virtu’ del richiamo operato dalla L. n. 54 del 2006, art. 4, comma 2 la Corte di merito, nella specie, non si e’ discostata. Infatti, in relazione alla violazione dell’obbligo di corrispondere l’assegno di mantenimento in favore dei figli minori, i giudici di appello hanno congruamente motivato, osservando che D.I. e’ rimasto totalmente inadempiente e pertanto “…non ha manifestato, sin dal lontano marzo 1996, alcuna volonta’ di fronteggiare i bisogni materiali dei propri figli, magari offrendo loro quanto era nelle sue possibilita’ materiali…”, in quanto “… l’obbligo di un genitore di provvedere al mantenimento dei figli implica il dovere di soddisfare primariamente le esigenze dei figli stessi e quindi di anteporre le esigenze di questi alle proprie…”. Di conseguenza, sempre secondo la Corte di merito, la eventuale esiguita’ del reddito a disposizione non giustifica la totale inadempienza, protratta per molti anni, da parte del genitore e tale inadempienza “…incide, con riferimento ai figli, non solo sul piano strettamente materiale, impedendo loro la possibilita’ di sfruttare al meglio le proprie potenzialita’ formative, ma incide, ancora di piu’, sotto il profilo morale…” essendo sintomatica della mancanza di qualsiasi impegno da parte del genitore inadempiente diretto a soddisfare le esigenze dei figli “… e quindi della carenza di responsabilizzazione nei loro confronti e di inidoneita’ del detto genitore a contribuire a creare per i propri figli quel clima di serenita’ familiare necessario per una sana ed equilibrata crescita”.

3.2. Quanto al discontinuo esercizio del diritto di visita, la Corte di merito, dopo aver posto in evidenza la mancanza di prova in ordine agli ostacoli asseritamente frapposti dalla madre dei minori all’esercizio di tale diritto, ha osservato, con adeguata e logica argomentazione, che il comportamento del D.I., gia’ gravemente inadempiente all’obbligo di mantenimento dei figli, e’ altamente sintomatico della sua inidoneita’ “…ad affrontare quelle maggiori responsabilita’ che un affido condiviso comporta anche a carico di quel genitore con il quale il figlio non stia stabilmente…” e determina concretamente una situazione di contrarieta’ all’interesse del minore ostativa per legge (art. 155 bis c.c., comma 1) ad un provvedimento di affidamento condiviso, “…non valendo ad offrire ai figli quell’ambiente familiare stabile e sereno a cui gli stessi hanno pure diritto”.

4. Alla stregua delle considerazioni che precedono, devono ritenersi insussistenti sia la dedotta violazione degli artt. 155 e 155 bis c.c., che i prospettati vizi di motivazione della sentenza impugnata, considerato altresi’ che le ulteriori censure sollevate dal ricorrente si risolvono in doglianze di merito, non consentite in sede di giudizio di legittimita’, in ordine alla valutazione delle risultanze processuali ed all’accertamento dei fatti di causa da parte della Corte di appello.

Il ricorso deve essere pertanto rigettato e le spese processuali, da liquidarsi come in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

LA CORTE

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO FIGLI PROBLEMATICHE

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO FIGLI PROBLEMATICHE

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che si liquidano in Euro 3.200,00, di cui Euro 3.000,00 per onorari, oltre a spese generali e accessori di legge.

Cosi’ deciso in Roma, il 29 ottobre 2009.

Depositato in Cancelleria il 17 dicembre 2009.

separazione coniugi

separazione coniugi mutuo cointestato

separazione coniugi mutuo

separazione coniugi assegni familiari

separazione coniugi riconciliazione

separazione coniugi comunione beni

separazione coniugi eredit

separazione coniugi affidamento figli

separazione coniugi trasferimento immobiliare

separazione coniugi foro competente

separazione separazione

separazione i coniugi

La separazione consensuale con figli: ciò che c’è da sapere

Separarsi, anche in via consensuale, parte da una constatazione di base: si tratta di un passo doloroso per entrambe le parti. Ma se ci sono figli di mezzo, allora, è il loro interesse che deve venire prima di tutto. Ai bambini, infatti, occorre pensare quando si decide di compiere un passo del genere e per farlo nel modo migliore, ancora prima di qualsiasi atto legale, è opportuno attenersi a qualche principio umano: evitare di litigare davanti a loro e rassicurarli sull’amore di entrambi i genitori che non viene (e non verrà) a mancare. Anzi, il legame affettivo potrà solo diventare più forte. Detto questo, c’è poi un iter legale che va affrontato in una separazione consensuale.

