AR

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI
AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI

 

UNA SOLUZIONE ESISTE ,TROVIAMOLA, RISLVI, PERCHE’ DEVI SOFFRIRNE? POSSIAMO PARLARNE INSIEME VEDRAI UNA STRADA ESISTE

 

 

SCOPRIAMO COME :

  1. SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO

  2. VUOI UNA CONSULENZA SU SEPARAZIONE E DIVORZIO UNIONI DI FATTO

  3. AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI

  4. SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO

  5.  051 6447838

  6. diritto penale: difesa penale, individuale e societaria, redazione atti di querela o denuncia, costituzione di parte civile e difesa in ogni grado di giudizio;

  7. diritto di famiglia: separazioni, divorzi, affidamento condiviso, tutela minori, amministrazioni di sostegno;

  8. L’attività dello Studio avvocato Sergio Armaroli  è essenzialmente incentrata sul diritto di famiglia, ovvero su quella branca del diritto privato che disciplina i rapporti famigliari in genere e in particolare afferenti le relazioni di parentela e affinità

  9. AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO

affronta, con la professionalità e la meticolosità che contraddistinguono da sempre il nome dello Studio, tutte le questioni inerenti agli aspetti della famiglia.

Le controversie che sorgono dal diritto successorio spesso particolarmente complesse, sia da un punto di vista prettamente giuridico.

SEPARAZIONI BOLOGNA, DIVORZI BOLOGNA,AFFIDO FIGLI MINORI MANTNEIMENTO MOGLIE E FIGLI

Le  successioni e testamenti è 
estremamente delicata poichè si occupa della trasmissione di patrimoni tra
familiari o comunque in favore di persone care, con inevitabile ripercussione sugli
equilibri familiari, specie quando la posta in gioco è molto alta.

Molto spesso sebbene in presenza di un testamento, è bene valutarne la validità con l’aiuto di avvocato
un esperto.

L’intervento di un avvocato esperto in materia successoria assicura
un trattamento equo degli eredi

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI
AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI

Vengono coinvolti innumerevoli istituti di diritto civile, sia da un punto di vista più strettamente personale, stante il coinvolgimento di interessi di natura patrimoniale mischiati a rapporti parentali non sempre di facile gestione.

L’avvocato successioni Bologna Sergio Armaroli esercita la propria attività di consulenza e assistenza legale nei diversi ambiti del diritto civile nei settori del diritto di famiglia (separazione consensuale, separazione giudiziale, divorzio, regolamentazione modalità di affidamento e mantenimento di figli nati fuori dal matrimonio) e successioni ereditarie (ivi compresa la predisposizione della dichiarazione di successione, assistenza nella redazione del testamento e nella divisione ereditaria).  

L’avvocato successioni Bologna Sergio Armaroli , nell’ambito delle proprie aree di competenza, offre  assistenza e consulenza in materia di successioni e di donazioni.

Sia in caso di successione per legge (ab intestato) che testamentaria, è frequente che sia necessario l’intervento di un avvocato civilista esperto di eredità al fine di risolvere problematiche in materia di interpretazione della scheda testamentaria, divisione delle quote tra coeredi, tutela dei legittimari pretermessi.

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI
AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI

  • Consulenza e redazione testamento olografo
  • Interpretazione testamenti
  • Successione eredi legittimi e legittimari
  • Successione senza testamento
  • Controversie ereditarie
  • Controversie tra eredi
  • Divisioni patrimoni ereditari
  • Strettamente connessa alla materia familiare è, spesso e volentieri, quella successoria. Lo Studio supporta i clienti nell’accettazione o rinunzia dell’eredità, reintegrazione della quota di legittima, pretermissione di erede legittimo, fissazione di termine per l’accettazione dell’eredità, redazione del testamento, costituzione di trust, donazioni (dirette e indirette) in favore di familiari e non, e revoca di donazioni già effettuate.
  • SUCCESSIONI EREDITARIE:

  • impugnativa di testamento illegittimo, reintegrazione della quota di legittima, divisione giudiziale dei beni ereditari, revocazione di donazioni in danno ai diritti dell’erede, e ogni problematica correlata alla successione.

 Richiesta di autorizzazione del Giudice Tutelare per l’accettazione di donazione o di eredità a favore di minori 
• Accordi relativi alla donazione di beni a favore del coniuge, del convivente, del familiare, o di terzi
• Diritti successori e quote spettanti al coniuge, ai figli, ai parenti, ai terzi
• Redazione di testamenti
• Accordi relativi al patto di famiglia
• Accettazione di eredità con beneficio di inventario, per minori e persone incapaci
• Curatela dell’eredità giacente, in assenza di eredi
• Accettazione di eredità e pratiche connesse
• Esecuzione delle disposizioni testamentarie
• Divisione dei beni tra gli eredi
• Impugnazione della donazione o del testamento

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI
AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI
  1. Innanzitutto l’Avvocato presta consulenza professionale nella redazione del testamentoconsigliando il testatore sulle migliori soluzioni giuridiche da adottare per ottenere, prevenendo eventuali contenziosi tra eredi, il risultato finale che il testatore vuole ottenere con il testamento (suddividere, assegnare, devolvere il proprio patrimonio ad uno o più eredi secondo il proprio desiderio compatibilmente con le disposizioni di legge),
  2. Questo al fine di redigere un testamento “olografo” (ovvero scritto e firmato di pugno dal testatore) o “pubblico” (ovvero redatto e “rogato” da un Notaio).

L’avvocato successioni Bologna Sergio Armaroli si propone di assistere il Cliente anzitutto nella fase di consulenza e di eventuale redazione di testamenti, in modo da poter evitare eventuali successivi problemi interpretativi e controversie, ma altresì nella fase di gestione del patrimonio del de cuius in caso di successione testamentaria o legittima.

Accordi matrimoniali; separazioni personali e divorzi, giudiziali e/o consensuali; cessazione della convivenza di fatto, affidamento e mantenimento dei figli minori legittimi e /o naturali; nullità matrimonio; regolamentazione dei rapporti patrimoniali ed economici tra conviventi; questioni connesse alla comunione e divisione giudiziale o stragiudiziale del patrimonio comune; accertamento e disconoscimento di paternità, riconoscimento del figlio naturale, dichiarazione giudiziale di paternità e maternità, legittimazione del figlio naturale; mobbing familiare e stalking; risarcimento del danno esistenziale causato da violazione di obblighi genitoriali; questioni di diritto di famiglia internazionale; eredità; successioni legittime e testamentarie, divisioni, donazioni.

 

La separazione consensuale comporta numerosi vantaggi rispetto a una separazione giudiziale in quanto è più veloce e conveniente, comporta minori traumi per i figli e permette alla coppia di predisporre un regolamento di interessi conforme alle loro esigenze, anche avente carattere patrimoniale.

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO La separazione consensuale si fonda sull’accordo dei coniugi su alcuni elementi fondamentali; essi sono, tra gli altri, l’assegnazione della casa coniugale, la quantificazione degli assegni di mantenimento dei coniugi e dei figli, l’affidamento dei figli, la spartizione dei beni comuni tra i coniugi.

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO 

RISOLVI SEPARAZIONE E DIVORZIO UNIONI DI FATTO

 

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO 

La separazione può essere consensuale, se è chiesta da entrambi i coniugi che abbiano raggiunto un accordo sulle condizioni della stessa, oppure giudiziale, se domandata da un coniuge nei confronti dell’altro. Solo in quest’ultimo caso può essere richiesto l’addebito della separazione a carico dell’altro coniuge, se il suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio sia stato la causa dell’intollerabilità della convivenza.

 AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO

L’accordo di separazione non ha alcun effetto se non redatto secondo determinate forme e senza che vi sia l’omologazione del Tribunale. Nella separazione di natura giudiziale, invece, ciascun coniuge viene rappresentato da un proprio avvocato e, poiché non vi è accordo sulle condizioni economiche o sull’affidamento dei figli, la decisione viene adottata dal Tribunale.

Con la procedura di divorzio i coniugi, dopo aver ottenuto da almeno tre anni la separazione coniugale, possono procedere allo scioglimento definitivo de proprio vincolo matrimoniale.

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI SUCCESSIONI SASSO MARCONI VERGATO MARZABOTTO

Anche in questo caso i coniugi possono decidere di intraprendere una procedura consensuale ovvero giudiziale.

È importante sapere che la Legge 162/2014 ha introdotto la possibilità di raggiungere un accordo negoziale in materia di separazione personale dei coniugi e divorzio nonché in materia di modifica delle condizioni raggiunte nelle rispettive procedure.

La procedura di negoziazione assistita (è richiesta l’assistenza di uno o più avvocati) è possibile sia in presenza sia in assenza di figli minori o maggiorenni incapaci, non economicamente autosufficienti o portatori di handicap grave.

ADR affido condiviso arbitrato arbitro Avvocatiavvocati civile avvocato civile avvocato famiglia avvocato lavoro bigenitorialità collegamenti Conciliazione costituzione Diritto collaborativo donne famiglia famiglia fatto figli naturali Mediazione

AASCRITTA

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

CHIEDI UN PARERE

Un giusto obliettivo per un buon avvocato matrimonialista a Bologna Pianoro loiano Monghidoro Monzuno non è semplicemente quello riuscire a far sì che i propri clienti possano separarsi e divorziare.

L’avvocato matrimonialista Bologna Pianoro loiano Monghidoro Monzuno assiste i clienti in tutte le fasi relative alla crisi della famiglia. In particolare ci occupiamo di ogni questione connessa allo scioglimento del matrimonio,

Il Diritto di famiglia è uno degli ambiti che maggiormente influisce sulla qualità di vita dei nostri assistiti. In questo campo è più che mai necessaria la capacità di mediazione dell’avvocato. 

Trovare  una buona soluzione , conciliative e salubri, significa spesso riuscire ad attenuare il trauma di una famiglia che si divide.

Spesso, oltre la semplice determinazione di un mantenimento o quantificazione di alimenti, v’è la necessità di gestire la divisione di patrimoni immobiliari, quote societarie o definire posizioni lavorative.

 

Un buon avvocato matrimonialista divorzista deve soprattutto insegnare ai propri clienti a gestire con saggezza e prudenza le conseguenze di ciò che separarsi o divorziare a Bologna Pianoro loiano Monghidoro Monzuno comporta.

Perchè la famiglia separata ha esigenze che necessitano di attenzione e prevenzione.

 

Perchè ottenere un divorzio non basta: occorre avere cura della famiglia anche dopo, prevenendo il conflitto e curando gli affetti.

Questa cura passa per lo studio accurato e approfondito di soluzioni studiate intorno al singolo caso.

affido condiviso-separazioni Bologna
affido condiviso-separazioni Bologna

VERRAI ASSISTITO NEI CASI DI

  • Separazione consensuale o giudiziale
  • Divorzio congiunto o giudiziale
  • Tutela dei figli minori
  • Modifiche alle condizioni della separazione e del divorzio
  • Affidamento condiviso
  • Adozione internazionale
  • Divorzio all’estero
  • Trascrizione di matrimonio celebrato all’estero
  • Negoziazione assistita

 

E’ per questi motivi che ogni aspetto della vita successiva alla separazione o al divorzio dovrebbe sempre essere regolato con scrupolo da un buon avvocato esperto in diritto di famiglia, in modo da prevenire ogni futura occasione di contrasto.

AFFIDO FIGLI AFFIDO OCNDIVISO AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA
AFFIDO FIGLI AFFIDO OCNDIVISO AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA

L’avvocato matrimonialista ha il compito di tutelare non solo i diritti del cliente ma anche e soprattutto l’interesse supremo del minore che, il nostro ordinamento, considera il soggetto maggiormente bisognoso di cure e attenzioni.

L’avvocato matrimonialista ha anche il dovere di non alimentare la conflittualità tra i coniugi, cercando di perseguire vie alternative al conflitto che consentano ai coniugi di gestire la loro crisi matrimoniale con maturità riducendo al minimo quella conflittualità che può pregiudicare oltremodo anche l’equilibrio dei figli già di per sè notevolmente pregiudicati dalla separazione dei propri genitori.

 

ARTICOLO 158 
Separazione consensuale

La separazione per il solo consenso dei coniugi non ha effetto senza l’omologazione del giudice.

Quando l’accordo dei coniugi relativamente all’affidamento e al mantenimento dei figli è in contrasto con l’interesse di questi il giudice riconvoca i coniugi indicando ad essi le modificazioni da adottare nell’interesse dei figli e, in caso di inidonea soluzione, può rifiutare allo stato l’omologazione. 

separazioni e divorzi avvocato esperto
separazioni e divorzi avvocato esperto

L’accordo di Separazione tra coniugi

L’accordo di separazione dei coniugi omologato non è impugnabile per simulazione poiché l’iniziativa processuale diretta ad acquisire l’omologazione, e quindi la condizione formale di coniugi separati, è volta ad assicurare efficacia alla separazione, così da superare il precedente accordo simulatorio, rispetto al quale si pone in antitesi dato che è logicamente insostenibile che i coniugi possano “disvolere” con detto accordo la condizione di separati ed al tempo stesso “volere” l’emissione di un provvedimento giudiziale destinato ad attribuire determinati effetti giuridici a tale condizione. Rigetta, App. Roma, 09/05/2007

Cassazione civile sez. I  12 settembre 2014 n. 19319 

affido condiviso-separazioni Bologna
affido condiviso-separazioni Bologna

Sentenza di divorzio Divorzio

In caso di separazione consensuale o divorzio congiunto (o su conclusioni conformi), la sentenza incide sul vincolo matrimoniale ma, sull’accordo tra i coniugi, realizza – in funzione di tutela dei diritti indisponibili del soggetto più debole e dei figli – un controllo solo esterno attesa la natura negoziale dello stesso, da affermarsi in ragione dell’ormai avvenuto superamento della concezione che ritiene la preminenza di un interesse, superiore e trascendente, della famiglia rispetto alla somma di quelli, coordinati e collegati, dei singoli componenti. Ne consegue che i coniugi possono concordare, con il limite del rispetto dei diritti indisponibili, non solo gli aspetti patrimoniali, ma anche quelli personali della vita familiare, quali, in particolare, l’affidamento dei figli e le modalità di visita dei genitori. Rigetta, App. Venezia, 29/01/2013

AFFIDAMENTO FIGLI

Fermo restando, in linea di principio, che nel modulo di affidamento monogenitoriale della prole il genitore affidatario ha, di regola, l’esercizio della titolarità genitoriale, anche se le decisioni di maggior interesse per la prole sono adottate da entrambi i genitori, l’esercizio concreto della titolarità e responsabilità genitoriale in ordine alle scelte ed alle determinazioni più rilevanti – salute, educazione, istruzione, residenza abituale, condizioni di vita – può, però, ove sia necessario nel cogente, poziore interesse del figlio minore, trovare deroga giudiziale (“salvo che non sia diversamente stabilito”: art. 337 ter e 337 quater c.c.). Si tratta in questi casi di rimettere al genitore monoaffidatario anche l’esercizio in via esclusiva della responsabilità genitoriale con riguardo alle questioni fondamentali, potendosi, invero, parlare, a titolo meramente descrittivo, di “affido superesclusivo”. La concentrazione della genitorialità e della responsabilità in capo ad uno dei genitori non rappresenta, ovviamente, un provvedimento che incide sulla titolarità in capo ad uno solo dei genitori della responsabilità genitoriale, modificandone solo l’esercizio: il genitore non affidatario ha, infatti, sempre il diritto ed il dovere di vigilare sulla salute, sulle condizioni di vita, sulla educazione e sulla istruzione del minore, e può ricorrere al giudice quando ritenga che siano state assunte decisioni pregiudizievoli al suo interesse (art. 337 quater ultimo comma c.c.)

Tribunale Milano  20 marzo 2014 

 

L’obbligo di mantenimento dei figli minori o maggiorenni ma economicamente non autosufficienti può essere adempiuto dai genitori in sede di separazione personale o di divorzio mediante un accordo

che, anzicché attraverso una prestazione patrimoniale periodica, od in concorso con essa, attribuisca o li impegni ad attribuire ai figli la proprietà di beni mobili od immobili; tale accordo non realizza una donazione, in quanto assolve ad una funzione solutoria-compensativa dell’obbligazione di mantenimento, e costituisce applicazione del principio, stabilito dall’art. 1322 c.c., della libertà dei soggetti di perseguire con lo strumento contrattuale interessi meritevoli di tutela secondo l’ordinamento giuridico.

