Studio Legale Bologna

Μια συγκεκριμένη απάντηση στα προβλήματά σας Studio Legale Bologna CALL NOW 051.6447838 PORRETTA, VERGATO LOIANO, MONZUNO, PIANORO, CASLECECCHIO ΔΙΑΧΩΡΙΣΜΌ ΚΑΙ ΤΟ ΔΙΑΖΎΓΙΟ; ΕΓΙΝΕ FacebookTwitterGoogle+Blogger PostWhatsAppGoogle Gmail Porretta, Vergato LOIANO, Monzuno, PIANORO, CASLECECCHIO διαχωρισμό και το διαζύγιο; ΕΓΙΝΕ INFOPERSONENUOVA

Μια συγκεκριμένη απάντηση στα προβλήματά σας Studio Legale Bologna CALL NOW
051.6447838
PORRETTA, VERGATO LOIANO, MONZUNO, PIANORO, CASLECECCHIO ΔΙΑΧΩΡΙΣΜΌ ΚΑΙ ΤΟ ΔΙΑΖΎΓΙΟ; ΕΓΙΝΕ
FacebookTwitterGoogle+Blogger PostWhatsAppGoogle Gmail
Porretta, Vergato LOIANO, Monzuno, PIANORO, CASLECECCHIO διαχωρισμό και το διαζύγιο; ΕΓΙΝΕ INFOPERSONENUOVA

avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
m

δικηγόρος matrimonialista διαχωρισμό της Μπολόνια Sergio Armaroli Δικηγόρος Matrimonialista στην Μπολόνια – Sergio Armaroli Studio • Πώς να επιλέξετε ένα matrimonialista δικηγόρος – Δικηγορική Εταιρεία Δικηγόρος Matrimonialista Αρχεία – Δικηγορική Εταιρεία Δικηγόρος Δικηγόρος Sergio Armaroli matrimonialista – Μπολόνια – Διαχωρισμός … Οι δικηγόροι που ασχολούνται με matrimonialisti Δικηγόροι σε Μπολόνια … Δικηγορική εταιρεία Δικηγόρος ΜΠΟΛΟΝΙΑ Matrimonialista διαχωρισμοί και μ …
δικηγόρος διαχωρισμός matrimonialista Μπολόνια Sergio Armaroli
Δικηγόρος Matrimonialista στην Μπολόνια – Sergio Armaroli Studio • Η επιλογή ενός δικηγόρου διαζυγίου – Δικηγορικό Γραφείο
Δικηγόρος Matrimonialista Αρχεία – Δικηγορική Εταιρεία Δικηγόρος Δικηγόρος Sergio Armaroli matrimonialista – Μπολόνια – Διαχωρισμός …
Οι δικηγόροι που ασχολούνται με matrimonialisti δικηγόρους στην Μπολόνια …
Δικηγορικό Γραφείο Δικηγόρος ΜΠΟΛΟΝΙΑ Matrimonialista διαχωρισμοί και …
m

Porretta, Vergato LOIANO, Monzuno, PIANORO, CASLECECCHIO διαχωρισμό και το διαζύγιο; ΕΓΙΝΕ

Η απόφαση αντίθεση χρέωση του διαχωρισμού φαίνεται, στην πραγματικότητα, η συμμόρφωση με τις νομικές απαιτήσεις, καθώς και λογικά και τακτικά υποστήριξε με την ανάκληση και την έκβαση της αναδυόμενης αποδεικτικών στοιχείων από τους μάρτυρες, καθώς, άψογα αναθεωρηθεί και να επαναξιολογηθούν και σε σχέση με την ειδική αποτελεσματικότητα των επιμέρους περιουσιακών στοιχείων, καθώς και η αμοιβαίας παρεμβολής και τη συνολική επιδεικτική αξία. Από την άλλη πλευρά, ούτε καν φαίνεται να μπορεί να καταλογιστεί στα εφετεία σε περίπτωση μη συγκριτική αξιολόγηση της αμοιβαίας συμπεριφοράς των δύο συζύγων. Ο αιτών, στην πραγματικότητα, δεν έχει ούτε αντισταθμίσει αποτελεσματικά την ανακούφιση εξαντλητική της δευτεροβάθμιο δικαστές που δεν είχαν προσκομίσει καμία απόδειξη των ισχυρισμών του στο σημείο ή προσωρινά συμφραζόμενα του διατριβή. Από την προσβαλλόμενη απόφαση ήταν τότε blamelessly και περαιτέρω επεσήμανε ότι η έρευνα θα πρέπει να αποκλειστεί σοβαρά γεγονότα μεταγενέστερα του χρόνου, όταν αποκαλύφθηκε η απομείωση της έγγαμης σχέσης λόγω της απιστίας της συζύγου του, που χαρακτηρίζεται από περίεργη επιθετικότητα για το σύζυγό της. Επίσης, δεν έχει ασκηθεί έφεση από τον Τ άρνηση του διαχωρισμού φορτίου στο Μ, ρώτησε λόγω της υποτιθέμενης ανάρμοστη συμπεριφορά του συζύγου τους, που χρονολογούνται από την περίοδο, επίσης, ταυτόχρονη και τα προηγούμενα Μαΐου 2003, η εσωτερική ευνοϊκή για τον κριθεί σχηματίζεται στο σημείο αποκλείεται από την εκ νέου αξιολόγηση στην αντίθετη κατεύθυνση την ίδια συμπεριφορά για ακόμα παρέμεινε χωρίς οποιονδήποτε έλεγχο. 3. «Εσφαλμένη εκτίμηση του προκαταρκτικού πλαισίου – Ανάθεση των νεότερων κόρες – Παραβίαση του νόμου (άρθρο 360 Νο 3 CPC..) -. Αντιφατική αιτιολογία” Λογοκρισία θεσπίστηκε με τη μεταρρύθμιση της επιμέλειας των θυγατέρων καθεστώς, δηλαδή το υλοποιηθεί επιλογή για από κοινού την επιμέλεια τους, στη θέση του μοναδικού της, αποφασίζεται από το Δικαστήριο. Η λογοκρισία είναι απαράδεκτη για την παρέμβαση έλλειψη ενδιαφέροντος όσον αφορά την κόρη του τα μέρη F., η οποία είχε εν τω μεταξύ γίνει ένας ενήλικας, και αβάσιμη αντ ‘αυτού σε σχέση με την άλλη κόρη L., τώρα μόλις λίγους μήνες μετά την ενηλικίωση, όπως ήδη ίδια συμβουλεύουν κατά της αλλαγής του καθεστώτος που επιβάλλονται από τα δικαστήρια της προσφυγής, ωστόσο, ιδιαίτερα προσκολλημένα στο ρυθμιστικό καθεστώς που υπαγορεύεται ότι ευνοεί όταν δεν είναι αντίθετη προς το συμφέρον του παιδιού, όπως έχει καθιερωθεί από το Δικαστήριο της προσφυγής με την κατάλληλη και έγκαιρη επιχειρήματα, μόνο γενικά σε αντίθεση με Τ και δεν αναιρείται από αντικειμενική και αποφασιστική αντίθετων αποδεικτικών στοιχείων, λαμβάνοντας επίσης υπόψη ότι οι επιθυμίες που εκφράζονται από τις κόρες του είχαν βρει κατάλληλες διατάξεις συμμόρφωσης με την τοποθέτησή τους με τη μητέρα. 4. “Με την ανάκληση της ανάθεσης της οικογενειακής κατοικίας στη σύζυγό του την προώθηση των νεότερων κόρες. παραβίαση του νόμου (.. art 360 όχι 3 CPC) – Κίνητρα αντιφατική (art 360 δεν 5 Κώδικα Πολιτικής Δικονομίας..) “.. Ο λόγος είναι απαράδεκτη, επίλυση σε γενικές έρευνες των σφαλμάτων εκτίμησης, ούτε καν involgenti την απόφαση αναλογία dell’impugnata ότι η πρωτοβουλία που ανέλαβε από τον T. στο σύντομο χρονικό διάστημα που ήταν πίσω στην κατοχή του ακινήτου που χρησιμοποιείται για να είναι η συζυγική κατοικία, locarlo τρίτου, αποκλείεται, ακόμη και λαμβάνοντας υπόψη το πλαίσιο, ότι η κατανομή αυτού ρώτησε μπορούσε να εκπληρώσει την καταστατική του λειτουργία για να προστατεύσει τα συμφέροντα των παιδιών στο γνωστό διατήρηση των ενδιαιτημάτων.

BOLOGNA συναινετικό χωρισμό
διαζύγιο
ΜΠΟΛΟΝΙΑ συναινετικού διαζυγίου
διαχωρισμός BOLOGNA
BOLOGNA δικαστικού χωρισμού
BOLOGNA προσβαλλόμενη διαζύγιο
χωρισμού και του διαζυγίου BOLOGNA
BOLOGNA διαζύγιο κόστος
BOLOGNA δικαστικό χωρισμό
διατηρώντας τα παιδιά BOLOGNA

coppia-in-liteΔιαχωρισμού φορτίων ΓΥΝΑΙΚΑ απατεώνες

Απόφαση Ανωτάτου Δικαστηρίου Δημόσιας Διοίκησης Επιμελητήριο 6 – 28 Φεβ Μάρτιο του 2014 n. 7410 Πρόεδρος Luccioli – Εισηγητής Giancola

Με απόφαση της 14.7.2010, το Νουόρο Δικαστήριο κήρυξε τον διαχωρισμό των συζύγων AT (επαναλαμβανόμενα το 2005) και CM, οι γονείς τεσσάρων παιδιών, απορρίπτοντας τις αμοιβαίες ερωτήσεις χρέωσης? Ο ίδιος επικαλέστηκε, επιπλέον, οι δύο κόρες του ζευγαριού, ακόμα ανήλικοι (F. L. και οι αντίστοιχες ηλικίες των 16 και 14 Ιουλίου 2010) για τη μητέρα, η οποία αποδίδεται επίσης τη συζυγική εστία, ακόμα κι αν ο σύζυγός της είχε μισθώσει το ακίνητο σε μια εταιρεία και ότι η σύζυγός του είχε από καιρό ζούσε μόνιμα αλλού με ένα άλλο άτομο? διάθεση, ακόμη, ότι ο Μ συμβάλλουν στη διατήρηση τόσο της συζύγου με το ποσό των € 5.000,00 ανά μήνα μέχρι τον Αύγουστο του 2008 και σε € 2.000,00 μηνιαίως για την επόμενη περίοδο, και οι δύο από τις δύο κόρες του στη σύζυγο καταβάλλοντας το ποσό των € 700,00 μηνιαίως για καθέναν από αυτούς.

Προς στήριξη των Τ δράσης καταγγελία της: 1. “Η αποτυχία, ανεπαρκής, αντιφατική αιτιολογία σχετικά με ένα αμφισβητούμενο γεγονός, αποφασιστική για την κρίση – Art 360 n.. 5 Κώδικα Πολιτικής Δικονομίας. ». Η προσφεύγουσα υποστηρίζει τις rubricated κινητήρια ελαττώματα σε σχέση με τη πραγματοποιήθηκε επιβάρυνση του διαχωρισμού από το σύζυγό της και ιδίως σε σχέση με τις υποκείμενες επιχειρήματα στο συμπέρασμα ότι η κρίση στη συζυγική σχέση δεν είχε παρέμβει πριν από τον Μάιο του 2003. Υποθέτουμε εδώ ότι οι δικαστές d ‘ προσφυγές έχουν αποτύχει να δώσει ανακούφιση για τη συμπεριφορά του συζύγου της, ο οποίος είχε κάνει την αφόρητη συμβίωση μαζί της και τα παιδιά, μεταξύ άλλων μέσω της παρενόχλησης, εκφοβισμού, συνέχισε την άσκηση της προσφυγής, δηλαδή τη συμπεριφορά των θυτών και καταχραστές τους υποστήριξε από τα πρώτα χρόνια του γάμου, η οποία είχε δικαίως αποτιμάται από το δικαστήριο και πράξεων ήταν άφθονα αποδεικτικά στοιχεία. εξακολουθεί να ισχυρίζεται ότι οι καταθέσεις που λαμβάνονται από μάρτυρες ανέφεραν ότι, αντίθετα, ότι η σχέση του γάμου ήταν ραγισμένα ήδη Front χρόνο μέχρι τον Μάιο του 2003, δεν θα έπρεπε να έχουν αποδοθεί αποφασιστική σημασία για τις δηλώσεις του Μ ηγείται πλέον και σοβαρές ενδείξεις, ότι θα παρέλειψε να δώσει λογαριασμό των αιτιάσεων από τις κινήσεις της για την απαράδεκτη στάση που κατέχονται από τον σύζυγο και τα εξαλείφετε τα ευρήματα προέκυψαν σχετικά με τους λόγους της εμφάνισης μιας κρίσης γάμου. 2. «Παραβίαση του νόμου – Art 360 n.. 3 Κώδικα Πολιτικής Δικονομίας ». Πάλι σε σχέση με τις προβλέψεις σε βάρος χωρισμό της, η προσφεύγουσα προσάπτει τόσο της διαπιστώθηκε ύπαρξη εξωσυζυγική σχέση της με τον R., υποστηρίζοντας ότι δεν ήταν βέβαιο και σε κάθε περίπτωση δεν παρουσιάζουν τα απαραίτητα χαρακτηριστικά της σταθερότητας και της συνέχειας, και είναι η έλλειψη συγκριτική αξιολόγηση της συμπεριφοράς της με εκείνους που κατέχονται από το σύζυγό της, η βίαιη, ευέξαπτος και αυταρχικός. Συμπερασματικά υποθέτει ότι η συνολική ανασυγκρότηση της δικαστικής υπόθεσης, και την απίστευτη επιτυχία του επί της προσφυγής, που μάλλον πιστεύουν ότι, με δεδομένη την προφανή επιπολαιότητα και sbrigatività τις ίδιες αποδόσεις κίνητρα, ότι πρόθεση του Δικαστηρίου υπαγορεύτηκε από μια «ηθική στάση” σχεδιαστεί για να καταδικάσουν και να τιμωρεί μεγάλο βαθμό, όπως η συμπεριφορά του έχει επικεντρωθεί αποκλειστικά στην κρίση του Διοικητικού συμβουλίου, χωρίς καμία προηγούμενη συγκριτική αξιολόγηση των αγωγών και των αντίστοιχων συμπεριφορών τους συζύγους. Οι δύο πρώτοι λόγοι αναιρέσεως, που υπόκεινται σε ενιαία θεώρηση, δεν άξιζε. Κυρίως περιβάλλεται από τις εν λόγω καταγγελίες επιλύονται σε ανεπίτρεπτο λόγους, γενικές διαπιστώσεις των σφαλμάτων εκτίμησης σε ότι αφορά προσέλαβε στοιχεία, εν μέρει, ούτε στην αυτο-προφίλ, καθώς δεν σχετίζονται με πρόσθετες ειδικές, αναδυόμενες αποτελέσματα της έρευνας που στοχεύουν στην άνεση , και, ως εκ τούτου, κατ ‘ουσίαν, σε κρίσιμες στιγμές σε μια διαφορετική εκτίμηση των ίδιων στοιχείων, που δεν επιτρέπονται σε αυτό το κάθισμα της νομιμότητας. Η απόφαση αντίθεση χρέωση του διαχωρισμού φαίνεται, στην πραγματικότητα, η συμμόρφωση με τις νομικές απαιτήσεις, καθώς και λογικά και τακτικά υποστήριξε με την ανάκληση και την έκβαση της αναδυόμενης αποδεικτικών στοιχείων από τους μάρτυρες, καθώς, άψογα αναθεωρηθεί και να επαναξιολογηθούν και σε σχέση με την ειδική αποτελεσματικότητα των επιμέρους περιουσιακών στοιχείων, καθώς και η αμοιβαίας παρεμβολής και τη συνολική επιδεικτική αξία. Από την άλλη πλευρά, ούτε καν φαίνεται να μπορεί να καταλογιστεί στα εφετεία σε περίπτωση μη συγκριτική αξιολόγηση της αμοιβαίας συμπεριφοράς των δύο συζύγων. Ο αιτών, στην πραγματικότητα, δεν έχει ούτε αντισταθμίσει αποτελεσματικά την ανακούφιση εξαντλητική της δευτεροβάθμιο δικαστές που δεν είχαν προσκομίσει καμία απόδειξη των ισχυρισμών του στο σημείο ή προσωρινά συμφραζόμενα του διατριβή. Από την προσβαλλόμενη απόφαση ήταν τότε blamelessly και περαιτέρω επεσήμανε ότι η έρευνα θα πρέπει να αποκλειστεί σοβαρά γεγονότα μεταγενέστερα του χρόνου, όταν αποκαλύφθηκε η απομείωση της έγγαμης σχέσης λόγω της απιστίας της συζύγου του, που χαρακτηρίζεται από περίεργη επιθετικότητα για το σύζυγό της. Επίσης, δεν έχει ασκηθεί έφεση από τον Τ άρνηση του διαχωρισμού φορτίου στο Μ, ρώτησε λόγω της υποτιθέμενης ανάρμοστη συμπεριφορά του συζύγου τους, που χρονολογούνται από την περίοδο, επίσης, ταυτόχρονη και τα προηγούμενα Μαΐου 2003, η εσωτερική ευνοϊκή για τον κριθεί σχηματίζεται στο σημείο αποκλείεται από την εκ νέου αξιολόγηση στην αντίθετη κατεύθυνση την ίδια συμπεριφορά για ακόμα παρέμεινε χωρίς οποιονδήποτε έλεγχο. 3. «Εσφαλμένη εκτίμηση του προκαταρκτικού πλαισίου – Ανάθεση των νεότερων κόρες – Παραβίαση του νόμου (άρθρο 360 Νο 3 CPC..) -. Αντιφατική αιτιολογία” Λογοκρισία θεσπίστηκε με τη μεταρρύθμιση της επιμέλειας των θυγατέρων καθεστώς, δηλαδή το υλοποιηθεί επιλογή για από κοινού την επιμέλεια τους, στη θέση του μοναδικού της, αποφασίζεται από το Δικαστήριο. Η λογοκρισία είναι απαράδεκτη για την παρέμβαση έλλειψη ενδιαφέροντος όσον αφορά την κόρη του τα μέρη F., η οποία είχε εν τω μεταξύ γίνει ένας ενήλικας, και αβάσιμη αντ ‘αυτού σε σχέση με την άλλη κόρη L., τώρα μόλις λίγους μήνες μετά την ενηλικίωση, όπως ήδη ίδια συμβουλεύουν κατά της αλλαγής του καθεστώτος που επιβάλλονται από τα δικαστήρια της προσφυγής, ωστόσο, ιδιαίτερα προσκολλημένα στο ρυθμιστικό καθεστώς που υπαγορεύεται ότι ευνοεί όταν δεν είναι αντίθετη προς το συμφέρον του παιδιού, όπως έχει καθιερωθεί από το Δικαστήριο της προσφυγής με την κατάλληλη και έγκαιρη επιχειρήματα, μόνο γενικά σε αντίθεση με Τ και δεν αναιρείται από αντικειμενική και αποφασιστική αντίθετων αποδεικτικών στοιχείων, λαμβάνοντας επίσης υπόψη ότι οι επιθυμίες που εκφράζονται από τις κόρες του είχαν βρει κατάλληλες διατάξεις συμμόρφωσης με την τοποθέτησή τους με τη μητέρα. 4. “Με την ανάκληση της ανάθεσης της οικογενειακής κατοικίας στη σύζυγό του την προώθηση των νεότερων κόρες. παραβίαση του νόμου (άρθρ. 360 αρ. 3