Quando la separazione diventa effettiva

 

Un momento importante è quello fissato dal presidente del tribunale per sondare la strada della conciliazione. Se questa strada risulta non percorribile, allora si procede arrivando alla cosiddetta omologazione del tribunale che si pronuncia in base alla relazione del presidente: è solo a quel punto che la separazione acquista efficacia, non basta infatti il solo accordo dei coniugi, e in essa sono contenute le condizioni della separazione stessa. Condizioni che, riguardando i coniugi e i figli, in seguito possono essere modificabili, se si modifica la situazione.

Gli accordi su questioni rilevanti

 

Le mosse per arrivare all’omologazione partono, in caso di separazione consensuale, dall’accordo tra i coniugi su questioni rilevanti, come l’affidamento e il mantenimento dei figli. Se i punti dell’accordo vengono tuttavia ritenuti dal tribunale in contrasto con l’interesse dei bambini, i genitori vengono riconvocati per indicare loro quali sono le modifiche opportune. Se queste non vengono accolte (o se comunque l’accordo non raggiunge uno stato valutato come idoneo), il magistrato può rifiutare l’omologazione.

Modifiche delle condizioni per la separazione

Per le modifiche, deve essere sempre il tribunale a intervenire. Lo fa una volta sentite le parti in causa e, nel caso si renda necessario, può acquisire mezzi istruttori (ad esempio, testimonianze, consulenze psicologiche e documenti che attestino cambiamenti nel tenore di vita di una delle persone della famiglia che si è sciolta). Inoltre, nel caso poi in cui il tribunale non possa pronunciarsi nell’immediato, si può ricorrere a provvedimenti provvisori su temi come l’affidamento, l’assegnazione della casa o il mantenimento dei figli o dell’ex coniuge.

Il rispetto dei diritti dei figli

 

I bambini hanno diritto a un rapporto equilibrato e continuativo con i genitori. Inoltre, tra i loro diritti, rientrano le cure, l’educazione, l’istruzione e l’assistenza morale. A questi si aggiungono i rapporti con i nonni e con i parenti sia del padre che della madre e per soddisfare ciascuno di questi diritti, il giudice adotta provvedimenti che li garantiscano. Come primo passo, si verifica la possibilità che i bambini siano affidati a entrambi i genitori. Se questo non è possibile, allora il giudice indica quale sarà il genitore affidatario determinando quando e come l’altro potrà essere vedere i figli. Inoltre stabilisce anche come e quanto madre e padre devono contribuire dal punto di vista economico. Se infine nessuno dei genitori viene ritenuto idoneo, allora il giudice si può avvalere dell’affidamento familiare e una copia del provvedimento deve essere trasmessa dal pubblico ministero al giudice tutelare.

I minori: chi prende le decisioni

 

Si chiama responsabilità genitoriale e viene esercitata da entrambi i genitori. Le decisioni, dunque, devono essere prese di comune accordo tenendo presente specifiche condizioni dei figli, come le loro capacità, le loro inclinazioni naturali e le loro aspirazioni. Se questo accordo non c’è, ecco allora che interviene il giudice il quale, per le questioni di ordinaria amministrazione (quelle che riguardano la quotidianità), può disporre anche che i genitori agiscano separatamente. Se poi un genitore non si attenesse alle condizioni stabilite, il giudice può decidere di modificare le modalità di affidamento.