Cassazione civile sez. II  23 settembre 2013 n. 21736

Alle pattuizioni convenute dai coniugi prima del decreto di omologazione della loro separazione e non trasfuse nell’accordo omologato

, può riconoscersi validità solo quando assicurino una maggiore vantaggiosità all’interesse protetto dalla norma (ad esempio, concordando un assegno di mantenimento in misura superiore a quella sottoposta ad omologazione), o quando concernano un aspetto non preso in considerazione dall’accordo omologato e sicuramente compatibile con questo, in quanto non modificativo della sua sostanza e dei suoi equilibri, o quando costituiscano clausole meramente specificative dell’accordo stesso, non essendo, altrimenti, consentito ai coniugi di incidere sull’accordo omologato con soluzioni alternative di cui non sia certa, a priori, l’uguale o migliore rispondenza all’interesse tutelato attraverso il controllo giudiziario di cui all’art. 158 c.c.

Cassazione civile sez. II  23 settembre 2013 n. 21736

Cessazione effetti Separazione tra coniugi

La cessazione degli effetti della separazione si determina a seguito di riconciliazione, che non può consistere nel mero ripristino della situazione “quo ante”, ma nella ricostituzione del consorzio familiare attraverso la ricomposizione della comunione coniugale di vita, vale a dire la ripresa di relazioni reciproche, oggettivamente rilevanti, tali da comportare il superamento di quelle condizioni che avevano reso intollerabile la prosecuzione della convivenza e che si concretizzino in un comportamento non equivoco incompatibile con lo stato di separazione.

Cassazione civile sez. VI  21 novembre 2014 n. 24833   

Nel giudizio di separazione dei coniugi, l’intervenuta riconciliazione integra una eccezione in senso lato poiché riguarda, in relazione al regime previsto dagli artt. 154 e 157 cod. civ., non un fatto impeditivo ma la sopravvenienza di una nuova condizione, il cui accertamento può avvenire anche d’ufficio da parte del giudice, ancorchè sulla base di deduzioni ed allegazioni delle parti, mentre nel procedimento di divorzio l’interruzione della separazione deve essere eccepita – ai sensi dell’art. 3, quarto comma, lett. b), della legge 1 dicembre 1970, n. 898, come sostituito dall’art. 5 della legge 6 marzo 1987, n. 74 – dal convenuto, assumendo rilievo quale fatto impeditivo della realizzazione della condizione temporale stabilita nella medesima disposizione. Ne consegue che solo in tale ipotesi la formulazione, per la prima volta, in appello dell’eccezione predetta è improponibile. Rigetta, App. Venezia, 31/05/2012

Cassazione civile sez. I  17 settembre 2014 n. 19535   

La mera coabitazione non è sufficiente a provare la riconciliazione tra coniugi separati essendo necessario il rispristino della comunione di vita e d’intenti, materiale e spirituale, che costituisce il fondamento del vincolo coniugale (Nella specie, la corte territoriale aveva escluso la riconciliazione per la presenza di comportamenti, anche processuali – la proposizione di domanda riconvenzionale di addebito formulata dal ricorrente in primo grado – ostativi al ripristino, tanto più che la dedotta coabitazione era rimasta sfornita di allegazione di fatti probanti e di deduzione di mezzi istruttori idonei a corroborarla). Rigetta, App. Venezia, 31/05/2012

Cassazione civile sez. I  17 settembre 2014 n. 19535  

La cessazione degli effetti civili della separazione si determina a seguito di riconciliazione, che non consiste nel mero ripristino della situazione “quo ante”, ma nella ricostituzione del consorzio familiare attraverso la ricomposizione della comunione coniugale di vita, vale a dire la ripresa di relazioni reciproche, oggettivamente rilevanti, tali da comportare il superamento di quelle condizioni che avevano reso intollerabile la prosecuzione della convivenza e che si concretizzino in un comportamento non equivoco incompatibile con lo stato di separazione. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza impugnata, che aveva escluso la riconciliazione, reputando che il mantenimento di due residenze separate e la perpetuazione di una condotta adulterina da parte del marito, pur costituendo una prosecuzione del “menage” coniugale anteriore alla separazione, non potessero considerarsi elementi significativi di una ripristinata unione materiale e spirituale, mentre i contributi di natura economica e l’assistenza di un coniuge all’altro in occasione di una degenza ospedaliera potevano essere dettati da ragioni umanitarie e da solidarietà post-coniugale). Rigetta, App. Napoli, 13/12/2012

Cassazione civile sez. I  24 dicembre 2013 n. 28655   

La riconciliazione per fatti concludenti tra coniugi legalmente separati, ostativa alla pronuncia del divorzio, deve desumersi univocamente dalla concreta ripresa da parte loro di reciproche relazioni di vita, oggettivamente idonee a dimostrare la ricostruzione spirituale e materiale del rapporto matrimoniale, con conseguente superamento delle condizioni che in precedenza avevano reso intollerabile la prosecuzione della convivenza, non avendo invece particolare rilievo né i meri elementi psicologici, né, di per sé, la stessa ripresa della convivenza (la Suprema corte ha pertanto confermato la sentenza di merito che aveva rigettato l’eccezione di riconciliazione della moglie, la quale si era limitata a dedurre la mera restaurazione di un regime di vita ancora caratterizzato da elementi in realtà disgreganti dell’unione coniugale, quali i perduranti adulteri del marito, pur se tollerati dall’istante, e la stessa convivenza, in città diverse, di entrambi i coniugi con altre persone).

Cassazione civile sez. I  24 dicembre 2013 n. 28655   

La riconciliazione successiva al provvedimento di omologazione della separazione consensuale, ai sensi dell’art. 157 cod. civ., determina la cessazione degli effetti della precedente separazione, con caducazione del provvedimento di omologazione, a far data dal ripristino della convivenza spirituale e materiale, propria della vita coniugale. Ne consegue che, in caso di successiva separazione, occorre una nuova regolamentazione dei rapporti economici tra i coniugi, cui il giudice deve provvedere sulla base di una nuova valutazione della situazione economico-patrimoniale dei coniugi stessi, che tenga conto delle eventuali sopravvenienze e, quindi, anche delle disponibilità da loro acquisite per effetto della precedente separazione. Rigetta, App. Bari, 24/01/2007

Cassazione civile sez. III  26 agosto 2013 n. 19541  

 

 

TI CHIEDO: FIDUCIA

  1. TI OFFRO :
  2. CORTESIA
  3. PREPARAZIONE
  4. TENACIA
  5. PREVENTIVI SEMPRE SCRITTI
  6. INFORMATIVA CONTINUA SULLA TUA PRATICA
  1. RISOLVI SEPARAZIONE E DIVORZIO UNIONI DI FATTO
  2. AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0
  3. VUOI UNA CONSULENZA SU SEPARAZIONE E DIVORZIO UNIONI DI FATTO
  4. AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

Magari hai davvero bisogno di divorziare, capire come gestire i figli e andare avanti con la tua vita.  Un divorzio non è mai facile, ma se sei davvero insoddisfatta della vita che hai con tuo marito, so tratta di uno stress che vale la pena affrontare per voltare pagina. Anche se non è escluso che le cause della tua infelicità possano essere altre. L’amore spesso non dura per sempre, nella “vita” di una coppia i sentimenti possono cambiare, nonostante questo il rapporto in genere rimane forte, solido, i motivi possono essere mille, non stò ad elencarli.

3 COME AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0 RISOLVI ORA
3 COME AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0 RISOLVI ORA

Amore, passione, desiderio, complicità: tutte caratteristiche che entrambi i sessi ricercano per vivere una relazione che sia l’esatto compimento di ciò che ogni essere umano ha la necessità di avere. Ma è sempre bene tenere presente che una storia sana è caratterizzata dalla reciprocità

3 COME AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0 RISOLVI ORA
3 COME AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0 RISOLVI ORA

A volte, le persone con cui stiamo possono farci sentire ancora peggio. Ma è anche vero, per quanto sia dura da accettare, che nessuno al di fuori di noi stessi è responsabile di come ci sentiamo dentro di noi. A volte finiamo in un tunnel da cui non riusciamo ad uscire e non sappiamo il perché, sembra davvero non esserci alcuna ragione. E quando cerchiamo di capire quali sono le cause del nostro disagio, finiamo spesso per dare la colpa alla persona che ci è più vicina, anche se la amiamo, e anche non ne ha nessuna colpa. A volte la vita è dura, e molto.

Avvalersi di un avvocato matrimonialista in questi casi é una scelta oculata in quanto significa contare su professionisti specializzati in una materia tra le più complesse del diritto.

  • Ricorda che il divorzio è una decisione importante dal punto di vista mentale, emotivo ed economico. Devi essere disposta a spezzare un forte legame emotivo con il tuo partner, quindi la tua decisione deve essere chiara e razionale.

  • Chiediti: “Cosa cerco chiedendo il divorzio?”. Qualsiasi risposta che non sia semplicemente “la fine del matrimonio” indica che non sei pronta a divorziare. Il divorzio non aiuta a farsi giustizia o a far cambiare il cuore delle persone. Non può far altro che mettere termine al matrimonio e alla relazione con tuo marito.

Ricorda che minacciare continuamente il divorzio può farti perdere credibilità ai tuoi stessi occhi e a quelli del tuo partner.

Quindi, se vuoi davvero divorziare dovrai dirlo a tuo marito in modo chiaro e appropriato. Perché, parliamoci chiaro: non si esce mai indenni da un divorzio.

Ci sono ferite che rimangono lì, impresse tra le pieghe della nostra anima.

 

 051 6447838

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0
AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

La separazione consensuale comporta numerosi vantaggi rispetto a una separazione giudiziale in quanto è più veloce e conveniente, comporta minori traumi per i figli e permette alla coppia di predisporre un regolamento di interessi conforme alle loro esigenze, anche avente carattere patrimoniale.

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

La separazione consensuale si fonda sull’accordo dei coniugi su alcuni elementi fondamentali; essi sono, tra gli altri, l’assegnazione della casa coniugale, la quantificazione degli assegni di mantenimento dei coniugi e dei figli, l’affidamento dei figli, la spartizione dei beni comuni tra i coniugi.

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

RISOLVI SEPARAZIONE E DIVORZIO UNIONI DI FATTO

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

La separazione può essere consensuale, se è chiesta da entrambi i coniugi che abbiano raggiunto un accordo sulle condizioni della stessa, oppure giudiziale, se domandata da un coniuge nei confronti dell’altro. Solo in quest’ultimo caso può essere richiesto l’addebito della separazione a carico dell’altro coniuge, se il suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio sia stato la causa dell’intollerabilità della convivenza.

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

L’accordo di separazione non ha alcun effetto se non redatto secondo determinate forme e senza che vi sia l’omologazione del Tribunale. Nella separazione di natura giudiziale, invece, ciascun coniuge viene rappresentato da un proprio avvocato e, poiché non vi è accordo sulle condizioni economiche o sull’affidamento dei figli, la decisione viene adottata dal Tribunale.

Con la procedura di divorzio i coniugi, dopo aver ottenuto da almeno tre anni la separazione coniugale, possono procedere allo scioglimento definitivo de proprio vincolo matrimoniale.

AVVOCATO SEPARAZIONI DIVORZI LOIANO MONGHIDORO PIANORO MONZUN0

Anche in questo caso i coniugi possono decidere di intraprendere una procedura consensuale ovvero giudiziale.

È importante sapere che la Legge 162/2014 ha introdotto la possibilità di raggiungere un accordo negoziale in materia di separazione personale dei coniugi e divorzio nonché in materia di modifica delle condizioni raggiunte nelle rispettive procedure.

La procedura di negoziazione assistita (è richiesta l’assistenza di uno o più avvocati) è possibile sia in presenza sia in assenza di figli minori o maggiorenni incapaci, non economicamente autosufficienti o portatori di handicap grave.

ADR affido condiviso arbitrato arbitro Avvocatiavvocati civile avvocato civile avvocato famiglia avvocato lavoro bigenitorialità collegamenti Conciliazione costituzione Diritto collaborativo donne famiglia famiglia fatto figli naturali Mediazione

La separazione giudiziale, secondo il codice civile italiano, si può avere su istanza di parte o perché ci sono state delle violazioni degli obblighi matrimoniali da parte di uno dei coniugi o perché ci sono delle circostanze oggettive che rendono non più sostenibile la prosecuzione del rapporto.
Il processo inizia con ricorso al presidente del tribunale, di norma, nel luogo in cui è individuata l’ultima residenza della coppia .

Nel ricorso dovranno essere indicati gli elementi sui quali si fonda la richiesta e la dichiarazione sull’esistenza di prole.
Il Presidente del Tribunale accogliendo il ricorso fissa con decreto la data della udienza di comparizione dei coniugi.
Chi ha presentato il ricorso dovrà provvedere a notificare il decreto all’altro coniuge. L’udienza di comparizione si svolge dinanzi al solo presidente del tribunale.

adivisionenuovabellissima

art 22 cpc competenza territoriale, luogo di apertura della successione

  • art 22 cpc competenza territoriale, luogo di apertura della successione-

  • divisione ereditaria competenza , eredi legittimi quote
  • eredi legittimi senza figli,eredi legittimi fratelli
  • eredi legittimi fratelli e nipoti
  • eredi legittimi con testamento
  • eredi legittimari
  • eredi legittimi senza testamento
art 22 cpc competenza territoriale, luogo di apertura della successione- divisione ereditaria competenza , eredi legittimi quote eredi legittimi senza figli,eredi legittimi fratelli eredi legittimi fratelli e nipoti eredi legittimi con testamento eredi legittimari eredi legittimi senza testamento
art 22 cpc competenza territoriale, luogo di apertura della successione- divisione ereditaria competenza , eredi legittimi quote eredi legittimi senza figli,eredi legittimi fratelli eredi legittimi fratelli e nipoti eredi legittimi con testamento eredi legittimari eredi legittimi senza testamento

 

art 22 cpc competenza territoriale, luogo di apertura della successione- divisione ereditaria competenza , eredi legittimi quote eredi legittimi senza figli,eredi legittimi fratelli eredi legittimi fratelli e nipoti eredi legittimi con testamento eredi legittimari eredi legittimi senza testamento

Gli eredi legittimi chi sono ?

  • sono coloro ai quali si sarebbe devoluta l’eredità in assenza di testamento. Sono eredi legittimi il coniuge, i figli e i parenti entro il 6° grado. Gli eredi Legittimari chi sono ?
  • sono invece coloro i quali hanno comunque diritto alla “legittima”, cioè ad una quota del patrimonio: il coniuge, i figli ed in assenza dei figli i genitori. Gli eredi legittimi ricomprendono quindi i legittimari, se esistenti.

il patrimonio ereditario si compone di una quota disponibile, e di una quota vincolata a certi eredi per legge .

La legge italiana prevede espressamente che, se una persona che muore lascia coniuge e/o parenti superstiti, una quota variabile del patrimonio ereditario è riservata ad essi.

  1. , eredi legittimi quote
  2. DE CUIUS TESTATORE MORTE e lascia solo il coniuge, la quota di legittima riservatagli dalla legge è del 50% del patrimonio ereditario; pertanto, la quota disponibile è del restante 50%.
  3. , eredi legittimi quote
  4. DE CUIUS TESTATORE MORTE e lascia il coniuge e un solo figlio, la quota di legittima riservata dalla legge, rispettivamente, al coniuge e al figlio è pari ad 1/3 del patrimonio ereditario per ciascuno di essi; abbiamo quindi che la disponibile è anch’essa pari ad 1/3.
  5. , eredi legittimi quote
  6. DE CUIUS TESTATORE MORTE e lascia il coniuge e più figli, la quota di legittima riservata dalla legge al coniuge e ai figli è del 25% del patrimonio ereditario per il coniuge e del 50% da dividersi in parti uguali tra i figli; pertanto, la quota disponibile è del 25%.
  7. , eredi legittimi quote
  8. , eredi legittimi quote
  9. DE CUIUS TESTATORE MORTE e lascia il coniuge e gli ascendenti, la quota di legittima riservata dalla legge ad essi è del 50% del patrimonio ereditario per il coniuge e del 25% da dividersi in parti uguali tra gli ascendenti; abbiamo una quota disponibile  del 25%.
  10. , eredi legittimi quote
  11. DE CUIUS TESTATORE MORTE e lascia solo un figlio, la quota di legittima a lui riservata dalla legge è del 50% del patrimonio ereditario; di conseguenza, la quota disponibile è del 50%.
  12. , eredi legittimi quote
  13. DE CUIUS TESTATORE MORTE e lascia solo più figli,la quota di legittima riservata loro dalla legge è pari a 2/3 del patrimonio ereditario da dividersi in parti; in questo caso la quota disponibile è pari a 1/3.
  14. , eredi legittimi quote
  15. , eredi legittimi quote
  16. DE CUIUS TESTATORE MORTE e lascia solo gli ascendenti, la quota di legittima riservata loro dalla legge è pari a 1/3 del patrimonio ereditario da dividersi in parti uguali; di conseguenza, la quota disponibile è pari a 2/3.
  17. , eredi legittimi quote
  18. DE CUIUS TESTATORE MORTE e non lascia né figli né ascendenti, la quota disponibile è del 100% del patrimonio ereditario.

  1. Il  principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

 

 

  1. Quindi la divisione disposta con testamento, nella quale il testatore non abbia contemplato le posizioni di alcuno dei legittimari, è nulla e che tale nullità può essere fatta valere da chiunque vi abbia interesse ed è rilevabile d’ufficio dal giudice.

 

diritto immobiliare avvocato esperto bolognas
diritto immobiliare avvocato esperto bolognas

 

  1. Come si reintegra la quota di legittima in caso di lesione?

  1. L’azione di riduzione è il rimedio che l’ordinamento appresta in caso di lesione di legittima, ossia quando la quota del patrimonio spettante agli aventi diritto (gli stretti congiunti del testatore) è stata intaccata per effetto di atti posti dal testatore quando ancora era vivo (per es. donazioni) oppure con il testamento stesso. In altri termini, questo tipo di azione è finalizzata alla reintegrazione della legittima mediante la riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni eccedenti la quota disponibile da parte del testatore.

 

“Quando l’attore, quale erede legittimo e legittimario, ha proposto domanda di riduzione di atti di donazione lesivi della quota di riserva a lui spettante ai sensi degli artt. 536 e segg. cod. civ., legittimamente il giudice di merito, a seguito della interpretazione della domanda giudiziale, può ritenere che tale domanda si estenda anche alla riduzione delle disposizioni contenute nel testamento del de cuius che sia stato prodotto in corso di causa e di cui l’attore legittimario non conosceva l’esistenza, quando dal tenore della sua pretesa risulti che l’attore intenda comunque conseguire la quota di legittima spettantegli ex lege

SEPARAZIONE GIUDIZIALE BOLOGNA

LEGGE SUL DIVORZIO, DIVORZIO BREVE, AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA

LEGGE SUL DIVORZIO, DIVORZIO BREVE, AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA

 

 

GUARDIAMO LE NORME E LA LEGGE SUL DIVORZIO E SUL DIVORZIO BREVE

 

 

LA NUOVA LEGGE SUL DIVORZIO BREVE

Testo della legge sul divorzio breve

LEGGE 6 maggio 2015, n. 55

Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonche’ di comunione tra i coniugi.

Art. 1

  1. Al secondo capoverso della lettera b), del numero 2), dell’articolo 3 della legge 1° dicembre 1970, n. 898, e successive modificazioni, le parole: « tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale» sono sostituite dalle seguenti: «dodici mesi dall’avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale e da sei mesi nel caso di separazione consensuale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale».

Art. 2

  1. All’articolo 191 del codice civile, dopo il primo comma e’ inserito il seguente:

«Nel caso di separazione personale, la comunione tra i coniugi si scioglie nel momento in cui il presidente del tribunale autorizza i coniugi a vivere separati, ovvero alla data di sottoscrizione del processo verbale di separazione consensuale dei coniugi dinanzi al presidente, purche’ omologato. L’ordinanza con la quale i coniugi sono autorizzati a vivere separati e’ comunicata all’ufficiale dello stato civile ai fini dell’annotazione dello scioglimento della comunione».

LA LEGGE SUL DIVORZIO:

Articolo 1.

  1. Il giudice pronuncia lo scioglimento del matrimonio contratto a norma del codice civile, quando, esperito inutilmente il tentativo di conciliazione di cui al successivo art. 4, accerta che la comunione spirituale e materiale tra i coniugi non può essere mantenuta o ricostituita per l’esistenza di una delle cause previste dall’art. 3.

Articolo 2.

  1. Nei casi in cui il matrimonio sia stato celebrato con rito religioso e regolarmente trascritto, il giudice, quando, esperito inutilmente il tentativo di conciliazione di cui al successivo art. 4, accerta che la comunione spirituale e materiale tra i coniugi non può essere mantenuta o ricostituita per l’esistenza di una delle cause previste dall’art. 3, pronuncia la cessazione degli effetti civili conseguenti alla trascrizione del matrimonio.

Articolo 3. PREVEDE I CASI IN CUI PUO’ ESSERE DOMANDATO IL DIVORZIO Testo della legge sul divorzio breve

LEGGE 6 maggio 2015, n. 55

Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonche’ di comunione tra i coniugi.

Art. 1

  1. Al secondo capoverso della lettera b), del numero 2), dell’articolo 3 della legge 1° dicembre 1970, n. 898, e successive modificazioni, le parole: « tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale» sono sostituite dalle seguenti: «dodici mesi dall’avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale e da sei mesi nel caso di separazione consensuale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale».

Art. 2

  1. All’articolo 191 del codice civile, dopo il primo comma e’ inserito il seguente:

«Nel caso di separazione personale, la comunione tra i coniugi si scioglie nel momento in cui il presidente del tribunale autorizza i coniugi a vivere separati, ovvero alla data di sottoscrizione del processo verbale di separazione consensuale dei coniugi dinanzi al presidente, purche’ omologato. L’ordinanza con la quale i coniugi sono autorizzati a vivere separati e’ comunicata all’ufficiale dello stato civile ai fini dell’annotazione dello scioglimento della comunione».

 

  1. Lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio può essere domandato da uno dei coniugi:

1) quando, dopo la celebrazione del matrimonio, l’altro coniuge è stato condannato, con sentenza passata in giudicato, anche per fatti commessi in precedenza:

  1. a) all’ergastolo ovvero ad una pena superiore ad anni quindici, anche con più sentenze, per uno o più delitti non colposi, esclusi i reati politici e quelli commessi per motivi di particolare valore morale e sociale;
  2. b) a qualsiasi pena detentiva per il delitto di cui all’art. 564 del codice penale e per uno dei delitti di cui agli articoli 519, 521, 523 e 524 del codice penale, ovvero per induzione, costrizione, sfruttamento o favoreggiamento della prostituzione ;
  3. c) a qualsiasi pena per omicidio volontario di un figlio ovvero per tentato omicidio a danno del coniuge o di un figlio ;
  4. d) a qualsiasi pena detentiva, con due o più condanne, per i delitti di cui all’art. 582, quando ricorra la circostanza aggravante di cui al secondo comma dell’art. 583, e agli articoli 570, 572 e 643 del codice penale, in danno del coniuge o di un figlio .

Nelle ipotesi previste alla lettera d) il giudice competente a pronunciare lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio accerta, anche in considerazione del comportamento successivo del convenuto, la di lui inidoneità a mantenere o ricostituire la convivenza familiare.

Per tutte le ipotesi previste nel n. 1) del presente articolo la domanda non è proponibile dal coniuge che sia stato condannato per concorso nel reato ovvero quando la convivenza coniugale è ripresa;

2) nei casi in cui:

  1. a) l’altro coniuge è stato assolto per vizio totale di mente da uno dei delitti previsti nelle lettere b) e c) del numero 1) del presente articolo, quando il giudice competente a pronunciare lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio accerta l’inidoneità del convenuto a mantenere o ricostituire la convivenza familiare;
  2. b) è stata pronunciata con sentenza passata in giudicato la separazione giudiziale fra i coniugi, ovvero è stata omologata la separazione consensuale ovvero è intervenuta separazione di fatto quando la separazione di fatto stessa è iniziata almeno due anni prima del 18 dicembre 1970 .

In tutti i predetti casi, per la proposizione della domanda di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, le separazioni devono essersi protratte ininterrottamente da almeno dodici mesi dall’avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale e da sei mesi nel caso di separazione consensuale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale, ovvero dalla data certificata nell’accordo di separazione raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita da un avvocato ovvero dalla data dell’atto contenente l’accordo di separazione concluso innanzi all’ufficiale dello stato civile. L’eventuale interruzione della separazione deve essere eccepita dalla parte convenuta ;

  1. c) il procedimento penale promosso per i delitti previsti dalle lettere b) e c) del n. 1) del presente articolo si è concluso con sentenza di non doversi procedere per estinzione del reato, quando il giudice competente a pronunciare lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio ritiene che nei fatti commessi sussistano gli elementi costitutivi e le condizioni di punibilità dei delitti stessi;
  2. d) il procedimento penale per incesto si è concluso con sentenza di proscioglimento o di assoluzione che dichiari non punibile il fatto per mancanza di pubblico scandalo;
  3. e) l’altro coniuge, cittadino straniero, ha ottenuto all’estero l’annullamento o lo scioglimento del matrimonio o ha contratto all’estero nuovo matrimonio;
  4. f) il matrimonio non è stato consumato;
  5. g) è passata in giudicato sentenza di rettificazione di attribuzione di sesso a norma della legge 14 aprile 1982, n. 164 .

Articolo 4 .  La domanda per ottenere lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio DOVE VA PROPOSTA LA DOMANDA DI DIVORZIO ?

  1. La domanda per ottenere lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio si propone al tribunale del luogo dell’ultima residenza comune dei coniugi ovvero, in mancanza, del luogo in cui il coniuge convenuto ha residenza o domicilio. Qualora il coniuge convenuto sia residente all’estero o risulti irreperibile, la domanda si propone al tribunale del luogo di residenza o di domicilio del ricorrente e, se anche questi e’ residente all’estero, a qualunque tribunale della Repubblica. La domanda congiunta puo’ essere proposta al tribunale del luogo di residenza o di domicilio dell’uno o dell’altro coniuge .
  2. La domanda si propone con ricorso, che deve contenere l’esposizione dei fatti e degli elementi di diritto sui quali la domanda di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili dello stesso e’ fondata.
  3. Del ricorso il cancelliere da’ comunicazione all’ufficiale dello stato civile del luogo dove il matrimonio fu trascritto per l’annotazione in calce all’atto.
  4. Nel ricorso deve essere indicata l’esistenza di figli di entrambi i coniugi .
  5. Il presidente del tribunale, nei cinque giorni successivi al deposito in cancelleria, fissa con decreto la data di comparizione dei coniugi davanti a se’, che deve avvenire entro novanta giorni dal deposito del ricorso, il termine per la notificazione del ricorso e del decreto ed il termine entro cui il coniuge convenuto puo’ depositare memoria difensiva e documenti. Il presidente nomina un curatore speciale quando il convenuto e’ malato di mente o legalmente incapace.
  6. Al ricorso e alla prima memoria difensiva sono allegate le ultime dichiarazioni dei redditi rispettivamente presentate.
  7. I coniugi devono comparire davanti al presidente del tribunale personalmente, salvo gravi e comprovati motivi, e con l’assistenza di un difensore. Se il ricorrente non si presenta o rinuncia, la domanda non ha effetto. Se non si presenta il coniuge convenuto, il presidente puo’ fissare un nuovo giorno per la comparizione, ordinando che la notificazione del ricorso e del decreto gli sia rinnovata. All’udienza di comparizione, il presidente deve sentire i coniugi prima separatamente poi congiuntamente, tentando di conciliarli. Se i coniugi si conciliano, il presidente fa redigere processo verbale della conciliazione.
  8. Se la conciliazione non riesce, il presidente, sentiti i coniugi e i rispettivi difensori nonche’, disposto l’ascolto del figlio minore che abbia compiuto gli anni dodici e anche di eta’ inferiore ove capace di discernimento, da’, anche d’ufficio, con ordinanza i provvedimenti temporanei e urgenti che reputa opportuni nell’interesse dei coniugi e della prole, nomina il giudice istruttore e fissa l’udienza di comparizione e trattazione dinanzi a questo. Nello stesso modo il presidente provvede, se il coniuge convenuto non compare, sentito il ricorrente e il suo difensore. L’ordinanza del presidente puo’ essere revocata o modificata dal giudice istruttore. Si applica l’articolo 189 delle disposizioni di attuazione del codice di procedura civile .
  9. Tra la data dell’ordinanza, ovvero tra la data entro cui la stessa deve essere notificata al convenuto non comparso, e quella dell’udienza di comparizione e trattazione devono intercorrere i termini di cui all’articolo 163-bis del codice di procedura civile ridotti a meta’.
  10. Con l’ordinanza di cui al comma 8, il presidente assegna altresi’ termine al ricorrente per il deposito in cancelleria di memoria integrativa, che deve avere il contenuto di cui all’articolo 163, terzo comma, numeri 2), 3), 4), 5) e 6), del codice di procedura civile e termine al convenuto per la costituzione in giudizio ai sensi degli articoli 166 e 167, primo e secondo comma, dello stesso codice nonche’ per la proposizione delle eccezioni processuali e di merito che non siano rilevabili d’ufficio. L’ordinanza deve contenere l’avvertimento al convenuto che la costituzione oltre il suddetto termine implica le decadenze di cui all’articolo 167 del codice di procedura civile e che oltre il termine stesso non potranno piu’ essere proposte le eccezioni processuali e di merito non rilevabili d’ufficio.
  11. All’udienza davanti al giudice istruttore si applicano le disposizioni di cui agli articoli 180 e 183, commi primo, secondo, quarto, quinto, sesto e settimo, del codice di procedura civile. Si applica altresi’ l’articolo 184 del medesimo codice.
  12. Nel caso in cui il processo debba continuare per la determinazione dell’assegno, il tribunale emette sentenza non definitiva relativa allo scioglimento o alla cessazione degli effetti civili del matrimonio. Avverso tale sentenza e’ ammesso solo appello immediato. Appena formatosi il giudicato, si applica la previsione di cui all’articolo 10.
  13. Quando vi sia stata la sentenza non definitiva, il tribunale, emettendo la sentenza che dispone l’obbligo della somministrazione dell’assegno, puo’ disporre che tale obbligo produca effetti fin dal momento della domanda.
  14. Per la parte relativa ai provvedimenti di natura economica la sentenza di primo grado e’ provvisoriamente esecutiva.
  15. L’appello e’ deciso in camera di consiglio.
  16. La domanda congiunta dei coniugi di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio che indichi anche compiutamente le condizioni inerenti alla prole e ai rapporti economici, e’ proposta con ricorso al tribunale in camera di consiglio. Il tribunale, sentiti i coniugi, verificata l’esistenza dei presupposti di legge e valutata la rispondenza delle condizioni all’interesse dei figli, decide con sentenza. Qualora il tribunale ravvisi che le condizioni relative ai figli sono in contrasto con gli interessi degli stessi, si applica la procedura di cui al comma 8 .

(NB) La Corte Costituzionale, con sentenza n. 169/2008 ha dichiarato l’illegittimita’ costituzionale del presente comma, nel testo sostituito dall’articolo 2, comma 3-bis, del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, limitatamente alle parole «del luogo dell’ultima residenza comune dei coniugi ovvero, in mancanza,».

Articolo 5.

  1. Il tribunale adito, in contraddittorio delle parti e con l’intervento obbligatorio del pubblico ministero, accertata la sussistenza di uno dei casi di cui all’art. 3, pronuncia con sentenza lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio ed ordina all’ufficiale dello stato civile del luogo ove venne trascritto il matrimonio di procedere alla annotazione della sentenza.
  2. La donna perde il cognome che aveva aggiunto al proprio a seguito del matrimonio .
  3. Il tribunale, con la sentenza con cui pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, può autorizzare la donna che ne faccia richiesta a conservare il cognome del marito aggiunto al proprio quando sussista un interesse suo o dei figli meritevole di tutela .
  4. La decisione di cui al comma precedente può essere modificata con successiva sentenza, per motivi di particolare gravità, su istanza di una delle parti .
  5. La sentenza è impugnabile da ciascuna delle parti. Il pubblico ministero può ai sensi dell’art. 72 del codice di procedura civile, proporre impugnazione limitatamente agli interessi patrimoniali dei figli minori o legalmente incapaci.
  6. Con la sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, il tribunale, tenuto conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione, del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune, del reddito di entrambi, e valutati tutti i suddetti elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio, dispone l’obbligo per un coniuge di somministrare periodicamente a favore dell’altro un assegno quando quest’ultimo non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive .
  7. La sentenza deve stabilire anche un criterio di adeguamento automatico dell’assegno, almeno con riferimento agli indici di svalutazione monetaria. Il tribunale può, in caso di palese iniquità, escludere la previsione con motivata decisione .
  8. Su accordo delle parti la corresponsione può avvenire in unica soluzione ove questa sia ritenuta equa dal tribunale. In tal caso non può essere proposta alcuna successiva domanda di contenuto economico .
  9. I coniugi devono presentare all’udienza di comparizione avanti al presidente del tribunale la dichiarazione personale dei redditi e ogni documentazione relativa ai loro redditi e al loro patrimonio personale e comune. In caso di contestazioni il tribunale dispone indagini sui redditi, sui patrimoni e sull’effettivo tenore di vita, valendosi, se del caso, anche della polizia tributaria .
  10. L’obbligo di corresponsione dell’assegno cessa se il coniuge, al quale deve essere corrisposto, passa a nuove nozze.
  11. Il coniuge, al quale non spetti l’assistenza sanitaria per nessun altro titolo, conserva il diritto nei confronti dell’ente mutualistico da cui sia assistito l’altro coniuge. Il diritto si estingue se egli passa a nuove nozze .

Articolo 6. OBBLIGHO DI MANTENIMENTO CON IL DIVORZIO

L’obbligo, ai sensi degli articoli 315-bis e 316-bis del codice civile, di mantenere, educare ed istruire i figli nati o adottati durante il matrimonio di cui sia stato pronunciato lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili, permane anche nel caso di passaggio a nuove nozze di uno o di entrambi i genitori

  1. L’obbligo, ai sensi degli articoli 315-bis e 316-bis del codice civile, di mantenere, educare ed istruire i figli nati o adottati durante il matrimonio di cui sia stato pronunciato lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili, permane anche nel caso di passaggio a nuove nozze di uno o di entrambi i genitori .
  2. Il Tribunale che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio applica, riguardo ai figli, le disposizioni contenute nel capo II, del titolo IX, del libro primo, del codice civile .

 

A CHI SPETTA LA CASA CONIUGALE CON IL DIVORZIO ?

  1. L’abitazione nella casa familiare spetta di preferenza al genitore cui vengono affidati i figli o con il quale i figli convivono oltre la maggiore età. In ogni caso ai fini dell’assegnazione il giudice dovrà valutare le condizioni economiche dei coniugi e le ragioni della decisione e favorire il coniuge più debole. L’assegnazione, in quanto trascritta, è opponibile al terzo acquirente ai sensi dell’art. 1599 del codice civile.
  2. Il tribunale dà inoltre disposizioni circa l’amministrazione dei beni dei figli e, nell’ipotesi in cui l’esercizio della responsabilita’ genitoriale sia affidato ad entrambi i genitori, circa il concorso degli stessi al godimento dell’usufrutto legale .

Articolo 7.

Il secondo comma dell’art. 252 del codice civile è così modificato:

“I figli nati fuori del matrimonio possono essere riconosciuti anche dal genitore che, al tempo del concepimento, era unito in matrimonio, qualora il matrimonio sia sciolto per effetto della morte dell’altro coniuge ovvero per pronuncia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili conseguenti alla trascrizione del matrimonio celebrato con rito religioso” .

Articolo 8.

  1. Il tribunale che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio può imporre all’obbligato di prestare idonea garanzia reale o personale se esiste il pericolo che egli possa sottrarsi all’adempimento degli obblighi di cui agli articoli 5 e 6.
  2. La sentenza costituisce titolo per l’iscrizione dell’ipoteca giudiziale ai sensi dell’art. 2818 del codice civile.
  3. Il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell’assegno, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è stabilita la misura dell’assegno ai terzi tenuti a corrispondere periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato con l’invito a versargli direttamente le somme dovute, dandone comunicazione al coniuge inadempiente .
  4. Ove il terzo cui sia stato notificato il provvedimento non adempia, il coniuge creditore ha azione diretta esecutiva nei suoi confronti per il pagamento delle somme dovutegli quale assegno di mantenimento ai sensi degli articoli 5 e 6 .
  5. Qualora il credito del coniuge obbligato nei confronti dei suddetti terzi sia stato già pignorato al momento della notificazione, all’assegnazione e alla ripartizione delle somme fra il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell’assegno, il creditore procedente e i creditori intervenuti nell’esecuzione, provvede il giudice dell’esecuzione .
  6. Lo Stato e gli altri enti indicati nell’art. 1 del testo unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1950, n. 180, nonché gli altri enti datori di lavoro cui sia stato notificato il provvedimento in cui è stabilita la misura dell’assegno e l’invito a pagare direttamente al coniuge cui spetta la corresponsione periodica, non possono versare a quest’ultimo oltre la metà delle somme dovute al coniuge obbligato, comprensive anche degli assegni e degli emolumenti accessori .
  7. Per assicurare che siano soddisfatte o conservate le ragioni del creditore in ordine all’adempimento degli obblighi di cui agli articoli 5 e 6, su richiesta dell’avente diritto, il giudice può disporre il sequestro dei beni del coniuge obbligato a somministrare l’assegno. Le somme spettanti al coniuge obbligato alla corresponsione dell’assegno di cui al precedente comma sono soggette a sequestro e pignoramento fino alla concorrenza della metà per il soddisfacimento dell’assegno periodico di cui agli articoli 5 e 6 .

Articolo 9.

  1. Qualora sopravvengano giustificati motivi dopo la sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, il tribunale, in camera di consiglio e, per i provvedimenti relativi ai figli, con la partecipazione del pubblico ministero, può, su istanza di parte, disporre la revisione delle disposizioni concernenti l’affidamento dei figli e di quelle relative alla misura e alle modalità dei contributi da corrispondere ai sensi degli articoli 5 e 6.
  2. In caso di morte dell’ex coniuge e in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione di reversibilità, il coniuge rispetto al quale è stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e sempre che sia titolare di assegno ai sensi dell’art. 5, alla pensione di reversibilità, sempre che il rapporto da cui trae origine il trattamento pensionistico sia anteriore alla sentenza .
  3. Qualora esista un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione di reversibilità, una quota della pensione e degli altri assegni a questi spettanti è attribuita dal tribunale, tenendo conto della durata del rapporto, al coniuge rispetto al quale è stata pronunciata la sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio e che sia titolare dell’assegno di cui all’art. 5. Se in tale condizione si trovano più persone, il tribunale provvede a ripartire fra tutti la pensione e gli altri assegni, nonché a ripartire tra i restanti le quote attribuite a chi sia successivamente morto o passato a nuove nozze .
  4. Restano fermi, nei limiti stabiliti dalla legislazione vigente, i diritti spettanti a figli, genitori o collaterali in merito al trattamento di reversibilità.
  5. Alle domande giudiziali dirette al conseguimento della pensione di reversibilità o di parte di essa deve essere allegato un atto notorio, ai sensi della legge 4 gennaio 1968, n. 15, dal quale risultino tutti gli aventi diritto. In ogni caso, la sentenza che accoglie la domanda non pregiudica la tutela, nei confronti dei beneficiari, degli aventi diritto pretermessi, salva comunque l’applicabilità delle sanzioni penali per le dichiarazioni mendaci .

Articolo 9-bis.

  1. A colui al quale è stato riconosciuto il diritto alla corresponsione periodica di somme di denaro a norma dell’art. 5, qualora versi in stato di bisogno, il tribunale, dopo il decesso dell’obbligato, può attribuire un assegno periodico a carico dell’eredità tenendo conto dell’importo di quelle somme, della entità del bisogno, dell’eventuale pensione di reversibilità, delle sostanze ereditarie, del numero e della qualità degli eredi e delle loro condizioni economiche. L’assegno non spetta se gli obblighi patrimoniali previsti dall’art. 5 sono stati soddisfatti in unica soluzione.
  2. Su accordo delle parti la corresponsione dell’assegno può avvenire in unica soluzione. Il diritto all’assegno si estingue se il beneficiario passa a nuove nozze o viene meno il suo stato di bisogno. Qualora risorga lo stato di bisogno l’assegno può essere nuovamente attribuito .

Articolo 10.

  1. La sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, quando sia passata in giudicato, deve essere trasmessa in copia autentica, a cura del cancelliere del tribunale o della Corte che l’ha emessa, all’ufficiale dello stato civile del comune in cui il matrimonio fu trascritto, per le annotazioni e le ulteriori incombenze di cui al regio decreto 9 luglio 1939, n. 1238.
  2. Lo scioglimento e la cessazione degli effetti civili del matrimonio, pronunciati nei casi rispettivamente previsti dagli articoli 1 e 2 della presente legge, hanno efficacia, a tutti gli effetti civili, dal giorno dell’annotazione della sentenza.

Articolo 11.

Articolo 12.

  1. Le disposizioni del codice civile in tema di riconoscimento del figlio nato fuori del matrimonio si applicano, per quanto di ragione, anche nel caso di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio .

Articolo 12-bis.

  1. Il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto sia titolare di assegno ai sensi dell’art. 5, ad una percentuale dell’indennità di fine rapporto percepita dall’altro coniuge all’atto della cessazione del rapporto di lavoro anche se l’indennità viene a maturare dopo la sentenza.
  2. Tale percentuale è pari al quaranta per cento dell’indennità totale riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio .

Articolo 12-ter.

  1. In caso di genitori rispetto ai quali sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, la pensione di reversibilità spettante ad essi per la morte di un figlio deceduto per fatti di servizio è attribuita automaticamente dall’ente erogante in parti eguali a ciascun genitore.
  2. Alla morte di uno dei genitori, la quota parte di pensione si consolida automaticamente in favore dell’altro.
  3. Analogamente si provvede, in presenza della predetta sentenza, per la pensione di reversibilità spettante al genitore del dante causa secondo le disposizioni di cui agli articoli 83 e 87 del decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1973, n. 1092 .

Articolo 12-quater.

  1. Per le cause relative ai diritti di obbligazione di cui alla presente legge è competente anche il giudice del luogo in cui deve essere eseguita l’obbligazione dedotta in giudizio .

Articolo 12-quinquies.

  1. Allo straniero, coniuge di cittadina italiana, la legge nazionale del quale non disciplina lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, si applicano le disposizioni di cui alla presente legge .

Articolo 12-sexies.

  1. Al coniuge che si sottrae all’obbligo di corresponsione dell’assegno dovuto a norma degli articoli 5 e 6 della presente legge si applicano le pene previste dall’art. 570 del codice penale .

Zola Predosa avvocato matrimonialista ,diritto di famiglia penale, avvocato penalista , studio avvocato penale

divorzio congiunto divorzio congiunto modello
divorzio congiunto senza avvocato
divorzio congiunto contributo unificato
divorzio congiunto costi
divorzio congiunto competenza territoriale
divorzio congiunto procedura
divorzio congiunto negoziazione assistita
divorzio congiunto documenti da allegare
divorzio congiunto documenti
1
divorzio congiunto modello divorzio congiunto modello 2014
divorzio congiunto modello 2015
divorzio congiunto modello ricorso
divorzio congiunto modello istat
divorzio congiunto modello negoziazione assistita
divorzio consensuale modello
procura divorzio congiunto modello
sentenza divorzio congiunto modello
ricorso per divorzio congiunto modello
2

DIVISIONI EREDITARIE TESTAMENTO EREDI

Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione, 

Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,  imposta di successione eredita’ legittima, rinuncia eredita’ , successione ereditaria successione legittima
Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,  imposta di successione eredita’ legittima, rinuncia eredita’ , successione ereditaria successione legittima

BOLOGNA TREVISO VENEZIA VICENZA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONI TESTAMENTI 

Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,  imposta di successione eredita’ legittima, rinuncia eredita’ , successione ereditaria successione legittima Apertura successioni Documenti necessari
Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,  imposta di successione eredita’ legittima, rinuncia eredita’ , successione ereditaria successione legittima Apertura successioni Documenti necessari

Apertura successioni

Documenti necessari

  1. CERTIFICATO DI MORTE  ‘ 
  1. FOTOCOPIA CARTA DI IDENTITA’ NON SCADUTA DI TUTTI GLI EREDI

 

  1. FOTOCOPIA TESSERINO CODICE FISCALE O TESSERA SANITARIA DEL DECEDUTO E DI TUTTI GLI EREDI

 

  1. ROGITI E ATTI DI PROVENIENZA DI TUTTE LE PROPRIETA’ IMMOBILIARI (TERRENI, FABBRICATI, AREE EDIFICABILI) INTESTATE AL DECEDUTO O COINTESTATE CON ALTRI

  

  1. 2 COPIE AUTENTICHE PUBBLICAZIONE EVENTUALE TESTAMENTO

AVVOCATO-RECUPERO-CREDITI-BOLOGNA-AZIENDE-18

  1. COPIA AUTENTICA DEL VERBALE DI EVENTUALE RINUNCIA ALL’EREDITA’..

 

  1. INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA DI UN EREDE

 

  1. FATTURA DELL’AVVENUTO PAGAMENTO DELLE SPESE FUNEBRI, SPESE MEDICHE E DICHIARAZIONE DELLA BANCA IN CASO DI MUTUI IPOTECARI (soltanto se gli eredi sono in linea collaterale: fratelli, sorelle, nipoti figli di fratelli o sorelle, altri parenti ed estranei)

 

  1. DICHIARAZIONE IN ORIGINALE SU CARTA INTESTATA SOTTOSCRITTA DELLA BANCA, POSTE ITALIANE, COOPERATIVE ,

 

Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,  imposta di successione eredita’ legittima, rinuncia eredita’ , successione ereditaria successione legittima Bologna ravenna Forli

CAUSE BOLOGNA IN MATERIA DI SUCCESIONI AVVOCATO ESPERTO

Il diritto delle successioni rappresenta una delle materie più complesse del nostro
ordinamento giuridico.

La materia dell’eredità, successioni e testamenti è
estremamente delicata poichè si occupa della trasmissione di patrimoni tra
familiari o comunque in favore di persone care, con inevitabile ripercussione sugli
equilibri familiari, specie quando la posta in gioco è molto alta.

 

Di conseguenza,
anche qualora sussista un testamento, è bene valutarne la validità con l’aiuto di
un esperto.

 

L’intervento di un avvocato esperto in materia successoria assicura
un trattamento equo degli eredi.

 

azione di reintegrazione quota di legittima; azione di riduzione donazione; azione di riduzione quota disponibile; domanda di divisione giudiziale della comunione ereditaria; azione di fissazione del termine per l’accettazione dell’eredità; ricorso per l’apposizione dei sigilli; ecc.
Eredità e Su Successione ereditaria

La successione ereditaria è quella pratica che si apre a seguito del decesso di una persona:

 

DI COSA SI OCCUPA L’AVVOCATO SERGIO ARMAROLI IN MATERIA DI SUCCESSIONI A BOLOGNA?

 

si occupa in particolare di assistenza legale e consulenza nella redazione di testamenti, in questioni ereditarie, in tutte quelle pratiche che hanno come materia le successioni.

Per successioni, per controversie legate a questioni ereditarie, per difficoltà burocratiche,

 

 successioni

Assistenza legale giudiziale e stragiudiziale 
Eredità e Successioni Bologna

Assistenza legale giudiziale e stragiudiziale in materia di Diritto Successorio. Ci occupiamo di impugnazione di testamento, tutela dell’erede, divisione ereditaria.


Tra le materie trattate dall’avvocato civilista Bologna Sergio Armaroli
vi sono anche le molteplici problematiche legate all’eredità ed alle successioni mortis causa.

La materia delle successioni è generalmente complessa, oltre che molto delicata perché si occupa della trasmissione di patrimoni tra familiari o comunque in favore di persone care, con inevitabile ripercussione sugli equilibri familiari, specie quando la posta in gioco è molto alta.

L’avvocato Sergio Armaroli di Bologna esperto successioni offre la propria consulenza sia per la fase stragiudiziale che per quella dell’eventuale contenzioso, assistendo il cliente in ogni ambito: dall’accettazione dell’eredità (con o senza beneficio d’inventario), alla dichiarazione di successione (mediante l’assistenza di un esperto commercialista), nell’eventuale redazione dell’inventario, nella fase vendita dei beni ereditari, nonché nell’azione di divisione ereditaria (sia dinanzi gli organi di mediazione e conciliazione

Bologna

Assistenza giudiziale in materia di Diritto Successorio. Ci occupiamo di impugnazione di testamento, tutela dell’erede, divisione ereditaria.

 

1)Impugnazione testamenti; azione di petizione dell’eredità;

2)CAUSE BOLOGNA IN MATERIA DI SUCCESIONI AVVOCATO ESPERTO

3)DIVISIONI EREDITARIE

4)Eredità e Successioni Bologna

 

Assistenza legale giudiziale e stragiudiziale in materia di Diritto Successorio. Ci occupiamo di impugnazione di testamento, tutela dell’erede, divisione ereditaria.

persone fisiche: assenza, morte presunta, interdizione, inabilitazione, amministratore di sostegno; successioni e donazioni.

Per quel che riguarda le eredità, prestando assistenza per problematiche di interpretazione testamentaria e per le cause di divisione ereditaria; lesione alla quota di legittima, impugnazione di testamenti, divisioni tra coeredi, accettazione o rinunzia di eredità e accettazione di eredità con beneficio di inventario (procedura che esonera dal pagare i debiti ereditari con il proprio patrimonio).

  1. Consulenza in tema di diritto delle successioni e dell’eredità.
  2. Redazione di testamenti.
  3. Consulenza su lesione quota di legittima e conseguenti azioni di riduzione e restituzione.
  4. Aspetti fiscali dell’eredità.
  5. Divisione di beni caduti in successione.
  6. Dichiarazione di successione.
  7. Petizione d’eredità.
  8. Consulenza su validità testamenti e legati e conseguenti azioni di impugnativa.
  9. Accettazioni espresse e con beneficio d’inventario dell’eredità.
  10. Rinunce all’eredità.
  11. Distribuzione del patrimonio e pianificazione patrimoniale.

 

 

 

Consulenza per addivenire ad una soluzione consensuale e assistenza in sede giudiziale.

 

Eredità e Successioni Bologna

 

Assistenza legale giudiziale e stragiudiziale in materia di Diritto Successorio. Ci occupiamo di impugnazione di testamento, tutela dell’erede, divisione ereditaria.

LA MATERIA DELLE SUCCESSINI :

oltre che molto delicata perché si occupa della trasmissione di patrimoni tra familiari o comunque in favore di persone care, con inevitabile ripercussione sugli equilibri familiari, specie quando la posta in gioco è molto alta.

 

 

Spesso, infatti, a causa di un testamento e/o di donazioni fatte in vita dal de cuius, si verificano delle vere e proprie faide tra gli eredi che culminano in complessi giudizi, che talvolta possono essere anche molto lunghi e costosi. Per tale motivo, l’assistenza di un buon avvocato diventa indispensabile per la tutela dei propri interessi.

L’esperto avvocato Sergio Armaroli di Bologna offre la propria consulenza sia per la fase stragiudiziale che per quella dell’eventuale contenzioso,

 

 

L’esperto avvocato Sergio Armaroli di Bologna assiste il cliente in ogni ambito: dall’accettazione dell’eredità (con o senza beneficio d’inventario), alla dichiarazione di successione (mediante l’assistenza di un esperto commercialista), nell’eventuale redazione dell’inventario, nella fase vendita dei beni ereditari,

 

L’esperto avvocato Sergio Armaroli di Bologna assiste il cliente nell’azione di divisione ereditaria (sia dinanzi gli organi di mediazione e conciliazione, che dinanzi il Tribunale competente), nei casi di impugnazione del testamento, di petizione di eredità, di nomina del curatore dell’eredità giacente, di esonero dell’esecutore testamentario, e più in generale, in ogni altra azione che si rendesse necessaria per la tutela del proprio assistito.

 

Assistenza legale giudiziale e stragiudiziale in materia di Diritto Successorio. Ci occupiamo di impugnazione di testamento, tutela dell’erede, divisione ereditaria.

Consulenza in tema di diritto delle successioni e dell’eredità.

Redazione di testamenti.

Consulenza su lesione quota di legittima e conseguenti azioni di riduzione e restituzione.

Aspetti fiscali dell’eredità.

Divisione di beni caduti in successione.

Dichiarazione di successione.

Petizione d’eredità.

Consulenza su validità testamenti e legati e conseguenti azioni di impugnativa.

Accettazioni espresse e con beneficio d’inventario dell’eredità.

Rinunce all’eredità.

Distribuzione del patrimonio e pianificazione patrimoniale.

 

 

 

CAUSE BOLOGNA IN MATERIA DI SUCCESIONI AVVOCATO ESPERTO

CONSULENZA IN MATERIA TESTAMENTARIA

Consulenza per la redazione di valide disposizioni testamentarie.

 

Eredità e Successioni Bologna

 

Assistenza legale giudiziale e stragiudiziale in materia di Diritto Successorio. Ci occupiamo di impugnazione di testamento, tutela dell’erede, divisione ereditaria.

Bologna

 

BOLOGNA TREVISO VENEZIA VICENZA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONI TESTAMENTI 

 

 

 

TRUFFA IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO ACQUISTO CASA AVVOCATO PENALISTA
TRUFFA IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO ACQUISTO CASA AVVOCATO PENALISTA

 

Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,
Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,

come fare  la divisione

Con il termine successione il codice civile indica, in generale, il fenomeno per cui un soggetto subentra ad un altro nella titolarità di uno o più diritti. La successione per causa di morte è una delle ipotesi più importanti perché l’ordinamento si preoccupa di tutelare il patrimonio e garantire che non resti privo di titolare.

Con il termine eredità (o successione a titolo universale) si indica proprio il complesso dei rapporti patrimoniali trasmissibili, sia attivi che passivi. Essa si differenzia dal legato (o successione a titolo particolare), che indica non il complesso dei rapporti patrimoniali, ma solamente uno specifico lascito.

RISLVI ora SAI TUTTO SU successioni BOLOGNA,IMOLA RAVENNA MALALBERGO? 3 MOTIVIAVVOCATO ESPERTO SUCCESSIONI SERGIO ARMAROLI

  • PREPARAZIONE COSTANTE
  • INFORMATIVA COSTANTE AL CLIENTE
  • PREVENTIVI SCRITTI
  1. impugnare testamento accettato
  2. impugnare testamento alzheimer

Perché? impugnare un testamento olografo e pubblico e per quali motivi

Prendiamo in primo luogo in considerazione i tre diversi tipi di azioni giudiziarie esercitabili da parte di chi abbia interesse ad impugnare un testamento. Le volontà testamentarie infatti:

  1. Possono essere annullate consentenza costitutiva di annullamento.
  2. Possono essere dichiarate nulle attraverso un’azione volta alladichiarazione di nullità.
  • Possono essere ridotte attraverso il vittorioso esperimento dell’azione di riduzione.

L’azione di riduzione

E’ possibile che dopo la morte del de cuius si scopra che una o più donazioni, sia nei confronti di altri legittimari che di terzi, abbiano eroso la quota di legittima che spetta all’erede riservatario.

Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,
Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,

A questo punto colui che ha diritto alla riserva di legge ha la possibilità di ottenere la ricostituzione della quota a lui necessariamente spettante mediante una apposita azione giudiziaria, l’azione di riduzione.

L’azione di riduzione va proposta dopo la morte del donante ed entro 10 anni dalla morte e contro il donatario. Se questi ha ceduto a terzi l’immobile che aveva ricevuto in donazione, il legittimario (solo se ed in quanto il donatario non abbia altri beni sui quali soddisfare le proprie ragioni) può chiedere ai successivi proprietari la restituzione del bene (azione di restituzione).

BOLOGNA TREVISO VENEZIA VICENZA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONI TESTAMENTI 

Gli eredi legittimari: testamento e azione di riduzione

Tra i soggetti legittimati ad impugnare il testamento rientrano gli eredi legittimari, ossia il coniuge, i figli e gli ascendenti del defunto. A questi, si aggiungono i loro eredi o aventi causa, nonché il legittimario pretermesso dal testatore, colui che pur avendo diritto ad una porzione dell’eredità, è stato escluso dalla distribuzione ereditaria.

I soggetti sopra elencati, possono impugnare il testamento quando il testatore abbia leso la quota di legittima ad essi spettante e non derogabile nelle disposizioni testamentarie, ovvero tramite donazioni, che eccedono la quota disponibile su cui il testatore poteva liberamente disporre.

Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,
Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,

“una accertata incapacità di intendere e volere trova conferma dall’analisi tecnica di redazione del testamento da cui emerge che la tecnica di redazione appariva incompatibile con lo stato psicofisico emergente dalla documentazione medica, così come la sapiente selezione di una corretta terminologia giuridica appariva incompatibile con le capacità grafiche e soprattutto ortografiche della de cuius.”

BOLOGNA TREVISO VENEZIA VICENZA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONI TESTAMENTI 

  • impugnare testamento anni
  • impugnazione testamento accettazione eredità
  • impugnazione testamento azione riduzione
  • impugnazione testamento apocrifo
  • impugnazione testamento atto di citazione
  • impugnazione testamento acquiescenza
  1. impugnazione testamento accettazione tacita
  2. impugnazione testamento amministratore di sostegno
  3. impugnazione testamento accettazione tacita ereditŕ
  4. impugnare testamento olografo accordi
  5. impugnazione testamento legittimazione attiva
  6. impugnazione testamento dopo acquiescenza
  7. impugnazione testamento e accettazione eredità
  8. impugnazione testamento un anno
  9. impugnazione testamento olografo apocrifo
  10. impugnazione testamento blocco beni
  • impugnazione testamento badante

impugnare testamento costi

  • impugnare testamento conseguenze
  • impugnazione testamento competenza territoriale
  • impugnazione testamento creditori
  • impugnazione testamento contributo unificato
  • impugnazione testamento codice civile
  • impugnazione testamento competenza collegiale
  • impugnazione testamento captazione
  • impugnazione testamento chi puo farlo
  • impugnazione testamento citazione
  1. impugnazione testamento come fare
  2. impugnazione testamento curatore fallimentare
  3. impugnazione testamento cassazione
  4. impugnazione testamento cc
  5. impugnazione testamento chi puo?
  6. impugnazione testamento circonvenzione
  7. impugnare testamento per circonvenzione di incapace
  8. impugnare testamento quanto costa
  9. impugnare testamento olografo costi
  10. impugnare testamento per captazioneimpugnare testamento dopo pubblicazione
  11. impugnare testamento dopo 10 anni
  12. impugnare testamento dopo accettazione
  13. impugnare testamento del fratello
  14. impugnazione testamento dopo accettazione ereditŕ
  15. impugnazione testamento da parte dei creditori
  16. impugnazione testamento decadenza
  17. impugnazione testamento donazione
  18. impugnazione testamento dopo acquiescenza
  19. impugnazione del testamento olografo
  20. E ciò perché il testamento olografo non è solo un documento che fonda, o contribuisce a fondare, sul piano probatorio, le ragioni della parte in causa, ma costituisce esso stesso il titolo in forza del quale il soggetto ivi menzionato diviene titolare di diritti soggettivi, e in ragione del quale si realizza la successione in locum et ius defuncti.
  21. Ricostruendo funditus i termini del contrasto, emerge come parte della giurisprudenza di questa Corte, nel riconoscere al testamento olografo natura giuridica di scrittura privata, ammetta che la contestazione della autenticità della sua sottoscrizione possa legittimamente compiersi attraverso il semplice disconoscimento (i.e. il non riconoscimento) della scheda testamentaria.
  22. 1. La tesi trova un suo risalente precedente nella pronuncia di cui a Cass. n. 3371 del 16 ottobre 1975, secondo cui la parte che intenda contestare l’autenticità di una scrittura privata non riconosciuta non deve proporre querela di falso, occorrendo invece impugnare, in via di eccezione, la sottoscrizione mediante il disconoscimento, con la conseguenza che graverebbe sulla controparte l’onere di chiedere la verificazione e di dimostrare l’autenticità della scheda testamentaria. A fondamento di tale decisione la Corte pose la considerazione secondo cui lo strumento della querela di falso si rende indispensabile solo quando la scrittura abbia acquistato l’efficacia di piena prova ai sensi dell’art. 2702 cod. civ. per riconoscimento tacito o presunto, ovvero all’esito del procedimento di verificazione (e ciò anche nell’ipotesi in cui, contro l’erede istituito con un precedente testamento, sia prodotto un successivo testamento istitutivo di altro erede).
  23. 2. La giurisprudenza favorevole allo strumento processuale della verificazione ex art. 214 c.p.c., peraltro, non esclude tout court il ricorso alla querela di falso, riconosciuta come strumento alternativo rispetto al semplice disconoscimento (così, tra le altre, Cass. n. 3883 del 22 aprile 1994), ma mette a sua volta in rilievo – sulla premessa per cui l’onere probatorio ricade sulla parte che del testamento voglia servirsene e che a tal fine propone l’istanza di verificazione (salvo la diversa scelta della controparte di promuovere azione di querela di falso) – la non incidenza sull’onere probatorio della posizione processuale assunta dalle parti stesse (e cioè se l’azione sia esperita dall’erede legittimo che adduca in via principale la falsità del documento, ovvero dall’erede testamentario che voglia far valere i propri diritti ereditari e si trovi di fronte alla contestazione dell’autenticità del documento da parte dell’erede legittimo: Cass. n. 7475 del 12 aprile 2005 e n. 26943 dell’11 novembre 2008).
  24. 3. Tracce dell’orientamento in parola si rinvengono anche in epoca successiva al ricordato obiter di queste sezioni unite.
  25. 3.1. Secondo Cass. n. 28637 del 23 dicembre 2011, difatti – riaffermatosi in premessa che querela di falso e disconoscimento sono istituti preordinati a finalità diverse e del tutto indipendenti tra loro -, il testamento olografo non perderebbe la sua natura di scrittura privata per il fatto di dover rispondere ai requisiti di forma imposti dalla legge (ex art. 602 c.c.), volta che esso deriva la sua efficacia dal riconoscimento, espresso o tacito, che ne compia il soggetto contro il quale la scrittura è prodotta: quest’ultimo, per impedire tale riconoscimento e contestare tout court l’intera scheda testamentaria, deve dunque proporre l’azione di disconoscimento, che pone a carico della controparte l’onere di dimostrare, in contrario, che la scrittura non è stata contraffatta e proviene, invece, effettivamente dal suo autore apparente.
  26. A questo indirizzo si contrappone l’orientamento che, pur non attribuendo valore di atto pubblico al testamento olografo, postula, per la contestazione della sua autenticità, la proposizione della querela di falso.
  27. 1 Anche tale filone interpretativo ha origini assai risalenti: si legge in Cass. n. 2793 del 3 agosto 1968 che la contestazione dell’erede legittimo si risolve in una eccezione di falso, da sollevarsi esclusivamente nelle forme di cui agli artt. 221 cod. proc. civ. e segg., atteso che il disconoscimento può provenire soltanto da chi sia autore dello scritto o da un suo erede – in tal senso, e prima ancora, Cass. n. 766 del 18 marzo 1966, secondo la quale il principio sostanziale dell’art. 2702 cod. civ. volto a disciplinare l’efficacia in giudizio della scrittura privata riconosciuta effettivamente o presupposta tale, e la procedura di disconoscimento e di verificazione regolata dagli artt. 214 e ss. c.p.c., sono istituti applicabili solo alle scritture provenienti dai soggetti del processo e alla ipotesi di negazione della propria scrittura o della propria firma da parte di quel soggetto contro il quale sia stato prodotto lo scritto. Quando invece l’atto non sia attribuibile alla parte contro cui viene prodotto, la contestazione della sua autenticità, risolvendosi in una eccezione di falso, necessita della relativa querela.
  28. 2. Sarà proprio questo risalente insegnamento a costituire a lungo una delle più solide basi su cui si fonda l’indirizzo giurisprudenziale favorevole al ricorso allo strumento disciplinato dagli artt. 221 e segg. cit.. Gli eredi legittimi che contestano l’autenticità della scheda olografa, secondo questa interpretazione (fatta propria anche da una parte della dottrina), devono, difatti, ritenersi soggetti estranei alla scrittura testamentaria, onde la loro esclusione anche dallo schema dell’art. 214, secondo comma, c.p.c..
  29. 3. Conferma indiretta della ratio di tale ricostruzione si trova nella pronuncia di cui a Cass. n. 1599 del 28 maggio 1971, la quale, pur concludendo nella specie per la legittimità del solo disconoscimento, a ciò perviene solo in ragione della qualifica di erede attribuita alla parte che in concreto ed in quel giudizio contestava un testamento olografo. Si legge, difatti, in sentenza che l’erede istituito col primo testamento, agendo con la petitio heraeditatis in quanto investito di un valido titolo di legittimazione fino al momento in cui non ne sia dichiarata giudizialmente la caducazione, conserva pur sempre la veste di erede anche nei confronti di altro soggetto che pretenda avere diritto alla eredità in base a successiva disposizione testamentaria, così che egli non può qualificarsi terzo fino al momento del definitivo accertamento della validità del secondo testamento, ed è legittimato a contestare l’efficacia del testamento posteriore mediante il mero disconoscimento, senza necessità di proporre querela, incombendo sull’altra parte che abbia proposto domanda riconvenzionale – tendente a far dichiarare la validità del secondo testamento e la conseguente caducazione delle disposizioni contenute nel primo – l’onere di provare tale domanda chiedendo la verificazione dell’olografo successivo di cui intende avvalersi.
  30. 4. L’indirizzo favorevole alla querela di falso, che tiene conto della provenienza della scrittura, risulta espresso in seguito da Cass. n. 16362 del 30 ottobre 2003, secondo cui la procedura di disconoscimento e di verificazione di scrittura privata riguarda unicamente le scritture provenienti da soggetti del processo e presuppone che sia negata la propria firma o la propria scrittura dal soggetto contro il quale il documento è prodotto, mentre, per le scritture provenienti da terzi estranei, come nel caso del testamento olografo, la contestazione non può essere sollevata secondo la disciplina dettata dalle predette norme, bensì nelle forme dell’art. 221 e segg. c.p.c., perché si risolve in una eccezione di falso.
  31. 5. Le argomentazioni a favore dello strumento della querela, principalmente incentrate sull’assunto della terzietà del soggetto rispetto al testamento olografo contro di lui prodotto, trovano una peculiare evoluzione interpretativa nella già ricordata sentenza di queste ss.uu. n. 15169 del 2010 (supra, 7.4).
  32. Intervenendo sul contrasto relativo ai modi di contestazione delle scritture private provenienti da terzi estranei alla lite, la pronuncia ne ricostruisce l’efficacia probatoria inquadrandole tra le prove atipiche dal valore meramente indiziario, e, tenendo conto di tale valore probatorio, afferma che esse possono essere liberamente contestate dalle parti; ma, circoscrivendone l’analisi con particolare riguardo al testamento olografo, nega poi che un simile documento possa annoverarsi tra le prove atipiche per l’incidenza sostanziale e processuale intrinsecamente elevata riconosciutagli, ritenendo (senza che l’affermazione costituisca ratio decidendi della pronuncia) che la sua contestazione necessiti della querela di falso. 9.5.1. L’intero plesso argomentativo della sentenza rende peraltro tale obiter del tutto peculiare, poiché le stesse scritture provenienti da terzi finiscono per distinguersi in due sottocategorie – la prima, contenente la generalità delle scritture, a valenza probatoria ‘debole’, la seconda, comprensiva di atti di particolare incisività perché essi stessi titolo immediatamente esecutivo del diritto fatto valere, a valenza sostanziale e processuale ‘particolarmente pregnante’ -, per la contestazione di ciascuna delle quali si indica uno distinto strumento processuale.
  33. 6. L’orizzonte della giurisprudenza di legittimità si sposta così, alla luce della soluzione adottata, dal rapporto tra scrittura e soggetto (terzo) contro cui è prodotta al valore intrinseco del documento, in una nuova e più attenta consonanza con la relativa elaborazione dottrinaria.
  34. 6.1. L’indirizzo favorevole alla tesi della necessità della querela trova, infine, recente conferma nella pronuncia di cui a Cass. n. 8272 del 24 maggio 2012, predicativa della correttezza del rimedio processuale disciplinato dagli artt. 221 e segg. c.p.c. essendo il testamento un documento proveniente da terzi, e riaffermativa, nel solco delle Sezioni Unite, dell’incidenza sostanziale e processuale particolarmente elevata della scheda olografa, che giustifica il ricorso alla querela di falso per contestarne l’autenticità.
  35. Il panorama giurisprudenziale si completa con l’antico enunciato di cui a Cass. n. 1545 del 15 giugno 1951, che, premessa la legittimità della proposizione di un’azione di accertamento negativo in ordine alla provenienza delle scritture private e del testamento olografo, afferma che l’onere della prova spetta all’attore che chieda di accertare la non provenienza del documento da chi apparentemente ne risulta l’autore, in consonanza con l’opinione dottrinaria secondo cui la contestazione della genuinità del testamento olografo si traduce in una domanda di accertamento negativo della validità del documento stesso.
  36. 1. La pronuncia (senza assumere tuttavia posizione esplicita sulla forma di tale accertamento negativo, se, cioè, dovesse o meno seguire le forme della querela di falso), fu oggetto di autorevoli consensi e di penetranti critiche in dottrina (in estrema sintesi, alla tesi secondo cui l’impugnazione per falsità del testamento olografo si risolve in una quaestio nullitatis, con conseguente applicabilità alla fattispecie della norma di cui all’art. 606 cod. civ. dettata in tema di nullità del testamento olografo per mancanza dei requisiti si replicò che l’olografo impugnato per falsità non è nullo per difetto di forma ma inesistente), non trovò ulteriore seguito in giurisprudenza, che vide così contrapporsi, come finora ricordato, la tesi della verificazione a quella della querela, con opposte conseguenze in ordine all’onere della prova, ripartito sul presupposto delle diverse finalità e dell’indipendenza dei due istituti.
  37. La questione del riparto degli oneri probatori, in particolare, fu oggetto di approfondita disamina nella sentenza di questa Corte n. 3880 del 18 giugno 1980, ove si legge che la querela postula l’esistenza di una scrittura riconosciuta, mentre il disconoscimento, investendo la provenienza stessa del documento, mira a impedire che la scrittura medesima acquisti efficacia probatoria, con la conseguenza che chi contesti l’autenticità della sottoscrizione della scrittura onde impedire che ali ‘apparente sottoscrittore di essa venga imputata la dichiarazione sottoscritta nella sua totalità, deve disconoscere la sottoscrizione e non già proporre la querela di falso, mentre invece, allorché sia accertata l’autenticità della sottoscrizione, chi voglia contestare la provenienza delle dichiarazioni contenute nella scrittura di colui che, ormai incontrovertibilmente, l’ha sottoscritta, ha l’onere di proporre la querela di falso.
  38. In una dimensione del tutto speculare rispetto alle posizioni della giurisprudenza, la dottrina specialistica si è a sua volta divisa tra i due citati e dominanti orientamenti, con argomentazioni che fanno di volta in volta riferimento:
  39. – al rapporto tra provenienza della scrittura e parte in causa contro cui è prodotta;
  40. – alla valutazione del documento per la riconosciuta incidenza sostanziale e processuale intrinsecamente elevata;
  41. – all’esigenza di tener separato il piano del contenuto del testamento (concreto thema probandum) da quello dello strumento mediante il quale esso possa acquisire rilevanza agli effetti processuali.
  42. Su di un piano più generale, ciascuna delle tesi proposte non appare poi insensibile al problema dell’efficacia delle scritture private e dei relativi strumenti di impugnazione.
  43. La tesi favorevole all’indirizzo che reputa sufficiente il ricorso al disconoscimento colloca tout court il testamento olografo tra le scritture private.
  44. 1. Tale ricostruzione della scheda testamentaria è sostanzialmente univoca, salva l’attribuzione ad essa di quel ‘valore intrinsecamente elevato’ evidenziato da questa stesse sezioni unite nel 2010. Distinzione peraltro criticata da chi ne contesta il fondamento normativo, denunciando l’irragionevolezza dell’attribuzione ad alcuni documenti provenienti da terzi di un regime giuridico ‘rafforzato’ rispetto a quanto assicurato alle scritture private provenienti dalle parti – regime del quale si lamenta l’assenza di un efficace riferimento normativo che sostenga l’intrinseco grado di attendibilità del testamento olografo a giustificazione della necessaria proposizione della querela di falso, e la conseguente confusione concettuale tra il piano processuale e quello sostanziale (confondendosi cioè l’aspetto morfologico del documento e del suo contenuto con lo strumento processuale funzionale al suo riconoscimento sul piano della prova in giudizio).
  45. Tale sovrapposizione concettuale conduceva, difatti, secondo tale orientamento, all’errore in cui incorrevano i sostenitori della necessità di ricorrere alla querela di falso, così criticandosi l’assunto secondo cui incombeva su colui che contestava il testamento olografo la prova del suo accertamento negativo, e ritenendosi invece sufficiente, al pari di ogni scrittura privata, il mero disconoscimento del documento.
  46. 2. L’indirizzo favorevole al semplice disconoscimento della scheda testamentaria apparve, peraltro, illieo et immediate destinato a confrontarsi con due delicate questioni.
  47. 2.1. La prima questione aveva ad oggetto il rapporto tra autore del testamento e parti in causa, poiché il testamento proviene pur sempre da un terzo rispetto alle parti del processo, perciò solo esulando, secondo i sostenitori della tesi della querela di falso, dalla fattispecie normativa di cui all’art. 214 c.p.c. – a tanto replicandosi che la scheda olografa, pur materialmente proveniente da chi non può assumere la qualità di parte in senso processuale o sostanziale, acquistando efficacia solo con la morte del suo autore, è pur tuttavia caratterizzata da una sua così specifica peculiarità che la posizione di ‘parte’ del destinatario della attribuzione deriva unicamente dalla devoluzione ereditaria, evidenziandosi poi l’esistenza di casi in cui il documento, pur non provenendo da alcuna delle parti in causa, non può essere considerato alla stregua di una scrittura di terzo estraneo alla lite.
  48. 2.2. Si è ancora opinato, avvertendo l’utilità di circoscrivere la qualità di terzo rispetto alla scrittura privata prodotta in giudizio (e dunque all’olografo), che, dall’esame esegetico degli artt. 2702, 2704 cod. civ., 214 c.p.c., e in una più ampia dimensione di teoria generale del diritto, il concetto di terzo ha natura relazionale, per tale intendendosi chi è estraneo a un qualsiasi rapporto o atto giuridico, così individuandosi tre diverse dimensioni in cui si colloca il concetto di terzo (e, specularmente, quello di parte), e cioè quella proprio della formazione della scrittura (che, considerando la convenzione come fatto storico puntuale, definisce ‘parte’ colui che abbia sottoscritto o vergato di suo pugno la scrittura, e correlativamente terzo chi non abbia né sottoscritto né vergato a mano la medesima), quella negoziale (afferente alla situazione giuridica di diritto sostanziale disciplinata dal contenuto della scrittura privata prodotta in giudizio, in tale prospettiva essendo parte la persona fisica/soggetto autore della dichiarazione), e infine quella processuale (quella, cioè del giudizio in cui la scrittura privata è prodotta, in questa accezione essendo ‘terzo’ la persona fisica che non in giudizio nel processo pendente).
  49. L’espressione ‘eredi o aventi causa’ utilizzata dal secondo comma dell’art. 214 cod. proc. civ. andrebbe, pertanto, intesa in senso ampio, e comprensiva di tutti coloro che si trovino in una ‘generica posizione di dipendenza’.
  50. 2.3. La critica alla preclusione del disconoscimento imposta all’erede legittimo (formalmente terzo sino alla declaratoria di non autenticità o di falsità dell’olografo), si appunta ancora sull’erronea valorizzazione del nesso processuale tra il documento ed il soggetto, mentre anche il successibile ex lege, in ragione della propria posizione sostanziale, non sarebbe ‘terzo’ bensì soggetto contro il quale l’olografo è prodotto.
  51. 2.4. La posizione del successibile ex lege (se parte o terzo rispetto al testamento olografo che istituisca erede altro soggetto), dissolta in parte qua la differenza tra erede legittimo e quello testamentario ai fini del mezzo cui ricorrere per contestare una scheda olografa, diviene così oggetto di un accertamento giudiziale circoscritto alla fattispecie successoria (legale o testamentaria) invocata in proprio favore, onde il riparto dell’onere della prova andrebbe riferito unicamente all’effetto giuridico di tale fattispecie: costituendo proprio il negozio testamentario il tema della prova, dell’attore o del convenuto, il relativo onere graverebbe ipso facto su colui che vuoi far valere quel documento, con l’effetto che la parte nei cui confronti l’atto testamentario è prodotto può limitarsi al disconoscimento.
    Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,
    Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,
  52. 2.5. La seconda questione, a sua volta influente sull’elaborazione teorica che ha riguardo all’onere della prova, esplora il rapporto tra successione legittima e successione testamentaria, e la supposta preminenza della seconda sulla prima. Si afferma, così, che il tenore dell’art. 457, secondo comma, c.c. (a mente del quale ‘non si fa luogo alla successione legittima se non quando manca, in tutto o in parte, quella testamentaria’) attribuirebbe alle norme sul testamento valenza dispositiva, a fronte della valenza suppletiva della legittima. Per i fautori della querela di falso, questa preminenza inciderebbe in modo determinante sulla ripartizione dell’onere probatorio, perché la contestazione del testamento olografo si traduce in una azione di accertamento negativo volta che, a fronte della ‘posizione consolidata’ attribuita dal testamento all’erede vocato, chi voglia impugnarlo avrebbe l’onere di dimostrare la falsità della provenienza o la insussistenza dei requisiti di validità, in osservanza dei principi generali di ripartizione dell’onere probatorio prescritti dall’art. 2697 cod. civ.. La preminenza della successione testamentaria è stata, peraltro, autorevolmente contestata, sino ad invertirne il rapporto con quella legittima, attribuendo a quest’ultima funzione primaria (e conseguentemente carattere dispositivo alla sua disciplina), residuando alla vocazione testamentaria un carattere soltanto suppletivo: di qui, la legittimità del (solo) disconoscimento della scheda testamentaria.
  53. La tesi favorevole all’indirizzo che reputa necessaria la querela di falso muove dalla premessa secondo cui il testamento olografo, costituendo una autentica prova legale, può essere ‘distrutto’, e oggetto di verifica, soltanto attraverso lo strumento processuale di cui agli artt. 221 ss. c.p.c..
  54. 1. Le posizioni dottrinarie contrarie al disconoscimento, meno numerose, non appaiono tuttavia meno autorevoli per la dovizia delle argomentazioni addotte, volte ad indagare funditus sugli aspetti, sostanziali e processuali, riconducibili alle peculiarità del testamento olografo.
  55. 2. Pur non dubitandosi della estraneità del testamento dalla categoria degli atti pubblici, ne viene pur tuttavia evidenziato il carattere sui generis sul piano sostanziale, reso manifesto innanzitutto dalla circostanza che la falsificazione della scheda olografa, nel diritto penale, è equiparata, quoad poenam, al medesimo reato avente ad oggetto gli atti pubblici, secondo quanto previsto dall’art. 491 c.p., mentre la stessa condotta criminosa, a differenza che per le scritture private, è perseguibile d’ufficio ai sensi del successivo art. 493 bis.
  56. 3. Non si omette poi di considerare che l’olografo produce immediatamente e direttamente effetti nella sfera giuridica del terzo, e costituisce, una volta pubblicato, titolo immediato di acquisto per l’erede e per il legatario, come prescritto dall’art. 620 quinto comma c.c., trattandosi di scrittura la cui efficacia non necessita dell’accertamento della autenticità, e comunque distinta da tutte le altre scritture private, per loro natura inidonee a costituire titolo immediatamente costitutivo di diritti verso i beneficiati.
  57. 4. AI riconoscimento del suo intrinseco valore sul piano sostanziale contribuisce, secondo tale orientamento, la stessa disciplina delle norme sulla pubblicità degli atti (in particolare, gli artt. 2648 e 2660 cod. civ.), che consentono la trascrizione dell’acquisto a causa di morte per effetto della sola presentazione del testamento e dell’atto di accettazione della eredità, restando così implicitamente confermata la non necessità di verificare l’autenticità della scheda, in evidente contrapposizione con il trattamento riservato alle altre scritture private, che possono trascriversi solo se autenticate o giudizialmente accertate, secondo il disposto dell’art. 2657 cod. civ..
  58. 5. Si è poi contestato che il procedimento di verificazione sia adeguato al disconoscimento del testamento, trovandosi il documento in deposito presso un notaio per la pubblicazione art. 620 cod. civ.): e se per la querela di falso l’art. 224 prevede il sequestro del documento quale misura più elevata per la sua custodia quando è tenuto presso un depositario, nessuna disposizione così rigorosa è prevista nel procedimento di verificazione.
  59. 6. Sul piano più squisitamente processuale, si poi affermato che la contestazione della autenticità del testamento andrebbe esercitata servendosi del più rigoroso strumento della querela non tanto per la efficacia probatoria del documento, quanto perché, in materia di contraffazione, l’azione di verificazione si risolverebbe in una iniziativa processuale identica nel contenuto alla querela, ma inammissibilmente libera dalle formalità essenziali che la legge prevede invece nella disciplina dettata dagli artt. 221 e segg. c.p.c.. E si è ancora posto l’accento sulla natura dell’accertamento – per i suoi riflessi sull’onere della prova — e sulla posizione di terzietà del successibile ex lege rispetto al testamento.
  60. 6.1. La soluzione della querela, difatti, conduce, secondo i suoi sostenitori, ad un più corretto riparto dell’onere della prova, che verrebbe a gravare su chi contesta il testamento olografo, in ossequio al disposto dell’art. 2697 e dell’art. 457, secondo comma, c.c., il quale ultimo prevede la successione ex lege solo in mancanza di vocazione testamentaria – risolvendosi la contestazione del documento olografo, come si è detto, in una domanda di accertamento negativo (così aderendosi alla tesi della preminenza della vocazione testamentaria rispetto alla legale). Quanto poi al rapporto tra erede ab intestato e testamento, si afferma che il disconoscimento di una scrittura non può provenire da terzi, poiché tale strumento è riservato alle parti contro cui il documento è rivolto, e agli eredi o aventi causa, che possono limitarsi a non riconoscere la scrittura o la sottoscrizione del suo autore. La fattispecie normativa si riferisce, difatti, ad una scrittura del de cuius prodotta contro gli eredi a fondamento di una pretesa eccepita nei loro riguardi, mentre, prodotto il testamento, deve escludersi che chi lo contesti possa qualificarsi, sic et simpliciter, erede, poiché detta qualifica in capo ai parenti che lo impugnano richiede proprio la dimostrazione della falsità del testamento: per il successibile ex lege non residuerebbe, dunque, che lo strumento della querela di falso per contestare l’autenticità del testamento olografo.
  61. Gli arresti giurisprudenziali e il perdurante contrasto che li caratterizza, al pari delle divergenti conclusioni cui è pervenuta la stessa dottrina, sono lo specchio del complessità della questione posta al collegio, la cui soluzione sul piano teorico è destinata ad assumere un determinante rilievo nelle controversie per lesione di legittima ove assai di frequente si sollevano, in via di domanda o di eccezione, doglianze in ordine alla autenticità del testamento.
  62. La peculiarità e la singolarità della questione sta poi nel fatto che tanto gli argomenti che sorreggono quanto le critiche che contestano ciascuna delle possibili soluzioni non mancano di autorevolezza e di forza persuasiva.
  63. A sostegno della sufficienza del disconoscimento gli argomenti maggiormente convincenti appaiono quelli predicativi:
  64. – della natura di scrittura privata del testamento olografo;
  65. – della attribuzione al successibile ex lege della qualità di erede dell'(apparente) autore della scheda olografa;
  66. – della netta distinzione tra il piano sostanziale, che riguarda più propriamente il thema probandum, e il piano processuale, che riguarda le modalità con le quali in un processo può trovare ingresso, con dignità di prova, il documento di delazione testamentaria.
  67. L’indirizzo a sostegno della necessità della querela di falso trova invece fondamento:
  68. – nella incidenza sostanziale e processuale intrinsecamente elevata che è riconosciuta al testamento, testimoniata da un plesso di norme la cui lettura depone (deporrebbe) in tal senso;
  69. – nella esclusione in capo al successibile ex lege della qualità di erede (almeno sino a quando tale qualità non sia stata processualmente accertata), con conseguente inapplicabilità della fattispecie contemplata nell’art. 214, secondo comma, c.p.c..
  70. Non vanno per altro verso trascurate le riflessioni critiche specularmente mosse alle argomentazioni favorevoli all’una e all’altra delle tesi che si propongono oggi come soluzione (senza apparente alternativa) della questione oggetto di giudizio.
  71. 1. Quanto al rapporto tra successore ex lege e scheda olografa, ed alla posizione dell’erede ab intestato, il vasto dibattito giurisprudenziale e dottrinale che, in seno alla teoria generale del processo, si agita in ordine alla stessa categoria concettuale di ‘terzo’, non sembra del tutto funzionale all’adozione di una soddisfacente soluzione del caso concreto. Non sembra, difatti, seriamente revocabile in dubbio che alcuni successibili, quali i legittimari, difficilmente possano essere qualificati ‘terzi’ ai fini della non riconoscibilità della sottoscrizione del de cuius. Mentre la stessa impugnazione del testamento olografo, la contestazione della sua provenienza e/o autenticità, è spesso proposta proprio da chi, pur beneficiario di una quota inferiore a quella spettantegli, è comunque (anche) un erede testamentario, sicché nei suoi confronti non potrebbe porsi alcuna questione di accertamento della sua qualità di erede.
  72. 1.1. Di conseguenza, non appare utile prospettare alternative che, a seconda della posizione assunta da chi contesta il testamento (escluso totalmente dalla eredità, erede legittimo compreso nelle categorie dei legittimari, erede testamentario sia pur per quota che non lo soddisfi), postulino poi l’adozione di soluzioni differenziate caso per caso.
  73. 1.2. Né appare senza significato considerare che una formale disamina del concetto di terzo conduce inevitabilmente a ritenere che quella posizione, ai fini dell’art. 214 cod. proc. civ., non andrebbe esaminata non dal punto di vista del soggetto parte della lite ma dell’autore del documento che si vuoi disconoscere – e sotto tale profilo il de cuius non è mai parte nel giudizio di impugnazione del proprio testamento -, e che l’erede in disconoscimento della scrittura o della sottoscrizione del suo autore sarebbe colui che subentra al de cuius nei suoi rapporti – e ciò presuppone che quel medesimo scritto si sarebbe potuto produrre nei confronti del testatore se ancora in vita.
  74. E tuttavia risulta assai poco agevole affermare che, tra i documenti (siano essi negoziali oppure dichiarazioni di scienza) possa annoverarsi, sic et simpliciter, il testamento, formato dal medesimo de cuius, ma destinato a produrre effetti nella sfera giuridica dei suoi destinatari e non in quella dell’autore, acquistando efficacia dal momento del suo decesso e non prima. La ratio della distinzione tra scritture private, fatta propria dalle sezioni unite di questa Corte nel 2010, secondo cui ad alcune di esse andrebbe attribuito un valore intrinsecamente maggiore, trova proprio in tali considerazioni il suo fondamento, pur senza trascurare la legittimità delle critiche di chi contesta l’irragionevolezza dell’attribuzione ad alcune di esse di un regime giuridico ‘rafforzato’ rispetto a quanto assicurato a quelle provenienti dalle parti, anche alla luce della difficoltà di individuare un criterio da adoperare per la relativa classificazione.
  75. Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,
    Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,

 

  1. impugnazione del testamento olografo per falsitŕ
  2. impugnazione di testamento
  3. impugnazione del testamento pubblico
  4. impugnazione del testamento pubblico termini
  5. impugnazione del testamento prescrizione
  6. impugnazione di testamento olografo falso
  7. impugnazione del testamento termini
    Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,
    Apertura successioni , come fare  la divisione, denuncia di successione,

impugnazione del testamento per captazione Cass. civ. n. 24637/2010

Il motivo del testamento consiste nella ragione determinante di esso, come quella che domina la volontà del testatore nel momento in cui detta o redige le disposizioni di ultima volontà, cosicché, per potersi parlare di motivo erroneo, tale da rendere inefficace la disposizione, è necessaria la certezza, desumibile dallo stesso testamento, che la volontà del testatore sia stata dominata dalla rappresentazione di un fatto non vero, in modo da doversene dedurre che, se il fatto fosse stato percepito o conosciuto nella sua verità obiettiva, quella disposizione testamentaria non sarebbe stata dettata o redatta. L’apprezzamento del giudice di merito circa l’esistenza o meno del motivo erroneo, dedotto quale causa di annullamento del testamento, è incensurabile in sede di legittimità se sorretto da motivazione adeguata e immune da vizi logici ed errori di diritto.

(Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 24637 del 3 dicembre 2010)

Cass. civ. n. 2122/1991

Per affermare l’esistenza della captazione, la quale deve essere configurata come il dolus malus causam dans trasferito dal campo contrattuale a quello testamentario, non basta una qualsiasi influenza esercitata sul testatore per mezzo di sollecitazioni, consigli, blandizie e promesse, ma è necessario il concorso di mezzi fraudolenti, che siano da ritenersi idonei ad ingannare il testatore e ad indurlo a disporre in modo difforme da come avrebbe deciso se il suo libero orientamento non fosse stato artificialmente e subdolamente deviato.

(Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 2122 del 27 febbraio 1991)

Cass. civ. n. 254/1985

In tema di errore ex art. 624 c.c. è necessaria la dimostrazione che la volontà del testatore sia stata influenzata in maniera decisiva dalla percezione, come reali, di fatti diversi dal vero. Analogamente, in tema di dolo o violenza, sempre ex art. 624 c.c., occorre la prova che i fatti di induzione in errore o di violenza abbiano indirizzato la volontà del testatore in modo diverso da come essa avrebbe potuto normalmente determinarsi. Più in particolare, quanto al dolo, ad integrare la captazione non basta una qualsiasi influenza esercitata sul testatore attraverso blandizie, richieste, suggerimenti, sollecitazioni e simili, sia pure interessati, ma è necessario l’impiego di altri mezzi fraudolenti che, avuto riguardo all’età, allo stato di salute e alle condizioni psichiche del de cuius, siano idonei a trarlo in inganno, suscitando in lui false rappresentazioni ed orientando la sua volontà in un senso verso il quale non si sarebbe spontaneamente indirizzata.

(Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 254 del 22 gennaio 1985)

Cass. civ. n. 1117/1975

È viziata la motivazione della sentenza che, nel rigettare la domanda di annullamento del testamento per violenza morale, ometta di tener conto dell’età, del sesso e della condizione del testatore.

(Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 1117 del 24 marzo 1975)

  1.  
  2. impugnazione del testamento per lesione della legittima
  3. impugnare testamento entro quando
  4. impugnare testamento erede universale
  5. impugnazione testamento e mediazione obbligatoria
  6. impugnazione testamento e azione di riduzione
  7. impugnazione testamento e sequestro giudiziario
  8. impugnazione testamento eredi legittimi
  9. impugnazione testamento effetti
  10. impugnazione testamento e litisconsorzio necessario
  11. impugnazione testamento e trascrizione domanda giudiziale
  12. impugnazione testamento eredi
  13. impugnazione testamento errore
  14. impugnazione testamento e sequestro conservativo
  15. testamento impugnato e dichiarazione di successione
  16. impugnazione testamento creditori erede
  17. impugnazione testamento per errore
  18. impugnazione del testamento e azione di riduzione
  19. impugnazione testamento olografo effetti

impugnare testamento falso

A riguardo, si osserva l’idoneità del testamento olografo a devolvere l’eredità quale effetto immediato conseguente alla pubblicazione, ai sensi dell’art. 620, c. 6, c.c., nonché l’equiparazione che, a certi fini, la legge penale fa del testamento agli atti pubblici. In particolare, il notaio procede alla pubblicazione del testamento in presenza di due testimoni, redigendo nella forma degli atti pubblici un verbale nel quale descrive lo stato del testamento, ne riproduce il contenuto e fa menzione della sua apertura, se è stato presentato chiuso con sigilli. Il verbale, inoltre, è sottoscritto dalla persona che presenta il testamento, dai testimoni e dal notaio. Soltanto dal momento della pubblicazione l’erede può agire giudizialmente per l’esecuzione delle disposizioni testamentarie, sebbene il testamento risulti efficace fin dall’apertura della successione.

 

  • impugnare testamento fratello
  • impugnare testamento fatto dal notaio
  • impugnare testamento figli
  • impugnazione testamento fac simile
  • impugnazione testamento falso prescrizione
  • impugnazione testamento foro competente
  • impugnazione testamento figlio naturale
  • impugnazione testamento formulario
  • impugnazione testamento falso mediazione
  • impugnazione testamento formula
  • impugnare un testamento falso
  • impugnare testamento del fratello
  • impugnare un testamento forum
  • impugnazione testamento olografo falso forum
  • rinuncia impugnazione testamento forma
  • impugnazione testamento olografo falso mediazione obbligatoria

impugnazione testamento giudice competente

  • impugnazione testamento sequestro giudiziario
  • impugnazione testamento olografo giurisprudenza

impugnazione testamento incapacità testatore

che il testamento redatto dal de cuius può essere impugnato se si dimostra che al momento della sua redazione, quest’ultimo era affetto da una infermità psichica di natura permanente, tale da determinare la sua incapacità di intendere e di volere (Cass. civ., Sez. II, 11/07/2011, n. 15187). Tuttavia, l’annullamento di un testamento per incapacità naturale del testatore postula l’esistenza non già di una semplice anomalia o alterazione delle facoltà psichiche ed intellettive del de cuius, bensì la prova che, a cagione di una infermità transitoria o permanente, ovvero di altra causa perturbatrice, il soggetto sia privo in modo assoluto, al momento della redazione dell’atto di ultima volontà, della coscienza dei propri atti ovvero della capacità di autodeterminarsi; con la conseguenza che è onere di chi quello stato di incapacità assume, di provare che il testamento fu redatto in un momento di incapacità di intendere e di volere (ex plurimis Cass. civ., Sez. II, 12/08/2010, n. 18540; Cass. civ., Sez. II, 15/04/2010, n. 9081; Cass. civ., Sez. II, 27/10/2008, n. 25845; Cass. civ., Sez. II, 11/04/2007, n. 8728; Cass. civ., Sez. II, 06/05/2005, n. 9508; Cass. civ., Sez. II, 30/01/2003, n. 1444; Cass. civ., Sez. II, 06/12/2001, n. 15480).

  • impugnazione testamento interesse ad agire
  • impugnazione testamento incapacitŕ naturale
  • impugnazione testamento incapacitŕ
  • impugnazione testamento intervento pubblico ministero
  • impugnare il testamento
  • impugnare il testamento per la legittima
  • impugnare il testamento olografo
  • impugnare il testamento pubblico
  • impugnare il testamento termini
  • impugnare il testamento in inglese
  • impugnare il testamento per lesione di legittima
  • impugnare testamento per incapacita’
  • impugnazione testamento vendita immobile
  • impugnazione testamento per incapacitŕ di intendere e volere
  • impugnazione testamento olografo incapacitŕ
  • impugnazione testamento per incapacitŕ del testatore
  • impugnazione testamento per incapacitŕ naturale
  • quando impugnare il testamento
  • chi puň impugnare il testamento
  • impugnazione testamento lesione legittima formulario
  • impugnazione testamento lesione quota legittima
  • impugnazione testamento lesione legittima prescrizione
  • impugnazione testamento litisconsorzio necessario
  • impugnazione testamento legittimazione attiva
  • impugnazione testamento lesione legittima termine
  • impugnazione testamento legittimazione passiva
  • impugnazione testamento lesione legittima fac simile
  • impugnazione testamento litisconsorzio
  • impugnazione testamento legato
  • impugnazione testamento legatario
  • impugnazione testamento legittimari
  • impugnare testamento quota legittima
  • impugnare testamento per lesione legittima
  • impugnazione testamento olografo lesione legittima

impugnazione testamento mediazione obbligatoria

  • impugnazione testamento modello
  • impugnazione testamento motivi
  • impugnato testamento mennea
  • impugnazione testamento olografo modello
  • impugnazione testamento olografo mediazione
  • impugnazione testamento pubblico mediazione obbligatoria
  • impugnazione testamento falso mediazione
  • impugnazione testamento pubblico ministero
  • impugnare testamento nipoti
  • impugnare testamento notaio
  • impugnare testamento notarile
  • impugnare testamento nullo
  • impugnare testamento non pubblicato
  • impugnazione testamento nullo prescrizione
  • impugnare un testamento notarile
  • impugnazione testamento litisconsorzio necessario
  • impugnazione testamento incapacitŕ naturale
  • impugnazione testamento per nullitŕ
  • impugnazione testamento figlio naturale
  • impugnazione testamento olografo nullo
  • impugnazione del testamento nullo
  • impugnare testamento redatto da notaio
  • impugnare testamento olografo
  • impugnare testamento olografo tempi
  • impugnare testamento olografo falso
  • impugnare testamento olografo accordi
  • impugnare testamento olografo costi
  • impugnazione testamento olografo atto di citazione
  • impugnazione testamento olografo falso prescrizione
  • impugnazione testamento olografo lesione legittima
  • impugnazione testamento olografo mediazione obbligatoria
  • impugnazione testamento olografo falso forum
  • impugnazione testamento olografo modello
  • impugnazione testamento olografo onere della prova
  • impugnazione testamento olografo per lesione di legittima
  • impugnazione testamento olografo incapacitŕ
  • impugnazione testamento olografo litisconsorzio necessario
  • impugnazione testamento olografo lesione legittima termini
  • impugnazione testamento olografo per incapacitŕ
  • impugnazione testamento olografo fac simile

impugnare testamento pubblico

  • impugnare testamento per lesione di legittima
  • impugnare testamento pubblico termini

Il testamento pubblico è quello redatto dal notaio e da questi conservato.