Διεξαγωγή της υπόθεσης

Με απόφαση της 14.7.2010, το Νουόρο Δικαστήριο κήρυξε τον διαχωρισμό των συζύγων AT (επαναλαμβανόμενα το 2005) και CM, οι γονείς τεσσάρων παιδιών, απορρίπτοντας τις αμοιβαίες ερωτήσεις χρέωσης? Ο ίδιος επικαλέστηκε, επιπλέον, οι δύο κόρες του ζευγαριού, ακόμα ανήλικοι (F. L. και οι αντίστοιχες ηλικίες των 16 και 14 Ιουλίου 2010) για τη μητέρα, η οποία αποδίδεται επίσης τη συζυγική εστία, ακόμα κι αν ο σύζυγός της είχε μισθώσει το ακίνητο σε μια εταιρεία και ότι η σύζυγός του είχε από καιρό ζούσε μόνιμα αλλού με ένα άλλο άτομο? διάθεση, ακόμη, ότι ο Μ συμβάλλουν στη διατήρηση τόσο της συζύγου με το ποσό των € 5.000,00 ανά μήνα μέχρι τον Αύγουστο του 2008 και σε € 2.000,00 μηνιαίως για την επόμενη περίοδο, και οι δύο από τις δύο κόρες του στη σύζυγο καταβάλλοντας το ποσό των € 700,00 μηνιαίως για καθέναν από αυτούς. Κατά της αποφάσεως του Δικαστηρίου στις Μ που προσέφυγε, αντιστάθηκαν από τον T., με την instando έκκληση για τη χρέωση δήλωση του διαχωρισμού με τη σύζυγό του, για την επιμέλεια του ανηλίκου κόρες της με αποτέλεσμα την κατανομή της οικογενειακής κατοικίας, για την κατάργηση της «check υπέρ της συζύγου και για τη μείωση της ότι για τη συντήρηση των δύο κόρες. Με απόφαση του Εφετείου 7.06-4.07.2011 του Κάλιαρι, το τμήμα υποκατάστημα Sassari, δέχθηκε εν μέρει την προσφυγή, κατήγγειλε την Τ διαχωρισμού, ανακάλεσε την ανάθεση σε παντρεμένα ίδιο περίβλημα και τον έλεγχο για του συντήρηση και διευθέτηση για την από κοινού επιμέλεια προς τους γονείς των δύο ανήλικων κοριτσιών, με την τοποθέτηση του ίδιου με τη μητέρα του, επιβεβαιώνοντας το υπόλοιπο της αναιρεσιβαλλομένης αποφάσεως και να αποζημιώνουν πλήρως για τις δαπάνες του δεύτερου βαθμού κρίση. Το Δικαστήριο επισήμανε, και πίστευε ότι: – ο σκοπός των αιτούμενων τελών για Τ ήταν σχετικό να εξακριβωθεί ποια ήταν η εποχή στην οποία εκδηλώθηκε η κρίση του γάμου, εξαιρείται από το σύνολο των σοβαρή έρευνα να γίνει αργότερα, όταν ο κοινός ζωής μεταξύ των συζύγων είχε ήδη παύσει να υφίσταται? – Ο πρώτος δικαστής έκρινε ότι το 2003, το έτος θεωρείται κρίσιμο, με δεδομένη την εμφάνιση του πρώτου υπόθεση του Τ, η κρίση του γάμου ήταν ήδη σε ισχύ, αλλά η αξιολόγηση αυτή δεν φαίνεται να είναι πλήρως αιτιολογημένη? – Όλα τα κείμενα που εξετάστηκαν κατηγορητήριο είχε δηλώσει το 2004 ότι, όταν οι ίδιοι γίνονται γνωστές οι διαφωνίες μεταξύ συζύγων, τοποθετώντας σε αυτήν την περίοδο η συνήθεια τους να κοιμούνται σε χωριστά δωμάτια. Εκείνος δεν μπορούσε, ως εκ τούτου, να θεωρηθεί ως η προ-ύπαρξη dell’affectio familiaris τερματισμού για το απλό γεγονός ότι ο Λ και S. κείμενα είχε δηλώσει ότι μεταξύ των μερών υπήρχε “ένταση” από το έτος 2003, δεδομένου ότι η σύγκρουση δεν θα μπορούσε να είναι το ίδιο η πραγματική κρίση του γάμου? – Είχαν γίνει δεκτοί από τα δύο μέρη ότι από τα τέλη του 2002 και στις αρχές του 2003 είχαν συμφωνήσει για τη διακοπή της κύησης μέχρι τότε διενεργείται από τον T. και δεν υπήρχε καμία απόδειξη ότι η απόφαση αυτή ήταν αποτέλεσμα της μια αντίθεση μεταξύ των συζύγων, ενώ η εγκυμοσύνη ίδια κατήγγειλε τη σταθερότητα της κανονικής συζυγικές σχέσεις? – Θα πρέπει επίσης να ληφθεί υπόψη αποδειχθεί ότι η σχέση μεταξύ της γυναίκας και του R. είχε ανακαλυφθεί το Μάιο του 2003, αλλά οι οποίες είχαν ήδη αρχίσει εδώ και αρκετό καιρό. Σε αυτό το σημείο θα μπορούσε να υπάρξει disattendersi τη δήλωση του Μ κεφάλια, είχε λάβει Μάιο του 2003, η εμπιστοσύνη των Τ, την ύπαρξη της εν λόγω έκθεσης, που επιβεβαιώνεται από τη μαρτυρία του Ν κείμενα, και Ρ Η Α .. υποψία που εκφράζεται από το Ελεγκτικό Συνέδριο σχετικά με την αξιοπιστία των εν λόγω στοιχείων, από τα πρόσωπα που εξαρτώνται από Μ, δεν ήταν αποδεκτή. Πρώτον, ο L., σύζυγος της αδελφής του Τ, δεν μπορούν να θεωρηθούν σε θέση υποταγής. Επιπλέον, φάνηκε ότι τα κεφάλια π είχε σταματήσει το 2003, η σχέση εργασίας με το Μ και είχε εξεταστεί ως μάρτυρας σε μεταγενέστερη ημερομηνία? – Ως εκ τούτου, η αποδεικτική αποτελέσματα έδειξαν ότι μέχρι τους πρώτους μήνες του 2003, δεν έχει συμβεί διαφωνίες, δεν ήταν σε θέση οποιαδήποτε συζυγική κρίση και ότι το Μάιο του ίδιου έτους, διαπιστώθηκε ότι T. είχε από καιρό ξεκινήσει μια σχέση με R., ένας φίλος του συζύγου της. Η ιστορία εμφανίστηκε επίσης κατάφωρα προσβλητικό για Μ, δεδομένου ότι σ ‘αυτό είχαν εμπλακεί οι Μ κεφάλια, σερβιτόρα που εξυπηρετούν την οικογένεια, με την ευκαιρία των παράνομων συναντήσεων είχε κληθεί να ελέγξει με την κάμερα οποιαδήποτε επιστροφή στην πατρίδα σύζυγος και Τ συμβουλές, ο οποίος εν τω μεταξύ ήταν με το σύντροφό του στο συζυγικό κρεβάτι κρεβατοκάμαρα? – Έτσι, ανακατασκευάστηκε την πορεία των γεγονότων? Εν ολίγοις, η κανονικότητα των εκθέσεων των μερών πριν από τον Μάιο του 2003 και την ανακάλυψη της σχέσης εκείνη την εποχή, ήταν για το Τ αποδειχθούν παρέβη το καθήκον της πίστης στην εποχή στην οποία ήταν ήδη η συζυγική κρίση, ενώ περίπου το ίδιο με τίποτα δεν είχε αφαιρεθεί ποτέ? Κατά συνέπεια, ο διαχωρισμός έπρεπε να χρεωθεί σε αυτήν? – Σχετικά με την επιμέλεια των δύο μικρές κόρες, και αν και τώρα που έρχονται από την ηλικία, έπρεπε να είναι προνομιακή η βούληση που εκδηλώνεται από αυτούς που είναι επιφορτισμένοι με τη μητέρα του, τοποθετήστε ακόμη και τους κακούς του προηγούμενου συντρόφου του Τ δεν φάνηκε ότι είχαν επιλυθεί επιφύλαξη των κοριτσιών. Από την άλλη πλευρά, Μ κατοικούσε σε Σαρδηνίας θέρετρο και δεν φάνηκε επωφελής για τα συμφέροντα των θυγατέρων μεταφέρουν την κατοικία τους από τη Ρώμη σε αυτό το άλλο μέρος. Επιπλέον, δεν είχαν δοκιμαστεί μητρική συμπεριφορά αντίθετη προς την καλή διαβίωση των θυγατέρων τους και κατά, ενώ αναγνωρίζει ότι ο Μ είχε αγώνες (ακόμα και σωματική) με ένα άλλο γιο, είχε έρθει από την ηλικία, δεν αποκαλύφθηκαν εις βάρος του demeanors αντίθετη προς τα συμφέροντα των θυγατέρων ήσσονος σημασίας, που θα μπορούσε να οδηγήσει σε αναθέσει αποκλειστικά στη μητέρα. Στο πλαίσιο της μεταρρύθμισης της απόφασης έχει ασκηθεί προσφυγή, εμφανίστηκε στη συνέχεια, δίκαιη κόρες αναθέσει από κοινού το ίδιο για τους γονείς, για τη θέσπιση, όμως, η τοποθέτηση με τη μητέρα της? – Ήταν, επίσης, ανακάλεσε την ανάθεση σε Τ της οικογενειακής κατοικίας, αποτελείται από μια βίλα με πισίνα που βρίσκεται σε ένα επιβλητικό κτιριακό συγκρότημα στη Ρώμη, λαμβάνοντας υπόψη όχι τόσο πολύ ότι κατά τη διάρκεια της δίκης, είχε γίνει μια απόφαση που αναγνώρισε την κυριότητα του ακινήτου περίπτωση του μοναδικού Μ και να μην της ή ότι η ίδια ζούσε τώρα σε ένα άλλο ακίνητο πολυτελείας στη νέα εταιρεία συνεργάτη, όπως καθορίστηκε ότι, επέστρεψε για λίγο στην κατοχή του ακινήτου σε διαφωνία, αν δεν απασχολημένος με τα παιδιά, αλλά εκμισθώνονται σε τρίτους, γι ‘αυτό ήταν σαφές ότι δεν σήμαινε διαθέσει το καλό στο σπίτι της οικογένειας, αλλά προέρχονται μόνο από το εισόδημα? – Επίσης απέκλεισε την επιταγή υπέρ της συζύγου του και επιβεβαίωσε, ωστόσο, ότι προϋπόθεση για τις κόρες των μερών. Κατά της αποφάσεως Τ άσκησε έφεση επί νομικών ζητημάτων δίνονται τέσσερις λόγους και κοινοποίησε την 30.11-2.12.2011 στο Μ, η 9-10.01.2012 αντιστάθηκε με την άμυνά της. Τα μέρη έχουν επίσης υποβάλει δηλώσεις.

Art. 269 del codice civile. Dichiarazione giudiziale di paternità e maternità. La paternità e la maternità naturale possono essere giudizialmente dichiarate nei casi in cui il riconoscimento è ammesso. La prova della paternità e della maternità può essere data con ogni mezzo. La maternità è dimostrata provando la identità di colui che si pretende essere figlio e di colui che fu partorito dalla donna, la quale si assume essere madre. La sola dichiarazione della madre e la sola esistenza di rapporti tra la madre e il preteso padre all'epoca del concepimento non costituiscono prova della paternità naturale. Art. 273 del codice civile. Azione nell'interesse del minore o dell'interdetto. L'azione per ottenere che sia giudizialmente dichiarata la paternità o la maternità naturale può essere promossa, nell'interesse del minore, dal genitore che esercita la potestà prevista dall'articolo 316 o dal tutore. Il tutore però deve chiedere l'autorizzazione del giudice, il quale può anche nominare un curatore speciale. Occorre il consenso del figlio per promuovere o per proseguire l'azione se egli ha compiuto l'età di sedici anni. Per l'interdetto l'azione può essere promossa dal tutore previa autorizzazione del giudice. Il tribunale dei minorenni ordinerà al presunto padre di sottoporsi al Test del DNA, al fine di accertare la paternità. Il rifiuto da parte del padre, a sottoporsi al test del DNA (con prelievo del sangue) comporta in concreto, l'ammissione di paternità, per giurisprudenza consolidata (vedi ad esempio sentenza del tribunale dei minorenni di L'Aquila del 19/04/2007). La madre non può impedire al padre di riconoscere il figlio; il figlio ha diritto di avere un padre ed una madre. Ha diritto di essere educato e mantenuto da un padre ed una madre !!! Ai sensi dell'articolo 250, comma 4 del codice civile, la madre non può impedire il riconoscimento del padre, laddove questo comportamento non risponda all'interesse del figlio.
Art. 269 del codice civile. Dichiarazione giudiziale di paternità e maternità.
La paternità e la maternità naturale possono essere giudizialmente dichiarate nei casi in cui il riconoscimento è ammesso.
La prova della paternità e della maternità può essere data con ogni mezzo.
La maternità è dimostrata provando la identità di colui che si pretende essere figlio e di colui che fu partorito dalla donna, la quale si assume essere madre.
La sola dichiarazione della madre e la sola esistenza di rapporti tra la madre e il preteso padre all’epoca del concepimento non costituiscono prova della paternità naturale.
Art. 273 del codice civile. Azione nell’interesse del minore o dell’interdetto.
L’azione per ottenere che sia giudizialmente dichiarata la paternità o la maternità naturale può essere promossa, nell’interesse del minore, dal genitore che esercita la potestà prevista dall’articolo 316 o dal tutore. Il tutore però deve chiedere l’autorizzazione del giudice, il quale può anche nominare un curatore speciale.
Occorre il consenso del figlio per promuovere o per proseguire l’azione se egli ha compiuto l’età di sedici anni.
Per l’interdetto l’azione può essere promossa dal tutore previa autorizzazione del giudice.
Il tribunale dei minorenni ordinerà al presunto padre di sottoporsi al Test del DNA, al fine di accertare la paternità. Il rifiuto da parte del padre, a sottoporsi al test del DNA (con prelievo del sangue) comporta in concreto, l’ammissione di paternità, per giurisprudenza consolidata (vedi ad esempio sentenza del tribunale dei minorenni di L’Aquila del 19/04/2007).
La madre non può impedire al padre di riconoscere il figlio; il figlio ha diritto di avere un padre ed una madre. Ha diritto di essere educato e mantenuto da un padre ed una madre !!!
Ai sensi dell’articolo 250, comma 4 del codice civile, la madre non può impedire il riconoscimento del padre, laddove questo comportamento non risponda all’interesse del figlio.

Οι λόγοι για την απόφαση

Προς στήριξη των Τ δράσης καταγγελία της: 1. “Η αποτυχία, ανεπαρκής, αντιφατική αιτιολογία σχετικά με ένα αμφισβητούμενο γεγονός, αποφασιστική για την κρίση – Art 360 n.. 5 Κώδικα Πολιτικής Δικονομίας. ». Η προσφεύγουσα υποστηρίζει τις rubricated κινητήρια ελαττώματα σε σχέση με τη πραγματοποιήθηκε επιβάρυνση του διαχωρισμού από το σύζυγό της και ιδίως σε σχέση με τις υποκείμενες επιχειρήματα στο συμπέρασμα ότι η κρίση στη συζυγική σχέση δεν είχε παρέμβει πριν από τον Μάιο του 2003. Υποθέτουμε εδώ ότι οι δικαστές d ‘ προσφυγές έχουν αποτύχει να δώσει ανακούφιση για τη συμπεριφορά του συζύγου της, ο οποίος είχε κάνει την αφόρητη συμβίωση μαζί της και τα παιδιά, μεταξύ άλλων μέσω της παρενόχλησης, εκφοβισμού, συνέχισε την άσκηση της προσφυγής, δηλαδή τη συμπεριφορά των θυτών και καταχραστές τους υποστήριξε από τα πρώτα χρόνια του γάμου, η οποία είχε δικαίως αποτιμάται από το δικαστήριο και πράξεων ήταν άφθονα αποδεικτικά στοιχεία. εξακολουθεί να ισχυρίζεται ότι οι καταθέσεις που λαμβάνονται από μάρτυρες ανέφεραν ότι, αντίθετα, ότι η σχέση του γάμου ήταν ραγισμένα ήδη Front χρόνο μέχρι τον Μάιο του 2003, δεν θα έπρεπε να έχουν αποδοθεί αποφασιστική σημασία για τις δηλώσεις του Μ ηγείται πλέον και σοβαρές ενδείξεις, ότι θα παρέλειψε να δώσει λογαριασμό των αιτιάσεων από τις κινήσεις της για την απαράδεκτη στάση που κατέχονται από τον σύζυγο και τα εξαλείφετε τα ευρήματα προέκυψαν σχετικά με τους λόγους της εμφάνισης μιας κρίσης γάμου. 2. «Παραβίαση του νόμου – Art 360 n.. 3 Κώδικα Πολιτικής Δικονομίας ». Πάλι σε σχέση με τις προβλέψεις σε βάρος χωρισμό της, η προσφεύγουσα προσάπτει τόσο της διαπιστώθηκε ύπαρξη εξωσυζυγική σχέση της με τον R., υποστηρίζοντας ότι δεν ήταν βέβαιο και σε κάθε περίπτωση δεν παρουσιάζουν τα απαραίτητα χαρακτηριστικά της σταθερότητας και της συνέχειας, και είναι η έλλειψη συγκριτική αξιολόγηση της συμπεριφοράς της με εκείνους που κατέχονται από το σύζυγό της, η βίαιη, ευέξαπτος και αυταρχικός. Συμπερασματικά υποθέτει ότι η συνολική ανασυγκρότηση της δικαστικής υπόθεσης, και την απίστευτη επιτυχία του επί της προσφυγής, που μάλλον πιστεύουν ότι, με δεδομένη την προφανή επιπολαιότητα και sbrigatività τις ίδιες αποδόσεις κίνητρα, ότι πρόθεση του Δικαστηρίου υπαγορεύτηκε από μια «ηθική στάση” σχεδιαστεί για να καταδικάσουν και να τιμωρεί μεγάλο βαθμό, όπως η συμπεριφορά του έχει επικεντρωθεί αποκλειστικά στην κρίση του Διοικητικού συμβουλίου, χωρίς καμία προηγούμενη συγκριτική αξιολόγηση των αγωγών και των αντίστοιχων συμπεριφορών τους συζύγους. Οι δύο πρώτοι λόγοι αναιρέσεως, που υπόκεινται σε ενιαία θεώρηση, δεν άξιζε. Κυρίως περιβάλλεται από τις εν λόγω καταγγελίες επιλύονται σε ανεπίτρεπτο λόγους, γενικές διαπιστώσεις των σφαλμάτων εκτίμησης σε ότι αφορά προσέλαβε στοιχεία, εν μέρει, ούτε στην αυτο-προφίλ, καθώς δεν σχετίζονται με πρόσθετες ειδικές, αναδυόμενες αποτελέσματα της έρευνας που στοχεύουν στην άνεση , και, ως εκ τούτου, κατ ‘ουσίαν, σε κρίσιμες στιγμές σε μια διαφορετική εκτίμηση των ίδιων στοιχείων, που δεν επιτρέπονται σε αυτό το κάθισμα της νομιμότητας. Η απόφαση αντίθεση χρέωση του διαχωρισμού φαίνεται, στην πραγματικότητα, η συμμόρφωση με τις νομικές απαιτήσεις, καθώς και λογικά και τακτικά υποστήριξε με την ανάκληση και την έκβαση της αναδυόμενης αποδεικτικών στοιχείων από τους μάρτυρες, καθώς, άψογα αναθεωρηθεί και να επαναξιολογηθούν και σε σχέση με την ειδική αποτελεσματικότητα των επιμέρους περιουσιακών στοιχείων, καθώς και η αμοιβαίας παρεμβολής και τη συνολική επιδεικτική αξία. Από την άλλη πλευρά, ούτε καν φαίνεται να μπορεί να καταλογιστεί στα εφετεία σε περίπτωση μη συγκριτική αξιολόγηση της αμοιβαίας συμπεριφοράς των δύο συζύγων. Ο αιτών, στην πραγματικότητα, δεν έχει ούτε αντισταθμίσει αποτελεσματικά την ανακούφιση εξαντλητική της δευτεροβάθμιο δικαστές που δεν είχαν προσκομίσει καμία απόδειξη των ισχυρισμών του στο σημείο ή προσωρινά συμφραζόμενα του διατριβή. Από την προσβαλλόμενη απόφαση ήταν τότε blamelessly και περαιτέρω επεσήμανε ότι η έρευνα θα πρέπει να αποκλειστεί σοβαρά γεγονότα μεταγενέστερα του χρόνου, όταν αποκαλύφθηκε η απομείωση της έγγαμης σχέσης λόγω της απιστίας της συζύγου του, που χαρακτηρίζεται από περίεργη επιθετικότητα για το σύζυγό της. Επίσης, δεν έχει ασκηθεί έφεση από τον Τ άρνηση του διαχωρισμού φορτίου στο Μ, ρώτησε λόγω της υποτιθέμενης ανάρμοστη συμπεριφορά του συζύγου τους, που χρονολογούνται από την προηγούμενη περίοδο και ταυτόχρονη και τον Μάιο του 2003, η εσωτερική ευνοϊκή για τον κριθεί σχηματίζεται στο σημείο αποκλείεται από την εκ νέου αξιολόγηση στην αντίθετη κατεύθυνση την ίδια συμπεριφορά για ακόμα παρέμεινε χωρίς οποιονδήποτε έλεγχο. 3. «Εσφαλμένη εκτίμηση του προκαταρκτικού πλαισίου – Ανάθεση των νεότερων κόρες – Παραβίαση του νόμου (άρθρο 360 Νο 3 CPC..) -. Αντιφατική αιτιολογία” Λογοκρισία θεσπίστηκε με τη μεταρρύθμιση της επιμέλειας των θυγατέρων καθεστώς, δηλαδή το υλοποιηθεί επιλογή για από κοινού την επιμέλεια τους, στη θέση του μοναδικού της, αποφασίζεται από το Δικαστήριο. Η λογοκρισία είναι απαράδεκτη για την παρέμβαση έλλειψη ενδιαφέροντος όσον αφορά την κόρη του τα μέρη F., η οποία είχε εν τω μεταξύ γίνει ένας ενήλικας, και αβάσιμη αντ ‘αυτού σε σχέση με την άλλη κόρη L., τώρα μόλις λίγους μήνες μετά την ενηλικίωση, όπως ήδη ίδια συμβουλεύουν κατά της αλλαγής του καθεστώτος που επιβάλλονται από τα δικαστήρια της προσφυγής, ωστόσο, ιδιαίτερα προσκολλημένα στο ρυθμιστικό καθεστώς που υπαγορεύεται ότι ευνοεί όταν δεν είναι αντίθετη προς το συμφέρον του παιδιού, όπως έχει καθιερωθεί από το Δικαστήριο της προσφυγής με την κατάλληλη και έγκαιρη επιχειρήματα, μόνο γενικά σε αντίθεση με Τ και δεν αναιρείται από αντικειμενική και αποφασιστική αντίθετων αποδεικτικών στοιχείων, λαμβάνοντας επίσης υπόψη ότι οι επιθυμίες που εκφράζονται από τις κόρες του είχαν βρει κατάλληλες διατάξεις συμμόρφωσης με την τοποθέτησή τους με τη μητέρα. 4. “Με την ανάκληση της ανάθεσης της οικογενειακής κατοικίας στη σύζυγό του την προώθηση των νεότερων κόρες. παραβίαση του νόμου (.. art 360 όχι 3 CPC) – Κίνητρα αντιφατική (art 360 δεν 5 Κώδικα Πολιτικής Δικονομίας..) “.. Ο λόγος είναι απαράδεκτη, επίλυση σε γενικές έρευνες των σφαλμάτων εκτίμησης, ούτε καν involgenti την απόφαση αναλογία dell’impugnata ότι η πρωτοβουλία που ανέλαβε από τον T. στο σύντομο χρονικό διάστημα που ήταν πίσω στην κατοχή του ακινήτου που χρησιμοποιείται για να είναι η συζυγική κατοικία, locarlo τρίτου, αποκλείεται, ακόμη και λαμβάνοντας υπόψη το πλαίσιο, ότι η κατανομή αυτού ρώτησε μπορούσε να εκπληρώσει την καταστατική του λειτουργία για να προστατεύσει τα συμφέροντα των παιδιών στο γνωστό διατήρηση των ενδιαιτημάτων. Συμπερασματικά, η προσφυγή πρέπει να απορριφθεί, και να καταδικάσει τον ηττηθέντα διάδικο να καταβάλει στις δαπάνες Τ Μ της απόφασης νομιμότητας, ρευστοποιείται μέσα.

PQM

Το Δικαστήριο απορρίπτει την αίτηση αναιρέσεως και να καταδικάσει την Τ να καταβάλει στον Μ του κόστους της αποφάσεως έφεση, εκκαθάριση σε € 3,500.00 για αμοιβές και € 200,00 για τις εκταμιεύσεις, καθώς και αξεσουάρ, σύμφωνα με το νόμο. Σύμφωνα με το άρθρο. 52, παράγραφος 5, του νομοθετικού διατάγματος. N. 196 του 2003, στην περίπτωση της διάδοσης της παρούσας αποφάσεως θα πρέπει να παραλείψει την ταυτότητα και άλλες πληροφορίες ταυτοποίησης των μερών.

BOLOGNA συναινετικό χωρισμό
διαζύγιο
ΜΠΟΛΟΝΙΑ συναινετικού διαζυγίου
διαχωρισμός BOLOGNA
BOLOGNA δικαστικού χωρισμού
BOLOGNA προσβαλλόμενη διαζύγιο
χωρισμού και του διαζυγίου BOLOGNA
BOLOGNA διαζύγιο κόστος
BOLOGNA δικαστικό χωρισμό
διατηρώντας τα παιδιά BOLOGNA
ΜΠΟΛΟΝΙΑ κοστίζει συναινετικό χωρισμό
ΜΠΟΛΟΝΙΑ κόστος συναινετικού διαζυγίου
διαχωρισμό και επιβάρυνση BOLOGNA
ξεχωριστή BOLOGNA
διατροφής BOLOGNA
Διαζύγιο κοστίζει BOLOGNA
ì
κοινή επιμέλεια BOLOGNA
χαρτιά του διαζυγίου BOLOGNA
de facto διαχωρισμό BOLOGNA
το διαζύγιο BOLOGNA
χωρισμούς και διαζύγια BOLOGNA
κόστος BOLOGNA συναινετικό χωρισμό
BOLOGNA συναινετική διαχωρισμών
Οι κοινές δαπάνες διαζύγιο BOLOGNA
κόστος συμφώνησαν διαζύγιο BOLOGNA
διαχωρισμός και τα παιδιά BOLOGNA
BOLOGNA γρήγορο διαζύγιο
Porretta, Vergato LOIANO, Monzuno, PIANORO, CASLECECCHIO διαχωρισμό και το διαζύγιο; ΕΓΙΝΕ

OTTIENI :BOLOGNA SEPARAZIONI ADDEBITO, MARITO VIOLENTO , AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA

BOLOGNA SEPARAZIONI ADDEBITO, MARITO VIOLENTO , AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA

La Corte di Cassazione ha avuto modo di osservare come il comportamento del coniuge successivo alla separazione, soprattutto nei tempi immediatamente prossimi, va considerato non di per sé, perché esso è certamente privo di efficacia autonoma nel determinare l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza “tuttavia può costituire una conferma del passato e quindi illuminare sulla condotta pregressa, questa sì rilevante ai fini del giudizio di addebitabilità[

avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
m

coppia-in-lite

 

BOLOGNA SEPARAZIONI ADDEBITO,  MARITO VIOLENTO , AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA

La Corte di Cassazione ha avuto modo di osservare come il comportamento del coniuge successivo alla separazione, soprattutto nei tempi immediatamente prossimi, va considerato non di per sé, perché esso è certamente privo di efficacia autonoma nel determinare l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza “tuttavia può costituire una conferma del passato e quindi illuminare sulla condotta pregressa, questa sì rilevante ai fini del giudizio di addebitabilità[

Bologna, San Pietro in Casale, San Lazzaro di Savena separazione moglie a carico Consulenza Legale per Separazione e Divorzio a Bologna Avvocato separazione Bologna Avvocato separazione Consigli utili per superare la separazione senza drammi. avvocato matrimonialista bologna – Studio Legale Bologna studiolegale-bologna.it/…/avvocato-matrimonialista-per-separazioni-a-bologna-e-prov… avvocato per divorzio bologna separazione consensuale bologna costo avvocato separazione consensuale lettera avvocato separazione miglior avvocato divorzista bologna   Ti serve un avvocato matrimonialista divorzista per una separazione o divorzio? SEPARAZIONI BOLOGNA – Avvocato a Bologna www.avvocatoabologna.it/separazione…/divorzio-e-separazione- Avvocato divorzista a Bologna – Separazione … Avvocati che si occupano di Separazione a Bologna (Città … STUDIO LEGALE a Bologna avvocato matrimonialista separazione bologna

Con riferimento a tale aspetto, deve ribadirsi che il giudice di appello, pur in mancanza di specifiche deduzioni sul punto, deve valutare tutti gli elementi di prova acquisiti, quand’anche non presi in considerazione dal giudice di primo grado, poiché in materia di prova vige il principio di acquisizione processuale, secondo il quale le risultanze istruttorie comunque ottenute, e quale che sia la parte ad iniziativa o ad istanza della quale siano formate, concorrono tutte indistintamente alla formazione del convincimento del giudice (Cass., 12 luglio 2011, n. 15300; Cass., 16 aprile 2008, n. 9917; Cass., 12 settembre 2003, n. 13430).5 – I primi tre motivi, in quanto strettamente correlati, possono essere congiuntamente esaminati. Le censure sono in parte inammissibili, ed in parte infondate. Ed invero, da un lato, pur denunciandosi vizi motivazionali, si tenta di introdurre valutazioni di merito, diverse da quelle compiute dalla corte territoriale, e, dall’altro, si censurano in maniera atomistica le risultanze probatorie analizzate nell’impugnata decisione, proponendosi una loro lettura in maniera conforme alle proprie prospettazioni, senza considerare, nel loro complesso, le argomentazioni della corte territoriale, che appaiono immuni da vizi logici.
Non può dubitarsi, infatti, della possibilità di inferire, sulla base di un comprovato episodio di violenza (quale quello accertato in sede penale e non contestato neppure dal ricorrente), la veridicità della denuncia di precedenti comportamenti analoghi, verificatisi all’interno della mura domestiche (cfr., in motivazione, Cass., 14 gennaio 2011, n. 817). La corte territoriale ha per altro fatto applicazione, opportunamente richiamandolo, del principio già affermato da questa Corte, secondo cui la condotta tenuta da uno dei coniugi dopo la separazione e in prossimità di essa, se pure priva di efficacia autonoma nel determinare l’intollerabilità della convivenza, può comunque essere valutata dal giudice, quale elemento alla luce del quale valutare la condotta pregressa ai fini del giudizio di addebitabilità (Cass., 2 settembre 2005, n. 177810).Del resto la condotta prevaricatrice e aggressiva del G. , durante la convivenza, è stata congruamente desunta dalla sentenza penale con cui costui era stato considerato responsabile in merito al reato di lesioni in danno della moglie, nella quale si dava atto del fatto che “la F. si vide costretta ad abbandonare nottetempo il domicilio coniugale per chiedere aiuto ed ospitalità a una vicina di casa”, nonché “delle frequenti aggressioni fisiche da parte del marito”, tali da ingenerare nella donna uno stato di timore costante, desunto dalla richiesta rivolta al teste M. di scortarla fino a casa, perché aveva paura di andarci da sola

AFOTOGRAFICA1

IL TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA :

Corte di Cassazione Sez. Prima Civ. – Sent. del 04.06.2012, n. 8928

Presidente Luccioli – Relatore Campanile

Svolgimento del processo

1 – Con sentenza in data 13 ottobre 2008 il Tribunale di Cagliari pronunciava la separazione personale dei coniugi F.A. e G.R. , rigettando le domande di addebito da entrambi proposte e ponendo a carico del marito un assegno mensile di Euro 400,00 a titolo di contributo per il mantenimento della F.
1.1 – La Corte di appello di Cagliari, con la decisione indicata in epigrafe, accogliendo l’impugnazione proposta in via principale dalla F. , dichiarava che la separazione era addebitabile al G., in considerazione della condotta aggressiva e violenta tenuta nei confronti della moglie. Venivano a tal fine apprezzate le risultanze emergenti da una sentenza penale pronunciata in sede di appello dallo stesso Tribunale, a seguito di impugnazione per i soli effetti civili proposta dalla F. , relativamente a un episodio lesivo verificatosi in data 3 febbraio 2003, in epoca successiva all’instaurazione del giudizio di separazione. Da tale decisione, passata in giudicato, la corte distrettuale desumeva altresì, sulla base di specifici riferimenti a ulteriori episodi riferiti da testimoni, che l’evento lesivo per il quale la F. aveva proposto querela si inseriva in una condotta del marito tenuta tanto in precedenza quanto in epoca successiva, così da ritenere provata, stante la sua gravità e la sua incomparabilità con la condotta tenuta dalla moglie, una violazione della dignità e dell’integrità fisica della coniuge, tale da imporre la pronuncia di addebito.
1.2 – Per la cassazione di tale decisione il G. propone ricorso, affidato a quattro motivi, illustrati da memoria, cui la F. resiste con controricorso.

Motivi della decisione

  1. – Con il primo motivo di ricorso si deduce insufficiente motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, in relazione all’art. 360, primo comma, n. 5 c.p.c., per aver la Corte territoriale valutato un episodio (lesioni personali in danno della F. , per le quali era stata emessa sentenza di condanna dal Tribunale di Cagliari in data 28 aprile 2009) verificatosi in un momento successivo alla cessazione della convivenza e per aver erroneamente affermato, senza il supporto di idonee risultanze probatorie, l’esistenza, anche per il periodo anteriore, di comportamenti del G. lesivi della dignità e dell’integrità fisica della moglie.
2.1 – Con il secondo motivo si lamenta omessa motivazione in merito a un fatto controverso e decisivo per il giudizio, sostenendosi che la sentenza impugnata non avrebbe considerato, nella loro complessiva portata, le dichiarazioni rese da tre testimoni, come riportate nella sentenza penale di condanna del G. per le ragioni sopra indicate.
2.2 – Con il terzo motivo si denuncia insufficiente motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, in relazione all’art. 360, primo comma, n. 5 c.p.c., per aver la Corte territoriale, in assenza di adeguata dimostrazione, affermata la ricorrenza di un nesso eziologico fra la condotta attribuita al G. e l’intollerabilità della convivenza.
2.3 – Con il quarto motivo viene dedotta, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 4, c.p.c., la violazione degli artt. 112 e 342 c.p.c.: la Corte di appello, in assenza di specifiche doglianze della F. circa l’insufficienza di idonee prove in ordine a reiterate violenze fisiche del coniuge, affermata nella decisione di primo grado, avrebbe proceduto alla rivalutazione del materiale probatorio già acquisito.
3 – Il ricorso è infondato e deve essere rigettato.
4 – Ragioni di evidente priorità sul piano logico – giuridico impongono l’esame preliminare della questione di rito introdotta con l’ultimo motivo di ricorso. La doglianza è assolutamente priva di pregio, in quanto il ricorrente traspone sul piano della corrispondenza fra il chiesto e il pronunciato (i cui principi sono stati rispettati dalla corte di appello, che si è pronunciata in merito all’addebito della separazione in virtù di motivo di gravame specificamente dedotto dalla F. ), i temi inerenti alla valutazione del materiale probatorio. Con riferimento a tale aspetto, deve ribadirsi che il giudice di appello, pur in mancanza di specifiche deduzioni sul punto, deve valutare tutti gli elementi di prova acquisiti, quand’anche non presi in considerazione dal giudice di primo grado, poiché in materia di prova vige il principio di acquisizione processuale, secondo il quale le risultanze istruttorie comunque ottenute, e quale che sia la parte ad iniziativa o ad istanza della quale siano formate, concorrono tutte indistintamente alla formazione del convincimento del giudice (Cass., 12 luglio 2011, n. 15300; Cass., 16 aprile 2008, n. 9917; Cass., 12 settembre 2003, n. 13430).5 – I primi tre motivi, in quanto strettamente correlati, possono essere congiuntamente esaminati. Le censure sono in parte inammissibili, ed in parte infondate. Ed invero, da un lato, pur denunciandosi vizi motivazionali, si tenta di introdurre valutazioni di merito, diverse da quelle compiute dalla corte territoriale, e, dall’altro, si censurano in maniera atomistica le risultanze probatorie analizzate nell’impugnata decisione, proponendosi una loro lettura in maniera conforme alle proprie prospettazioni, senza considerare, nel loro complesso, le argomentazioni della corte territoriale, che appaiono immuni da vizi logici.Non può dubitarsi, infatti, della possibilità di inferire, sulla base di un comprovato episodio di violenza (quale quello accertato in sede penale e non contestato neppure dal ricorrente), la veridicità della denuncia di precedenti comportamenti analoghi, verificatisi all’interno della mura domestiche (cfr., in motivazione, Cass., 14 gennaio 2011, n. 817). La corte territoriale ha per altro fatto applicazione, opportunamente richiamandolo, del principio già affermato da questa Corte, secondo cui la condotta tenuta da uno dei coniugi dopo la separazione e in prossimità di essa, se pure priva di efficacia autonoma nel determinare l’intollerabilità della convivenza, può comunque essere valutata dal giudice, quale elemento alla luce del quale valutare la condotta pregressa ai fini del giudizio di addebitabilità (Cass., 2 settembre 2005, n. 177810).Del resto la condotta prevaricatrice e aggressiva del G. , durante la convivenza, è stata congruamente desunta dalla sentenza penale con cui costui era stato considerato responsabile in merito al reato di lesioni in danno della moglie, nella quale si dava atto del fatto che “la F. si vide costretta ad abbandonare nottetempo il domicilio coniugale per chiedere aiuto ed ospitalità a una vicina di casa”, nonché “delle frequenti aggressioni fisiche da parte del marito”, tali da ingenerare nella donna uno stato di timore costante, desunto dalla richiesta rivolta al teste M. di scortarla fino a casa, perché aveva paura di andarci da sola. La corte territoriale, utilizzando legittimamente come fonte del proprio convincimento, in forza del principio dell’unità della giurisdizione, le prove raccolte nel menzionato giudizio penale, ricavandoli dalla sentenza quel processo, e fornendo al riguardo idonea motivazione (Cass., 2 marzo 2009, n. 5009), ha poi proceduto, al lume di tali risultanze, a una rivisitazione degli elementi acquisiti in primo grado, esprimendo un giudizio di attendibilità, in base alla proclività alla violenza del G. lumeggiata nella citata sentenza penale, dei reiterati episodi denunciati dalla F. anche con riferimento al periodo anteriore all’interruzione della convivenza.
6 – A fronte della dimostrata condotta violenta del ricorrente, per altro reiterata nel tempo, correttamente è stata accolta la domanda di addebito proposta dalla F. , venendo in considerazione violazioni talmente gravi dei doveri nascenti dal matrimonio da fondare, di per sé sole, non solo la pronuncia di separazione personale, in quanto cause determinanti la intollerabilità della convivenza, ma anche la dichiarazione della sua addebitabilità all’autore di esse, e da esonerare il giudice del merito, che abbia accertato siffatti comportamenti, dal dovere di comparare con essi, ai fini dell’adozione delle relative pronunce, il comportamento del coniuge che sia vittima delle violenze. Infatti tali gravi condotte lesive, traducendosi nell’aggressione a beni e diritti fondamentali della persona, quali l’incolumità e l’integrità fisica, morale e sociale dell’altro coniuge, ed oltrepassando quella soglia minima di solidarietà e di rispetto comunque necessaria e doverosa per la personalità del partner, sono insuscettibili di essere giustificate come ritorsione e reazione al comportamento di quest’ultimo e si sottraggono anche alla comparazione con tale comportamento, la quale non può costituire un mezzo per escludere l’addebitabilità nei confronti del coniuge che quei fatti ha posto in essere (Cass., 7 aprile 2005, n. 7321; Cass., 14 aprile 2011, n. 8548).
7. – Al rigetto dell’impugnazione consegue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese relative al presente giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento, in favore della controparte, delle spese processuali relative al presente giudizio di legittimità, liquidate in Euro 3.200,00, di cui Euro 3.000,00 per onorari, oltre spese generali e accessori di legge.