Il mantenimento dei bambini

 

Se ne deve occupare ciascun genitore in modo proporzionale al proprio reddito. Se viene definito un assegno periodico (adeguato nel tempo in base agli indici Istat, a meno di parametri differenti indicati dalle parti o dal giudice), il suo importo tiene conto delle esigenze del bambino, del suo tenore di vita quando i genitori ancora convivevano, della durata del periodo che trascorre con ciascuno, delle risorse dei genitori e della portata dei compiti che si assumono sia la madre che il padre. Ovviamente, per procedere, occorre che siano disponibili informazioni economiche sui coniugi e se queste non risultano abbastanza chiare e documentate, allora può essere disposto un accertamento da parte della polizia tributaria su redditi e beni anche intestati a terzi.

La casa familiare, la residenza e il domicilio

 

La casa familiare viene assegnata anche in questo caso in base all’interesse dei figli e l’assegnatario può vedersela revocare nel caso non vi abiti o non vi abiti stabilmente. Lo stesso accade se decide di convivere more uxorio o se si sposa di nuovo. Il provvedimento di assegnazione (o anche quello di revoca) può essere trascrivibile e ci si può opporre. Inoltre, entrambi i genitori sono obbligati a comunicarsi cambi di residenza o di domicilio e per farlo devono rispettare il termine perentorio di trenta giorni. Se ciò non accade, occorre risarcire l’eventuale danno derivato dalle difficoltà di rintracciare il genitore che non ha rispettato quest’obbligo.

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO FIGLI PROBLEMATICHE

SEPARAZIONI A BOLOGNA, AFFIDO CONDIVISO FIGLI PROBLEMATICHE

I rapporti patrimoniali tra i coniugi

 

Infine anche il coniuge che non gode di un adeguato reddito proprio e a cui non è addebitabile la separazione ha diritto a ricevere un importo per il proprio mantenimento, oltre a quanto già definito per gli alimenti ai figli. Quell’importo viene indicato in base alla condizione e al reddito dell’altro coniuge e se il giudice ha motivo di temere che questi non rispetti l’obbligo, può imporgli di fornire adeguate garanzie reali o personali. Inoltre, se l’inadempienza diventa realtà, l’avente diritto chiede al giudice di disporre il sequestro di una parte dei beni dell’ex coniuge e di ordinare a terzi tenuti a versamenti periodici al trasgressore dell’obbligo (ad esempio, datori di lavori) di destinare una parte di quei versamenti agli aventi diritto.

separazione dei beni coniugi e prima casa

separazione dei beni

separazione personale

separazione

separazione e divorzio

separazione giudiziale

separazione con addebito

separazione di fatto

separazione consensuale costi

separazione legale

separazione dei beni dopo il matrimonio

separazione coabitazione

separazione lavoro in nero

separazioni e divorzi

separazione prato

separazione giudiziale atti diffamatori

separazione non consensuale

separazione in coabitazione

separazione e deduzione fiscale dei figli

separazione reclamo giudice istruttore

separazione di fatto e casa coniugale

separazione e comunione dei beni e donazione

separazione divorzio

  • Anzola dell’Emilia avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Argelato avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Baricella avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Bentivoglio avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Bologna avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Borgo Tossignano avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Budrio avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Calderara di Reno avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Camugnano avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Casalecchio di Reno avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Casalfiumanese avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel d’Aiano avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel del Rio avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel di Casio avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel Guelfo di Bologna avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel Maggiore avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel San Pietro Terme avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castello d’Argile avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castenaso avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castiglione dei Pepoli avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Crevalcore avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Dozza avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Fontanelice avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Gaggio Montano avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Galliera avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Granarolo dell’Emilia avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Grizzana Morandi avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penalista , studio avvocato penale
  • Imola avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Lizzano in Belvedere avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Loiano avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Malalbergo avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Marzabotto avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Medicina avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Minerbio avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Molinella avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Monghidoro avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Monte San Pietro avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Monterenzio avvocato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Monzuno avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Mordano avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Ozzano dell’Emilia avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Pianoro avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Pieve di Cento avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Sala Bolognese avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Benedetto Val di Sambro avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Giorgio di Piano avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Giovanni in Persiceto avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Lazzaro di Savena avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Pietro in Casale avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Sant’Agata Bolognese avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Sasso Marconi avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Valsamoggia avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Vergato avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale

Zola Predosa avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale