3 CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

3 CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

 3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

 3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO FRECCIA
3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

3CONSIGLI VINCENTI PER RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI

 URGENZE 335 8174816

L’AVVOCATO CHE NON SI ARRENDE MAI!!!

affidabilita’ cortesia e preparazione per la tua difesa e i tuoi diritti !!!

RECENSIONI:

 3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO
3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

Mio marito purtroppo è stato coinvolto in un incidente  grave della strada per fortuna ci siamo affidati all’avvocato Sergio Armaroli che in pochi mesi ci ha fatto ottenere un buon acconto dall’assicurazione

Giacomo

Mio fratello è stato investito e l’avvocato Sergio Armaroli  ha tutelato al meglio i nostri diritti ,lo consigliamo!!

3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

12345incidente                   

1) RISARCIMENTO INCIDENTI STRADALI In primo luogo per ottenere  i risarcimento incidenti stradali occorre una chiara dinamica, cioè occorre avere chiara la responsabilità di chi ha provocato l’incidente

 

2) Nel risarcimento incidenti stradali poi occorre acquisire i verbali dell’autorità intervenuta se è intervenuta,oppure cercare se vi erano testi presenti

 

incidenti risarcimento

 

3 CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO
3 CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

 

3) Nel risarcimento incidenti stradali richiedere le copie delle cartelle cliniche di eventuali ricoveri

 

4) Nel risarcimento incidenti stradali affidarsi  a un avvocato che abbia esperienza in materia di risarcimento danni incidenti stradali

 

5) Nel risarcimento incidenti stradali sottoporsi ai vari controlli medici successivi cd visite di controllo

 

6) Nel risarcimento incidenti stradali analizzare insieme al vostro avvocato la strategia  e a un medico legale che darà un punteggio, l’entità del danno, e il calcolo dello stesso danno, 

 

incidenti risarcimento

 

 

7)Nel risarcimento incidenti stradali l’avvocato che vi patrocina deve scrivere all’assicurazione del responsabile ed aprire la posizione o la pratica

3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

 

8) Nel risarcimento incidenti stradali non trascurare mai la possibilità di una trattativa stragiudiziale con l’assicurazione perchè spesso i risarcimenti si ottengono senza andare in causa

 

9) Nel risarcimento incidenti stradali sottoporsi alla visita medico legale disposta dall’assicurazione

 

10) Nel risarcimento incidenti stradali valutare attentamente le offerte dell’assicurazione ,a volte sono irrisorie ma a volte vale la pena valutarle perché possono essere congrue

 

11)solo se dopo una trattativa stragiudiziale infruttuosa perché l’assicurazione non vuole risarcirvi agite in giudizio

 

RISARCIMENTO INCIDENTI STRADALI A BOLOGNA

 

come ottenere il risarcimento danni in grave incidente stradale,anticipo spese mediche se il cliente non ne ha la possibilita’ e ha ragione previo accordo scritto con lo studio

 CHIAMA SUBITO IL NUMERO 051/6447838

SCRIVO PER TE CHE HAI UN GROSSO DANNO E NON TI HANNO ANCORA RISARCITO

 

Scooter incidente risarcimento danni Bologna

Gli incidenti stradali ,vuoi in auto,o in moto o in bicicletta o come pedone richiedono una precisa preparazione per ottenere il giusto risarcimento danni.

Non amo perdere anni per recuperare un danno, cerco di risolvere la pratica del cliente di risarcimento danni nel minor tempo possibile, del resto un risarcimento ha senso se viene riconosciuto in tempi equi, chi sta male, necessita di cure, di spese subito.Molte compagnie a volte per danni importanti danno acconti sul maggior danno dovuto .

 

grave incidente stradale(MODENA, ROVIGO,VENEZIA,VERCELLI,ASTI,CUNEO ,BOLOGNA E IN TUTTA ITALIA)  risarcimento, quattro  mosse strategiche

 Scooter incidente stradale risarcimento danni

Se hai subito un grave danno da incidente stradale le tre mosse principali sono:

 

 

FOTO BELLA BOLOGNA 3

3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO
GREFICO INCIDENTE MORTALE
3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

 

 

1) acquisire i verbali dell’autorità intervenuta, questo è molto importante perché dà tutti gli elementi utili per la dinamica del sinistro,dai testi presenti,alla dinamica descritta dall’autorità.

 

2) Raccogliere tutta la documentazione medica, cartelle ,visite specialistiche,radiografie, cartelle di eventuali ricoveri.

 

3) Incaricare per  pratica del tuo risarcimento danni da lesioni fisiche a un avvocato competente della materia,cioè a un avvocato che tratta abitualmente  il risarcimento danni alla persona.

 

4)sottoporsi ai successivi controlli medici e diagnostici sia per riprender la funzionalità sia per dimostrare il danno subito

 

chiama-adessoBLU 

  1)Rosa: L’avvocato Sergio Armaroli mi ha assistito per un gravissimo incidente stradale ove ho riportato diverse fratture. Mi ha meravigliato la sua gentilezza e il suo pronto intervento professionale che hanno portato al risarcimento integrale del danno da parte dell’assicurazione in tempi brevi.
 
 
 
2)Salve mi chiamo Annamaria,mi rivolgo a tutte le persone che hanno bisogno di un avvocato che sappia risolvere con concretezza  il proprio problema,problema di
 
 
 
qualsiasi causa si tratti! Ebbene io personalmente mi sono rivolta ad un grande
 
 
 
Avvocato Sergio Armaroli, per un incidente sulla strada dove io personalmente
 
 
 
sono stata investita,l’Avv.Sergio Armaroli ha risolto il mio caso in maniera
 
 
 
eccellente.
 
 
 
Sono una mamma, e vorrei dare una “mano” a chi potrebbe trovarsi in difficoltà. Questa è la mia esperienza: ho avuto bisogno di rivolgermi ad un avvocato per un problema alquanto delicato che riguardava la serenità scolastica di mio figlio. L’ Avv. Sergio Armaroli di Bologna si è dimostrato, un ottimo professionista molto determinato, preparato e sensibile al mio caso, 
 
 
 
 
 
4)Un utente Google
 
 
 
3 anni fa
 
 
 
 
 
 
 
Ho avuto modo di conoscere l’Avvocato Armaroli di Bologna per motivi di lavoro e l’ho trovato preparato e determinato. In particolare per quanto riguarda il supporto alle aziende per quanto riguarda la contrattualistica internazionale e …Altro
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
4)Salve a tutti,
 
 
 
mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
5)Anna Maria: ero stata investita come pedone e avevo riportato gravi lesioni con un punteggio del 24 % del danno biologico.. L’avvocato Sergio Armaroli con cortesia e professionalità mi ha seguito nel lungo percorso risarcitorio riuscendo a farmi pagare il danno
 
 
 
 
 
 
 
6) MICHELE: Salve a tutti,
 
 
 
mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti.
 
 
 
7)Anna: mi sono rivolta all’avvocato Sergio Armarol idi Bologna per un difficile caso di separazione, mio marito non voleva darmi nulla perché se ne era andato di casa e mi aveva lasciato con tre figli.
 
 
 
Con molta cortesia e preparazione l’avvocato Sergio Armaroli mi ha assistita affinchè io potessi avere i miei giusti diritti.
 
 
 
 
 
 
 
8)Carlo:In un difficile caso di divorzio l’avvocato Sergio Armaroli mi ha assistito con cortesia e professionalità ,riuscendo a far valer ei miei diritti
 
 
 
 
 
 
 
9)Paola: mi sono rivolta all’avvocato Sergio Armaroli pe runa separazione ho trovato un avvocato attento e preparato che mi ha dato i giusti consigli 

L’AVVOCATO SERGIO ARMAROLI HA STUDIO UNICO A BOLOGNAE RICEVE PRESSO IL SUO STUDIO IN BOLOGNA IN VIA SOLFERINO 30 PREVIO APPUNTAMENTO TELEFONICO AL NUMERO 051/6447838
 
SE IL CLIENTE E’ IMPOSSIBILITATO A MUOVERSI PER GRAVI LESIONI PREVIO ACCORDO L’AVVOCATO SERGIO ARMAROLI SI RECHERA’ DAL CLIENTE
L’AVVOCATO SERGIO ARMAROLI PUR AVENDO STUDIO UNICO IN BOLOGNA VALUTA INCARICHI IN TUTTA ITALIA ,PER RISARCIMENTI GRAVI INCIDENTI DELLA STRADA

 3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO
3CONSIGLI VINCENTI PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DANNI INCIDENTI STRADALI , DANNO MORALE AI PARENTI COME OTTENERLO

 

LE VARIE PROVINCIE VENGONO INDICATE COME ESEMPIO  

grave incidente stradale ROVIGO, incidente stradale ROVIGO risarcimento

grave incidente stradale FERRARA, incidente stradale FERRARA risarcimento

 

La materia del risarcimento danni da incidenti stradali, di enorme complessità, viene da oltre dieci anni seguita dallo Studio.

Hai subito un grave danno alla persona in un incidente in moto o in bicicletta?avvocato Bologna

 

Scooter incidente stradale risarcimento danni

Legale presso i Tribunali di tutta Italia, in quanto, per le cause di risarcimento danni da sinistro stradale, la competenza è data dal luogo del sinistro o dalla sede della compagnia di assicurazioni che copre il rischio per RCA del veicolo che ci ha cagionato un danno .

Per gli incidenti automobilistici ad esempio Trieste ha una moltitudine di cause di risarcimento per sinistri stradali , anche per sinistri avvenuti in altre città Italiane, in quanto sede di molte grandi assicurazioni (come le assicurazioni Generali o le assicurazioni Allianz). 
Insieme otterremo per te il giusto risarcimento,chiama 051/6447838 
La causa di risarcimento danni per gli incidenti automobilistici può però essere radicata anche nel Tribunale ove è avvenuto il sinistro.

 

 

Molto spesso si sente dire che le cause per il risarcimento danni da sinistro stradale, comprensive di danno morale e danno biologico e danno incidente sull’attività lavorativa durino molti anni. Non bisogna però dimenticare che si può ottenere in poche udienze una provvisionale per risarcimento danni per gravi danni, che può essere anche del 50% del danno subito.

 

Questo in modo particolare quando è certa la responsabilità della controparte e quando le assicurazioni pur sapendo di dover risarcire un danno temporeggiano, sperando che il danneggiato, spaventato dalla causa, vi rinunci.

Il danno biologico assume grande importanza, in modo particolare nei grossi danni!

grave incidente stradale, incidente stradale risarcimento

 

I Tribunali sono molto attenti al risarcimento danni da sinistri stradali e hanno indubbiamente una grande sensibilità nel riconoscere il giusto danno al danneggiato da incidenti della strada. Se hai subito un incidente stradale e devi chiedere il risarcimento danni rivolgiti a me telefona all’avvocatoSergio Armaroli di Bologna senza indugio, anche compilando il modulo di richiesta di consulenza legale online, Troverai un Avvocato pronto ad ascoltarti e a consigliarti al meglio.

 

Ovviamente l’avvocato Sergio Armaroli assiste anche quanto hanno subito incidenti in moto o incidenti in bicicletta che purtroppo spesso sono incidenti con la maggior percentuale di gravi lesioni alla persona. Assistenza legale qualificata verrà fornita anche per sinistri mortali, ovvero incidenti in auto ove la persona ha perso un proprio congiunto in un sinistro stradale.

Se le tue condizioni di salute, a seguito del sinistro stradale, non ti permettono di venire nel mio Studio Legale a Bologna, posso venire senza impegno a domicilio, per consigliarti al meglio e valutare insieme a te la migliore tutela per il tuo caso. Ti fornirò una qualificata assistenza legale. In casi particolari, nei quali riconosco la ragione del danneggiato, posso anticipare le spese di causa per un, incidenti stradale previo accordo con il cliente, nel caso lo stesso non abbia i mezzi economici per affrontare un giudizio. Diverse sono state le vittorie dello Studio Legale nella tutela del danneggiato da sinistri stradali in diversi Tribunali italiani, in modo particolare ottimi risultati si sono ottenuti nei casi di sinistri con gravi lesioni e nei casi di sinistri mortali.

 

 

Scooter incidente stradale risarcimento danni 

 

grave incidente stradale, incidente stradale risarcimento

grave incidente stradale, incidente stradale risarcimento.La materia del risarcimento danni da incidenti stradali , di enorme complessità, viene da oltre dieci anni seguita dallo Studio Legale dell’avvocato Sergio Armaroli.

Gravi incidenti a Novara,gravi incidenti a Vercelli,gravi incidenti a Verona, gravi incidenti a Bologna,avvocato assiste gravi incidenti stradali in tutta italia.

E hai subito una grave lesione :paraplegico ,perdita arti ecc ecc, e hai ragione,l’avvocato Sergio Armaroli previo accordo preliminare per iscritto anticipa al cliente anche le spese mediche

Hai subito un grave danno alla persona in un incidente in moto o in bicicletta?avvocato Bologna

 

Scooter incidente risarcimento danni Bologna

 

Legale presso i Tribunali di tutta Italia, in quanto, per le cause di risarcimento danni da sinistro stradale, la competenza è data dal luogo del sinistro o dalla sede della compagnia di assicurazioni che copre il rischio per RCA del veicolo che ci ha cagionato un danno .

Per gli incidenti automobilistici ad esempio Trieste ha una moltitudine di cause di risarcimento per sinistri stradali , anche per sinistri avvenuti in altre città Italiane, in quanto sede di molte grandi assicurazioni (come le assicurazioni Generali o le assicurazioni Allianz). 
Insieme otterremo per te il giusto risarcimento ,chiama 051/6447838 
La causa di risarcimento danni per gli incidenti automobilistici può però essere radicata anche nel Tribunale ove è avvenuto il sinistro.

 

 

Scooter incidente risarcimento danni Bologna 

Molto spesso si sente dire che le cause per il risarcimento danni da sinistro stradale, comprensive di danno morale e danno biologico e danno incidente sull’attività lavorativa durino molti anni. Non bisogna però dimenticare che si può ottenere in poche udienze una provvisionale per risarcimento danni per gravi danni, che può essere anche del 50% del danno subito. Questo in modo particolare quando è certa la responsabilità della controparte e quando le assicurazioni pur sapendo di dover risarcire un danno temporeggiano, sperando che il danneggiato, spaventato dalla causa, vi rinunci. 
 Il danno biologico assume grande importanza, in modo particolare nei grossi danni!

grave incidente stradale, incidente stradale risarcimento

 

I Tribunali sono molto attenti al risarcimento danni da sinistri stradali e hanno indubbiamente una grande sensibilità nel riconoscere il giusto danno al danneggiato da incidenti della strada. Se hai subito un incidente stradale e devi chiedere il risarcimento danni rivolgiti a me telefona all’avvocatoSergio Armaroli di Bologna senza indugio, anche compilando il modulo di richiesta di consulenza legale online, Troverai un Avvocato pronto ad ascoltarti e a consigliarti al meglio. Ovviamente l’avvocato Sergio Armaroli assiste anche quanto hanno subito incidenti in moto o incidenti in bicicletta che purtroppo spesso sono incidenti con la maggior percentuale di gravi lesioni alla persona. Assistenza legale qualificata verrà fornita anche per sinistri mortali, ovvero incidenti in auto ove la persona ha perso un proprio congiunto in un sinistro stradale.

Se le tue condizioni di salute, a seguito del sinistro stradale, non ti permettono di venire nel mio Studio Legale a Bologna, posso venire senza impegno a domicilio, per consigliarti al meglio e valutare insieme a te la migliore tutela per il tuo caso. Ti fornirò una qualificata assistenza legale. In casi particolari, nei quali riconosco la ragione del danneggiato, posso anticipare le spese di causa per un, incidenti stradale previo accordo con il cliente, nel caso lo stesso non abbia i mezzi economici per affrontare un giudizio.

Diverse sono state le vittorie dello Studio Legale nella tutela del danneggiato da sinistri stradali in diversi Tribunali italiani, in modo particolare ottimi risultati si sono ottenuti nei casi di sinistri con gravi lesioni e nei casi di sinistri mortali.

UN PO’ DI GIURISPRUDENZA :

  1. in tema di risarcimento del danno, dovendo la liquidazione essere effettuata in valori monetari attuali, non e’ necessaria l’espressa richiesta da parte dell’interessato degli interessi legali sulle somme rivalutate, la quale deve ritenersi compresa nella domanda di integrale risarcimento inizialmente proposta e se avanzata per la prima volta in appello non comporta una violazione dell’articolo 345 cod. proc. civ.,

  1. atteso che nei debiti di valore il riconoscimento degli interessi c.d. compensativi costituisce una modalita’ liquidatoria del possibile danno da lucro cessante, cui e’ consentito al giudice di far ricorso con il limite dell’impossibilita’ di calcolarli sulle somme integralmente rivalutate alla data dell’illecito, e che l’esplicita richiesta deve intendersi esclusivamente riferita al valore monetario attuale ed all’indennizzo del lucro cessante per la ritardata percezione dell’equivalente in denaro del danno patito (tra le varie, cfr. Cass. 10193/10).

Suprema Corte di Cassazione

sezione III

sentenza 21 dicembre 2015, n. 25615

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRUTI Giuseppe Maria – Presidente

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Consigliere

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 4060/2013 proposto da:

(OMISSIS) (OMISSIS), (OMISSIS) (OMISSIS), (OMISSIS) (OMISSIS), (OMISSIS) (OMISSIS), elettivamente domiciliati in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentati e difesi dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

(OMISSIS) SPA in persona del legale rappresentante Dott. (OMISSIS), domiciliata ex lege in ROMA, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

(OMISSIS) COOP SRL (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) SPA, (OMISSIS), (OMISSIS);

– intimati –

Nonche’ da:

SOCIETA’ (OMISSIS) COOP. a R.L. (OMISSIS), in persona del procuratore Dott. (OMISSIS) delegato alla rappresentanza ed alla firma sociale, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende giusta procura speciale in calce al controricorso e ricorso incidentale;

– ricorrente incidentali –

contro

(OMISSIS) SPA in persona del legale rappresentante Dott. (OMISSIS), domiciliata ex lege in ROMA, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura speciale in calce al controricorso depositato il 20/3/2013;

– controricorrente all’incidentale –

e contro

(OMISSIS) (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) SPA, (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) (OMISSIS), (OMISSIS) (OMISSIS), (OMISSIS) (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 2031/2012 della CORTE D’APPELLO di MILANO, depositata il 19/06/2012, R.G.N. 1872/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 29/10/2015 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato (OMISSIS);

udito l’Avvocato (OMISSIS);

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FINOCCHI GHERSI Renato, che ha concluso per il rigetto di entrambi i ricorsi.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La vicenda processuale tratta dei danni subiti in un incidente stradale dalla (OMISSIS), quale trasportata sulla motocicletta condotta dal (OMISSIS) (e di proprieta’ di quest’ultimo) ed assicurata presso la (OMISSIS). La stessa, sbalzata al suolo e mentre giaceva riversa sul manto stradale, fu investita da (OMISSIS), che conduceva una vettura di proprieta’ di (OMISSIS) ed assicurata dalla (OMISSIS) spa.

Il Tribunale di Monza ha attribuito la responsabilita’ dell’evento per il 25% alla (OMISSIS); la Corte di Milano, invece, ha escluso la responsabilita’ di quest’ultima e, per altro verso, ha nuovamente personalizzato (al massimo) il danno, portando il risarcimento di quello non patrimoniale da euro 549.559,00 (come liquidato dal primo giudice) ad euro 750.000,00.

Propongono ricorso per cassazione i (OMISSIS) e la (OMISSIS) attraverso sei motivi. Rispondono con controricorso la (OMISSIS) e la Societa’ (OMISSIS) Coop. a r.l., la quale ultima propone anche ricorso incidentale svolto in un solo motivo. Le parti hanno depositato memorie per l’udienza.

MOTIVI DELLA DECISIONE

RICORSO PRINCIPALE (OMISSIS) – (OMISSIS).

Il primo motivo – sotto il profilo dell’omesso esame di un fatto decisivo – lamenta che la sentenza, pur “riconoscendo una ulteriore personalizzazione del danno determinato in euro 750.000,00”, non abbia adeguatamente motivato in ordine ad essa, e che comunque la suddetta personalizzazione non e’ “sufficientemente congrua”.

Il motivo e’ infondato. La sentenza impugnata (pag. 3), nell’accogliere la specifica doglianza della vittima, ha svolto un attento esame della questione, dando atto che il primo giudice non aveva proceduto ad una adeguata personalizzazione del danno non patrimoniale e, procedendo ad una nuova e massima, ha tenuto conto degli aspetti fisico, estetico, alla vita di relazione, all’ambito lavorativo e soprattutto dell’impossibilita’ per la (OMISSIS) di reinserirsi nel mondo del lavoro se non con mansioni elementari in ambiente protetto e per poche ore al giorno. In conclusione, dunque, l’attuale doglianza dei ricorrenti si risolve nella generica richiesta (inammissibile in questa sede) di una ancor maggiore liquidazione.

Il secondo motivo censura la sentenza – sotto il medesimo profilo del precedente – per aver affermato che le nuove tabelle milanesi (subentrate nell’aprile 2009) non erano state ancora varate quando e’ stata resa la prima sentenza. Osservano i ricorrenti che nel marzo del 2009 era stata data la sola lettura del dispositivo, mentre la sentenza e’ stata depositata nel giugno 2009, ossia nel vigore delle nuove tabelle.

Il motivo e’ infondato, siccome il giudice d’appello ha anche correttamente affermato che quelle tabelle rappresentano un mero parametro di riferimento a cui rapportare in via equitativa la liquidazione del danno.

Il terzo motivo lamenta – sotto il profilo della violazione di legge e dell’omesso esame del fatto decisivo – che il giudice, nel determinare la somma complessiva pari ad euro 750.000,00 in termini monetari attuali, per quanto riguarda il danno da invalidita’ permanente, non abbia riconosciuto gli interessi sulla somma derivante dalla differenza tra quanto gia’ corrisposto e quanto riconosciuto dalla Corte d’appello. La controricorrente compagnia non nega il diritto dei ricorrenti, ma sostiene che “nel loro atto di appello tali interessi non erano stati richiesti e non avrebbero potuto essere liquidati dalla Corte d’appello” (controricorso della Societa’ (OMISSIS) alla pag. 7).

Il motivo e’ fondato, in ragione del consolidato principio secondo cui in tema di risarcimento del danno, dovendo la liquidazione essere effettuata in valori monetari attuali, non e’ necessaria l’espressa richiesta da parte dell’interessato degli interessi legali sulle somme rivalutate, la quale deve ritenersi compresa nella domanda di integrale risarcimento inizialmente proposta e se avanzata per la prima volta in appello non comporta una violazione dell’articolo 345 cod. proc. civ., atteso che nei debiti di valore il riconoscimento degli interessi c.d. compensativi costituisce una modalita’ liquidatoria del possibile danno da lucro cessante, cui e’ consentito al giudice di far ricorso con il limite dell’impossibilita’ di calcolarli sulle somme integralmente rivalutate alla data dell’illecito, e che l’esplicita richiesta deve intendersi esclusivamente riferita al valore monetario attuale ed all’indennizzo del lucro cessante per la ritardata percezione dell’equivalente in denaro del danno patito (tra le varie, cfr. Cass. 10193/10).

La sentenza deve essere, pertanto, cassata in relazione a questo motivo accolto, con decisione nel merito.

Il quarto motivo tratta del danno patrimoniale sotto il profilo dell’omesso esame di un fatto decisivo e censura il punto in cui la sentenza ha escluso il danno futuro per non avere provato la ricorrente che con grande probabilita’ il suo reddito sarebbe notevolmente migliorato. Sostengono, invece, i ricorrenti che il giudice, attraverso una valutazione probabilistica, anche alla luce del contesto familiare in cui la vittima e’ vissuta, avrebbe dovuto fare riferimento allo stipendio medio percepito da un operaio del settore commercio.

Il motivo e’ infondato. La sentenza da atto, per un verso, che il giudizio probabilistico era stato gia’ esercitato dal tribunale attraverso la stima delle progressioni di qualifica che nel tempo la vittima avrebbe potuto verosimilmente conseguire (liquidando il danno patrimoniale in euro 320.000,00) e che, d’altro verso, gli attuali ricorrenti non hanno provato che con grande probabilita’ il suo reddito sarebbe notevolmente migliorato. In tal ordine di idee, la parte chiede l’esercizio di un’operazione presuntiva relativamente alla quale non ha fornito alcuna base di fatto.

Il quinto motivo tratta della liquidazione del danno parentale ai familiari (il giudice ha riconosciuto euro 90.000,00 a ciascuno dei genitori ed euro 50.000,00 alla sorella). Il giudice ha dichiarato inammissibile il relativo motivo d’appello per difetto di specificita’ e perche’ gli appellanti non hanno offerto “alla Corte elementi per operare una difforme valutazione”.