Studio legale Bologna civile

Studio legale Bologna famiglia

Studio legale Bologna provincia

Studio legale Bologna avvocato

Studio legale Bologna avvocati

Studio legale Bologna avvocato Sergio Armaroli

Studio legale Bologna diritto del lavoro

  • Studio legale Bologna 
Avvocati a Pegola
  • 
Avvocati a Baricella
  • 
Avvocati a Minerbio
  • 
Avvocati a Ca’ de’ Fabbri
  • 
Avvocati a San Gabriele
  • 
Avvocati a Malalbergo
  • 
Avvocati a Bentivoglio
  • 
Avvocati a Maccaretolo
  • 
Avvocati a Bosco
  • 
Avvocati a San Pietro in Casale

Studio legale Bologna diritto penale

Studio legale Bologna matrimonialisti

Studio legale Bologna separazione e divorzio

Studio legale Bologna separazioni e divorzio

Studio legale Bologna cause civili

Studio legale Bologna diritto famiglia

Studio legale Bologna eredita’ diritto testamento

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA SEPARAZIONI E DIVORZI AFFIDO FIGLI  

AFFIDO FIGLI AFFIDO OCNDIVISO AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA
AFFIDO FIGLI AFFIDO OCNDIVISO AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA

 

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA SEPARAZIONI E DIVORZI AFFIDO FIGLI  

 

mancato pagamento alimenti precetto reato mancato pagamento alimenti mancato pagamento alimenti figli maggiorenni mancato pagamento alimenti moglie mancato pagamento alimenti figli minorenni querela mancato pagamento alimenti denuncia mancato pagamento alimenti mancato pagamento alimenti penale
mancato pagamento alimenti precetto
reato mancato pagamento alimenti
mancato pagamento alimenti figli maggiorenni
mancato pagamento alimenti moglie
mancato pagamento alimenti figli minorenni
querela mancato pagamento alimenti
denuncia mancato pagamento alimenti
mancato pagamento alimenti penale
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
m

 

 

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA SEPARAZIONI E DIVORZI AFFIDO FIGLI  si occupa della gestione delle posizioni della crisi famigliare dal divorzio alla separazione sia cosensuali che giudiziali, sia delle questioni e liti relative all’ffido dei figli minori tra i coniugi

 

 

separazione consensuale BOLOGNA
divorzio
divorzio consensuale  BOLOGNA
separazione  BOLOGNA
separazione giudiziale  BOLOGNA
divorzio giudiziale  BOLOGNA
separazione e divorzio  BOLOGNA
costo divorzio  BOLOGNA
separazione legale  BOLOGNA
mantenimento figli  BOLOGNA

 

 

afototestamento3

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA SEPARAZIONI E DIVORZI AFFIDO FIGLI  per separazioni consensuali e giudiziali

Come affermato dalla Giurisprudenza della Corte di Cassazione, la nuova disciplina della separazione giudiziale dei coniugi, introdotta con la riforma del diritto di famiglia di cui alla legge 19 maggio 1975 n. 151, ha disancorato l’addebitabilità della separazione stessa da ipotesi tipiche e tassative di colpa ed ha ampliato il campo di indagine, per la ricerca delle responsabilità della rottura del consorzio coniugale, con riferimento all’intera area dei doveri nascenti dal matrimonio. Pertanto, il giudice del merito, richiesto di dichiarare a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione, ancorché accerti a carico di uno di essi un comportamento di per se idoneo a costituire causa dell’impossibilità di prosecuzione della convivenza, non può esimersi, indipendentemente dalla proposizione di istanze di mantenimento, dal prendere in esame globalmente e comparativamente i comportamenti di ciascuno dei due coniugi, al fine di individuare quali possano trovare giustificazione in fatti od atti dell’altro coniuge, e quali, invece, privi di tale giustificazione, vadano ascritti a titolo di responsabilità per l’indicata frattura.

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA SEPARAZIONI E DIVORZI AFFIDO FIGLI

DIVORZIO CONGIUNTO

Nel divorzio cosiddetto consensuale i coniugi hanno trovato un completo accordo su tutti gli aspetti da regolare, quelli necessari come l’affidamento dei figli, l’assegnazione della casa familiare, il diritto all’assegno divorzile per uno dei coniugi, e quelli solo eventuali come assegnazioni reciproche e trasferimenti immobiliari o mobiliari.

La domanda congiunta di divorzio si propone con ricorso sottoscritto personalmente dai coniugi o dal procuratore munito di mandato conferito da entrambi, dato che è possibile ed anzi consigliabile in questo caso rivolgersi ad un unico avvocato. Il Tribunale competente è quello di residenza o domicilio di almeno uno dei coniugi.

Nel ricorso devono essere indicate in modo dettagliato le condizioni dell’accordo e si deve dare atto della sussistenza dei requisiti richiesti per la concessione del divorzio, di regola la sentenza di separazione giudiziale passata in giudicato o, se la separazione è stata consensuale, il verbale omologato. Tali atti vanno inoltre allegati al ricorso, così come gli altri documenti che si ritiene utile produrre, in particolare le dichiarazioni dei redditi.

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA SEPARAZIONI E DIVORZI AFFIDO FIGLI

Fino al 2006 di solito l’affido era per la madre . La tendenza era di far trascorrere una stessa durata di tempo con la mamma e con il papà, cosa che si rivelava spesso piuttosto difficile

  1. All’articolo 155-bis del codice civile sono apportate le seguenti modificazioni:

  2. a) il primo comma è sostituito dal seguente:

«Il giudice può escludere un genitore dall’affidamento, con provvedimento motivato, qualora ritenga che da quel genitore, se affidatario, possa venire pregiudizio al minore. In ogni caso il giudice può per gravi motivi ordinare che la prole sia collocata presso una terza persona o, nell’impossibilità, in una comunità di tipo familiare.»;

  1. b) dopo il secondo comma sono aggiunti, in fine, i seguenti:

«Il genitore cui sono affidati i figli ha l’esercizio esclusivo della potestà su di essi; egli deve attenersi alle condizioni determinate dal giudice. Le decisioni di maggiore interesse per i figli sono adottate congiuntamente da entrambi i coniugi. Il coniuge cui i figli non siano affidati ha il diritto e il dovere di vigilare sulla loro istruzione ed educazione e può ricorrere al giudice quando ritenga che siano state assunte decisioni pregiudizievoli al loro interesse.

Le norme sul mantenimento dei figli di cui al quinto comma dell’articolo 155 si applicano a prescindere dal tipo di affidamento; parimenti, la posizione fiscale dei genitori è la stessa.»;

  1. c) la rubrica è sostituita dalla seguente: «Esclusione di un genitore dall’affidamento e disciplina dell’affidamento esclusivo».

STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA SEPARAZIONI E DIVORZI AFFIDO FIGLI per separazioni consensuali e giudiziali

3

separazione consensuale BOLOGNA

divorzio

divorzio consensuale  BOLOGNA

separazione  BOLOGNA

separazione giudiziale  BOLOGNA

divorzio giudiziale  BOLOGNA

separazione e divorzio  BOLOGNA

costo divorzio  BOLOGNA

separazione legale  BOLOGNA

mantenimento figli  BOLOGNA

separazione consensuale costi  BOLOGNA

costo divorzio consensuale  BOLOGNA

separazione con addebito  BOLOGNA

separarsi  BOLOGNA

assegno di mantenimento  BOLOGNA

divorzio costi  BOLOGNA

ì

affidamento condiviso  BOLOGNA

documenti per divorzio  BOLOGNA

separazione di fatto  BOLOGNA

come divorziare  BOLOGNA

separazioni e divorzi  BOLOGNA

costo separazione consensuale  BOLOGNA

separazioni consensuali  BOLOGNA

 

divorzio congiunto costi  BOLOGNA

divorzio consensuale costi  BOLOGNA

separazione e figli  BOLOGNA

divorzio veloce  BOLOGNA

 

 
STUDIO LEGALE BOLOGNA E PROVINCIA SEPARAZIONI E DIVORZI AFFIDO FIGLI per separazioni consensuali e giudiziali

CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.

CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti. belle
CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.

AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA

 

lo studio avvocato a Bologna Sergio Armaroli presta assistenza durante la fase delle trattative finalizzate alla compravendita di immobili

 

inoltre nelle fasi di contenzioso ad esse connesse (inadempimenti contrattuali, cause per vizi, difetti, difformità,

 

1)Il cliente è al centro dell’attenzione: chi si rivolge all’avvocato lo fa per risolvere un problema o ancor prima per prevenirlo; comunque desidera essere assistito ed aiutato, e soprattutto informato tempestivamente dell’evolversi della sua pratica.

Secondo la Suprema Corte Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 9063 del 5 giugno 2012)qualora le parti, dopo aver stipulato un contratto preliminare, concludano in seguito il contratto definitivo, quest’ultimo costituisce l’unica fonte dei diritti e delle obbligazioni inerenti al particolare negozio voluto e non mera ripetizione del primo, in quanto il contratto preliminare resta superato da questo, la cui disciplina può anche non conformarsi a quella del preliminare, salvo che i contraenti non abbiano espressamente previsto che essa sopravviva. La presunzione di conformità del nuovo accordo alla volontà delle parti può, nel silenzio del contratto definitivo, essere vinta soltanto dalla prova – la quale deve risultare da atto scritto, ove il contratto abbia ad oggetto beni immobili – di un accordo posto in essere dalle stesse parti contemporaneamente alla stipula del definitivo, dal quale risulti che altri obblighi o prestazioni, contenute nel preliminare, sopravvivono, dovendo tale prova essere data da chi chieda l’adempimento di detto distinto accordo.[wpforms id=”14234″ title=”true” description=”true”]

La Suprema Corte ancora precisa Cass. civ. n. 14463/2011

l contratto preliminare è fonte di obbligazione al pari di ogni altro contratto ed il suo particolare oggetto, cioè l’obbligo di concludere il contratto definitivo, non esclude che, ove non sia fissato un termine né in sede convenzionale, né in sede giudiziale, sia applicabile, ai sensi dell’art. 1183 c.c., la regola dell’immediato adempimento (“quod sine die debetur statim debetur”). Ne consegue che, a norma degli artt. 2934, 2935 e 2946 c.c., l’inattività delle parti, protrattasi per oltre dieci anni da quando il diritto alla stipulazione del contratto definitivo poteva essere fatto valere, comporta l’estinzione del diritto medesimo per prescrizione.

(Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 14463 del 30 giugno 2011)

Nel contratto preliminare di vendita d’immobile, ancorché siano previsti la consegna del bene e il pagamento del prezzo prima della stipula del contratto definitivo, non si verifica di per sé l’anticipazione di tutti gli effetti traslativi del contratto definitivo, se il giudice del merito, ricostruendo la comune intenzione delle parti e valutando il loro comportamento anche successivo al contratto, accerti che trattasi di contratto preliminare improprio, cioè con alcuni effetti anticipati, ma comunque senza effetto traslativo, in quanto la disponibilità del bene ha luogo nella piena consapevolezza dell’altruità della cosa. (Applicando detto principio, la S.C. ha escluso, in tema di revocatoria fallimentare esercitata ex art. 67, comma primo, n. 1, legge fall. per sproporzione del prezzo fissato nel definitivo rispetto al valore del bene, che la citata prospettazione del preliminare ad effetti anticipati sia anche solo in astratto compatibile con una valutazione di congruità del prezzo, da riferirsi inammissibilmente ad un’epoca in cui l’effetto traslativo non si è ancora verificato).

contenente un termine, non rispettato alla scadenza, per la stipulazione del definitivo, l’esercizio dell’azione di esecuzione in forma specifica, ai sensi dell’art. 2932 c.c., dell’obbligo di concludere il medesimo, non presuppone necessariamente la natura essenziale di detto termine, né la previa intimazione di una diffida ad adempiere alla controparte, essendo sufficiente la sola condizione oggettiva dell’omessa stipulazione del negozio definitivo che determina di per sé l’interesse alla pronunzia costitutiva, a prescindere da un inadempimento imputabile alla controparte stessa.

Studio Legale Bologna Studio Legale Bologna dell'avvocato Sergio Armaroli 
Studio Legale Bologna
Studio Legale Bologna
dell’avvocato Sergio Armaroli

Il d.l.vo 20 giugno 2005, n. 122

 

detta una disciplina di tutela dell’acquirente o del promissario acquirente di immobili da costruire in ragione dell’elevato rischio di inadempienze della parte alienante ovvero del pericolo di sottoposizione del costruttore ad esecuzione immobiliare o a procedura concorsuale, trovando però applicazione, in forza del contenuto definitorio di cui all’art. 1, comma 1, lettera d), soltanto riguardo agli immobili per cui, da un lato, sia stato già richiesto il permesso di costruire (o, se del caso, sia già stata presentata la denuncia di inizio attività, ex art. 22, comma 3, del d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) e che, dall’altro lato, non siano stati oggetto di completamento e, dunque, non sia stato ancora richiesto il relativo certificato di agibilità. Ne consegue che i contratti preliminari di compravendita di immobili esistenti soltanto “sulla carta”, ossia per i quali sussista un progetto, ma non sia stato ancora richiesto il permesso di costruire o un titolo equipollente, si collocano fuori dell’ambito applicativo della speciale disciplina recata dal citato d.l.vo n. 122 del 2005 e la chiara lettera della legge non consente di pervenire, a tutela dell’acquirente o promissario acquirente di immobile esistente “sulla carta”, ad una interpretazione adeguatrice che ne permetta invece l’applicazione. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza di merito che aveva dichiarato la nullità di un contratto preliminare di compravendita di immobile esistente “sulla carta” in assenza della indicazione, imposta dall’art. 6, comma 1, lettera i), del d.l.vo n. 122 del 2005, della richiesta del permesso di costruire; la S.C. ha, peraltro, escluso che il dubbio di costituzionalità di detta norma – per contrasto con l’art. 3 Cost., in ragione della irragionevole disparità di trattamento della situazione relativa alla compravendita degli immobili esistenti “sulla carta” – quanto alle conseguenze derivanti dall’osservanza della sua prescrizione, potesse, nella specie, avere rilevanza, giacché la relativa disciplina presuppone, e si giustifica, solo in presenza di un preliminare avente ad oggetto un edificio per il quale sia stato almeno richiesto il permesso di costruire).

Poiché nel caso di contratto preliminare di compravendita l’effetto traslativo è determinato soltanto dal contratto definitivo, sicché la ricorrenza dei requisiti di forma e sostanza necessari ai fini della validità del contratto traslativo non possono che fare riferimento alla legge vigente al momento della stipula di questo, la sopravvenienza, rispetto al momento di formazione del preliminare, della disposizione di cui all’art. 18, secondo comma, legge 28 febbraio 1985 n. 47, con cui il legislatore aveva allora sancito il divieto di lottizzazione abusiva, opera non come causa di nullità del contratto preliminare bensì come impossibilità oggettiva di concludere il contratto definitivo, e precludendo la stipulazione di questo, è ugualmente di impedimento all’emissione della sentenza costitutiva ai sensi dell’art. 2932 c.c., che allo stesso si sostituisce.

Al fine di stabilire se le parti abbiano concluso un contratto preliminare ovvero definitivo di compravendita,

non sono decisive le espressioni usate (come, ad esempio, «preliminare» nell’intestazione del contratto

ovvero «vende» nel testo), mentre non rileva né la riserva di nomina del contraente, ai sensi dell’art. 1401 c.c., che può operare indifferentemente sia in un negozio definitivo che preparatorio, né l’aver posto come condizione, che è prevista dalla legge ed attiene all’efficacia del negozio, l’ottenimento di una autorizzazione alla vendita da parte del giudice tutelare, ai sensi dell’art. 320 c.c. (Nella fattispecie, la S.C. ha cassato la sentenza di merito che, non attenendosi al principio di diritto affermato, aveva attribuito al contratto la natura di preliminare, omettendo anche di dare il giusto rilievo alle circostanze che il rapporto era stato integralmente attuato, con il pagamento dell’intero prezzo ed il trasferimento dell’immobile mediante consegna, e che la parte venditrice aveva omesso di chiedere l’autorizzazione del giudice tutelare, così determinando il mancato avveramento dell’evento previsto in condizione).

In tema di compravendita di immobili, nel distinguere il contratto definitivo di vendita dal contratto preliminare e ritenere voluto l’effetto traslativo immediato, come non può essere attribuita influenza determinante alla consegna del bene od al pagamento del prezzo, cosa non possono assumere rilievo esclusivo né l’impegno delle espressioni verbali “cede”, “vende” o “acquista”, né la definizione del contratto indicata dai contraenti, ove dal complesso di altri elementi risulti che effettivamente le parti abbiano soltanto inteso obbligarsi a prestare in futuro il loro consenso ad un successivo contratto con effetto traslativo. (Mass. redaz.).

Ove alla stipula di un contratto preliminare segua ad opera delle stesse parti la conclusione del contratto definitivo, quest’ultimo costituisce l’unica fonte dei diritti e delle obbligazioni inerenti al particolare negozio voluto, in quanto il contratto preliminare, determinando soltanto l’obbligo reciproco della stipulazione del contratto definitivo, resta superato da questo, la cui disciplina, con riguardo alle modalità e condizioni, anche se diversa da quella pattuita con il preliminare, configura un nuovo accordo intervenuto tra le parti e si presume sia l’unica regolamentazione del rapporto da esse voluta. La presunzione di conformità del nuovo accordo alla volontà delle parti può, nel silenzio del contratto definitivo, essere vinta soltanto dalla prova — che deve risultare da atto scritto ove il contratto abbia ad oggetto beni immobili — di un accordo posto in essere dalle stesse parti contemporaneamente alla stipula del definitivo dal quale risulti che altri obblighi o prestazioni, contenute nel preliminare, sopravvivono al contratto definitivo.

Il contratto preliminare e il contratto definitivo di compravendita si differenziano per il diverso contenuto della volontà dei contraenti, che è diretta nel primo caso ad impegnare le parti a prestare, in un momento successivo, il loro consenso al trasferimento della proprietà, e nel secondo ad attuare il trasferimento stesso, contestualmente o a decorrere da un momento successivo alla conclusione del contratto, senza necessità di ulteriori manifestazioni di volontà. La qualificazione del contratto come preliminare o definitivo costituisce pertanto un accertamento di fatto, incensurabile in sede di legittimità, se sorretto da motivazione adeguata e non inficiata da vizi logici o giuridici. (Nella fattispecie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito, la quale aveva qualificato come definitivo, e non preliminare, il contratto di compravendita immobiliare stipulato dalle parti, fissando, di conseguenza, alla data di detta stipula il valore iniziale del bene ai fini dell’imposta di registro).

La funzione del contratto preliminare è quella di impegnare i contraenti alla futura stipula, alle condizioni e nei termini in esso convenuti, di un successivo contratto definitivo, e la prestazione essenziale che ne forma oggetto è costituita da quel particolare facere, consistente nella stipulazione anzidetta, che deve esattamente corrispondere agli elementi predeterminati in sede di compromesso. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza di merito, che aveva ritenuto insussistente l’inadempimento degli obblighi assunti con il preliminare, in una fattispecie in cui erano stati promessi in vendita diritti di comunione indivisa, e la promittente venditrice, anziché procurare alla parte acquirente il diritto reale assoluto in questione, aveva invece procurato un atto traslativo con effetti limitati inter partes, non iscrivibile nei registri tavolari, in relazione al quale il promissario acquirente avrebbe acquistato solo il godimento turnario del bene previo pagamento di un corrispettivo, sia pure a tariffa scontata).

Ai fini della validità del contratto preliminare non è indispensabile la completa e dettagliata indicazione di tutti gli elementi del futuro contratto, risultando per converso sufficiente l’accordo delle parti sugli elementi essenziali. In particolare, nel preliminare di compravendita immobiliare, per il quale è richiesto ex lege è atto scritto come per il «definitivo», è sufficiente che dal documento risulti, anche attraverso il riferimento ad elementi esterni ma idonei a consentirne l’identificazione in modo inequivoco, avere le parti inteso fare riferimento ad un bene determinato o, comunque, determinabile, la cui indicazione pertanto, attraverso gli ordinari elementi identificativi richiesti per il definitivo, può anche essere incompleta o mancare del tutto, purché, appunto, l’intervenuta convergenza delle volontà sia comunque, anche aliunde o per relationem, logicamente ricostruibile.

Nel valutare se le parti abbiano concluso un contratto definitivo di compravendita o un semplice preliminare è necessario ricercare l’effettiva volontà delle parti, al di là della qualificazione da esse attribuita al contratto stesso. In particolare, non è incompatibile con la qualificazione del contratto di vendita come definitivo il fatto che l’acquirente si sia impegnato «per sé o per persona da nominare», né il fatto che l’alienante si sia impegnato a fornire la prova della proprietà dell’immobile solo al momento della stipula notarile, e neppure l’inclusione nel contratto di una caparra confirmatoria, in quanto essa, anche se più congeniale al contratto preliminare, è compatibile anche con la struttura del contratto definitivo, qualora non vi sia contemporaneità tra la conclusione del contratto e la completa esecuzione degli obblighi che da esso derivano (come nel caso di specie).

II carattere preliminare o definitivo di una vendita non dipende dalla pattuizione relativa all’impegno a comparire davanti a un notaio per la formazione di un atto pubblico, con lo scopo di rendere possibile la trascrizione, bensì dalla circostanza, che le parti abbiano inteso soltanto obbligarsi all’alienazione e all’acquisto futuri del bene oppure dare luogo, senz’altro, alla trasmissione della proprietà.

Al fine di attribuire ad una convenzione negoziale la natura giuridica di contratto di compravendita ovvero di semplice preliminare, è determinante l’identificazione del comune intento delle parti diretto, nel primo caso, al trasferimento della proprietà della res verso la corresponsione di un certo prezzo conformemente alla causa negoziale sancita dall’art. 1470 c.c., e, nel secondo, all’insorgenza di un particolare rapporto obbligatorio che impegni le parti stesse ad un’ulteriore manifestazione di volontà alla quale sono rimessi il trasferimento del diritto dominicale sul bene e l’assunzione dell’obbligo di pagamento del prezzo. Nell’esaminare la stipulazione nel suo complesso onde accertare la comune volontà dei contraenti in un senso o nell’altro, il giudice di merito deve tener presente, peraltro, che la previsione della traditio del bene e/o del pagamento, anche totale, del prezzo convenuto non sono vicende assolutamente incompatibili con l’intento di stipulare un semplice preliminare di vendita, potendo le parti, con tali pattuizioni, manifestare null’altro che l’intento di anticipare le prestazioni del futuro contratto definitivo.

L’elemento distintivo tra contratto definitivo e contratto preliminare di vendita è dato dalla volontà delle parti, che nel contratto definitivo è rivolta direttamente al trasferimento della proprietà o di altro diritto, mentre nel contratto preliminare fa dipendere tale trasferimento da una futura manifestazione di consenso che gli stessi contraenti si obbligano a prestare. Da ciò consegue che allorché le parti, dopo aver stipulato un contratto preliminare, siano poi addivenute alla stipulazione di un contratto definitivo, quest’ultimo costituisce l’unica fonte dei diritti e delle obbligazioni inerenti al particolare negozio voluto, in quanto il contratto preliminare, determinando soltanto l’obbligo reciproco della stipulazione del contratto definitivo, resta superato da questo, la cui disciplina con riguardo alle modalità e condizioni può anche non conformarsi a quella del preliminare, senza che per ciò sia necessario un distinto accordo novativo.

La clausola che differisce gli effetti di una scrittura privata di compravendita (nella specie, di un bene immobile), alla data della prevista stipulazione dell’atto pubblico non esclude il carattere definitivo della vendita, ma le attribuisce effetti meramente obbligatori, costituendo il successivo atto pubblico solo un atto riproduttivo in cui le dichiarazioni delle parti assumono valore storico-rappresentativo (della volontà espressa nella vendita già conclusa) e non manifestazione di una nuova volontà. negoziale.

L’art. 1350 c.c. stabilisce l’obbligo della forma scritta per la conclusione o la modifica dei contratti relativi a diritti reali immobiliari, ma né esso, né altra disposizione di legge prevedono analogo requisito di forma per ogni comunicazione o intimazione riguardante l’esecuzione di detti contratti. Pertanto, è pienamente valida ed efficace la diffida ad adempiere un contratto preliminare di compravendita, intimata, per conto e nell’interesse del contraente, da persona fornita di un semplice mandato verbale, come pure quella sottoscritta da un falsus procurator e successivamente ratificata dalla parte interessata.

È valido l’accordo verbale con cui le parti rinviano il termine pattuito in un preliminare di compravendita immobiliare per la stipulazione dell’atto notarle, perché la forma scritta richiesta ad substantiam riguarda solo i requisiti essenziali del contratto e non gli altri elementi pattizi che regolano la sua concreta attuazione, dovendo distinguersi a questi fini fra la concreta volontà di perfezionamento del negozio e le scelte temporali dell’intesa raggiunta.

Nel preliminare di compravendita immobiliare, l’individuazione dell’oggetto o la definizione dei criteri per la sua determinazione deve avvenire, a pena di nullità, per atto scritto consistendo nella concretizzazione di un elemento essenziale del negozio. Conseguentemente non assumono a tal fine rilievo i dati di interpretazione che non hanno riferimento al testo scritto dall’accordo, quali quelli desumibili dal comportamento successivo dei contraenti in fase di esecuzione dello stesso.

L’accordo transattivo concernente la proroga del termine per la stipulazione del contratto definitivo di compravendita immobiliare (nella specie, indicato dal promesso venditore nella diffida ad adempiere notificata al promesso compratore ai sensi dell’art. 1454 c.c.) deve rivestire la forma scritta ad substantiam sotto pena di nullità, ai sensi del combinato disposto degli artt. 1351 e 1350 n. 1 c.c. e 1350 n. 12 dello stesso codice, e, pertanto, non può essere accertato con ricorso alla prova per presunzioni o per testimoni.

Nell’indagine diretta ad individuare la natura preliminare o definitiva di un contratto di vendita occorre ricercare l’effettiva volontà dei contraenti, per accertare se essa sia stata rivolta direttamente al trasferimento della proprietà ovvero a dar vita ad un rapporto obbligatorio che li impegna ad un’ulteriore manifestazione di volontà che operi l’effetto traslativo, tenendo presente che, al predetto fine, non sono decisive — anche se non irrilevanti — le espressioni letterali usate dalle parti (spesso non esperte di diritto), né la previsione della riproduzione in atto pubblico della scrittura privata, che può essere stata considerata in funzione della trascrizione e non del trasferimento, e neppure, d’altra parte, la stessa tradizione del bene ed il pagamento del prezzo, quando vi sia ragione di ritenere che essi non siano, atti esaustivi delle reciproche controprestazioni ma atti di esecuzione anticipata di futura vendita. Il suddetto accertamento, pur risolvendosi in una quaestio facti, è censurabile in, sede di legittimità, ove non adeguatamente motivato o non ispirato a corretti criteri di ermeneutica contrattuale.

A differenza del preliminare di vendita di cosa futura, che ha per contenuto solo la stipulazione di un successivo contratto definitivo, il contratto di vendita di cosa futura, invece, non costituisce un negozio in formazione, suscettibile soltanto di effetti preliminari, ma un contratto di vendita obbligatoria, perfetto ab initio ed attributivo, come tale, di uno ius ad habendam rem nel momento in cui la cosa venga ad esistenza, senza che possa rilevare la stipulazione prevista dalle parti per un’epoca successiva, dell’atto pubblico necessario alla trascrizione del trasferimento immobiliare, rappresentando questa una riproduzione meramente formale del contratto originario, nella quale le dichiarazioni delle parti stesse assumono valore storico-rappresentativo e non manifestazione di una nuova volontà negoziale. A differenza del preliminare di vendita di cosa futura, che. ha per contenuto solo la stipulazione di un successivo contratto definitivo, il contratto di vendita di cosa futura, invece, non costituisce un negozio in formazione, suscettibile soltanto di effetti preliminari, ma un contratto di vendita obbligatoria, perfetto ab initio ed attributivo, come tale, di uno ius ad habendam rem nel momento in cui la cosa venga ad esistenza, senza che possa rilevare la stipulazione prevista dalle parti per un’epoca successiva, dell’atto pubblico necessario alla trascrizione del trasferimento immobiliare, rappresentando questa una riproduzione meramente formale del contratto originario, nella quale le dichiarazioni delle parti stesse assumono valore storico-rappresentativo e non manifestazione di una nuova volontà negoziale.

La necessità che il contratto preliminare rivesta la medesima forma prescritta per quello definitivo, concerne soltanto il caso che una determinata forma sia stabilita dalla legge e non pure quello in cui essa sia stata prevista dalle parti per un contratto per il quale la legge nulla dispone; con la conseguenza che, operando in tale ipotesi il principio della libertà di forme, è valido il preliminare di mutuo stipulato oralmente, ancorché le parti abbiano previsto per il contratto definitivo l’atto pubblico.

Close-up Of A Judge Striking Gavel Between Split House Over Wooden Desk

2)E’ scrupolo dello Studio Legale accogliere e ascoltare il cliente con la massima attenzione; approfondito il caso.

3)L’avvocato Sergio Armaroli fornisce  al cliente tutte le informazioni necessarie e, sempre in accordo con il cliente, dopo un parere preliminare, individuano la più corretta soluzione.

 

 Compravendite Immobiliari, dalle fase delle Trattative sino al rogito notarile

– Azioni A Difesa Della Proprietà E Del Possesso Nonché Usucapione Immobiliare

– Azioni Cautelari E Provvedimenti D’Urgenza

– Cause Condominiali E Controversie In Materia Di Immissioni Intollerabili

In diritto la proprietà è considerata un “diritto reale” (“reale” da “res”, in latino “cosa”), ovvero il diritto “su una cosa” (ius in rem),caratterizzato dalla pretesa del titolare opponbile “erga omnes”, ovvero nei confronti di chiunque altro, a non essere disturbato o comunque pregiudicato nell’esercizio del proprio potere sull’oggetto posseduto.

 

Azione di usucapione: lo studio esperisce anche azioni legali volte a far ottenere la proprietà dell’immobile e/o terreno quando vi è il possesso dello stesso da un determinato periodo di tempo.

Lo studio avvocato a Bologna Sergio Armaroli presta assistenza consulenza ed assistenza legale precontrattuale e contrattuale in tutte le operazioni immobiliari, assistendo i clienti nelle varie fasi: dalle verifiche preliminari, alla redazione di contratti preliminari e scritture private, alla stipula notarile.

Grazie alle nostre competenze linguistiche, offriamo tale servizio anche ai clienti stranieri.
Prestiamo consulenza ed assistenza nei giudizi riguardanti il settore immobiliari, aventi ad oggetto, ad esempio, divisioni di immobili, locazioni, difetti e vizi di costruzione, questioni condominiali.

lo studio avvocato a Bologna Sergio Armaroli presta assistenza di tutti gli aspetti del diritto immobiliare dalle acquisizioni e dismissioni di singoli immobili e portafogli e di società veicolo, allo sviluppo immobiliare, ai finanziamenti e leasing immobiliare e ai fondi di real estate.

[wpforms id=”14234″]

Assistenza e consulenza nelle compravendite immobiliari: lo studio fornisce consulenze nell’ambito degli acquisti immobili, accompagnando il cliente nelle fasi della transazione sino al rogito, valutando le soluzioni più vantaggiose per il cliente e conciliando tra le parti.

Avvocato a Bologna Sergio Armaroli , grazie alla consolidata esperienza nel settore delle operazioni immobiliari e grazie alle solide competenze in materia di diritto civile, societario e commerciale, di pratica e di finanza societaria, di edilizia e di urbanistica, di tutela ambientale e di diritto dei mercati dei capitali, è in grado di guidare ed assistere i clienti in ogni settore dell’attività immobiliare, seguendo le loro operazioni in ogni aspetto

 

lo studio avvocato a Bologna offre assistenza legale  accertamento della responsabilità dei professionisti nella progettazione / direzione dei lavori, risarcimento danni per recesso del committente);

lo studio avvocato a Bologna offre assistenza redazione di contratti di compravendita, sviluppo, gestione, – assistenza per la stipulazione di contratti preliminari – – atti di compravendita di singoli immobili

  1. responsabilità civile contrattuale ed extracontrattuale;
  2. contrattualistica tipica ed atipica;
  3. rapporti patrimoniali tra coniugi;
  4. diritto delle successioni, delle donazioni e del testamento;
  5. diritti reali e possesso;
  6. compravendita mobiliare ed immobiliare;
  7. contratti preliminari di compravendita, definitivi, di permuta, di appalto, di locazione, di mandato, di mediazione, di comodato, di fideiussione;
  8. diritti della personalità, del nome e dell’immagine;
  9. risoluzione e recesso contrattuale;
  10. pubblicità e trascrizione;
  11. proprietà ed azioni a difesa della proprietà e dei diritti reali minori;
  12. diritti reali di godimento;
  13. azioni a difesa del possesso;
  14. contratti in genere.

L’Avvocato civile Sergio Armaroli di Bologna assiste la propria Clientela nelle controversie nascenti in materia di proprietà.

In particolare, possono essere avviate le seguenti azioni:

1) azione di rivendica (art.948 c.c.) del bene da chiunque lo possieda o lo detenga;
2) azione di restituzione;
3) azione negatoria (art.949 c.c) per far dichiarare l’inesistenza dei diritti affermati da altri sulla cosa ovvero far cessare le altrui molestie o turbative;
4) azione di regolamento di confini (art.950 c.c.);
5) azione per apposizione dei termini (art.951 c.c.);
6) azione per la cessazione di atti emulativi (art. 833 cc) ovvero di quegli atti di disposizione e godimento dei propri beni che non hanno altro scopo se non quello di nuocere o recare molestia ad altri senza ricavarne alcun apprezzabile vantaggio;
7) azione per la cessazione di immissioni moleste (art. 844).

 

CONTRATTO OBBLIGAZIONI PECUNIARIE –Cassazione civile SS.UU. 13658/2010sul “motivo principale di opposizione” (da accogliere “nei limiti che seguono”): “l’assegno inviato alla creditrice prima della notifica del precetto aveva ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all’epoca del pagamento”; “secondo la più recente giurisprudenza di legittimità (Cass. Civ. n. 27158 del 19 dicembre 2006), nelle obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro, il pagamento effettuato mediante corresponsione di un assegno costituisce, secondo gli usi negoziali, idoneo modo di estinguere la obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti”.
CONTRATTO OBBLIGAZIONI PECUNIARIE –Cassazione civile SS.UU. 13658/2010sul “motivo principale di opposizione” (da accogliere “nei limiti che seguono”): “l’assegno inviato alla creditrice prima della notifica del precetto aveva ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all’epoca del pagamento”; “secondo la più recente giurisprudenza di legittimità (Cass. Civ. n. 27158 del 19 dicembre 2006), nelle obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro, il pagamento effettuato mediante corresponsione di un assegno costituisce, secondo gli usi negoziali, idoneo modo di estinguere la obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti”.
  • PERCHE’ POSSO AVER BISOGNO  DI UN AVVOCATO PER  OFFERTA  PROPOSTA IN AGENZIA IMMOBILIARE?Perché la proposta in agenzia immobiliari ha lo stesso peso di un preliminare id vendita se viene accettata dal venditore, quindi nascono a tuo carico una serie di obbligazioni .Se il venditore non accetta la proposta, oppure resta silente fino al termine nella stessa contenuto, la caparra va restituita all’acquirente. Quando invece firma per accettazione la proposta e tale circostanza viene comunicata all’acquirente, entrambe le parti restano vicendevolmente obbligate a stipulare l’atto definitivo di vendita. Una proposta così conclusa (ovvero una proposta accettata) si converte pertanto automaticamente in un contratto preliminare di compravendita, che vincola entrambe le partiPERCHE’ DEVO VERSARE UNA CAPARRA
  • CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.
    CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.

    Secondo la cassazione Cassazione civile

  • sez. II  24 novembre 2014 n. 24958

    la risoluzione di un contratto preliminare di vendita per inadempimento del promissario acquirente comporta l’obbligo di quest’ultimo di corrispondere al promittente venditore l’equivalente pecuniario dell’uso e del godimento del bene negoziato, che gli sia stato consegnato anticipatamente, per il tempo compreso tra la consegna e la restituzione del medesimo (fattispecie relativa all’azione promossa da una società cooperativa per la risoluzione di un contratto preliminare relativo alla vendita di alcuni terreni e capannoni che, contestualmente, erano stati oggetto di un ulteriore compravendita da parte della promittente venditrice; i promissari acquirenti erano stati inoltre immessi nel possesso, pur in presenza dell’accordo preliminare la cui efficacia era rivendicata nel giudizio).

     

    La pronuncia di risoluzione per inadempimento di un contratto preliminare

     

     

     ha natura costitutiva, sicché nei confronti dei terzi produce effetti solo dal momento del passaggio in giudicato. Ne consegue che, ove il promissario acquirente abbia ceduto il bene, in virtù di un autonomo titolo, ad un altro soggetto, quest’ultimo, in qualità di occupante dell’immobile, non è tenuto a corrispondere l’indennità di occupazione all’originario promissario venditore per il periodo che precede il passaggio in giudicato della pronuncia di risoluzione del contratto preliminare. Cassa e decide nel merito, Roma, 06/10/2008

     

    Medical form

    La qualificazione del contratto

  • come preliminare o definitivo

    TRIBUNALE BOLOGNA AFFIDO FIGLI SEPARAZIONE IMOLA BAZZANO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO
    TRIBUNALE BOLOGNA AFFIDO FIGLI SEPARAZIONE IMOLA BAZZANO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO

    si risolve in un accertamento di fatto, rimesso al giudice di merito, il quale, nell’interpretazione del contratto, ove il dato letterale sia equivoco, può ricorrere al criterio di cui all’art. 1362, secondo comma, cod. civ. (comune intenzione delle parti), assegnando rilievo anche all’avvenuta esecuzione delle prestazioni (nella specie, immediata, sì da rendere evidente che le parti avessero inteso concludere un contratto definitivo e non preliminare).

    Il contratto preliminare è fonte di obbligazione al pari di ogni altro contratto ed il suo particolare oggetto, cioè l’obbligo di concludere il contratto definitivo, non esclude che, ove non sia fissato un termine né in sede convenzionale, né in sede giudiziale, sia applicabile, ai sensi dell’art. 1183 c.c., la regola dell’immediato adempimento (“quod sine die debetur statim debetur”). Ne consegue che, a norma degli artt. 2934, 2935 e 2946 c.c., l’inattività delle parti, protrattasi per oltre dieci anni da quando il diritto alla stipulazione del contratto definitivo poteva essere fatto valere, comporta l’estinzione del diritto medesimo per prescrizione.

     

     

     

    Nel contratto preliminare di vendita d’immobile, ancorché siano previsti la consegna del bene e il pagamento del prezzo prima della stipula del contratto definitivo,

     

     

    non si verifica di per sé l’anticipazione di tutti gli effetti traslativi del contratto definitivo, se il giudice del merito, ricostruendo la comune intenzione delle parti e valutando il loro comportamento anche successivo al contratto, accerti che trattasi di contratto preliminare improprio, cioè con alcuni effetti anticipati, ma comunque senza effetto traslativo, in quanto la disponibilità del bene ha luogo nella piena consapevolezza dell’altruità della cosa. (Applicando detto principio, la S.C. ha escluso, in tema di revocatoria fallimentare esercitata ex art. 67, comma primo, n. 1, legge fall. per sproporzione del prezzo fissato nel definitivo rispetto al valore del bene, che la citata prospettazione del preliminare ad effetti anticipati sia anche solo in astratto compatibile con una valutazione di congruità del prezzo, da riferirsi inammissibilmente ad un’epoca in cui l’effetto traslativo non si è ancora verificato).

    In tema di inadempimento del contratto

  • preliminare di compravendita immobiliare

     

     

    contenente un termine, non rispettato alla scadenza, per la stipulazione del definitivo, l’esercizio dell’azione di esecuzione in forma specifica, ai sensi dell’art. 2932 c.c., dell’obbligo di concludere il medesimo, non presuppone necessariamente la natura essenziale di detto termine, né la previa intimazione di una diffida ad adempiere alla controparte, essendo sufficiente la sola condizione oggettiva dell’omessa stipulazione del negozio definitivo che determina di per sé l’interesse alla pronunzia costitutiva, a prescindere da un inadempimento imputabile alla controparte stessa.

     

     

    Finalmente  d.l.vo 20 giugno 2005, n. 122 detta una disciplina di tutela dell’acquirente o del promissario acquirente

     

     di immobili da costruire in ragione dell’elevato rischio di inadempienze della parte alienante ovvero del pericolo di sottoposizione del costruttore ad esecuzione immobiliare o a procedura concorsuale, trovando però applicazione, in forza del contenuto definitorio di cui all’art. 1, comma 1, lettera d), soltanto riguardo agli immobili per cui, da un lato, sia stato già richiesto il permesso di costruire (o, se del caso, sia già stata presentata la denuncia di inizio attività, ex art. 22, comma 3, del d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) e che, dall’altro lato, non siano stati oggetto di completamento e, dunque, non sia stato ancora richiesto il relativo certificato di agibilità. Ne consegue che i contratti preliminari di compravendita di immobili esistenti soltanto “sulla carta”, ossia per i quali sussista un progetto, ma non sia stato ancora richiesto il permesso di costruire o un titolo equipollente, si collocano fuori dell’ambito applicativo della speciale disciplina recata dal citato d.l.vo n. 122 del 2005 e la chiara lettera della legge non consente di pervenire, a tutela dell’acquirente o promissario acquirente di immobile esistente “sulla carta”, ad una interpretazione adeguatrice che ne permetta invece l’applicazione. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza di merito che aveva dichiarato la nullità di un contratto preliminare di compravendita di immobile esistente “sulla carta” in assenza della indicazione, imposta dall’art. 6, comma 1, lettera i), del d.l.vo n. 122 del 2005, della richiesta del permesso di costruire; la S.C. ha, peraltro, escluso che il dubbio di costituzionalità di detta norma – per contrasto con l’art. 3 Cost., in ragione della irragionevole disparità di trattamento della situazione relativa alla compravendita degli immobili esistenti “sulla carta” – quanto alle conseguenze derivanti dall’osservanza della sua prescrizione, potesse, nella specie, avere rilevanza, giacché la relativa disciplina presuppone, e si giustifica, solo in presenza di un preliminare avente ad oggetto un edificio per il quale sia stato almeno richiesto il permesso di costruire).

     

    Secondo il principio dell’assorbimento, una volta concluso il contratto definitivo è in esso da ravvisare l’unica fonte dei diritti ed obbligazioni delle parti, sì che le clausole del preliminare ivi non riprodotte si presumono non conformi alla volontà delle parti diretta alla disciplina del negozio concluso.

     

     

    Tale riferimento alla presunzione implica, però, il dovere del giudice di verificare, indagando quale sia stata la comune intenzione delle parti nella conclusione del contratto definitivo, se quella presunzione possa nella specie ritenersi vinta da elementi di segno opposto, offerti dalle parti o desumibili dagli atti (fattispecie relativa alla vendita di un immobile e all’obbligo assunto dai venditori di pagare l’imposta sull’incremento di valore degli immobili).

    Cassazione civile sez. I  29 ottobre 2014 n. 22984   

     

    In caso di preliminare di vendita di un bene immobile, concluso da uno solo dei comproprietari “pro indiviso”, si deve escludere la facoltà del promissario acquirente di richiedere ex art. 2932 cod. civ. il trasferimento coattivo, limitatamente alla quota appartenente allo stipulante, non essendo consentito, in via giudiziale, costituire un rapporto giuridico diverso da quello voluto dalle parti con il preliminare, in quanto l’esecuzione in forma specifica dell’obbligo di concludere un contratto è ammessa, ex art. 2932, primo comma, cod. civ., solo “qualora sia possibile”.

    Ai fini dell’interpretazione di un contratto preliminare di vendita la presenza di una clausola pattizia che fa dipendere la risoluzione del contratto da un evento futuro ed incerto, quale quello della liberazione dell’immobile promesso in vendita dalle ipoteche su di esso gravanti, deve essere interpretata avendo riguardo alla volontà delle parti ed all’interesse che le stesse intendono perseguire.

     

     

    RISOLUZIONE PRELIMINARE DI VENDITA

     

    per inadempimento del promittente venditore, questi è tenuto a restituire le somme ricevute con gli interessi legali, dovuti come frutto civile del denaro, a decorrere dal giorno in cui le somme gli furono consegnate dall’altro contraente. Rigetta, App. Milano, 27/04/2010

    Cassazione civile sez. III  18 settembre 2014 n. 19659   

     

    Per i contratti aventi ad oggetto il trasferimento della proprietà immobiliare, per i quali è richiesta la forma scritta “ad substantiam”, l’atto scritto costituisce lo strumento necessario ed insostituibile per la valida manifestazione della volontà produttiva del negozio – che la manifestazione scritta della volontà di uno dei contraenti non può essere sostituita da una dichiarazione confessoria dell’altra parte, non valendo tale dichiarazione né quale elemento integrante il contratto, né – quand’anche contenga il preciso riferimento ad un contratto concluso per iscritto – come prova del medesimo.In materia di contratti, va chiarito che ove alla stipula di un contratto preliminare segua, ad opera delle stesse parti, la conclusione del contratto definitivo, quest’ultimo costituisce l’unica fonte dei diritti e delle obbligazioni in relazione all’individuazione dell’oggetto, dal momento che il contratto preliminare, determinando solo l’obbligo reciproco della stipulazione del definitivo, resta superato da questo, la cui disciplina può anche non conformarsi a quella del preliminare.

     

     

  • QUANDO FACCIO UNA PROPOSTA IMMOBILIARE ?Perché ti obbliga a mantenere fede alla tua propostaChe cos’è il contratto definitivo di compravendita?Cosa  è il contratto preliminare di compravenditaIl contratto preliminare di compravendita precede spesso la stipula di un contratto definitivo: si tratta di un atto stipulato sempre in forma scritta, in cui le parti si impegnano una alla vendita, l’altra all’acquisto, al prezzo e entro i termini stabiliti dal contratto preliminare stesso, cioè si impegnano, in sostanza, a stipulare un nuovo contratto, quello definitivo di compravendita.  Che cosa è una proposta d’acquisto?Dopo che hai trovato la tua casa  è quello di formulare una proposta d’acquisto in forma scritta indirizzata al venditore e versando un acconto. Quindi è un contratto che impegna l’acquirente per un tempo prestabilito ad acquistare un immobile ad un prezzo determinato.Se il venditore accetterà le  condizioni del compratore, per iscritto, le parti saranno vincolate a portare a termine la compravendita come è stato stabilito nella proposta, il venditore incasserà l’acconto che diventerà caparra confirmatoria, in alternativa se la proposta non dovesse essere accettata l’acconto sarà restituito al compratore.chiama-adesso3Cosa accade in caso di inadempimento del promittente venditore all’obbligo di trasferire la proprietà dell’immobile promesso in vendita?Il promittente venditore è responsabile in via contrattuale dell’inadempimento; il promissario acquirente ha a propria disposizione il rimedio del risarcimento dei danni subiti.Detta responsabilità sussiste sia in caso di inadempimento totale, sia in caso di inadempimento inesatto e sia in caso di inadempimento ritardato.Ovviamente, il promissario acquirente, dovrà dimostrare di aver subito un danno dell’inadempimento del promittente venditore.Perché garantirsi dall’acquisto nel caso di contratto preliminare di vendita di immobile da costruire da parte del costruttore?A tutela del promissario acquirente (persona fisica) che stipuli con il costruttore un preliminare di compravendita di immobile da costruire il D. Lgs. n. 122 del 20 giugno 2005 prevede una serie di obblighi a carico della parte promittente venditrice: 1) rilascio di fideiussione a garanzia di tutte le somme incassate dal costruttore prima del trasferimento definitivo; 2) rilascio di una polizza assicurativa indennitaria di durata decennale al trasferimento del bene; 3) predisposizione del contenuto del preliminare ad un contenuto “minimo” fissato dal citato D.Lgs. 122/2005.chiama-adessoBLUPerché è obbligatorio il certificato di abitabilità/agibilità?Risposta: si ma solo per immobili di nuova costruzione, mentre per quelli più datati se l’acquirente accetta di comprare senza il suddetto certificato la compravendita è fattibile.  Domanda: sto per sottoscrivere una proposta d’acquisto, a chi devo intestare l’assegno da allegare?Risposta: direttamente al proprietario con modalità non trasferibile (nota bene prima di emettere l’assegno verificare il nome del legittimo proprietario sull’atto di provenienza dell’immobile)Pretendere che l’agente utilizzi i moduli depositati presso la Camera di Commercio per la stipulazione di qualsiasi atto, conservarne una copia e assicurarsi che tutti i documenti:– siano scritti in modo chiaro e comprensibile. In caso di dubbi non esitare a chiedere delucidazioni all’avvocato;BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali
  • Bologna Assistenza per compromessi di vendita
  • Bologna Licenza/sfratti per finita locazione
  • Bologna Sfratti per morosità del conduttore
  • Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto
  • Bologna Gestione del rapporto di locazione

Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.

avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
m

contratto di compravendita immobiliare fac simile

fac simile contratto preliminare di compravendita immobiliare tra privati

contratto preliminare di compravendita immobiliare word


contratto preliminare di compravendita immobiliare pdf

preliminare di vendita caparra

preliminare di compravendita fac simile word

registrazione preliminare di vendita

compravendita immobili tra privati

Queste trattative possono culminare nella formulazione di una proposta scritta e sottoscritta (a pena di nullità) di acquisto, con la quale, di solito, colui che intende acquistare propone al proprietario dell’immobile di venderglielo a determinate condizioni.

La proposta di acquisto deve contenere tutti gli elementi essenziali del contratto preliminare di compravendita e anche quelli accessori, qualora si intenda proporli all’altra parte (v. di seguito: elementi essenziali, caparra, acconto, penale, termini) e deve essere portata a conoscenza dell’altra parte.

PENSI CHE COMPRARE VENDERE CASA SIA UNA COSA FACILE?

avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
m
CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.
CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.

 

COMPRARE VENDERE CASA BOLOGNA SAI QUANTO RISCHI E PROBLEMI VI SONO?

In base all’art. 1350 del codice civile i contratti che trasferiscono la proprietà di beni immobili devono farsi per atto pubblico, pena di nullità. La stessa norma si utilizza anche alla procura e al preliminare di compravendita.

 

COMPRARE VENDERE CASA BOLOGNA SAI CHE UN’OFFERTA IN AGENZIA O UN PRELIMINARE VINCOLANO IL TUO CONTRATTO?

 

COMPRARE VENDERE CASA BOLOGNA SAI CHE LA CAPARRA SE TI RITIRI DAL CONTRATTO LA PERDI?

 

COMPRARE VENDERE CASA BOLOGNA SAI TUTELARTI?

CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.
CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.

 

 

COMPRARE VENDERE CASA BOLOGNA SAI CHE SE CHIEDI UN MUTUO DEVI SUBORDINARE LA PROPOSTA ALLA CONCESSIONE DELLO STESSO MUTUO?

 AFOTOGRAFICA1

CONTENUTO DEL CONTRATTO PRELIMINARE

Il contratto preliminare per essere valido deve:

  • riportare la manifestazione della volontà delle parti di vendere e acquistare
  • essere redatto in forma scritta a pena di nullita’
  • descrivere esattamente l’immobile con indicazione dell’indirizzo, delle caratteristiche (appartamento, villino, ecc., numero e natura dei vani, dati catastali, allegazione di planimetrie, attestato di prestazione energetica)
  • prevedere il prezzo della vendita.
  • PREvedere un termine entro qil quale occorre rogitare e l’acquisrente deve avere i soldi o aver ottenuto un mutuo
  • Molte agenzie cercano di vincolare l’acquirente attraverso la firma di un impegno unilaterale in base al quale l’aspirante acquirente si obbliga a tenere ferma la propria proposta di acquisto per un certo periodo e per un certo prezzo.
  • ’incarico in esclusiva vincola il proprietario con una sola agenzia per un periodo che, generalmente, è di sei mesi senza poter vendere, durante quel determinato lasso di tempo, il suo immobile a suoi amici o conoscenti ovvero a clienti di altre agenzie o a clienti trovati dal proprietario
  • – l’incarico in non esclusiva consente al proprietario di un immobile di poter sia vendere direttamente l’immobile senza alcuna mediazione di un agente immobiliare sia poter scegliere l’offerta migliore presente sul mercato,

Compravendite, locazioni, contratti preliminari, permute, comodati, affitti, mutui ipotecari ed espropriazioni immobiliari rappresentano i settori di attività giudiziale e stragiudiziale dello Studio dell’avvocato Sergio Armarol idi Bologna

Lo Studio fornisce consulenza sugli aspetti connessi a operazioni immobiliari, con particolare riferimento alla predisposizione di proposte d’acquisto, opzioni, contratti preliminari, contratti definitivi,

diritto immobiliare Bologna
diritto immobiliare Bologna

 

 

Lo Studio offre ai propri clienti un servizio di consulenza per tutte le operazioni immobiliari, dall’acquisto alla vendita, dalla costruzione al finanziamento e all’uso di immobili (locazioni, leasing).

La titolarità del diritto di proprietà, di altri diritti reali ( es: servitù, usufrutto) o la semplice detenzione di un immobile (locazione) possono essere e spesso sono fonte di problemi giuridici e di contenzioso.

Quando ciò accade è importante confrontarsi con un legale anche in funzione preventiva, per evitare, in tutti i casi in cui ciò sia possibile, il contenzioso circoscrivendolo alle sole situazioni in cui sia indispensabile il ricorso all’autorità giudiziaria per ripristinare la legalità.

CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.
CAPARRA PRELIMINARE!! SUBITO AVVOCATO PER CHI COMPRA O VENDE CASA BOLOGNA , DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA BOLOGNA Redazione contratti di locazione immobili abitativi/commerciali Bologna Assistenza per compromessi di vendita Bologna Licenza/sfratti per finita locazione Bologna Sfratti per morosità del conduttore Bologna Assistenza all’esecuzione dello sfratto Bologna Gestione del rapporto di locazione Prima di giungere alla stipula del contratto preliminare di solito si assiste a più o meno intense trattative tra le parti.

 

appalti, vizi e difetti degli immobili

– arbitrati

– condominio

– contratti (redazione, adempimento, inadempimento, risoluzione, rescissione, recesso, risarcimenti ecc.)

– diritto commerciale e fallimentare

Nella sfera del diritto immobiliare lo Studio Legale dell’avvocato Sergio Armaroli è in grado di offrire consulenza precontrattuale e contrattuale per compravendite immobiliari, si studiano e ci si occupa della redazione di contratti preliminari di compravendita, patti di opzione, contratti di locazione e affitto, prestando assistenza per operazioni di acquisizioni immobiliari residenziali, commerciali ed industriali sia contrattuali nonché predisposizione di progetti di divisioni da comunioni ereditarie e non.

Lo studio si occupa di trasferimenti immobiliari anche in termini di due diligence legale, fornendo gli elementi di analisi e di valutazione necessari all’esatta definizione delle compravendite immobiliari e dell’oggetto delle transazioni, anche al fine di massimizzare l’utilità delle diverse operazioni.

Offre assistenza in ogni fase, dagli accordi preparatori sino al trasferimento definitivo, anche con accertamenti documentali presso gli uffici competenti, valutandone, sotto il profilo giuridico, le condizioni di fattibilità sia con riferimento a tutti gli elementi di carattere civilistico, sia in termini di regolarità urbanistica ed edilizia.

– diritto dei consumatori

– diritto di famiglia (separazioni e divorzi)

– diritti reali (proprietà, servitù, confini ecc.)

– giurisdizione volontaria

– informatica giuridica

– infortunistica

– locazioni

– recupero crediti, procedure esecutive mobiliari e immobiliari

– responsabilità civile (risarcimento danni), responsabilità medica

– successioni e divisioni

Nell’ambito dei rapporti contrattuali, si occupa, in particolare, di appalto, compravendita, mediazione ed agenzia, specie laddove connessi al settore dell’edilizia, che segue dalle trattative (lettere di intento, due diligence, etc.) all’acquisto degli immobili, dai rapporti con gli Istituti Bancari alla realizzazione delle opere, vendita o permuta ed all’eventuale mediazione

Compravendite, locazioni, contratti preliminari, permute, comodati, affitti, mutui ipotecari ed espropriazioni immobiliari rappresentano i settori di attività giudiziale e stragiudiziale dello Studio dell’avvocato Sergio Armarol idi Bologna

 

arettangolo-tre-oggi-scritta

IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALISTA IMOLA

IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALISTA IMOLA
IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALISTA IMOLA

 

SEBBENE NON SIA UNA COSA FACILE NE’ LA SEPARAZIONE NE’ IL DIVORZIO CHE NE DICI SE TI DO’ ALCUNE VALIDE INDICAZIONI?  

AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA

LA COSA PEGGIORE?

 RESTARE CON DUBBI E DOMANDE IRRISOLTE

Tempismo

Soluzione

Prezzi chiari

rapporto diretto con l’avvocato

aggiornamento continuo

preventivo scritto

informativa costante al cliente

ascolto del cliente

difendersi da subito

certezza di una buona assistenza

IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALISTA IMOLA
IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALISTA IMOLA

SEI DI IMOLA E DEVI SEPARARTI O DIVORZIARE? NON AFFIDARTI AL CASO CHIAMA

STUDIO LEGALE BOLOGNA Mantenimento Del Coniuge Mantenimento Dei Minori Assegno Divorzile Addebito Della Separazione

  • Cerchi un avvocato per divorzio a Imola?
  • Cerchi un avvocato per separazione a Imola?
  • Chiama L’avvocato Sergio Armaroli avvocato separazioni e divorzi Imola!!
  • Il nostro ordinamento prevede la possibilità, in caso di crisi del rapporto coniugale, di porre fine al matrimonio.

    Attualmente la legge prevede che venga pronunciata prima la separazione personale dei coniugi e, trascorsi tre anni dalla separazione, venga pronunciato il divorzio, se richiesto dai coniugi.

    Oggi la separazione può essere dichiarata per cause oggettive, indipendentemente dalla colpa di uno dei due coniugi.

  • #Crisi famiglia# conflitto coniugi  #separazione consensuale #social network à facebook#Bologna avvocato esperto #famiglia
  • Un avvocato matrimonialista  Bologna  è un’avvocato che ha sviluppato una specifica competenza su tutte le tematiche connesse al matrimonio e ai suoi diritti e doveri in caso di separazione e divorzio, soprattutto nel caso di disaccordi inerenti l’affidamento e il mantenimento dei figli, il mantenimento o meno del coniuge più debole, l’assegnazione della casa coniugale e la spartizione del patrimonio sia in caso di comunione dei beni sia in caso di separazione dei beni.
  • lo Studio legale matrimonialista Bologna avvocato Sergio Armaroli  si rivolge a tutte le persone che vogliono affrontare con rapidità le controversie legate alla separazione, al divorzio o allo scioglimento della famiglia di fatto, Attraverso l’assistenza legale dell’avvocato matrimonialista è possibile superare tali controversie in modo chiaro ed efficace e comprendere quale strada percorrere per chi decide di porre fine alla propria unione mediante una separazione consensuale o giudiziale o la negoziazione assistita.
  • L’avvocato matrimonialista spiegherà la differenza tra i due tipi di separazione e in particolare perchè una separazione consensuale possa risultare meno traumatica e dispendiosa di una separazione giudiziale.
  • Una particolare attenzione va sempre riservata ai diritti dei minori, area di appartenenza del piu’ ampio diritto di famiglia e che comprende anche la tutela, l’adozione, i rapporti di convivenza tra coppie non sposate c.d. convivenza more uxorio), la filiazione, ecc.
  • conflitto coniugi
  • tra le forme di separazione dei coniugi che oggi hanno luogo all’interno delle aule di giustizia, la separazione consensuale è sicuramente quella privilegiata dall’ordinamento sia per la minore conflittualità che si viene normalmente ad instaurare fra le parti, sia per la previsione di forme procedurali decisamente più snelle e rapide.
    La separazione consensuale consiste in un accordo fra i coniugi su tutte le condizioni attinenti la separazione, che diventa efficace con l’emanazione di un decreto (cd. di omologazione) del Tribunale.
    Dal punto di vista procedurale, la legge prevede che, una volta trovato l’accordo, i coniugi, per il tramite di un unico difensore o degli avvocati che li hanno assistiti (i coniugi possono decidere di farsi assistere in maniera comune o meno), devono presentare un ricorso presso il Tribunale del luogo dell’ultima residenza comune.
  • #Crisi famiglia# conflitto coniugi  #separazione consensuale #social network à facebook#Bologna avvocato esperto #famiglia
  • Divorzio – Famiglia – Scioglimento del matrimonio – Cause ostative alla sentenza di divorzio – Riconciliazione tra i coniugi – Presupposti della riconciliazione – Ripresa dei rapporti materiali e spirituali Famiglia – Matrimonio – Separazione personale dei coniugi – In genere – Separazione personale – Riconciliazione – Eccezione in senso lato – Configurabilità – Fondamento – Interruzione della separazione in sede di divorzio – Eccezione in senso stretto – Ragioni – Conseguenze.
  • E’ fondata e meritevole di accoglimento
  • la domanda di separazione personale dei coniugi avanzata a fronte dell’insorgenza, tra gli stessi, di un’insanabile situazione di contrasto che abbia reso non più tollerabile la loro convivenza. In particolare, nel caso di specie, la gravità delle accusa che i coniugi si sono reciprocamente scambiati nel corso del giudizio, l’indifferenza mostrata ad ogni tentativo di riconciliazione, opportunamente dettata soprattutto dall’interesse della prole, sono tutti elementi che lasciano agevolmente presumere che tra gli stessi sia cessato ogni interesse, con il conseguente venir meno di ogni forma di comunione materiale e spirituale. In tale quadro, alla declaratoria di addebito segue la previsione, a carico del coniuge obbligato, dell’assegno di mantenimento in favore della moglie e dei figli per la cui quantificazione il giudice di merito deve accertare, quale indispensabile elemento di riferimento, ai fini della valutazione di congruità dell’assegno, il tenore di vita dei coniugi in costanza di matrimonio, quale situazione condizionante la quantità e qualità delle esigenza del richiedente, previo accertamento della disponibilità patrimoniale dell’onerato. 
  • IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALISTA IMOLA
    IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALISTA IMOLA
  • Nel giudizio di SEPARAZIONE CONIUGI BOLOGNA TE LE SPIEGO avvocato per separazioni Bologna, avvocato Matrimonialista Bologna, studio legale diritto di famiglia Bologna, avvocato separazioni Bologna, avvocato divorzi Bologna avvocato per separazioni Bologna, avvocato Matrimonialista Bologna, studio legale diritto di famiglia Bologna, avvocato separazioni Bologna, avvocato divorzi Bologna SEPARAZIONE DEI CONIUGI BOLOGNA, ADDEBITO SEPARAZIONE, MOBBING FAMIGLIARE , LUDOPATIA DEL CONIUGE La separazione consensuale con figli: ciò che c’è da sapi, l’intervenuta riconciliazione integra una eccezione in senso lato poiché riguarda, in relazione al regime previsto dagli artt. 154 e 157 cod. civ., non un fatto impeditivo ma la sopravvenienza di una nuova condizione, il cui accertamento può avvenire anche d’ufficio da parte del giudice, ancorchè sulla base di deduzioni ed allegazioni delle parti, mentre nel procedimento di divorzio l’interruzione della separazione deve essere eccepita – ai sensi dell’art. 3, quarto comma, lett. b), della legge 1 dicembre 1970, n. 898, come sostituito dall’art. 5 della legge 6 marzo 1987, n. 74 – dal convenuto, assumendo rilievo quale fatto impeditivo della realizzazione della condizione temporale stabilita nella medesima disposizione. Ne consegue che solo in tale ipotesi la formulazione, per la prima volta, in appello dell’eccezione predetta è improponibile.
  •  
  •  
  • Costituisce un ostacolo alla pronuncia di divorzio tra i coniugi separati la riconciliazione
  • tra gli stessi. Perché possa configurarsi la riconciliazione, però, non è sufficiente che i coniugi abbiano ripristinato la convivenza, essendo invece necessaria la ripresa dei rapporti materiali e spirituali tipici del rapporto coniugale, la cui prova va individuata nella ripresa dell’affectio coniugalis, nella sussistenza di circostanza di fatto incompatibili con il permanere dello stato di separazione, con la ripresa di frequentazioni di amici e conoscenti, con lo svolgimento di viaggi, con la cura e l’educazione costante della prole, lo scambio di regali in occasione di feste e ricorrenze e quindi con tutto ciò che costituisce espressione del ripristino della solidarietà familiare caratterizzante la vita dei coniugi. Dalla consolidata giurisprudenza anche la nascita di un figlio da coniugi separati è stata ritenuta prova dell’avvenuta riconciliazione.
  • Le fattispecie di cumulo soggettivo (art. 33 cod. proc. civ.) ed oggettivo (art. 104 stesso codice) di domande – espressioni della cd. connessione per coordinazione, in cui la trattazione simultanea dipende dalla sola volontà delle parti, e la separazione delle cause è sempre possibile, con l’unico rischio di una contraddizione tra giudicati – non rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 40, comma terzo cod. proc. civ., come introdotto dalla legge 353/1990 non essendo consentito che il mutamento del rito, imposto da detta norma, sia conseguenza di una mera scelta dell’attore con riferimento a cause non connesse o non collegate da rapporti di evidente subordinazione, in caso opposto restando vulnerato il principio del giudice naturale precostituito per legge, di cui all’ art. 25 della Costituzione (si è così esclusa la possibilità del “simultaneus processus”, nell’ambito dell’azione di divorzio soggetta al rito della camera di consiglio, con riferimento a domande riguardanti la proprietà di immobili ovvero l’incremento di valore degli stessi, per essersi ritenuta inapplicabile la regola di cui al citato art. 40 cod. proc. civ.).
  • La separazione non pone fine al matrimonio ma ne sospende gli effetti in attesa del divorzio o della riconciliazione.
  • La separazione può essere legale o semplicemente “di fatto“, senza l’intervento di un Giudice, se uno dei coniugi si allontana dalla casa coniugale.
  • La separazione legale Bologna può essere consensuale o congiunta, quando c’è accordo dei coniugi su tutte le condizioni. È giudiziale, quando non c’è accordo sulle condizioni e può essere presentata anche da un solo coniuge.
  • Le condizioni riguardano:
  • il consenso alla separazione/divorzio

  • la scelta del coniuge presso il quale sarà fissata la residenza dei figli minori

  • il calendario delle visite per il genitore non convivente, considerati anche i periodi di vacanza e le festività

  • l’assegnazione della casa coniugale

  • il contributo economico mensile o periodico, rivalutabile anno per anno secondo gli indici ISTAT

  • procedura separazioni consensuali
  • Qualora i due coniugi trovino un accordo la separazione prende il nome di consensuale e ha inizio con il deposito del ricorso. Per la deposizione non è necessario che i due coniugi si presentino di fronte al giudice perché può essere depositata anche da un unico legale per entrambi. Nel caso manchi l’accordo è possibile comunque procedere ad una separazione giudiziale anche nel caso sia solo un coniuge a richiederla con un’eventuale addebito della separazione qualora l’altro coniuge sia venuto meno ad un obbligo matrimoniale. Inoltre è possibile che si verifichi una terza modalità di separazione ovvero quella di fatto
  • Una volta ricevuto il ricorso, il Presidente del Tribunale fissa con decreto la data dell’udienza innanzi a sé, alla quale devono necessariamente comparire i coniugi personalmente, assistiti dai propri difensori o dal proprio difensore comune.
    All’udienza, il Presidente (o un Giudice da lui delegato) tenta in modo “simbolico” la riconciliazione delle parti e, in caso di insuccesso, redige il verbale di udienza il quale attesta che la coppia è decisa a separarsi e riporta il contenuto dell’accordo raggiunto dai coniugi.
    L’accordo stipulato dai coniugi è infine sottoposto a un giudizio collegiale di magistrati, che, valutata la legittimità dell’accordo stesso, emana il decreto di omologazione.
  • Separazioni consensuali

  • Separazioni giudiziali

  • Divorzi giudiziali

  • Divorzio Breve

  • riconoscimento del matrimonio celebrato all’estero,

  • riconoscimento della separazione e del divorzio estero in Italia,

  • affidamento della prole,

  • convenzioni matrimoniali,

  • disconoscimento di paternità,

  • mantenimento del coniuge,

  • mantenimento dei minori,

  • modifica dell’assegno divorzile,

  • addebito della separazione,

  • risarcimento dei danni a causa di infedeltà,

  • adozioni,

  • accordi di convivenza,

  • interdizione,

  • #Crisi famiglia# conflitto coniugi #separazione consensuale #social network à facebook#Bologna avvocato esperto #famiglia

  • Le attività svolte dallo Studio riguardano:
  • separazione personale dei coniugi, consensuale o giudiziale
  • divorzio, congiunto o contenzioso
  • ricorso per la modifica delle condizioni di separazione e/o di divorzio
  • affidamento dei figli minori, modifica delle condizioni economiche e di visita
  • interdizioni, inabilitazioni e nomina di amministratore di sostegno
  • IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO IMOLA BOLOGNA RAVENNA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
    IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO IMOLA BOLOGNA RAVENNA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
  • Avvocato per separazione e divorzi Imola chiama il numero 051 6447838 e prendi un appuntamento
  • Avvocato per separazione e divorzi Imola ha studio a Bologna in via Solferino 30 a cento metri dal Tribunale di Bologna competente per cause separazioni  e divorzi di Imola
  • Cerchi un avvocato per divorzio a Imola?
  • Cerchi un avvocato per separazione a Imola?
  • QUANDO L’EX NON PAGA L’ASSEGNO DI MANTENIMENTO CHE FARE?
  • avvocato per separazione a Imola casi di mancato pagamento dell’assegno di mantenimento, sia nei confronti del coniuge che dei figli, sono numerosissimi. Lo scopo principale dei rimedi approntati sia in sede civile che penale dall’ordinamento è, pertanto, quello di garantire agli aventi diritto la disponibilità tempestiva delle somme necessarie al loro mantenimento evitando così che l’inadempimento costituisca grave pregiudizio alle esigenze di vita del coniuge e soprattutto della prole.
  • avvocato per separazione a Imola SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
  • mancato pagamento alimenti precetto
    reato mancato pagamento alimenti
    mancato pagamento alimenti figli maggiorenni
    mancato pagamento alimenti moglie
    mancato pagamento alimenti figli minorenni
    querela mancato pagamento alimenti
    denuncia mancato pagamento alimenti
    mancato pagamento alimenti penale
  •  
  • IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO IMOLA BOLOGNA RAVENNA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
    IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO IMOLA BOLOGNA RAVENNA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
  • “grava sulla parte che richieda, per l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà, l’addebito della separazione all’altro coniuge l’onere di provare la relativa condotta e la sua efficacia causale nel rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza, mentre, é onere di chi eccepisce l’inefficacia dei fatti posti a fondamento della domanda, e quindi dell’infedeltà nella determinazione dell’intollerabilità della convivenza, provare le circostanze su cui l’eccezione si fonda, vale a dire l’anteriorità della crisi matrimoniale all’accertata infedeltà” (Cass. n. 2059/2012).
  •  
  • IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO IMOLA BOLOGNA RAVENNA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
    IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO IMOLA BOLOGNA RAVENNA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
  •  
  • L’art. 143 c.c. parla chiaro: “Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri.
  • Dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà, all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione.
  • Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia”.
  • Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 17 ottobre – 19 dicembre 2012, n. 23426
  • Presidente Fioretti – Relatore Cultrera Svolgimento del processo
  • avvocato per separazione a ImolaN.S., con ricorso del marzo 1999, chiedeva al Tribunale di Barcellona PG di pronunciare la separazione giudiziale dalla moglie M.F.C., con cui aveva contratto matrimonio il 18 aprile 1964, con addebito alla stessa, attribuzione a proprio favore dell’assegno di mantenimento ed assegnazione della casa coniugale. Analoga domanda svolgeva in via riconvenzionale la convenuta, ed il Tribunale adito, can sentenza del 24.7.2007, accoglieva la domanda di separazione disponendo il rigetto delle altre domande.
    La C. impugnava la sentenza innanzi alla Corte d’appello di Messina per dolersi dell’accoglimento della domanda di separazione fondata dal primo giudice sull’intervenuta riconciliazione, protrattasi dal 1986 al 1989, che aveva posto nel nulla una precedente separazione; del mancato addebito della separazione al coniuge, dovendo la crisi coniugale ascriversi alle sue numerose relazioni extraconiugali ed al manifestato disinteresse per 1a famiglia legittima; infine del rigetto della domanda d’attribuzione dell’assegno di mantenimento.
    La Corte territoriale con sentenza n. 75 depositata il 2 febbraio 2009 ha respinto il gravame.
    M.F.C. ha infime proposto avverso questa decisione ri
    corso per cassazione affidandolo a tre motivi resistiti dallo S. con controricorso.
    Il P.G. ha rassegnato le sue conclusioni chiedendo l’accoglimento del primo motivo ed il rigetto dei restanti.

