051 644 7838 [email protected]

INCIDENTE MORTALE STRADALE, CHIAMA SUBITO PER RISARCIMENTO

 

VUOI UN RISULTATO CHE TI SORPRENDE?

RISARCIMENTO MORTI INCIDENTE

IO POSSO AIUTARTI CHIAMA CON FIDUCIA 

Incidenti MORTALI A LUGO RAVENNA RIMINI RICCIONE CATTOLICA FAENZA , affidarsi ad un legale esperto

Un fenomeno che, purtroppo, oramai entrato a far parte della nostra vita riguarda la questione legata agli incidenti Vercelli. Le cronache riportano sempre più spesso di incidenti Vercelli. I sinistri della strada sono sciaguratamente un aspetto che è in preoccupante crescita. Ed è anche da registrare il triste tributo di vittime a seguito di gravi incidenti stradali.

Un fenomeno che non riguarda esclusivamente le grandi metropoli e le loro aree circostanti, ma anche zone che dovrebbero avere, almeno sulla carta, una viabilità più tranquilla. Eppure non è così.

Ad esempio nel solo 2013 vi sono stati oltre quattrocento incidenti Vercelli con lesioni. A seguito di questi gravi incidenti della strada vi sono stati quasi seicento feriti, mentre sono stati tredici i deceduti a seguito di incidenti Vercelli. È ovvio che di fronte a questi dati è facile rimanere sconvolti. Anche perché poi, oltre al dramma umano, a seguito di gravi incidenti della strada sorge tutta una serie incredibile di problematiche.

Una fra queste è la questione annosa riguardante il risarcimento danni. Le assicurazioni, in generale, a fronte digravi incidenti stradali hanno l’italica abitudine di prolungare in maniera enorme le tempistiche riguardanti il risarcimento danni. Ovviamente tutto questo provoca delle ingenti preoccupazioni sia alla persona che ha subito il trauma sia alla sua famiglia, la quale deve sostenere ingenti spese medico sanitarie.

In questi casi, al fine di avere la certezza che vengano ad essere tutelati i propri interessi, è opportuno farsi appoggiare da un bravo e competente avvocato. Non per nulla uno studio legale in occasione di un evento di tale portata potrà fornire tutto il supporto necessario al fine di salvaguardare gli interessi di chi ha subito dei danni a seguito di incidenti Vercelli.

RISARCIMENTO MORTI INCIDENTE

RISARCIMENTO MORTI INCIDENTE

RISARCIMENTO MORTI INCIDENTE

RISARCIMENTO MORTI INCIDENTE

Avvalersi di una consulenza legale è sempre opportuno in caso digravi sinistri stradali. Purtroppo quando avvengono tali episodi subentrano sempre talmente tante variabili, le quali mettono a rischio una soluzione che dovrebbe essere sic et simpliciter.

La burocrazia e le lungaggini assicurative mettono a dura prova. Ecco perché è una ottima soluzione avvalersi di un avvocato, di uno studio legale esperto in questa delicata materia, che ha appunto la capacità e la professionalità di saper come affrontare la questione del risarcimento danni a seguito

Come ottenere un risarcimento danni in tempi rapidi

Il risarcimento danni è uno degli aspetti più complessi con il quale tutti coloro i quali sono vittime di gravi incidenti della strada, debbono, ahimè, confrontarsi. Si potrebbe dire che oltre al danno si ha anche la beffa.

Non per nulla, infatti, le tempistiche per stabilire e quindi poi finalmente avere un risarcimento danni a seguito di incidenti della strada, sono a dir poco biblici. Per colpa di un qualcuno che non ha rispettato una precedenza, che non si è fermato allo stop, o peggio, si messo alla guida di autoveicolo o di una moto in evidente stato di ubriachezza o sotto l’influsso di droga, la nostra vita e quella dei nostri cari può cambiare per sempre in un attimo.

Sulla carta è tutto previsto, ma siccome siamo in Italia si applica la famosa questione riguardante la teoria e la pratica. In buona sostanza se non si ha alle spalle un bravo avvocato, se non ci si appoggia ad un competente studio legale per avere una completa e totale consulenza legale, in teoria avremo diritto ad un risarcimento danni, in pratica forse lo potranno ricevere i nostri eredi.

Anche se potrà sembrare a qualcuno troppo semplicistico, la questione è in questi termini; termini che, purtroppo, conoscono molto bene tutti coloro i quali ci sono passati in prima persona; termini che hanno fatto gettato nella disperazione le famiglie che si sono viste all’improvviso sconvolgere le proprie esistenze nel dover subire un così drammatico evento.

E questo non avviene solo nelle grandi città, ma anche in località nelle quali ci si aspetterebbe una minore burocrazia. Coloro i quali hanno subito dei danni a seguito di incidenti a Vercelli dovranno affrontare le medesime tempistiche per il risarcimento danni di quelli che hanno subito un incidente Roma, oppure a Milano.

CHIAMAMI PERCHE’

1SONO MOLTO ATTENTO AL CLIENTE

2NON MOLLO MAI FINO AL RSULTATO

3 HO 25 ANNI DI ESPERIENZA DI GRANDI RISARCIMENTI 

  • incidente stradale risarcimento danni assicurazione

incidente mortale e risarcimento, calcolo risarcimento incidente mortale, incidente stradale risarcimento danno morale, incidente mortale a chi spetta il risarcimento

Purtroppo quando a un nostro parente o famigliare stretto capita un incidente con esiti mortali, sui viene presi da uno stato assoluto di disperazione e impotenza.

Contro la morte nessuno puo’ fare nulla”!!

I famigliari potranno avere il danno morale e eventualmente il danno biologico jure ereditatis e il danno patrimoniale da mancato reddito a seguito della morte del famigliare.

 

 

incidente stradale risarcimento danno morale, incidente mortale a chi spetta il risarcimento

RISARCIMENTO MORTI INCIDENTE

RISARCIMENTO MORTI INCIDENTE

Il risarcimento previsto dalle tabelle del tribunale di Milano adottate in tutta Italia sono per il coniuge, i figli, i genitori e i fratelli!

Normalmente ai figli coniuge e genitori viene liquidata una soma dai 150 ai trecentomila euro di danno morale .

Ai fratelli dai 20 agli 80 mila euro, ma è ben difficile arrivare agli ottantamila in sede stragiudiziale con le assicurazioni.

Mentre i cosiddetti prossimi congiunti della vittima del sinistro stradale mortale sono sicuramente legittimati a chiedere i danni, gli altri parenti dovranno provare uno stretto legame affettivo con la persona deceduta.

Ognuno di questi parenti potrà agire anche singolarmente per ottenere la sua parte di risarcimento del danno per l’incidente stradale mortale, oppure i parenti potranno agire tutti insieme.

 

 

 

In caso di incidente mortale, il procedimento penale inizia d’ufficio (cioè automaticamente). Il presunto responsabile viene quindi imputato di lesioni personali colpose lievi, gravi o gravissime o di omicidio colposo (a seconda della gravità dei casi) verso la vittima dell’incidente stradale.

Il risarcimento a causa di un incidente stradale mortale in favore dei prossimi congiunti, conviventi e altri soggetti sono molteplici e comprende:

1)I danni non patrimoniali, o morali, quando previsti dalla legge, e per coloro che siano legittimati, per un reale perturbamento subito causato da incidente stradale mortale.(Es. genitori, moglie,marito, figli,fratelli, zii, ecc.)

2) I danni patrimoniali: comprendono sia i danni emergenti (spese funerarie ed altre tipologie di danno) sia il lucro cessante e/o il mancato guadagno del defunto al bilancio familiare.

  • Danno da morte “iure hereditatis”: indennizzo per I.P. (invalidità permanente) e danno morale subito dal defunto per la durata del periodo tra l’incidente ed il decesso, nel caso il decesso non sia avvenuto immediatamente dopo l’incidente ma solo in seguito, comprendendo quindi anche le conseguenti spese mediche, ospedaliere, di trasporto, di esami specialistici, ecc.

La morte di un parente costituisce un evento che può, in determinate circostanze, far venir meno il sostegno economico-assistenziale fornito al danneggiato dal defunto. Gli esempi, che si possono avere nella realtà di tutti i giorni, sono molteplici: si pensi al mantenimento di un figlio minore gravemente compromesso dal sopraggiungere della morte di uno dei genitori, all’obbligo assistenziale che i figli hanno verso un genitore, agli obblighi di assistenza materiale e morale derivanti dal matrimonio, ai rapporti di convivenza etc. Il defunto, che di volta in volta può ricoprire la veste del marito o della moglie, del figlio o del genitore, del nipote o del nonno, del fratello o della sorella, con la sua scomparsa non può, ovviamente, più contribuire con il suo reddito al mantenimento di quelle persone che, con lui avevano, un particolare rapporto parentale o di convivenza affettiva. 

 

Cass., sez. III, 07-11-2002, n. 15641
I genitori di persona minore d’età, deceduta in conseguenza dell’altrui atto illecito, ai fini della liquidazione del danno patrimoniale futuro provocato dal venir meno della aspettativa degli stretti congiunti ad un contributo economico da parte del familiare prematuramente scomparso, hanno l’onere di allegare e provare che il figlio deceduto avrebbe verosimilmente contribuito ai bisogni della famiglia. 

 

Cass., sez. III, 25-07-2002, n. 10898
I figli che a seguito della morte dei genitori sono stati accolti dai nonni materni, da questi mantenuti, educati e istruiti sino al raggiungimento del venticinquesimo anno di età, non hanno subito alcun pregiudizio di carattere patrimoniale, per effetto della perdita del padre, della madre e dei contributi economici da questi dati per il loro mantenimento.

 

 La morte dei genitori ha provocato un pregiudizio patrimoniale non a carico dei figli (le cui esigenze di vita sono state completamente assicurate dai nonni materni), ma dei detti nonni materni che hanno dovuto far fronte a tutte le spese del caso.

Cass., sez. III, 28-02-2002, n. 2962
Il diritto al risarcimento del danno patrimoniale subito dai genitori di un minore deceduto in conseguenza di un fatto illecito si sostanzia nel venir meno delle aspettative di un contributo economico che, secondo un criterio di normalità, la vittima avrebbe destinato a loro beneficio; a tal fine non rileva che i genitori stessi dispongano, al momento dell’evento, di fonti di reddito tali da rendere inutile qualsiasi contributo del figlio, salvo che la valutazione complessiva non consenta di presumere, al riguardo, l’assenza di mutamenti del quadro nel corso degli anni.