 Per sua natura è un testamento che è immune da falsità o alterazioni, proprio perché la presenza del pubblico ufficiale serve a certificare l’autenticità del documento. incapacità, nel termine di 5 anni;

  • lesione di legittima, nel termine di 10 anni.
  •  
  • impugnare testamento prescrizione
  • impugnare testamento per legittima
  • impugnare testamento per circonvenzione di incapace
  • impugnare testamento per incapacita’
  • impugnare testamento per lesione legittima
  • impugnare testamento padre
  • impugnare testamento per captazione
  • impugnazione testamento pubblico per incapacitŕ di intendere e volere
  • impugnazione testamento per incapacitŕ di intendere e volere
  • impugnazione testamento per lesione di legittima prescrizione
  • impugnazione testamento per violazione quota di legittima
  • impugnazione testamento pubblico querela di falso

impugnare testamento quanto tempo

BOLOGNA TREVISO VENEZIA VICENZA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONI TESTAMENTI 

Il testamento può essere impugnato per nullità senza limiti di tempo, ma non può essere fatta valere dalle persone che conoscevano la causa della nullità e ciò nonostante hanno confermato la disposizione o dato ad essa volontaria esecuzione.

Il testamento, è invece annullabile quando si dimostra che il testatore era incapace d’intendere e di volere al momento della stesura, oppure se presenta dei difetti di forma, non così gravi da renderlo nullo, ma annullabile (per esempio se manca la data è annullabile).

L’azione di annullamento va fatta entro cinque anni dal momento in cui il notaio rende pubblico il testamento davanti ai chiamati.

 

  1. impugnare testamento quanto costa
  2. impugnare testamento quota legittima
  3. impugnazione testamento quota di legittima
  4. impugnazione testamento querela di falso
  5. impugnazione testamento lesione quota legittima
  6. impugnazione testamento pubblico querela di falso
  7. quando impugnare testamento
  8. quando impugnare testamento pubblico

impugnare testamento redatto da notaio

  • impugnazione testamento rinuncia
  • impugnazione testamento riconvenzionale
  • impugnazione testamento azione riduzione

impugnare testamento significato

  • impugnare testamento segreto
  • impugnare testamento scadenza
  • impugnazione testamento soggetti legittimati
  • impugnazione testamento sequestro giudiziario
  • impugnazione testamento sequestro
  • impugnazione testamento sentenza
  • impugnazione testamento sezioni unite
  • impugnazione testamento sentenza tribunale
  • impugnare successione testamento
  • impugnare testamento dopo successione
  • impugnare un testamento significato
  • impugnazione testamento fac simile
  • impugnazione testamento e sequestro conservativo

impugnare testamento termini

  • impugnazione testamento termini prescrizione
  • impugnazione testamento termini prescrizione lesione legittima
  • impugnazione testamento trascrizione domanda giudiziale
  • impugnazione testamento tribunale competente
  • impugnazione testamento transazione
  • impugnazione testamento terzo
  • impugnare un testamento tempi
  • impugnazione testamento incapacitŕ testatore

impugnare un testamento

  1. impugnare un testamento per lesione di legittima
  2. impugnare un testamento olografo falso
  3. impugnare un testamento notarile
  4. impugnare un testamento per violenza dolo o errore
  5. impugnare un testamento termini
  6. impugnare un testamento quanto costa
  7. impugnare un testamento falso
  8. impugnare un testamento tempi
  9. impugnare un testamento significato
  10. impugnare un testamento forum
  11. impugnare testamento erede universale
  12. impugnazione testamento contributo unificato
  13. impugnazione testamento sezioni unite
  14. per impugnare un testamento
  15. per impugnare un testamento olografo
  16. quando impugnare un testamento olografo
  17. posso impugnare un impugnazione testamento vendita immobile
  18. impugnazione testamento violazione legittima
  19. impugnazione testamento valore causa
  20. impugnazione testamento violazione legittima termini
  21. impugnazione testamento vizi volontŕ
  22. impugnazione testamento per violazione della legittima
  23. impugnazione testamento per violenza
  24. impugnazione testamento olografo verificazione
  25. impugnare un testamento per violenza dolo o errore

impugnare testamento per lesione di legittima

  • impugnare testamento per legittima
  • impugnare testamento per circonvenzione di incapace
  • impugnare testamento per incapacita’
  • impugnare testamento per lesione legittima
  • impugnare testamento per captazione

L’atto di divisione ereditaria è uno strumento giuridico mediante il quale avviene la cessazione dello stato di comunione esistente tra più soggetti in relazione a un determinato bene immobile. Con essa, infatti, si stabilisce l’attribuzione a ciascuno dei soggetti della proprietà esclusiva di parte del bene comune.

Al contempo, si stabilisce l’attribuzione a ciascuno dei soggetti della proprietà esclusiva di una parte del bene comune, corrispondente per valore alla quota spettante di diritto.

denuncia di successione

denuncia di successione

imposta di successione

rinuncia eredita’

Con la rinuncia all’eredità non si perde il diritto alla pensione di reversibilità: la rinuncia, all’eredita’ non impedisce il godimento della prestazione ma la rinuncia all’eredita’ .

 Purtroppo a volte i debiti del defunto sono superiori ai suoi beni, con la rinuncia all’eredità l’erede fa cessare gli effetti che derivano dall’apertura della successione evitando che i creditori possano rivolgersi a lui per il pagamento dei debiti. In questo caso, però, l’erede non potrà rifarsi sui crediti ereditati poichè la rinuncia all’eredità è totale.

successione ereditaria successione legittima

 

SEPARAZIONE VELOCE BOLOGNA
Studio Legale Bologna Studio Legale Bologna dell’avvocato Sergio Armaroli 

Agugliaro

Albettone

Alonte

Altavilla Vicentina

Altissimo

Arcugnano

Arsiero

Arzignano

Asiago

Asigliano Veneto

Barbarano Mossano

Bassano del Grappa

Bolzano Vicentino

Breganze

Brendola

Bressanvido

Brogliano

Caldogno

Caltrano

Calvene

Camisano Vicentino

Campiglia dei Berici

Carrè

Cartigliano

Cassola

Castegnero

Castelgomberto

Chiampo

Chiuppano

Cogollo del Cengio

Colceresa

Cornedo Vicentino

Costabissara

Creazzo

Crespadoro

Dueville

Enego

Fara Vicentino

Foza

Gallio

Gambellara

Gambugliano

Grisignano di Zocco

Grumolo delle Abbadesse

Isola Vicentina

Laghi

Lastebasse

Longare

Lonigo

Lugo di Vicenza

Lusiana Conco

Malo

Marano Vicentino

Marostica

Monte di Malo

Montebello Vicentino

Montecchio Maggiore

Montecchio Precalcino

Montegalda

Montegaldella

Monteviale

Monticello Conte Otto

Montorso Vicentino

Mussolente

Nanto

Nogarole Vicentino

Nove

Noventa Vicentina

Orgiano

Pedemonte

Pianezze

Piovene Rocchette

Pojana Maggiore

Posina

Pove del Grappa

Pozzoleone

Quinto Vicentino

Recoaro Terme

Roana

Romano d’Ezzelino

Rosà

Rossano Veneto

Rotzo

Salcedo

San Pietro Mussolino

San Vito di Leguzzano

Sandrigo

Santorso

Sarcedo

Sarego

Schiavon

Schio

Solagna

Sossano

Sovizzo

Tezze sul Brenta

Thiene

Tonezza del Cimone

Torrebelvicino

Torri di Quartesolo

Trissino

Val Liona

Valbrenta

Valdagno

Valdastico

Valli del Pasubio

Velo d’Astico

VICENZA

Villaga

Villaverla

Zanè

Zermeghedo

Zovencedo

Zugliano

 

Alto Reno Terme

Anzola dell’Emilia

Argelato

Baricella

Bentivoglio

BOLOGNA

Borgo Tossignano

Budrio

Calderara di Reno

Camugnano

Casalecchio di Reno

Casalfiumanese

Castel d’Aiano

Castel del Rio

Castel di Casio

Castel Guelfo di B.

Castel Maggiore

Castel San Pietro Terme

Castello d’Argile

Castenaso

Castiglione dei Pepoli

Crevalcore

Dozza

Fontanelice

Gaggio Montano

Galliera

Granarolo dell’Emilia

Grizzana Morandi

Imola

Lizzano in Belvedere

Loiano

Malalbergo

Marzabotto

Medicina

Minerbio

Molinella

Monghidoro

Monte San Pietro

Monterenzio

Monzuno

Mordano

Ozzano dell’Emilia

Pianoro

Pieve di Cento

Sala Bolognese

San Benedetto Val di S.

San Giorgio di Piano

San Giovanni in P.

San Lazzaro di Savena

San Pietro in Casale

Sant’Agata Bolognese

Sasso Marconi

Valsamoggia

Vergato

Zola Predosa

 

Alfonsine

Bagnacavallo

Bagnara di Romagna

Brisighella

Casola Valsenio

Castel Bolognese

Cervia

Conselice

Cotignola

Faenza

Fusignano

Lugo

Massa Lombarda

RAVENNA

Riolo Terme

Russi

Sant’Agata sul Santerno

Solarolo

 

RAVENNA

Bagno di Romagna

Bertinoro

Borghi

Castrocaro Terme e TdS

CESENA

Cesenatico

Civitella di Romagna

Dovadola

FORLì

Forlimpopoli

Galeata

Gambettola

Gatteo

Longiano

Meldola

Mercato Saraceno

Modigliana

Montiano

Portico e San Benedetto

Predappio

Premilcuore

Rocca San Casciano

Roncofreddo

San Mauro Pascoli

Santa Sofia

Sarsina

Savignano sul Rubicone

Sogliano al Rubicone

Tredozio

Verghereto

 

 ComunI MODENA

Bastiglia

Bomporto

Campogalliano

Camposanto

Carpi

Castelfranco Emilia

Castelnuovo Rangone

Castelvetro di Modena

Cavezzo

Concordia sulla Secchia

Fanano

Finale Emilia

Fiorano Modenese

Fiumalbo

Formigine

Frassinoro

Guiglia

Lama Mocogno

Maranello

Marano sul Panaro

Medolla

Mirandola

MODENA

Montecreto

Montefiorino

Montese

Nonantola

Novi di Modena

Palagano

Pavullo nel Frignano

Pievepelago

Polinago

Prignano sulla Secchia

Ravarino

Riolunato

San Cesario sul Panaro

San Felice sul Panaro

San Possidonio

San Prospero

Sassuolo

Savignano sul Panaro

Serramazzoni

Sestola

Soliera

Spilamberto

Vignola

Zocca

 

 

ACQUISTO CASA ASSISTENZA LEGALE

Coppie di fatto diritti, unione civile, convivenza Cosa sono le coppie di fatto? Sono coppie che convivono senza il vincolo del matrimonio, possono essere etero o omesessuali ,volersi bene non è una questione di sesso !!

Coppie di fatto diritti, unione civile, convivenza

 

Cosa sono le coppie di fatto? Sono coppie che convivono senza il vincolo del matrimonio, possono essere etero o omesessuali ,volersi bene non è una questione di sesso !!

UNIONI CIVILI

 

Sono cause impeditive per la costituzione dell’unione civile tra

persone dello stesso sesso:

  1. a) la sussistenza, per una delle parti, di un vincolo matrimoniale

o di un’unione civile tra persone dello stesso sesso;

  1. b) l’interdizione di una delle parti per infermita’ di  mente;  se

l’istanza d’interdizione e’ soltanto promossa, il pubblico  ministero

puo’ chiedere che si sospenda la costituzione dell’unione civile;  in

tal caso il procedimento non puo’ aver luogo finche’ la sentenza  che

ha pronunziato sull’istanza non sia passata in giudicato;

  1. c) la sussistenza tra le parti dei rapporti di cui all’articolo 87,

primo comma, del codice civile; non possono altresi’ contrarre unione

civile tra persone dello stesso sesso lo zio e il nipote e la  zia  e

la nipote; si applicano le disposizioni di cui al  medesimo  articolo

87;

  1. d) la condanna definitiva di un contraente per omicidio consumato o

tentato nei confronti di chi sia coniugato  o  unito  civilmente  con

l’altra parte; se e’ stato disposto soltanto rinvio a giudizio ovvero

sentenza di condanna di primo  o  secondo  grado  ovvero  una  misura

cautelare la costituzione dell’unione civile tra persone dello stesso

sesso e’ sospesa  sino  a  quando  non  e’  pronunziata  sentenza  di

proscioglimento.

Particolare attenzione merita il tema dell’eredità in caso di decesso di uno dei partner. In generale infatti, per i diritti di successione la Legge Cirinnà distingue le due fattispecie tra

  • Assistenza sanitaria o penitenziaria: il convivente ha diritto di diventare tutore o amministratore di sostegno se il partner è disabile e ha diritto all’assistenza ospedaliera, acquisendo voce in capitolo per quanto riguarda i trattamenti terapeutici e ha diritto alle visite in carcere se il convivente viene arrestato.

Incidente mortale Risarcimento danni: in caso di morte del partner per incidente, infortuno sul lavoro o fatto illecito altrui, il convivente ha diritto al risarcimento danni, al pari di un coniuge. Ma solo se la convivenza è stabile. In caso di  morte  del  prestatore  di  lavoro,  le  indennita’

indicate  dagli  articoli  2118  e  2120  del  codice  civile  devono

corrispondersi anche alla parte dell’unione civile.

  1. La prescrizione rimane sospesa tra le parti dell’unione civile.

  2. All’unione civile tra persone dello stesso sesso si  applicano

le disposizioni di cui al titolo XIII  del  libro  primo  del  codice

civile, nonche’ gli articoli 116, primo comma, 146, 2647, 2653, primo

comma, numero 4), e 2659 del codice civile.

  • DIRITTI EREDE, QUOTE EREDITARIE

Le unioni civili sono vicine a un legale matrimoniale, pertanto il partner superstite ha diritto alla cd. Legittima, al pari di una coppia civilmente sposata. In particolare l’eredità è divisa nel seguente modo:

  • 50% al partner superstite

  • 50% ad eventuali figli

  • . L’unione civile  puo’  essere  impugnata  dalla  parte  il  cui

  • consenso e’ stato estorto con violenza o determinato  da  timore  di

  • eccezionale gravita’ determinato da cause esterne alla parte

  • Puo’ essere altresi’ impugnata dalla parte il cui consenso e’  stato

  • dato per effetto di errore sull’identita’ della persona o di  errore

  • essenziale su qualita’ personali dell’altra parte. L’azione non puo’

  • essere proposta se vi e’ stata coabitazione per un anno dopo che  e’

  • cessata la violenza o le cause che hanno determinato il timore ovvero

  • sia stato scoperto l’errore. L’errore sulle  qualita’  personali  e’

  • essenziale qualora, tenute presenti le condizioni dell’altra  parte,

  • si accerti che la stessa non avrebbe prestato il suo consenso se  le

  • avesse esattamente conosciute e purche’ l’errore riguardi:

  • a) l’esistenza di una malattia fisica o psichica, tale da  impedire

  • lo svolgimento della vita comune;

  • b) le circostanze di cui all’articolo 122, terzo comma, numeri  2),

  • 3) e 4), del codice civile.

Bologna è la città italiana con maggiori unioni civili, io amo moltissimo questa meravigliosa città, libera, vera aperta, vivace!!!

Ecco la legge Cirinnà che ha introdotto le unioni civili