Il motivo e’ inammissibile. I ricorrenti non solo non contestano la dichiarazione di inammissibilita’ del motivo d’appello resa da quel giudice, per quanto anche in quest’occasione si limitano ad invocare generici principi giurisprudenziali, finendo per affermare in via tautologica la scarsita’ della liquidazione.

Il sesto motivo tratta, sotto il profilo dell’omesso esame, del danno patrimoniale subito dal padre della vittima per non essersi potuto piu’ dedicare, dopo l’incidente subito dalla figlia, alla sua seconda attivita’ di musicista amatoriale.

Il motivo e’ inammissibile. Anche in questo caso la sentenza impugnata ha rilevato il difetto di specificita’ della censura rispetto alle ragioni per le quali il primo giudice non aveva riconosciuto il danno in questione. Nessuna contestazione e’ mossa sul punto dai ricorrenti, i quali si limitano in proposito ad invocare nuovamente e genericamente la stessa pretesa.

RICORSO INCIDENTALE DELLA (OMISSIS).

Il ricorso della compagnia e’ svolto in un unico motivo che censura per violazione di legge e vizio della motivazione la sentenza nel punto in cui ha assolto da responsabilita’ la (OMISSIS) (alla quale il primo giudice aveva attribuito il 25%).

Il motivo e’ inammissibile, siccome ripropone una serie di questioni di fatto tutte gia’ affrontate dal giudice d’appello (cfr. la sentenza alle pagg. 2 e 3) e risolte con motivazione congrua e logica, che, in questa sede, non e’ neppure necessario ripetere.

Il complessivo esito della vicenda processuale consiglia l’intera compensazione tra le parti delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il terzo motivo del ricorso principale e rigetta gli altri. Cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e, decidendo nel merito, condanna la Societa’ (OMISSIS) al pagamento in favore della controparte, fino al saldo effettivo, degli interessi sulla somma corrisposta come ulteriore acconto in base alla sentenza d’appello, detratto quanto gia’ riconosciuto dalla sentenza di primo grado. Dichiara inammissibile il ricorso incidentale. Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1 quater, da atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente incidentale dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso incidentale, a norma dello stesso articolo 13, comma 1 bis.

  1. Come più volte affermato da questa Corte, nel giudizio avente ad oggetto il risarcimento del danno da attività medico – chirurgica, l’attore deve provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) ed allegare l’insorgenza (o l’aggravamento) della patologia e l’inadempimento qualificato del debitore, astrattamente idoneo a provocare (quale causa o concausa efficiente) il danno lamentato, rimanendo a carico del medico convenuto e/o della struttura sanitaria dimostrare che tale inadempimento non vi sia stato, ovvero che, pur essendovi stato, lo stesso non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno – (Cass., sez. un., 11 gennaio 2008, n. 577; Cass. 12 settembre 2013, n. 20904 e Cass. 12 dicembre 2013, n. 27855). A tale principio, che va ribadito in questa sede, non si sono attenuti i Giudici del merito, pur avendolo richiamato espressamente nella sentenza impugnata.

  1. Era, infatti, onere dell’Azienda provare che non vi fosse stato inadempimento, tenuto conto delle condizioni del paziente al momento dell’ingresso nella struttura sanitaria e delle attività curative ivi praticate; al riguardo, pertanto, la Corte di merito dovrà procedere al riesame della fattispecie, prendendo posizione anche sulle censure sollevate dall’attuale ricorrente ed attinenti ai non completi esami diagnostici effettuati (v. ricorso p. 14).

  2. Ogni altra questione proposta con il motivo in parola resta assorbita dall’accoglimento della censura in ordine al profilo appena esaminato. 4. Il parziale accoglimento del primo motivo di ricorso comporta l’assorbimento del secondo motivo.

Suprema Corte di Cassazione

sezione III

sentenza  6 ottobre 2014, n. 21025

Svolgimento del processo

Con atto notificato nel 2000, E.M. conveniva in giudizio, innanzi al Tribunale di Livorno, sezione distaccata di Portoferraio, l’Azienda Usl n. 6 della Regione Toscana chiedendone la condanna al risarcimento dei danni.

Deduceva l’attore che in data 26 maggio 1996 aveva riportato, a seguito di una caduta, la frattura del femore destro; era stato ricoverato presso l’ospedale di Portoferraio dove era stato sottoposto ad intervento chirurgico di osteosintesi con placca a vite e scivolamento; perdurando i dolori alla gamba, si era poi sottoposto ad ulteriori accertamenti ed aveva rilevato che, mentre la situazione pre intervento non presentava alcuno spostamento dei frammenti, la situazione post operatoria evidenziava, invece, un vistoso e grave spostamento della zona di frattura, determinato dall’invasività della vite e dalla forza di coartazione che essa sviluppava; si era sottoposto a nuovi controlli nei mesi successivi da cui era stato evidenziato lo “spostamento della frattura”.

Il Tribunale adito, con sentenza del 25 giugno 2004, rigettava la domanda.

Avverso tale decisione l’E. proponeva appello, cui resisteva l’Azienda appellata.

La Corte di appello di Firenze, con sentenza del 7 maggio 2010, rigettava il gravame e condannava l’appellante alle spese. Affermava la Corte territoriale che l’appellante non aveva provato l’aggravamento della frattura ed evidenziava che il consulente tecnico, con indagine motivata, dettagliata e convincente, aveva accertato che l’E. aveva riportato, a seguito della caduta, una frattura laterale dell’estremità superiore del femore, che la radiografia effettuata il giorno seguente alla caduta era relativa solo a proiezioni anteroposteriori e non consentiva, quindi, una valutazione del grado effettivo di scomposizione e una diagnosi di frattura composta, valutabile solo dalla proiezione laterale, non eseguita nella fattispecie, e che nulla consentiva di affermate che vi erano stati difetti di tecnica, essendo ben spiegabili gli esiti della frattura riscontrati, con le caratteristiche stesse di tale lesione fratturativi, non risultando dall’indagine anamnestico-clinica effettuata alcun rapporto concausale iatrogeno al quadro clinico riscontrato. Riteneva la Corte di merito che da tanto non poteva “neppure porsi il problema se dal fatto di una terapia medica non corretta” potesse ricavarsi la prova presuntiva di un aggravamento della patologia.

Avverso la sentenza della Corte di merito l’E. ha proposto ricorso per cassazione, illustrato da memoria, sulla base di due motivi. Ha resistito con controricorso l’Azienda USL n. 6 della Regione Toscana.

Motivi della decisione

  1. Con il primo motivo si lamenta “violazione e falsa applicazione di norme di diritto ai sensi dell’art. 360 c.p.c. n. 3 in relazione agli artt. 1176, 2236, 1228, 2697 c.c.”.

Il ricorrente censura la sentenza impugnata nella parte in cui ha ritenuto che l’onere di provare l’aggravamento della frattura rispetto alla causa naturale (caduta), “nel senso che la frattura del femore da composta prima dell’intervento era divenuta frattura scomposta del femore dopo ed in conseguenza dell’intervento”; non era stato da lui assolto pur essendo tale onere posto a suo carico.

Assume l’E. di essere tenuto a provare soltanto l’aggravamento della patologia consistente nella pluriframmentazione del collo del femore e nell’accorciamento dell’arto con le difficoltà di deambulazione ad esso collegate e di aver assolto tale onere. Pertanto, la Corte di appello avrebbe dovuto ritenere pienamente provato l’aggravamento della patologia ed affermare l’onere dell’Azienda di provare che i predetti esiti – nell’ambito di una operazione chirurgica di routine e di non particolare difficoltà – erano dipesi non dall’intervento ma dalle caratteristiche originarie della frattura. Ad avviso del ricorrente, per escludere il nesso di causalità, l’attuale controricorrente avrebbe dovuto dimostrare quali fossero le caratteristiche della frattura prima dell’intervento e, quindi, provare non tanto che la frattura era scomposta anche prima dell’intervento quanto piuttosto che la frattura era pluriframmentaria già prima dell’intervento, onere nella specie non assolto, non avendo la struttura sanitaria eseguito la radiografia in proiezione laterale, sicché la Corte di merito avrebbe dovuto attribuire la responsabilità dell’evento in capo alla convenuta Azienda.

  1. Con il secondo motivo rubricato “errata, insufficiente e contraddittoria motivazione ai sensi dell’art 360 c.p.c. n. 5 in relazione agli artt. 115, 116 196 e 231 c.p.c. (per contraddittorietà della consulenza tecnica, ingiusto diniego della rinnovazione della consulenza tecnica, illegittima integrazione del parere del ct.)”, l’E. sostiene che la Corte di merito avrebbe “omesso di motivare come la pluiriframmentazione della testa del femore e l’accorciamento dell’arto fossero preesistenti all’intervento chirurgico, facendo propria l’uguale omissione compiuta dal CTU e rifiutandosi di dare ingresso ad un nuovo accertamento peritale, così affermando immotivatamente che nella fattispecie non sussistevano difetti di tecnica operatoria chirurgica”.

  2. Il primo motivo di ricorso è parzialmente fondato e va accolto per quanto di ragione.

Nella sentenza impugnata si afferma che l’E. non ha provato, come era suo onere, l’aggravamento della frattura rispetto alla sua causa naturale (caduta) sul rilievo che il CTU ha acclarato che nella caduta l’attuale ricorrente aveva riportato la frattura laterale dell’estremità superiore del femore e che la radiografia del 27 maggio 1996 era relativa solo a proiezioni antero-posteriori, il che non consentiva una valutazione del grado effettivo di scomposizione e, quindi, una diagnosi di frattura composta, valutabile solo dalla proiezione laterale, non eseguita nella fattispecie.

Come più volte affermato da questa Corte, nel giudizio avente ad oggetto il risarcimento del danno da attività medico – chirurgica, l’attore deve provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) ed allegare l’insorgenza (o l’aggravamento) della patologia e l’inadempimento qualificato del debitore, astrattamente idoneo a provocare (quale causa o concausa efficiente) il danno lamentato, rimanendo a carico del medico convenuto e/o della struttura sanitaria dimostrare che tale inadempimento non vi sia stato, ovvero che, pur essendovi stato, lo stesso non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno – (Cass., sez. un., 11 gennaio 2008, n. 577; Cass. 12 settembre 2013, n. 20904 e Cass. 12 dicembre 2013, n. 27855). A tale principio, che va ribadito in questa sede, non si sono attenuti i Giudici del merito, pur avendolo richiamato espressamente nella sentenza impugnata.

Era, infatti, onere dell’Azienda provare che non vi fosse stato inadempimento, tenuto conto delle condizioni del paziente al momento dell’ingresso nella struttura sanitaria e delle attività curative ivi praticate; al riguardo, pertanto, la Corte di merito dovrà procedere al riesame della fattispecie, prendendo posizione anche sulle censure sollevate dall’attuale ricorrente ed attinenti ai non completi esami diagnostici effettuati (v. ricorso p. 14).

Ogni altra questione proposta con il motivo in parola resta assorbita dall’accoglimento della censura in ordine al profilo appena esaminato. 4. Il parziale accoglimento del primo motivo di ricorso comporta l’assorbimento del secondo motivo.

  1. Alla luce di quanto precede, l’impugnata sentenza va cassata in relazione alla censura accolta, con rinvio – anche per le spese del presente giudizio di cassazione – alla Corte di appello di Firenze, in diversa composizione, che si uniformerà al suddetto principio di diritto e a quanto sopra evidenziato.

P.Q.M.

La Corte accoglie in parte il primo motivo di ricorso, assorbito il secondo; cassa e rinvia, anche per le spese del giudizio di legittimità, alla Corte di appello di Firenze, in diversa composizione.

  1. In ogni caso, i profili di censura che, invero genericamente, si indirizzano in iure (almeno secondo la declinazione del quesito che li sorregge) contro il convincimento della Corte territoriale in punto di efficienza causale della condotta del danneggiato e di esistenza di una condizione di pericolo (a tal riguardo facendo valere promiscuamente la violazione degli artt. 2043 e 2051 cod. civ., senza tuttavia introdurre temi diversi da quelli relativi all’endiade colpa del danneggiato/insidia stradale, unicamente avuta di mira dall’impianto del motivo), non sono tali da scalfirne l’idoneità a sorreggere la decisione, posto che le affermazioni del giudice del merito non collidono affatto con i principi della materia.

  1. Ed invero la Corte territoriale, pur riconoscendo “elementi di colpa” a carico dei convenuti, ha ritenuto assorbente l’efficienza causale delle condotta del conducente del mezzo sul quale era trasportata la macchina operatrice, cosi allineandosi al principio secondo il quale “in tema di responsabilità civile aquiliana, il nesso causale è regolato dai principi di cui agli artt. 40 e 41 cod. pen. per i quali un evento è da considerare causato da un altro se, ferme restando le altre condizioni, il primo non si sarebbe verificato in assenza del secondo (cosiddetta teoria della condicio sine qua non) nonché dal criterio della cosiddetta causalità adeguata, sulla base della quale, all’interno della serie causale, occorre dar rilievo solo a quegli eventi che non appaiono – ad una valutazione ex ante – del tutto inverosimili. Il rigore del principio dell’equivalenza delle cause, di cui all’art. 41 cod. pen., in base al quale, se la produzione di un evento dannoso é riferibile a più azioni od omissioni, deve riconoscersi ad ognuna di esse efficienza causale, trova il suo temperamento nella causalità efficiente, desumibile dal secondo comma dell’art. 41 cod. pen., in base al quale l’evento dannoso deve essere attribuito esclusivamente all’autore della condotta sopravvenuta, solo se questa condotta risulti tale da rendere irrilevanti le altre cause preesistenti, ponendosi al di fuori delle normali linee di sviluppo della serie causale già in atto” (tra le altre, cfr. Cass., 10 ottobre 2008, n. 25028).

Suprema Corte di Cassazione

sezione III

sentenza  20 maggio 2014, n. 11079

Ritenuto in fatto

1.- P.S. conveniva in giudizio, dinanzi al Tribunale di Taranto, B.A. , B.C. , B.M. e l’Amministrazione Provinciale di Taranto, chiedendone la condanna al risarcimento del danno subito allorché, sulla strada provinciale (omissis) , la sua macchina operatrice, trasportata su un rimorchio, aveva urtato contro un ramo d’olivo che da un fondo di proprietà dei predetti B. sporgeva sulla indicata strada provinciale.

1.1 – Il Tribunale adito rigettava la domanda.

  1. – Avverso tale sentenza proponeva appello P.S. .

Nel corso del giudizio di gravame, dichiarato interrotto per la morte dell’appellato B.A. , si costituiva la Provincia di Taranto e, degli altri appellati, soltanto B.M. .

2.1. – La Corte d’appello di Lecce, sezione distaccata di Taranto, con sentenza resa pubblica il 6 giugno 2007, rigettava l’impugnazione, osservando, al pari di quanto ritenuto dal primo giudice, che, seppure a carico dei convenuti si potessero riscontrare elementi di colpa, tuttavia, posto che “il ramo in questione era sicuramente ben visibile”, la condotta del conducente il mezzo sul quale era trasportata la macchina operatrice danneggiata (“trasporto di per sé pericoloso”) non si era adeguata alla richiesta prudenza ed attenzione, cosi da porre in essere “una serie causale sopravvenuta, di per sé idonea a provocare l’evento dannoso, sicché le cause concorrenti e preesistenti restavano prive di effetto perché inadeguate rispetto ad esso, che si poneva fuori della normale linea evolutiva delle conseguenze proprie delle cause pregresse”.

  1. – Per la cassazione di tale sentenza ricorre P.S. , affidando le sorti dell’impugnazione a un unico motivo di ricorso.

Resiste con controricorso B.M. , che ha anche depositato memoria.

Non hanno svolto attività difensiva in questa sede gli intimati Amministrazione Provinciale di Taranto e B.C.M. .

3.1. – Il 25 febbraio 2014, data fissata per l’udienza pubblica, le parti non si sono presentate per la discussione.

L’avviso di detta udienza era stato comunicato all’unico difensore del ricorrente presso la cancelleria di questa Corte in data 15 gennaio 2014 e al ricorrente P.S. personalmente, tramite notifica ricevuta dalla moglie convivente in data 16 gennaio 2014; ciò a seguito del rilievo, da parte della stessa cancelleria, della cancellazione dall’albo, in data 28 gennaio 2011, del difensore del medesimo ricorrente, avvocato Cosimo Damiano Saracino.

Alla parte controricorrente la comunicazione dell’udienza è stata ritualmente effettuata nel domicilio eletto.

Considerato in diritto

  1. — Preliminarmente, va ritenuta la ritualità dell’avviso ex art. 377, secondo comma, cod. proc. civ. anche nei confronti della parte ricorrente, senza doversi disporre il rinvio dell’udienza per una nuova comunicazione dell’avviso medesimo.

Nella specie, P.S. – che non ha eletto domicilio in Roma, ma presso lo studio del proprio unico difensore, avvocato Cosimo Saracino, in Sava (Taranto) — ha ricevuto personalmente, a seguito della cancellazione del predetto difensore dal relativo albo riscontrata dalla cancelleria di questa Corte, la comunicazione dell’avviso di udienza, che gli è stata tempestivamente e ritualmente notificata a mezzo di ufficiale giudiziario (oltre che notificata presso la cancelleria di questa Corte). Con ciò risulta tutelato il diritto difesa del ricorrente, essendogli stato consentito, in forza della notificazione anzidetta, effettuata direttamente nei suoi confronti, di provvedere, entro un lasso di tempo ragionevole, alla sostituzione del difensore cancellato dall’albo.

2.- Con l’unico articolato mezzo, assistito da quesiti ex art. 366 bis cod. proc. civ., è prospettata: in relazione all’art. 360, primo comma, n. 4, cod. proc. civ., “nullità od erroneità della sentenza e/o del procedimento”; in subordine, in relazione all’art. 360, primo comma, n. 3, cod. proc. civ., “violazione, erronea interpretazione e falsa applicazione di norme di diritto processuale” e, in particolare, degli artt. 112-116 cod. proc. civ. e degli art. 1227, 2043, 2051 e 2697 cod. civ., “in quanto la sentenza ha ritenuto di attribuire la responsabilità dell’evento alla sola condotta di guida dell’autoveicolo dell’attore ed ha pure falsamente ritenuto che i convenuti, pur avendo degli elementi di colpa a loro carico, andassero esenti da responsabilità risarcitoria”; in subordine, e in relazione all’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., “omessa o insufficiente o contraddittoria motivazione in ordine agli stessi punti decisivi della controversia”.

Nella sentenza impugnata mancherebbe un riferimento all’istruttoria che renda sicuro come la determinazione dell’evento dannoso fosse da ricondurre alla condotta del conducente il veicolo. La Corte territoriale, infatti, avrebbe errato nel ritenere che il conducente non poteva non avvistare il pericolo costituito dal ramo sporgente sulla strada in quanto vi era bel tempo, sia perché “è fatto naturale che nei luoghi dell’evento sinistrorso il tramonto si verifica prima delle ore 20:30 circa (per l’esattezza alle ore 20:23) sia perché il testimone, proprio in quella parte della testimonianza ricordata dalla Corte territoriale, aveva ricordato che al momento dell’incidente era già buio”.

L’iter motivazionale della sentenza sarebbe, inoltre, privo di coerenza logico-giuridica, nella misura in cui, pur rilevando l’esistenza di elementi di colpa a carico dei convenuti, si riconosce la responsabilità dell’evento dannoso in capo al solo conducente.

2.1. – Il motivo non può trovare accoglimento.

In primo luogo la censura di violazione processuale, ai sensi del n. 4 del primo comma dell’art. 360 cod. proc. civ. si appalesa inammissibile, giacché risulta soltanto indicata in rubrica, ma del tutto priva di ragioni a sostegno nel corpo del motivo, oltre a non essere rappresentata nel formulato quesito di diritto [il quale cosi recita: “1mo) voglia compiacersi la Suprema Corte di affermare o negare se sia conforme al disposto normativo rinveniente negli artt. 112-116 c.p.c. e degli artt. 1227, 2043, 2051 e dell’art. 2697 c.c. ritenere la condotta del conducente del mezzo attoreo unica causa del sinistro per cui è causa, pur riconoscendo elementi di colpa a carico delle altre parti nell’avere creato una condizione di pericolo reale e senza alcun riferimento ad un sicuro esito istruttorio che renda certe l’esistenza di condizioni di avvistabilità e/o prevedibilità del suddetto pericolo; 2ndo) nel caso in cui ritenga la non conformità, dica la Corte se tale difetto abbia comportato “violazione, erronea interpretazione e falsa applicazione di legge” in riferimento alle norme indicate in epigrafe del presente motivo di ricorso”].

Per il resto, il motivo mira essenzialmente a censurare l’apprezzamento di fatto che sorregge la decisione della Corte territoriale, surrogandosi inammissibilmente al potere di delibazione delle prove spettante soltanto al giudice del merito e ciò attraverso una interpretazione delle risultanze processuali diversa ed alternativa a quella fornita dal medesimo giudice.

Tentativo, questo, che si palesa evidente là dove il ricorrente – sia attraverso una allegazione documentale inserita in ricorso (in violazione dell’art. 372 cod. proc. civ., in quanto non previamente prodotta nel giudizio di merito) concernente una “scheda dei comuni di (omissis) e di (…), con indicazione delle effemeridi”, sia adducendo che il teste escusso nel corso del giudizio aveva affermato che al momento del sinistro era già buio, senza tuttavia trascrivere il contenuto di tale deposizione testimoniale, né indicare il “luogo” processuale ove poterla reperire (in violazione, dunque, del principio di autosufficienza del ricorso per cassazione e dell’art. 366, primo comma, n. 6, cod. proc. civ.) – ha inteso contrastare l’accertamento della Corte territoriale, basato proprio sulla anzidetta deposizione testimoniale, in ordine alla visibilità dell’eventuale insidia (costituita dal ramo sporgente sulla strada provinciale), in ragione del fatto che “l’evento de quo è avvenuto alle ore 20,30 circa, con l’ora legale, e in una giornata di bel tempo, il 7 luglio, e cioè soltanto 15 giorni dopo il solstizio d’estate”.

In ogni caso, i profili di censura che, invero genericamente, si indirizzano in iure (almeno secondo la declinazione del quesito che li sorregge) contro il convincimento della Corte territoriale in punto di efficienza causale della condotta del danneggiato e di esistenza di una condizione di pericolo (a tal riguardo facendo valere promiscuamente la violazione degli artt. 2043 e 2051 cod. civ., senza tuttavia introdurre temi diversi da quelli relativi all’endiade colpa del danneggiato/insidia stradale, unicamente avuta di mira dall’impianto del motivo), non sono tali da scalfirne l’idoneità a sorreggere la decisione, posto che le affermazioni del giudice del merito non collidono affatto con i principi della materia. Ed invero la Corte territoriale, pur riconoscendo “elementi di colpa” a carico dei convenuti, ha ritenuto assorbente l’efficienza causale delle condotta del conducente del mezzo sul quale era trasportata la macchina operatrice, cosi allineandosi al principio secondo il quale “in tema di responsabilità civile aquiliana, il nesso causale è regolato dai principi di cui agli artt. 40 e 41 cod. pen. per i quali un evento è da considerare causato da un altro se, ferme restando le altre condizioni, il primo non si sarebbe verificato in assenza del secondo (cosiddetta teoria della condicio sine qua non) nonché dal criterio della cosiddetta causalità adeguata, sulla base della quale, all’interno della serie causale, occorre dar rilievo solo a quegli eventi che non appaiono – ad una valutazione ex ante – del tutto inverosimili. Il rigore del principio dell’equivalenza delle cause, di cui all’art. 41 cod. pen., in base al quale, se la produzione di un evento dannoso é riferibile a più azioni od omissioni, deve riconoscersi ad ognuna di esse efficienza causale, trova il suo temperamento nella causalità efficiente, desumibile dal secondo comma dell’art. 41 cod. pen., in base al quale l’evento dannoso deve essere attribuito esclusivamente all’autore della condotta sopravvenuta, solo se questa condotta risulti tale da rendere irrilevanti le altre cause preesistenti, ponendosi al di fuori delle normali linee di sviluppo della serie causale già in atto” (tra le altre, cfr. Cass., 10 ottobre 2008, n. 25028).

Del pari coerente con l’orientamento stabile di questa Corte è l’affermazione del giudice di secondo grado – una volta ritenuta accertata la sussistenza della duplice circostanza della visibilità del pericolo e della evitabilità dello stesso mediante l’adozione di una condotta più prudente – in ordine al carattere colposo della condotta tenuta nella specie dal danneggiato, giacché, in caso di sinistri riconducibili a situazioni di pericolo connesse alla struttura o alle pertinenze della strada stessa, la conseguente responsabilità derivante dal difetto di manutenzione – come affermato, tra le altre da Cass., 16 maggio 2013, n. 11946 e Cass., 22 ottobre 2013, n. 23919 (nella medesima ottica anche Cass., 13 luglio 2011, n. 15375; Cass., 18 ottobre 2011, n. 21508; Cass., 28 settembre 2012, n. 16542; Cass., 12 marzo 2013, n. 6101; Cass., 20 gennaio 2014, n. 999) – può essere attenuata o esclusa in funzione dell’accertamento della concreta possibilità per l’utente danneggiato di percepire o prevedere con l’ordinaria diligenza la situazione di pericolo. E, nel compiere tale ultima valutazione, si dovrà tener conto che quanto più questo è suscettibile di essere previsto e superato attraverso l’adozione di normali cautele da parte del danneggiato, tanto più il comportamento della vittima incide nel dinamismo causale del danno, sino ad interrompere il nesso eziologico tra la condotta attribuibile al responsabile e l’evento dannoso.

  1. – Il ricorrente, in quanto soccombente, va condannato al pagamento, in favore della controricorrente, delle spese del presente giudizio di legittimità, come liquidate in dispositivo.

Nulla è da disporsi quanto alla regolamentazione di dette spese nei confronti degli altri intimati, che non hanno svolto attività difensiva in questa sede.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida, in favore di B.M. , in complessivi Euro 1.500,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge

DANNO MEDICO – MALASANITA’ –RESPONSABILITA’ MEDICA

 

In sintesi questa Corte ha avuto modo di affermare (V Sez. 4^, Sentenza n. 16237 del 29/01/2013 Ud. Rv. 255105) che, già ad una prima lettura della norma (art. 3) risulta chiaro che due sono i tratti di nuova emersione. Da un lato la distinzione tra colpa lieve e colpa grave, per la prima volta normativamente introdotta nell’ambito della disciplina penale dell’imputazione soggettiva.

Dall’altro, la valorizzazione delle linee guida e delle virtuose pratiche terapeutiche, purché corroborate dal sapere scientifico. Si tratta di novità di non poco conto. La colpa penale, sia pure in un contesto limitato, assume ora una duplice configurazione.

E d’altra parte viene abbozzato, in ambito applicativo, un indirizzo sia per il terapeuta che per il giudice, nel segno della documentata aderenza al più accreditato sapere scientifico e tecnologico.

Si è ribadito (essendo patrimonio già della giurisprudenza dei questa Corte) che le linee guida costituiscono sapere scientifico e tecnologico codificato, reso disponibile in forma condensata, in modo che possa costituire un’utile guida per orientare agevolmente, in modo efficiente ed appropriato, le decisioni terapeutiche. Si tenta di oggettivare, uniformare le valutazioni e le determinazioni; e di sottrarle all’incontrollato soggettivismo del terapeuta. I vantaggi di tale sistematizzata opera di orientamento sono tanto noti quanto evidenti.

Tali regole, non danno luogo a norme propriamente cautelari e non configurano, quindi, ipotesi di colpa specifica. Esse, tuttavia hanno a che fare con le forti istanze di determinatezza che permeano la sfera del diritto penale. Tale enunciazione, assai utile alla comprensione del sistema e delle implicazioni di fondo connesse alla riforma, ha bisogno di un breve chiarimento.

Preliminare è l’esame della censura relativa al mancato accoglimento della richiesta di rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale mediante l’affidamento di incarico peritale ad perito di ufficio.

In merito si osserva che l’istituto della rinnovazione del dibattimento in appello costituisce istituto eccezionale che deroga al principio di completezza dell’istruzione dibattimentale di primo grado, per cui ad esso può e deve farsi ricorso soltanto quando il giudice lo ritenga assolutamente indispensabile ai fini del decidere (nel senso che non sia altrimenti in grado di farlo allo stato degli atti). La determinazione del giudice, in proposito, è incensurabile in sede di legittimità se congruamente e logicamente motivata (v. ex pluribus Cass. 4^, 10 giugno 2003, Vassallo).

La Corte distrettuale rileva che la perizia medico legale, come emerge dalla stessa richiesta del ricorrente, aveva la finalità di accertare una diversa causa della lacerazione del sigma, al di là di quella individuata dell’errata manovra nell’esecuzione della colonscopia, ed, in particolare, una lacerazione delle pareti conseguente alla pressione dell’aria, c.d. barotrauma, introdotta in maniera eccessiva e non adeguata, ovvero nell’accertare se sussistessero patologie o condizioni particolare che avrebbero potuto avere incidenza sull’esame, innalzando la soglia del rischio di una complicanza.

Con riferimento al primo accertamento, in sentenza si legge che ‘non risultano, invero, espressi rilievi tecnici specifici – fondati su considerazioni medico-legali – alle conclusioni del consulente del P.M., Dott. R. , il quale, sentito sul punto in dibattimento, ha ritenuto di escludere che la lesione riportata dalla paziente possa essere attribuita ad un barotrauma, lasciando chiaramente intendere che un barotrauma rappresenta un errore madornale, certamente non scusabile’. In ordine a tale osservazione, in maniera del tutto adeguata, la Corte del merito rileva che l’eventuale accertamento del barotrauma non potrebbe condurre al risultato sperato dalla Difesa, vale a dire l’elisione ad opera di una circostanza sopravvenuta del nesso causale tra la condotta contestata e l’evento, implicando il barotrauma un più severo giudizio di colpevolezza, atteso che a praticare l’insufflazione dell’aria era stato lo stesso S. .

Quanto al secondo accertamento, parimenti ritenuto del tutto non necessario ai fini del giudizio, i giudici dell’appello, sempre condividendo il parere espresso sul punto dal Dott. R. , hanno considerato che lo stesso referto medico, stilato dal medico operatore, non ha evidenziato alcuna circostanza obiettiva tale da ostacolare la progressione della sonda al momento dell’esecuzione dell’esame.

Conclude la Corte territoriale: ‘né la nomina di un perito appare necessaria al fine di ricostruire la dinamica degli eventi, dovendosi rilevare che – attraverso la documentazione sanitaria acquisita in atti ed il parere chiaro e preciso espresso dal consulente del P.M., in quanto fondato su corrette conoscenze medico legali e privo di vizi logici, tali da inficiarne la validità – non si ravvisano zone d’ombra nella ricostruzione dei fatto, risultando nettamente individuata la condotta posta in essere dall’imputato e non essendo posto in dubbio il nesso di causalità tra condotta ed evento e i profili della imputazione dello stesso evento’.

Dunque, la Corte di merito ha spiegato, con motivazione esaustiva e congrua perché si sia convinta della superfluità della assunzione della prova richiesta dalla difesa, evidenziando la ricchezza dei dati dimostrativi della responsabilità dell’imputato, secondo un itinerario logico che non presenta smagliature o contraddizioni interne e che, in quanto tale, non può essere messo in discussione in questa sede.

A questo si aggiunga che il sindacato che la Corte di cassazione può esercitare in relazione alla correttezza della motivazione di un provvedimento pronunciato su una richiesta di rinnovazione del dibattimento non può mai essere esercitato sulla concreta rilevanza dell’atto o della testimonianza da acquisire, ma deve esaurirsi nell’ambito del contenuto esplicativo del provvedimento adottato (v. Cass. S.U. 23 novembre 1995, P.G. in c. Fachini).

 

 

Suprema CORTE DI CASSAZIONE

sezione IV

SENTENZA 3 febbraio 2016, n. 4468

est. dott. Claudio D’Isa

Ritenuto in fatto

S.G. ricorre per cassazione avverso la sentenza, indicata in epigrafe, della Corte d’appello di Caltanissetta che ha confermato la sentenza di condanna emessa nei suoi confronti dal locale Tribunale in ordine al delitto di lesioni colpose.

In sintesi, per una migliore intelligenza dei motivi posti a base del ricorso, il fatto: in data (OMISSIS), P.G. veniva sottoposta, a cura del medico S.G. , (alle ore 16.00) a colonscopia presso la Casa di Cura Regina Pacis in (omissis) ; all’esito dell’intervento, tornata a casa, cominciava ad accusare forti dolori all’addome; quindi, veniva ricoverata, nello stesso giorno, presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale (…) del medesimo centro e, dopo gli esami clinici, sottoposta, alle ore 00,20, ad urgente intervento chirurgico, nel corso del quale si rilevava la lacerazione di tre centimetri del sigma. Fu effettuata la riparazione di tale tratto intestinale e confezionato un ano sigmoideo. La paziente, dimessa il (omissis) , successivamente, fu di nuovo ricoverata, per versamento pleurico intestinale, fino al giorno 23 dello stesso mese. Disposta consulenza medico legale dal P.M., l’ausiliario riferiva, in ordine alle modalità di esecuzione della colonscopia, che – a livello del sigma, tratto molto circumvoluto e di difficile esplorazione – il rischio perforativo, pur sussistente, può ritenersi eccezionale. Nel caso di specie la lesione era da ricondurre all’azione meccanica della sonda, azionata dal sanitario, e doveva escludersi la presenza di cause concorrenti che avrebbero potuto aumentare il rischio di lacerazioni (ad es. fragilità delle parti del colon, retocolite ulcerosa o diverticolite).

Il giudice di primo grado riteneva sussistente il nesso di causalità tra la condotta ascritta all’imputato e l’evento, anche sottolineando che, fra il momento della colonscopia ed il momento del successivo ricovero ospedaliere, non era intervenuta alcuna causa interruttiva.

La Corte d’appello, adita dall’imputato e dal responsabile civile società ‘Skema Iniziative sanitarie s.r.l.’, nella persona del legale rappresentante, nel fare proprio l’impianto motivazionale della sentenza di primo grado, ha ritenuto infondati i motivi posti a base dei gravame di merito.

Con l’odierno ricorso e con il primo motivo il ricorrente denuncia violazione di legge per la mancata applicazione della normativa introdotta dalla legge n. 189 del 2012 (Legge Balduzzi) in materia di responsabilità medica per colpa lieve per un errore di manovra eseguito nel rispetto delle linee guida.

In particolare, si premette che il Tribunale aveva escluso l’applicazione della normativa de qua confondendo il concetto di perizia con quello di negligenza, a ciò poneva rimedio – solo in parte – la Corte d’appello che riconosce che l’errata esecuzione della manovra attiene alla perizia, ma trova un altro motivo di esclusione: non sarebbe stato provato il rispetto delle linee guida, né tale indagine sarebbe necessaria per la genericità della contestazione sul punto.

Si rileva che, non solo è evidente che il rispetto della linea guida è stato pacificamente accertato in primo grado, ma, in ogni caso, laddove si ritenesse non provato, non si comprende per quale ragione la Corte non ha accolto la richiesta di una consulenza di ufficio basandosi solo su quella del Consulente del PM.

Con il secondo motivo si denuncia vizio di motivazione nel ritenere la ricostruzione operata dal consulente del PM idonea a superare le doglianze avanzate dall’imputato. In sostanza, si censura il mancato accoglimento della richiesta di rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale, evidenziando che l’affidarsi esclusivamente al consulente di parte, in presenza di una indicazione contraria di parte avversa, rende il consulente del P.M. l’arbitro che decide il processo. A fronte di insanabili discordanze il giudice, privo di competenze mediche, avrebbe dovuto affidarsi ad un esperto che avrebbe potuto esporre il quadro del sapere scientifico nell’ambito del giudizio. Il Tribunale si è trovato di fronte a due ricostruzioni mediche del fatto: quella del consulente del P.M., che ha attribuito la responsabilità penale del fatto al ricorrente sulla base di un errore di esecuzione, e quella dell’imputato stesso, medico specialista in gastroenterologia, che ha fornito una spiegazione alternativa delle lesioni, ovvero una lacerazione delle pareti conseguenti alla pressione dell’aria, il c.d. barotrauma.

Considerato in diritto

I motivi addotti sono da ritenersi infondati e determinano il rigetto del ricorso.

Preliminare è l’esame della censura relativa al mancato accoglimento della richiesta di rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale mediante l’affidamento di incarico peritale ad perito di ufficio.

In merito si osserva che l’istituto della rinnovazione del dibattimento in appello costituisce istituto eccezionale che deroga al principio di completezza dell’istruzione dibattimentale di primo grado, per cui ad esso può e deve farsi ricorso soltanto quando il giudice lo ritenga assolutamente indispensabile ai fini del decidere (nel senso che non sia altrimenti in grado di farlo allo stato degli atti). La determinazione del giudice, in proposito, è incensurabile in sede di legittimità se congruamente e logicamente motivata (v. ex pluribus Cass. 4^, 10 giugno 2003, Vassallo).

La Corte distrettuale rileva che la perizia medico legale, come emerge dalla stessa richiesta del ricorrente, aveva la finalità di accertare una diversa causa della lacerazione del sigma, al di là di quella individuata dell’errata manovra nell’esecuzione della colonscopia, ed, in particolare, una lacerazione delle pareti conseguente alla pressione dell’aria, c.d. barotrauma, introdotta in maniera eccessiva e non adeguata, ovvero nell’accertare se sussistessero patologie o condizioni particolare che avrebbero potuto avere incidenza sull’esame, innalzando la soglia del rischio di una complicanza.

Con riferimento al primo accertamento, in sentenza si legge che ‘non risultano, invero, espressi rilievi tecnici specifici – fondati su considerazioni medico-legali – alle conclusioni del consulente del P.M., Dott. R. , il quale, sentito sul punto in dibattimento, ha ritenuto di escludere che la lesione riportata dalla paziente possa essere attribuita ad un barotrauma, lasciando chiaramente intendere che un barotrauma rappresenta un errore madornale, certamente non scusabile’. In ordine a tale osservazione, in maniera del tutto adeguata, la Corte del merito rileva che l’eventuale accertamento del barotrauma non potrebbe condurre al risultato sperato dalla Difesa, vale a dire l’elisione ad opera di una circostanza sopravvenuta del nesso causale tra la condotta contestata e l’evento, implicando il barotrauma un più severo giudizio di colpevolezza, atteso che a praticare l’insufflazione dell’aria era stato lo stesso S. .

Quanto al secondo accertamento, parimenti ritenuto del tutto non necessario ai fini del giudizio, i giudici dell’appello, sempre condividendo il parere espresso sul punto dal Dott. R. , hanno considerato che lo stesso referto medico, stilato dal medico operatore, non ha evidenziato alcuna circostanza obiettiva tale da ostacolare la progressione della sonda al momento dell’esecuzione dell’esame.

Conclude la Corte territoriale: ‘né la nomina di un perito appare necessaria al fine di ricostruire la dinamica degli eventi, dovendosi rilevare che – attraverso la documentazione sanitaria acquisita in atti ed il parere chiaro e preciso espresso dal consulente del P.M., in quanto fondato su corrette conoscenze medico legali e privo di vizi logici, tali da inficiarne la validità – non si ravvisano zone d’ombra nella ricostruzione dei fatto, risultando nettamente individuata la condotta posta in essere dall’imputato e non essendo posto in dubbio il nesso di causalità tra condotta ed evento e i profili della imputazione dello stesso evento’.

Dunque, la Corte di merito ha spiegato, con motivazione esaustiva e congrua perché si sia convinta della superfluità della assunzione della prova richiesta dalla difesa, evidenziando la ricchezza dei dati dimostrativi della responsabilità dell’imputato, secondo un itinerario logico che non presenta smagliature o contraddizioni interne e che, in quanto tale, non può essere messo in discussione in questa sede.

A questo si aggiunga che il sindacato che la Corte di cassazione può esercitare in relazione alla correttezza della motivazione di un provvedimento pronunciato su una richiesta di rinnovazione del dibattimento non può mai essere esercitato sulla concreta rilevanza dell’atto o della testimonianza da acquisire, ma deve esaurirsi nell’ambito del contenuto esplicativo del provvedimento adottato (v. Cass. S.U. 23 novembre 1995, P.G. in c. Fachini).

Ed in ogni caso va per completezza rivelato che il ricorrente, pur deducendo formalmente la mancata assunzione di prove decisive quale effetto di un immotivato diniego opposto alla rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale, nella sostanza prospetta – come si diceva sopra – una ricostruzione dei fatti diversa da quella accolta nella sentenza impugnata o, quanto meno, un’interpretazione alternativa dei medesimi, indugiando in considerazioni di merito incompatibili con il giudizio di legittimità.

Inoltre, è inaccettabile l’osservazione secondo cui la consulenza di ufficio andava disposta essendosi la Corte attestata sulle dichiarazioni del Dott. R. , che, in quanto consulente del P.M., è espressione della posizione di una parte processuale, dimenticando il ricorrente che il consulente, nella sua qualità di testimone in dibattimento, è tenuto a riferire in merito al suo operato di ausiliario indipendentemente dal fatto che l’incarico l’abbia ricevuto dal Pubblico Ministero.

A tal riguardo, la giurisprudenza costante di questa Corte ammette, in virtù del principio del libero convincimento del giudice e di insussistenza di una prova legale o di una graduazione delle prove la possibilità del giudice di scegliere fra varie tesi, prospettate da differenti periti, di ufficio e consulenti di parte, quella che ritiene condivisibile, purché dia conto con motivazione accurata ed approfondita delle ragioni del suo dissenso o della scelta operata e dimostri di essersi soffermate sulle tesi che ha ritenuto di disattendere e confuti in modo specifico le deduzioni contrarie delle parti, sicché, ove una simile valutazione sia stata effettuata in maniera congrua in sede di merito, è inibito al giudice di legittimità di procedere ad una differente valutazione, poiché si è in presenza di un accertamento in fatto come tale insindacabile dalla Corte di Cassazione, se non entro i limiti del vizio motivazionale (Sez. 4, Sentenza n. 34747 del 17/05/2012 Ud. Rv. 253512;Sez. 4, Sentenza n. 45126 del 06/11/2008 Ud. Rv. 241907Cass. sez. IV 20 maggio 1989 n.7591 rv.181382).

Circa l’applicazione dell’invocata disposizione normativa di cui alla c.d. Legge Balduzzi, parimenti condivisibile è la motivazione sul punto della sentenza impugnata.

In sintesi questa Corte ha avuto modo di affermare (V Sez. 4^, Sentenza n. 16237 del 29/01/2013 Ud. Rv. 255105) che, già ad una prima lettura della norma (art. 3) risulta chiaro che due sono i tratti di nuova emersione. Da un lato la distinzione tra colpa lieve e colpa grave, per la prima volta normativamente introdotta nell’ambito della disciplina penale dell’imputazione soggettiva. Dall’altro, la valorizzazione delle linee guida e delle virtuose pratiche terapeutiche, purché corroborate dal sapere scientifico. Si tratta di novità di non poco conto. La colpa penale, sia pure in un contesto limitato, assume ora una duplice configurazione. E d’altra parte viene abbozzato, in ambito applicativo, un indirizzo sia per il terapeuta che per il giudice, nel segno della documentata aderenza al più accreditato sapere scientifico e tecnologico. Si è ribadito (essendo patrimonio già della giurisprudenza dei questa Corte) che le linee guida costituiscono sapere scientifico e tecnologico codificato, reso disponibile in forma condensata, in modo che possa costituire un’utile guida per orientare agevolmente, in modo efficiente ed appropriato, le decisioni terapeutiche. Si tenta di oggettivare, uniformare le valutazioni e le determinazioni; e di sottrarle all’incontrollato soggettivismo del terapeuta. I vantaggi di tale sistematizzata opera di orientamento sono tanto noti quanto evidenti.

Tali regole, non danno luogo a norme propriamente cautelari e non configurano, quindi, ipotesi di colpa specifica. Esse, tuttavia hanno a che fare con le forti istanze di determinatezza che permeano la sfera del diritto penale. Tale enunciazione, assai utile alla comprensione del sistema e delle implicazioni di fondo connesse alla riforma, ha bisogno di un breve chiarimento.

Ebbene ciò che va rilevato nel caso di specie è che, a parte il rilievo puntuale della Corte d’appello che in nessun momento del giudizio è stato effettuato un riferimento ad una eventuale conformità della condotta medica rispetto a linee guida esistenti, e che, quindi, è mancata l’indicazione delle stesse onde poter verificare la corrispondenza dell’operato del ricorrente ad esse, ciò che rileva al fine della non configurabilità della colpa lieve è che, rimasta accertata una errata manovra di esecuzione dell’esame strumentale in parola, tale condotta, come delineata e censurata dal C.T., e come ritenuta dai giudici del merito (V. supra), indubitabilmente non può integrare l’ipotesi di colpa lieve, nell’accezione della novella, atteso che essa è sintomatica della mancata adozione di quelle necessarie attività mediche (linee guida) che avrebbero evitato la lesione procurata alla paziente.

Al rigetto del ricorso segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali, oltre alla rifusione delle spese in favore della parte civile che si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali, oltre alla rifusione delle spese in favore della parte civile P.G. che si liquidano in complessivi Euro 2.500,00, oltre accessori come per legge.

BOLOGNA Tre consigli subito per risarcimento incidenti mortali a Alessandria,ASTI!VERCELLI E IN TUTTA ITALIAINCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-stradali.html#sthash.KDOrBZMG.dpuf

PESARO INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/927-consigli-risarcimento-incidenti.html#sthash.WR2N7fcf.dpuf

TREVISO INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/927-consigli-risarcimento-incidenti.html#sthash.WR2N7fcf.dpuf

GORIZIA INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/927-consigli-risarcimento-incidenti.html#sthash.WR2N7fcf.dpuf

VICENZA   INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/927-consigli-risarcimento-incidenti.html#sthash.WR2N7fcf.dpuf

ROVIGO INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-stradali.html#sthash.KDOrBZMG.dpuf

 

CUNEO INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE

 

 

 VERCELLI INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-stradali.html#sthash.KDOrBZMG.dpuf

 

 

 Asti incidente STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-stradali.html#sthash.KDOrBZMG.dpuf

 

 

 ALESSANDRIA INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE – See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-st

 

–            LA SPEZIA  INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE

AREZZO INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE

 

PRATO INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI,  AREZZO RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, AREZZO RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, AREZZO INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,AREZZO INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, PRATO RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE   LUCCA INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, LUCCA  INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE GENOVA INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, GENOVA RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE   PISA INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,PISA RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, PISA RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE   IMPERIA INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, IMPERIA RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI, RISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE, RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALE, INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO ,INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’, INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO,SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI, RISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE,RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE,CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE MORTALE   “Il mio papa’ è stato vittima di un brutto incidente stradale, ci siamo rivolti all’avvocato Sergio Armaroli e in tempi ragionevoli ci ha fatto vere il risarcimento, tenendoci sempre informati sull’andamento della pratica”   Rosa: L’avvocato Sergio Armaroli mi ha assistito per un gravissimo incidente stradale ove ho riportato diverse fratture. Mi ha meravigliato la sua gentilezza e il suo pronto intervento professionale che hanno portato al risarcimento integrale del danno da parte dell’assicurazione in tempi brevi. Salve mi chiamo Annamaria,mi rivolgo a tutte le persone che hanno bisogno di un avvocato che sappia risolvere con concretezza  il proprio problema,problema di qualsiasi causa si tratti! Ebbene io personalmente mi sono rivolta ad un grande Avvocato Sergio Armaroli, per un incidente sulla strada dove io personalmente sono stata investita,l’Avv.Sergio Armaroli ha risolto il mio caso in maniera eccellente. Sono una mamma, e vorrei dare una “mano” a chi potrebbe trovarsi in difficoltà. Questa è la mia esperienza: ho avuto bisogno di rivolgermi ad un avvocato per un problema alquanto delicato che riguardava la serenità scolastica di mio figlio. L’ Avv. Sergio Armaroli di Bologna si è dimostrato, un ottimo professionista molto determinato, preparato e sensibile al mio caso, che per me, era di fondamentale importanza. Ha agito tempestivamente, spiegandomi come era meglio procedere per il bene del mio adorato bambino, dimostrando la massima attenzione ad ogni minimo dettaglio, al fine di risolvere nel migliore dei modi la questione. Anche nei giorni successivi, al primo appuntamento mi ha tenuta costantemente informata dell’evolversi della situazione, senza che io dovessi mai sollecitare, anzi mi ha suggerito preziosissimi consigli. Questo comportamento l’ho tovato di altissima professionalità e mi ha completamente rassicurata. La problematica l’ha risolta con pieno successo e in tempi strettissimi , fatto più unico che raro, dimostrando eccellenti doti professionali. Voglio evidenziare anche la sua correttezza e serietà professionale specificandomi subito sia i costi, sia gli atti che avrebbe predisposto. Lo ringrazio sentitamente e consiglio di rivolgersi all’avv. Sergio Armaroli a chiunque abbia un problema da risolvere. Beatrice   Un utente Google   Ho avuto modo di conoscere l’Avvocato Armaroli di Bologna per motivi di lavoro e l’ho trovato preparato e determinato. In particolare per quanto riguarda il supporto alle aziende per quanto riguarda la contrattualistica internazionale e …Altro     Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti.         5)Anna Maria: ero stata investita come pedone e avevo riportato gravi lesioni con un punteggio del 24 % del danno biologico.. L’avvocato Sergio Armaroli con cortesia e professionalità mi ha seguito nel lungo percorso risarcitorio riuscendo a farmi pagare il danno   MICHELE: Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. Anna: mi sono rivolta all’avvocato Sergio Armarol idi Bologna per un difficile caso di separazione, mio marito non voleva darmi nulla perché se ne era andato di casa e mi aveva lasciato con tre figli. Con molta cortesia e preparazione l’avvocato Sergio Armaroli mi ha assistita affinchè io potessi avere i miei giusti diritti.   Carlo:In un difficile caso di divorzio l’avvocato Sergio Armaroli mi ha assistito con cortesia e professionalità ,riuscendo a far valer ei miei diritti  Paola: mi sono rivolta all’avvocato Sergio Armaroli pe runa separazione ho trovato un avvocato attento e preparato che mi ha dato i giusti consigli   COMPILA IL MODULO SOTTOSTANTE SE VUOI IL MIO AIUTO     – 4 CASTIGATOARE SFATURI PENTRU ACCIDENTE RUTIERE DAUNE
Postat miercuri, douăzeci și un/08/2013 18:20 |
  cum să obțineți daunele din accident de masina grav, avansa cheltuielile medicale cazul în care clientul nu are o șansă “, și are dreptate prin acord scris cu studiul
  APEL acum numărul 051/6447838
Eu scriu pentru tine, care AVETI un prejudiciu mare si nu ai făcut încă BUN
 
Daune accident Scooter Bologna
Accidente rutiere, fie cu mașina sau cu motocicleta sau bicicleta sau pietoni necesită pregătire precis pentru a obține compensarea dreapta.
Nu-mi place pierde ani pentru a recupera daunele, încearcă să rezolve practica clientului pentru daune în cel mai scurt timp posibil, restul de compensare are sens dacă se recunoaște în timp corect, cei care sunt bolnavi, au nevoie de îngrijire, cheltuieli subito.Molte companii uneori deteriorarea progrese importante da cele mai mari pagube din cauza.
 
accident de masina grav (Modena, ROVIGO, Veneția, VERCELLI, ASTI, parcela, Bologna și toată Italia) compensare, patru miscari strategice
  Daune accident scuter
Dacă ați suferit un prejudiciu grav de accident de masina trei mișcări sunt:
 
 
 
 
 
1) dobândesc autoritatea verbal intervenit, acest lucru este foarte important, deoarece ofera toate informatiile necesare pentru dinamica accidentului, textele, dinamica descrise de.
 
2) colecta toate fișele medicale, dosare, vizite de specialitate, raze X, dosare de orice spitalizari.
 
3) Instruiți pentru a practica daune dvs. de la un prejudiciu la un avocat competent de materie, care este, de un avocat care este de obicei daune la persoana.
 
4) să prezinte supraveghere medicală și de diagnostic, atât vin să se bucure funcționalitatea este de a dovedi prejudiciul
 
 
 
1) Rose: Avocatul Sergio Armaroli ma ajutat într-un accident de mașină groaznic când am fost raportate mai multe fracturi. Am fost uimit de bunătatea și primul său intervenție profesionist care a dus la repararea integrală pentru daunele de la societatea de asigurare, cât mai curând posibil.
 
2) Buna ziua, numele meu este Anna, fac apel la toți oamenii care au nevoie de un avocat care știe cum să rezolve concret problema, problema de
 
orice cauza este! Ei bine, eu personal m-am întors într-o mare
 
Avocat Sergio Armaroli pentru un accident pe drumul pe care eu personal
 
au fost investite, Avv.Sergio Armaroli rezolvat cazul meu într-un
 
excelent.
 
Sunt o mama, și aș da o “mână” de cei care ar putea fi în dificultate. Aceasta este experienta mea: am nevoie pentru a cere un avocat pentru un subiect foarte sensibil care cauză linistea de școală fiului meu. Avocat L “. Armaroli Sergio Bologna sa dovedit a fi, un mare profesionist foarte determinat, pregătit și sensibil la cazul meu,
 
 
4) Un utilizator Google
 
3 ani în urmă
 
 
 
Am ajuns sa cunosc avocatul Armaroli Bologna pentru muncă și a constatat că pregătit și hotărât. În special în ceea ce privește sprijinul acordat companiilor în ceea ce privește contractele internaționale și … Mai mult
 
 
 
 
 
4) Bună ziua tuturor,
 
Am fost recent confruntat cu diverse probleme legate de ocuparea forței de muncă. Din fericire am întâlnit “Avocat. Sergio Armaroli care a fost în măsură să mă ghida în diferite situații cu mare calm și profesionalism.Cazul a fost rezolvat rapid și spre satisfacția tuturor.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
5) Anna Maria: Am fost lovit ca un pieton și am fost grav rănit cu un scor de 24% din daunele biologice .. avocatul Sergio Armaroli cu amabilitate și profesionalism mi-a urmat în procesul lung de despăgubire a fi în măsură să-mi taxa pentru prejudiciul
 
 
 
6) MICHAEL: Bună tuturor,
 
Am fost recent confruntat cu diverse probleme legate de ocuparea forței de muncă. Din fericire am întâlnit “Avocat. Sergio Armaroli care a fost în măsură să mă ghida în diferite situații cu mare calm și profesionalism.Cazul a fost rezolvat rapid și spre satisfacția tuturor.
 
7) Anna: M-am întors la avocatul Sergio Armarol Ides Bologna pentru un caz dificil de separare, soțul meu nu a vrut să-mi dea nimic, pentru că el a plecat acasă și m-au lăsat cu trei copii.
 
Foarte politicos și pregătirea avocatul Sergio Armaroli ma ajutat, astfel încât am putea obține drepturile mele doar.
 
 
 
8) Charles: În cazul în care un avocat divorț dificil Sergio Armaroli m-au ajutat cu amabilitate si profesionalism, reusind sa fie executorii, iar drepturile mele
 
 
 
9) Paola: M-am întors la avocatul Sergio Armaroli de exemplu, rune separare Am găsit un avocat atent și mi-a dat sfaturi dreapta
 
 
AVOCATUL SERGIO ARMAROLI studio are o UNIC BOLOGNAE PRIMIT LA STUDIO ÎN Bologna în Solferino 30 prin numire NUMĂRUL DE TELEFON 051/6447838
 
Dacă clientul “împiedicat o mișcare pentru prejudiciul grav, în acord AVOCATULUI SERGIO ARMAROLI pentru că este” CLIENTUL
AVOCATUL SERGIO ARMAROLI Deși unul STUDIU la Bologna poziții valutare DIN ITALIA, DAUNE PENTRU incidente grave de drum
 
Provinciile diferite sunt prezentate ca un exemplu
ROVIGO accident de masina grav, accident de mașină compensare ROVIGO
FERRARA accident de masina grav, accident de mașină compensare FERRARA
 
Problema daunelor din accidente rutiere, de mare complexitate, este de peste zece ani, urmată de Studio.
Ai suferit o vătămare corporală gravă într-un accident de motocicletă sau bicicletă? Avocat de la Bologna
 
Daune accident scuter
  Juridic la instanțele din Italia, pentru că, pentru cauzele daune de la accident de circulație, competența este dată de locul accidentului sau de la birourile companiei de asigurări care acoperă riscul de vehicul RCA, care a provocat pagube .
Pentru accidente de masina, cum ar fi Trieste are o multitudine de cauze de despăgubiri pentru accidente rutiere, inclusiv accidente produse în alte orașe italiene, ar fi acasa, la multe asigurare mare (cum ar fi de asigurare sau de asigurări generale Allianz). Impreuna vom primi compensația potrivit pentru tine, suna 051/6447838 cauza daune pentru accidente de masina, cu toate acestea, poate fi, de asemenea, stabilit în Curtea în care sa produs accidentul.
 
 
Foarte des auzim că cauzele pentru prejudiciile lăsate de drum, inclusiv de prejudiciu moral și daunele biologice și daunele accident pe ocuparea forței de muncă va dura mai mulți ani. Dar noi nu trebuie să uităm că puteți obține în câteva audieri ca despăgubiri provizorii pentru prejudicii, care pot fi la fel de mult ca 50% din prejudiciul suferit.
 
Acest lucru este valabil mai ales atunci când este dat responsabilitatea de a celeilalte părți în calitate de asigurare și știind că ei trebuie să plătească despăgubiri pentru daunele de angajare, în speranța că răniți, speriat de cauza, renunță.
  Pagubele biologic este de mare importanță, mai ales în daune majore!
accident de masina grav, compensare accident de mașină
 
Instanțele sunt foarte atent pentru a solicita despăgubiri de la accidente rutiere și au cu siguranță o mare sensibilitate în recunoașterea dreptului da răniți în urma accidentelor rutiere. Dacă ați suferit un accident de mașină și va trebui să solicite despăgubiri rog sa ma contactati prin telefon all’avvocatoSergio Armaroli Bologna fără întârziere, chiar și completarea formularului de cerere pentru consiliere juridică online, puteți găsi un avocat dispus să asculte și să vă sfătuiască.
 
Desigur, avocatul Sergio Armaroli, de asemenea, ajută ca accidente de motociclete cu experiență sau accidente de bicicletă care, din păcate, sunt adesea cel mai mare procent de accidente cu vătămări corporale grave. Asistență juridică calificată va fi asigurat de accidente mortale sau accidente de autovehicule în cazul în care persoana a pierdut o rudă într-un accident de circulație.
În cazul în care starea dumneavoastră de sănătate, ca urmare a accidentului de trafic, nu te va lasa sa intra în firma mea drept în Bologna, pot să vin acasă cu nici o obligație de a vă sfătuiască și să evalueze cu tine cea mai bună protecție pentru cazul dumneavoastră. Vă voi da un asistență juridică calificată. În cazuri speciale, în care am recunosc dreptul părții vătămate, pot anticipa costurile, accidente rutiere de acord cu clientul, în cazul în care același lucru nu dispune de mijloacele economice pentru a face față unui proces. Mai multe au fost victoriile firma de avocatură în domeniul protecției răniți în urma accidentelor rutiere în diferite instanțe italiene, în special, rezultate excelente au fost obținute în cazuri de accidente cu răniri grave și în cazuri de accidente mortale.
 
 
Daune accident scuter
 
accident de masina grav, compensare accident de mașină
accident de masina grav, accident de masina risarcimento.La chestiune de despăgubiri din accidente rutiere, de mare complexitate, este mai mult de zece ani, urmat de avocatul Law Firm Sergio Armaroli.
Accidente grave în Novara, Vercelli în accidente grave, accidentele grave din Verona, accidente grave în Bologna, avocat asistă accidente rutiere grave în toată Italia.
Și ați suferit un prejudiciu grav: paraplegic, membrelor pierdute, etc, etc, și ai dreptate, avocat Sergio Armaroli acordul prealabil, în scris, clientul anticipează, de asemenea, cheltuieli medicale
Ai suferit o vătămare corporală gravă într-un accident de motocicletă sau bicicletă? Avocat de la Bologna
 
Daune accident Scooter Bologna
 
  Juridic la instanțele din Italia, pentru că, pentru cauzele daune de la accident de circulație, competența este dată de locul accidentului sau de la birourile companiei de asigurări care acoperă riscul de vehicul RCA, care a provocat pagube .
Pentru accidente de masina, cum ar fi Trieste are o multitudine de cauze de despăgubiri pentru accidente rutiere, inclusiv accidente produse în alte orașe italiene, ar fi acasa, la multe asigurare mare (cum ar fi de asigurare sau de asigurări generale Allianz). Impreuna vom primi compensația potrivit pentru tine, suna 051/6447838 cauza daune pentru accidente de masina, cu toate acestea, poate fi, de asemenea, stabilit în Curtea în care sa produs accidentul.
 
 
Daune accident Scooter Bologna
Foarte des auzim că cauzele pentru prejudiciile lăsate de drum, inclusiv de prejudiciu moral și daunele biologice și daunele accident pe ocuparea forței de muncă va dura mai mulți ani. Dar noi nu trebuie să uităm că puteți obține în câteva audieri ca despăgubiri provizorii pentru prejudicii, care pot fi la fel de mult ca 50% din prejudiciul suferit. Acest lucru este valabil mai ales atunci când este dat responsabilitatea de a celeilalte părți în calitate de asigurare și știind că ei trebuie să plătească despăgubiri pentru daunele de angajare, în speranța că răniți, speriat de cauza, renunță. Pagubele biologic este de mare importanță, mai ales în daune majore!
accident de masina grav, compensare accident de mașină
 
Instanțele sunt foarte atent pentru a solicita despăgubiri de la accidente rutiere și au cu siguranță o mare sensibilitate în recunoașterea dreptului da răniți în urma accidentelor rutiere. Dacă ați suferit un accident de mașină și va trebui să solicite despăgubiri rog sa ma contactati prin telefon all’avvocatoSergio Armaroli Bologna fără întârziere, chiar și completarea formularului de cerere pentru consiliere juridică online, puteți găsi un avocat dispus să asculte și să vă sfătuiască. Desigur, avocatul Sergio Armaroli, de asemenea, ajută ca accidente de motociclete cu experiență sau accidente de bicicletă care, din păcate, sunt adesea cel mai mare procent de accidente cu vătămări corporale grave. Asistență juridică calificată va fi asigurat de accidente mortale sau accidente de autovehicule în cazul în care persoana a pierdut o rudă într-un accident de circulație.
În cazul în care starea dumneavoastră de sănătate, ca urmare a accidentului de trafic, nu te va lasa sa intra în firma mea drept în Bologna, pot să vin acasă cu nici o obligație de a vă sfătuiască și să evalueze cu tine cea mai bună protecție pentru cazul dumneavoastră. Vă voi da un asistență juridică calificată. În cazuri speciale, în care am recunosc dreptul părții vătămate, pot anticipa costurile, accidente rutiere de acord cu clientul, în cazul în care același lucru nu dispune de mijloacele economice pentru a face față unui proces.
Mai multe au fost victoriile firma de avocatură în domeniul protecției răniți în urma accidentelor rutiere în diferite instanțe italiene, în special, rezultate excelente au fost obținute în cazuri de accidente cu răniri grave și în cazuri de accidente mortale.
 
 
BOLOGNA Trei sfaturi pentru daunele suferite decese în Alexandria, ASTI! VERCELLI și în întreaga ITALIAINCIDENTE DAUNE rutiere mortale, DAUNE STÂNGA ROAD moarte, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, ACCIDENT COMPENSARE, LEFT moștenitori mortale de compensare, DAUNE de la moarte ACCIDENT, PAGUBE PIETONAL accident, DAUNE DE CALCUL FATALE DAUNE CRASH CRASH, DAUNE STÂNGA ROAD moarte, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT DE COMPENSARE în cazul unei mortalități “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitorii de moarte, DAUNE de la moarte ACCIDENT, PAGUBE PIETONAL ACCIDENT, PAGUBE CALCUL accident fatal – Vezi mai multe la:http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-stradali.html#sthash.KDOrBZMG.dpuf
PESARO DAUNE accident mortal, DAUNE STÂNGA ROAD moarte, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitorii de moarte, daune de la ACCIDENT DEATH, daune PIETONAL accident, DAUNE DE CALCUL FATALE DAUNE CRASH CRASH, DAUNE Stanga ROAD mOARTE, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitori de moarte, compensarea DAUNE ACCIDENT MOARTEA, DAUNE PIETONAL ACCIDENT, PAGUBE CALCUL accident fatal – Vezi mai multe la:http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/927-consigli-risarcimento-incidenti.html#sthash.WR2N7fcf.dpuf
TREVISO DAUNE accident mortal, DAUNE STÂNGA ROAD moarte, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitorii de moarte, daune de la ACCIDENT DEATH, daune PIETONAL accident, DAUNE DE CALCUL FATALE DAUNE CRASH CRASH, DAUNE Stanga ROAD mOARTE, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitori de moarte, compensarea DAUNE ACCIDENT MOARTEA, DAUNE PIETONAL ACCIDENT, PAGUBE CALCUL accident fatal – Vezi mai multe la:http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/927-consigli-risarcimento-incidenti.html#sthash.WR2N7fcf.dpuf
GORIZIA DAUNE accident mortal, DAUNE STÂNGA ROAD moarte, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitorii de moarte, daune de la ACCIDENT DEATH, daune PIETONAL accident, DAUNE DE CALCUL FATALE DAUNE CRASH CRASH, DAUNE Stanga ROAD mOARTE, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitori de moarte, compensarea DAUNE ACCIDENT MOARTEA, DAUNE PIETONAL ACCIDENT, PAGUBE CALCUL accident fatal – Vezi mai multe la:http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/927-consigli-risarcimento-incidenti.html#sthash.WR2N7fcf.dpuf
Vicenza DAUNE accident mortal, DAUNE STÂNGA ROAD moarte, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitorii de moarte, daune de la ACCIDENT DEATH, daune PIETONAL accident, DAUNE DE CALCUL FATALE DAUNE CRASH CRASH, DAUNE Stanga ROAD mOARTE, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitori de moarte, compensarea DAUNE ACCIDENT MOARTEA, DAUNE PIETONAL ACCIDENT, PAGUBE CALCUL accident fatal – Vezi mai multe la:http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/927-consigli-risarcimento-incidenti.html#sthash.WR2N7fcf.dpuf
ROVIGO DAUNE accident mortal, daune Stanga ROAD MOARTE, daune MOARTEA CRASH, leziuni COMPENSARE Road, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE moștenitori MOARTEA revendicării, despăgubiri pentru MOARTEA CRASH, daune ACCIDENT pietonilor, PREJUDICIU DE COMPENSARE CALCULUL FATALE DAUNE ACCIDENT DE ACCIDENTE, PAGUBE STÂNGA MOARTEA ROAD, DAUNE MOARTEA CRASH, leziuni COMPENSARE Road, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, despăgubiri moștenitorii de moarte, compensarea DAUNE ACCIDENT MOARTE, PIETONAL ACCIDENT dE COMPENSARE calcularea despăgubirilor accident fatal – Vezi mai multe la:http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-stradali.html#sthash.KDOrBZMG.dpuf
 
Wedge DAUNE accident mortal, daune Stanga ROAD MOARTE, daune MOARTEA CRASH, leziuni COMPENSARE Road, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE moștenitori MOARTEA revendicării, despăgubiri pentru MOARTEA CRASH, daune ACCIDENT pietonilor, PREJUDICIU DE COMPENSARE CALCULUL FATALE DAUNE ACCIDENT DE ACCIDENTE, PAGUBE STÂNGA MOARTEA ROAD, DAUNE MOARTEA CRASH, leziuni COMPENSARE Road, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, despăgubiri moștenitorii de moarte, compensarea DAUNE MOARTE ACCIDENT, PIETONAL ACCIDENT DE COMPENSARE calcularea despăgubirilor accident fatal
 
 
  Vercelli DAUNE accident mortal, daune Stanga ROAD MOARTE, daune MOARTEA CRASH, leziuni COMPENSARE Road, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE moștenitori MOARTEA revendicării, despăgubiri pentru MOARTEA CRASH, daune ACCIDENT pietonilor, PREJUDICIU DE COMPENSARE CALCULUL FATALE DAUNE ACCIDENT DE ACCIDENTE, PAGUBE STÂNGA MOARTEA ROAD, DAUNE MOARTEA CRASH, leziuni COMPENSARE Road, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, despăgubiri moștenitorii de moarte, compensarea DAUNE ACCIDENT MOARTE, PIETONAL ACCIDENT dE COMPENSARE calcularea despăgubirilor accident fatal – Vezi mai multe la:http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-stradali.html#sthash.KDOrBZMG.dpuf
 
 
  Asti accident DAUNE FATALE ROAD, DAUNE Stanga ROAD MOARTE, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitori mortale, DAUNE de la moarte ACCIDENT, PAGUBE PIETONAL accident, DAUNE DE CALCUL FATALE DAUNE CRASH CRASH, DAUNE Stanga ROAD mOARTE, DAUNE DE DECES accident, rănire COMPENSARE ROAD, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE STÂNGA moștenitori de moarte, compensarea DAUNE ACCIDENT MOARTEA, DAUNE PIETONAL ACCIDENT, PAGUBE CALCUL accident fatal – Vezi mai multe la:http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-stradali.html#sthash.KDOrBZMG.dpuf
 
 
  ALEXANDRIA DAUNE accident mortal, daune Stanga ROAD MOARTE, daune MOARTEA CRASH, leziuni COMPENSARE Road, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, DAUNE moștenitori MOARTEA revendicării, despăgubiri pentru MOARTEA CRASH, daune ACCIDENT pietonilor, PREJUDICIU DE COMPENSARE CALCULUL FATALE DAUNE ACCIDENT DE ACCIDENTE, PAGUBE STÂNGA MOARTEA ROAD, DAUNE MOARTEA CRASH, leziuni COMPENSARE Road, ROAD ACCIDENT despăgubire în cazul mortalității “, susține accident, despăgubiri moștenitorii de moarte, compensarea DAUNE ACCIDENT MOARTE, PIETONAL ACCIDENT dE COMPENSARE calcularea despăgubirilor accident fatal – Vezi mai multe la: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1107-risarcimento-incidenti-st
 
-
 
”Papa mea”, a fost victima unui accident de mașină rău, am apelat la avocatul Sergio Armaroli și în timp rezonabil, ne-a făcut de compensare adevărat, păstrarea ne-a informat cu privire la evoluția practic “Rosa: Avocatul Sergio Armaroli mine la care au participat un accident de masina grav în care am fost raportate mai multe fracturi. Am fost uimit de bunătatea și primul său intervenție profesionist care a dus la repararea integrală pentru daunele de la societatea de asigurare, cât mai curând posibil. Buna ziua numele meu este Anna, fac apel la toți oamenii care au nevoie de un avocat care știe cum să rezolve propriile lor probleme pentru beton, orice problemă pentru că este! Ei bine, eu personal m-am întors într-o mare avocat Sergio Armaroli, pentru un accident pe drumul unde eu personal au fost investite, Avv.Sergio Armaroli rezolvat cazul meu într-un mod excelent. Sunt o mama, și aș da o “mână” de cei care ar putea fi în dificultate. Aceasta este experienta mea: am nevoie pentru a cere un avocat pentru un subiect foarte sensibil care cauză linistea de școală fiului meu.”Avocat. Armaroli Sergio Bologna a demonstrat un mare profesionist foarte determinat, pregătit și sensibile la cazul meu, și pentru mine, a fost extrem de important. El a acționat prompt, explicând modul cel mai bun de a proceda, de dragul copilului meu iubit, care prezintă cea mai mare atenție la fiecare detaliu, în scopul de a rezolva problema în cel mai bun mod. Chiar și în zilele de după prima numire Am fost informat în mod constant evoluția, dar fără ca eu nu ar trebui să solicite, sau mai degrabă a sugerat să-mi sfaturi de neprețuit. Acest comportament Am fost găsit extrem de profesionist si am fost complet liniștit. Problema a rezolvat cu succes și în timp foarte scurt, a făcut destul de unic, care să demonstreze abilități profesionale excelente. Vreau să subliniez, de asemenea, corectitudine și profesionalism specificandomi imediat și a costurilor, ambele acte au pregătit. Îi mulțumesc sincer și consiliere pentru a contacta avocatul. Sergio Armaroli pentru oricine cu o problemă de rezolvat. Utilizator Beatrice Un Google am ajuns sa cunosc avocatul Armaroli Bologna pentru muncă și a constatat că pregătit și hotărât. În special în ceea ce privește sprijinirea companiilor în ceea ce privește contractele internaționale și … Mai Buna ziua, m-am trezit cu care se confruntă recent mai multe probleme legate de lumea muncii. Din fericire am întâlnit “Avocat. Sergio Armaroli care a fost în măsură să mă ghida în diferite situații cu mare calm și profesionalism.Cazul a fost rezolvat rapid și spre satisfacția tuturor. 5) Anna Maria: Am fost lovit ca un pieton și a suferit leziuni grave, cu un scor de 24% din daunele biologice .. Avocatul lui Sergio Armaroli cu amabilitate și profesionalism ma urmărit în administrarea compensare cale lungă pentru a-mi încărca prejudiciu Michele: Bună, m-am trezit confruntat recent mai multe probleme legate de lumea muncii. Din fericire am întâlnit “Avocat. Sergio Armaroli care a fost în măsură să mă ghida în diferite situații cu mare calm și profesionalism.Cazul a fost rezolvat rapid și spre satisfacția tuturor. Anna: M-am întors la avocatul Sergio Armarol Ides Bologna pentru un caz dificil de separare, soțul meu nu a vrut să-mi dea nimic, pentru că el a plecat acasă și m-au lăsat cu trei copii. Foarte politicos și pregătirea avocatul Sergio Armaroli ma ajutat, astfel încât am putea obține drepturile mele doar. Carlo: Într-un caz dificil de un avocat divort Sergio Armaroli ma ajutat cu amabilitate si profesionalism, reusind sa fie executorii, iar drepturile mele Paola: m-am întors la avocatul Sergio Armaroli de exemplu runa separare Am găsit un avocat atent și eu a dat sfaturi dreapta Completați formularul de mai jos DACA VREI mea Ajutor – –

Lascia un commento

Call Now ButtonCHIAMA SUBITO!! SCHIACCIA