    Il collegio ha disposto farsi luogo a motivazione semplificata.
  • Motivi della decisione
  1. – La ricorrente deduce violazione degli artt. 143 e 151 c.c. in riferimento all’art. 360 n. 3 c.p.c.. L’errore ascritto alla Corte del merito risiederebbe nel rigetto della domanda di addebito della separazione a carico del coniuge per la rilevata insufficienza delle circostanze incontroverse dedotte a sostegno, rappresentate dalla deprecabile condotta posta in essere da predetto, consistita nell’abbandono del tetto coniugale, nel disinteresse per la famiglia legittima, nelle numerose relazioni adulterine in costanza di matrimonio, da cui sono nati due figli. In particolare la Corte del merito avrebbe fatto malgoverno del dettato dell’art. 143 .c. che impone l’obbligo di fedeltà, la cui violazione, peraltro nella specie reiterata, rappresenta indiscutibile causa d’addebito della crisi matrimoniale, e sarebbe incorsa peraltro in ulteriore errore per aver ritenuto irrilevante l’abbandono del tetto coniugale da parte del coniuge, seppur si tratti di circostanza decisiva ai fini dell’ascrivibilità dell’addebito della separazione. Il conclusivo quesito di diritto chiede se, tenuto conto del motivo formulato, la Corte d’appello abbia violato gli artt. 143 e 151 c.c. nel non addebitare la separazione allo S. in considerazione della condotta deprecabile posta in essere dallo stesso, palesemente contraria ai doveri verso il coniuge e i figli.
  • IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO IMOLA BOLOGNA RAVENNA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
    IMOLA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO IMOLA BOLOGNA RAVENNA AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
  • Il resistente chiede il rigetto della censura.
    Il motivo è inammissibile. Va rilevato anzitutto che i1 quesito di diritto è formulato con palese genericità che lo rende inidoneo alla funzione predicata dall’art. 366 bis c.p.c., risolvendosi in astratta affermazione di principio.
    A lume di consolidato orientamento nel caso in cui il quesito sia inerente ad una censura in diritto “dovendo assolvere alla funzione di integrare il punto di congiunzione tra la risoluzione del caso specifico e l’enunciazione del principio giuridico generale, non può essere meramente generico e teorico, ma deve essere calata nella fattispecie concreta, per mettere la Corte in grado di poter comprendere dalla sua sola lettura, l’errore asseritamene compito dal giudice di merito e la regola applicabile. Ne consegue che esso non può consistere in una semplice richiesta di accoglimento del
  • motivo ovvero nel mero interpello della Corte in ordine alla fondatezza della propugnata petizione di principio o della censura così come illustrata nello svolgimento del motivo” (da ultimo e per tutte Cass. n. 3530/2012). La censura espressa nel motivo comunque neppure coglie nel segno. La Corte distrettuale ha rilevato che la ricorrente non aveva assolto all’onere di provare che le circostanze addotte a sostegno si riferissero ad epoca antecedente alla crisi coniugale e comunque l’abbandono del tetto coniugale da parte dello S. non era rilevante costituendo conseguenza e non causa della crisi. Ha dunque definito la questione controversa a lume della stessa regola che la ricorrente asserisce violata, reputandola inapplicabile alla fattispecie esaminata per la riscontrata carenza istruttoria. La critica dalla ricorrente è eccentrica a questo percorso logico.
    2. – La ricorrente denuncia violazione dell’art. 2697 c.c. in relazione all’affermazione della Corte Territoriale secondo cui incombeva a suo carico l’onere di provare le circostanze che avevano determinato la crisi della coppia, seppur fossero incontestate le relazioni extraconiugali dello S. sul quale, di contro, gravava l’onere di provare che tale condotta fosse stata determinata dalla crisi coniugale già in atto. Chiede con conclusivo quesito di diritto se la Corte d’appello abbia violato l’art. 2697 c.c. reputandola onerata della prova di fatti incontestati ovvero se il coniuge era tenuto a provare che la crisi aveva provocato la relazione extraconiugale.
    Il resistente deduce l’infondatezza del mezzo.
    Il motivo è inammissibile. Non coglie infatti la ratio fondante la statuita reiezione della domanda d’addebito, incentrata sull’assenza di prova dell’indefettibile nesso causale tra la violazione dei doveri sanciti nelle disposizioni richiamate, pacificamente riscontrati, e la rottura del vincolo matrimoniale tra le parti in causa, della cui dimostrazione era onerata l’attrice. Travisandone il senso, la ricorrente prospetta come incontestata la sussistenza del suddetto nesso causale, laddove, ad avviso della Corte del merito era invece incontroverso il solo comportamento dello S., sicuramente contrario ai suoi doveri coniugali, ma nondimeno inidoneo ex se, seppur riprovevole, a rappresentare causa fondante l’addebito. Tanto meno il mezzo in esame smentisce la correttezza dell’applicato governo dell’onere probatorio in ordine al riscontro del nesso causale tra la violazione dei doveri coniugali consumata dallo S. e la crisi matrimoniale, di cui i1 giudice d’appello ha fatto buon governo conformandosi a consolidato orientamento (Cass. nn. 25618/2007, 2059/2012) secondo cui “grava sulla parte che richieda, per l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà, l’addebito della separazione all’altro coniuge l’onere di provare la relativa condotta e la sua efficacia causale nel rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza, mentre, é onere di chi eccepisce l’inefficacia dei fatti posti a fondamento della domanda, e quindi dell’infedeltà nella determinazione dell’intollerabilità della convivenza, provare le circostanze su cui l’eccezione si fonda, vale a dire l’anteriorità della crisi matrimoniale all’accertata infedeltà” (Cass. n. 2059/2012). Ad avviso della Corte d’appello, infatti, l’odierna ricorrente non ha offerto siffatta dimostrazione, né per l’effetto il coniuge, che pur ha ammesso l’infedeltà, era tenuto ad assolvere al proprio contrario onere probatorio.
    3. – Con l’ultimo motivo la ricorrente denuncia infine la violazione degli artt. 147 e 148 c.c. in riferimento all’art. 360 n. 3 c.p.c. per dolersi dell’omessa attribuzione dell’assegno di mantenimento in favore suo e dei figli, in ragione del fatto che questi avevano raggiunto l’indipendenza economica ed adducendo la mancata prova dello squilibrio tra le rispettive condizioni dei coniugi. Soggiunge che l’obbligo di mantenere i figli non cessa col raggiungimento della maggiore età, ma perdura finché essi non abbiano raggiunto un livello d’indipendenza economica; nella specie lo S. versava infine nella condizione di maggior favore, disponendo di risorse maggiori. Il conclusivo quesito di diritto chiede se sia ravvisabile la dedotta violazione di legge per non aver la Corte territoriale attribuito assegno di mantenimento per se e per i figli né assegnato la casa coniugale.
    Anche di questo motivo il resistente chiede il rigetto.
    Il motivo merita la sorte dei precedenti. La decisione impugnata si fonda sulla rilevata assenza della prova, di cui era onerata la parte interessata, dello squilibrio patrimoniale tra i coniugi e della
  • avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
    avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
    Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
    Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
    Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
    Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
    m
  • inadeguatezza del reddito della richiedente l’assegno a mantenere il pregresso tenore di vita mantenuto in costanza di matrimonio. Quanta alla prole, il primo figlio, dell’età di 44 anni, era articolista e quindi percepiva un proprio reddito, l’altra, di anni 37, era diplomata al conservatorio ed aveva concrete prospettive di lavoro. In assenza di figli minori o non autosufficienti, l’assegnazione della casa coniugale alla richiedente non trovava infine giustificazione.
  • La ricorrente, quanto all’assegno di mantenimento, critica la valutazione dei riferiti elementi probatori vagliati dal collegio, mirando in sostanza alla loro rivisitazione e sollecitandone nuova lettura in tesi corretta e comunque più favorevole, che in questa sede è però preclusa. In ordine all’assegnazione della casa coniugale non smentisce la correttezza in ordine della decisione, conforme a consolidato orientamento secondo cui il potere del giudice d’assegnare la casa familiare in caso di separazione personale al coniuge che non vanti alcun diritto di godimento (reale o personale) sull’immobile, “ha carattere eccezionale ed è dettata nell’esclusivo interesse della prole” e non può essere perciò esercitata in assenta di figli affidati minori o maggiorenni non autosufficienti conviventi (per tutte Cass. n. 1491/2011).
  • Tutto ciò premesso, il ricorso deve esser dichiarato inammissibile con condanna della ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio liquidate come da dispositivo.
  • P .Q.M.
  • La Corte:
    rigetta i1 ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio in € 1.200,00 di cui € 1.000,00 per compenso, oltre accessori.
    Ai sensi del D.Lgs n. 196 del 2003, art. 52, comma 5, in caso di diffusione della presente sentenza si devono omettere le generalità e gli altri dati identificativi delle parti.
  • AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
    AVVOCATO SEPARAZIONE E DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA RIMINI-AVVOCATO MATRIMONIALSITA IMOLA
  •  
  • Avvocati esperti in Separazione e Divorzio nella provincia di Bologna …
  • , Trova ora soluzioni legali ed Avvocato esperto in Separazione e Divorzio nella provincia di Bologna.
  • Separazione Bologna (Città) –
  • Avvocato che si occupano di Separazione a Bologna (Città) …. noto studio legale con sedi a Bologna
  • avvocato matrimonialista divorzista Bologna Sergio Armaroli avvocato DIVORZI BOLOGNA …
  • avvocato matrimonialista divorzista Bologna Sergio Armaroli avvocato matrimonialista separazione Bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna
  •  
  • Separazioni e divorzi con l’assistenza dell’avvocato Separazioni e divorzi con l’assistenza dell’avvocato STUDIO LEGALE a Bologna CONSULENZA ED ASSISTENZA LEGALE per SEPARAZIONI O DIVORZI – AVVOCATI MATRIMONIALISTI A …
  • Consulenza Legale per Separazione e Divorzio a Bologna
  • L’AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI di Bologna fornisce Consulenza legale per la separazione consensuale e giudiziale, e per il divorzio. Contattaci per maggiori info.
  • SEPARAZIONI BOLOGNA -AVVOCATO SEPARAZIONI …
  • Lo Studio Legale dell’Avvocato Sergio Armaroli considerata la complessità e vastità della materia trattata, al Cliente … Separazioni a Bologna e provincia
  • Studio Legale Avvocato Armaroli BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e DIVORZI
  • Avvocato Matrimonialista per separazione e divorzio  Bologna.
  • SEPARAZIONE BOLOGNA, divorzio breve legge divorzio breve con AVVOCATO SERGIO ARMAROLI
  • SEPARAZIONE BOLOGNA, divorzio breve legge divorzio breve con figli divorzio breve termini divorzio breve comune divorzio breve tempi divorzio breve
  • avvocato matrimonialista separazione bologna a Bologna l’Avvocato matrimonialista SERGIO ARMAROLI DI BOLOGNA presta assistenza legale per separazione, divorzio, minori, convivenza.
  • Avvocato per Divorzio Breve · Avvocati Divorzio Breve · Separazione, Divorzio Veloce, Massima Professionalità
  • Studio Legale Separazione Imola Bologna | La Giusta Assistenza per Te‎

 Assistenza Legale Separazioni Divorzi UNIONI DI FATTO Bologna Imola | Bologna‎

 Assistenza Legale per Separazioni Bologna Imola con Preventivi Personalizzati e Agevolati.
Attivi In Tutta Italia · Assistenza Completa
  • Avvocato Separazione | Diritto di Famiglia | /‎

Esperto Separazioni, Divorzi, Affidamento e Mantenimento minori.Bologna Imola  Chiama
  • Studio Legale Separazione | Divorzio – Minori |
  • Avvocato Matrimonialista a Bologna –
  • Lo Studio Legale Avvocato matrimonialista Sergio Armaroli di Bologna e Imola si avvale di avvocati esperti in rapporti patrimoniali, separazione e divorzio.
  • Separazione / Divorzio – Bologna –
  • Avvocati esperti in Separazione e Divorzio nella provincia di Bologna
  • Avvocato divorzista a Bologna e Imola
  • Domande all’avvocato sulla separazione – consulenza legale
  • Avv. Matrimonialista Bologna, Imola
  • Come scegliere un avvocato matrimonialista
  • Avvocato per Separazione | e Assistenza di Divorzio‎
  • Separazioni e Divorzi Bologna | Avvocato

BOLOGNA SPESE STRAORDINARIE FIGLI MANTENIMENTO BOLOGNA AVVOCATO SEPARAZIONI

STUDIO LEGALE BOLOGNA SPESE STRAORDINARIE FIGLI MANTENIMENTO BOLOGNA AVVOCATO SEPARAZIONI

 

INFOPERSONENUOVA

 

Tale credito nella specie ha ad oggetto le spese sostenute dalla I. per gli studi scolastici della figlia minore con lei convivente, al cui rimborso il C. sarebbe tenuto in virtù della sentenza di divorzio pronunciata tra le parti, con cui, nel disporsi l’affidamento congiunto della figlia ad entrambi i genitori, fu posto a carico del ricorrente, oltre all’obbligo di versare un assegno mensile per il mantenimento della minore, quello di sostenere direttamente e per intero le spese di abbigliamento, medico-dentistiche e scolastiche necessarie per la stessa. L’individuazione del contenuto e delle modalità di adempimento di tale obbligazione postula pertanto la ricostruzione della disciplina dei rapporti intercorrenti tra le parti relativamente all’affidamento della prole, cosi come consacrata nella sentenza di divorzio, la cui efficacia di giudicato, sia pure rebus sic stantibus, se da un lato impedisce di rimettere in discussione l’assetto d’interessi emergente dal titolo posto a fondamento della pretesa, dall’altro non esclude la possibilità di verificarne la portata ed i limiti, attraverso l’interpretazione delle condizioni da essa stabilite.

1.2. — Non merita consenso, al riguardo, la tesi sostenuta dal ricorrente, secondo cui, avendo la predetta sentenza recepito il contenuto dell’accordo intervenuto tra i coniugi nel corso del giudizio, tale operazione ricostruttiva andrebbe condotta in base ai criteri stabiliti dall’art. 1362 cod. civ., astenendosi dunque da un esclusivo riferimento al senso letterale delle espressioni usate, ed indagando invece la comune intenzione delle parti, anche alla luce del comportamento dalle stesse tenuto successivamente alla conclusione dell’accordo. La circostanza che, ai fini della disciplina dei rapporti tra i coniugi e di quelli con la figlia minore, la sentenza abbia tenuto conto delle concordi indicazioni delle parti, non consente infatti di attribuire natura negoziale alle condizioni in essa stabilite, il cui recepimento costituisce il risultato di un’autonoma valutazione giudiziale, soprattutto nella parte avente ad oggetto l’affidamento della figlia e la determinazione del contributo dovuto per il suo mantenimento, in ordine ai quali le richieste dei genitori non assumono carattere vincolante, dovendo il Tribunale ispirarsi, nelle relative scelte, all’esclusivo interesse della prole (cfr. Cass., Sez. 1, 17 settembre 1992. n. 10659; 11 ottobre 1978, n. 4519).

 

avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
m

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE , SENTENZA 20 giugno 2012 10174 Pres. Luccioli – est. Mercolino, n.10174 – Pres. Luccioli – est. Mercolino

Svolgimento del processo

  1. — Con sentenza del 24 marzo 2005, il Tribunale di Aosta revocò il decreto ingiuntivo emesso il 23 febbraio 2001 nei confronti di C.B. , e condannò quest’ultimo al pagamento in favore di I.P. della somma di Euro 7.176,22, oltre interessi legali, a titolo di rimborso delle spese scolastiche sostenute per la figlia minore S. , nonché al pagamento delle spese processuali, ivi comprese quelle del procedimento monitorio.
  2. — L’impugnazione proposta dal C. è stata parzialmente accolta dalla Corte d’Appello di Torino, che con sentenza del 19 dicembre 2007 ha condannato la I. al pagamento delle spese del procedimento monitorio, disponendo la restituzione dell’importo corrisposto a tale titolo dall’appellante, oltre interessi legali, confermando per il resto la sentenza impugnata, e condannando il C. al pagamento delle spese di entrambi i gradi di giudizio.

Premesso che con sentenza del 31 maggio 1989 il Tribunale di Torino, nel pronunciare il divorzio tra le parti, aveva disposto l’affidamento congiunto della figlia ad entrambi i genitori, ponendo a carico del C. un assegno mensile di Lire 200.000 a titolo di contributo per il mantenimento, l’educazione e l’istruzione della minore, nonché l’obbligo di provvedere a tutte le spese di abbigliamento, medico-dentistiche e scolastiche, senza imporre a tal fine alcun previo concerto tra i genitori, la Corte ha rilevato che l’appellante non aveva fornito alcuna prova della sua contrarietà alle scelte scolastiche compiute dalla figlia, che aveva deciso di frequentare un istituto privato, essendo emerso soltanto il suo disappunto, mai concretizzatosi in un effettivo contrasto o nel ricorso al giudice.

Preso atto, inoltre, dell’avvenuta revoca del decreto ingiuntivo, dovuta al riconoscimento soltanto parziale della somma richiesta nel procedimento monitorio. la Corte ha ritenuto che le relative spese dovessero restare a carico della I. , condannandola a restituire l’importo pagato a tale titolo dal C. in esecuzione della sentenza di primo grado.

  1. — Avverso la predetta sentenza il C. propone ricorso per cassazione, articolato in tre motivi, illustrati anche con memoria. La I. resiste con controricorso.

Motivi della decisione

  1. — Con il primo motivo d’impugnazione, il ricorrente denuncia la violazione e la falsa applicazione degli artt. 147, 148, 155, 316, 317, 1362, 2697 e 2909 cod. civ., degli artt. 112, 113, 115, 116 e 324 cod. proc. civ. e dell’art. 6 della legge 1 dicembre 1970, n. 898, osservando che a fondamento della decisione la Corte d’Appello si è limitata a richiamare il principio, non pertinente, secondo cui l’affidamento congiunto non implica l’obbligo di entrambi i genitori di contribuire in misura paritaria al mantenimento del figlio, senza considerare che le decisioni di maggiore importanza, tra le quali va indubbiamente annoverata la scelta del tipo di scuola, debbono essere assunte di comune accordo tra i genitori. La sentenza impugnata ha omesso di pronunciare in ordine all’interpretazione della sentenza di divorzio, nella parte in cui poneva le spese scolastiche “direttamente” a carico del padre, conformemente all’accordo raggiunto tra le parti, astenendosi dall’indagare la comune intenzione di queste ultime e trascurando il loro comportamento successivo; essa ha ritenuto invece decisiva la mancata prova del suo disaccordo in ordine alla scelta della figlia, senza tener conto che egli ne era stato informato da quest’ultima, anziché dalla moglie, e senza neppure spiegare il motivo per cui le spese dovevano essergli addebitate per intero, anziché per la metà.

1.1. — Il motivo è fondato.

Com’è noto, il giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo si configura come un ordinario giudizio di cognizione, avente ad oggetto l’accertamento non soltanto della sussistenza dei requisiti di ammissibilità e validità del procedimento monitorio, ma anche della fondatezza della pretesa avanzata dal ricorrente, in ordine alla quale trovano applicazione le regole generali in tema di ripartizione dell’onere della prova; l’emissione del decreto ingiuntivo non determina infatti alcuna inversione nella posizione processuale delle parti, con la conseguenza che il ricorrente, pur assumendo formalmente la veste di convenuto, dev’essere considerato attore in senso sostanziale, ed è pertanto tenuto a fornire la prova dei fatti costitutivi del credito fatto valere nel procedimento monitorio (cfr. tra le altre, Cass., Sez. 3, 17 novembre 2003, n. 17371; 3 marzo 1994, n. 2124; Cass., Sez. lav., 17 novembre 1997, n. 11417).

Tale credito nella specie ha ad oggetto le spese sostenute dalla I. per gli studi scolastici della figlia minore con lei convivente, al cui rimborso il C. sarebbe tenuto in virtù della sentenza di divorzio pronunciata tra le parti, con cui, nel disporsi l’affidamento congiunto della figlia ad entrambi i genitori, fu posto a carico del ricorrente, oltre all’obbligo di versare un assegno mensile per il mantenimento della minore, quello di sostenere direttamente e per intero le spese di abbigliamento, medico-dentistiche e scolastiche necessarie per la stessa. L’individuazione del contenuto e delle modalità di adempimento di tale obbligazione postula pertanto la ricostruzione della disciplina dei rapporti intercorrenti tra le parti relativamente all’affidamento della prole, cosi come consacrata nella sentenza di divorzio, la cui efficacia di giudicato, sia pure rebus sic stantibus, se da un lato impedisce di rimettere in discussione l’assetto d’interessi emergente dal titolo posto a fondamento della pretesa, dall’altro non esclude la possibilità di verificarne la portata ed i limiti, attraverso l’interpretazione delle condizioni da essa stabilite.

1.2. — Non merita consenso, al riguardo, la tesi sostenuta dal ricorrente, secondo cui, avendo la predetta sentenza recepito il contenuto dell’accordo intervenuto tra i coniugi nel corso del giudizio, tale operazione ricostruttiva andrebbe condotta in base ai criteri stabiliti dall’art. 1362 cod. civ., astenendosi dunque da un esclusivo riferimento al senso letterale delle espressioni usate, ed indagando invece la comune intenzione delle parti, anche alla luce del comportamento dalle stesse tenuto successivamente alla conclusione dell’accordo. La circostanza che, ai fini della disciplina dei rapporti tra i coniugi e di quelli con la figlia minore, la sentenza abbia tenuto conto delle concordi indicazioni delle parti, non consente infatti di attribuire natura negoziale alle condizioni in essa stabilite, il cui recepimento costituisce il risultato di un’autonoma valutazione giudiziale, soprattutto nella parte avente ad oggetto l’affidamento della figlia e la determinazione del contributo dovuto per il suo mantenimento, in ordine ai quali le richieste dei genitori non assumono carattere vincolante, dovendo il Tribunale ispirarsi, nelle relative scelte, all’esclusivo interesse della prole (cfr. Cass., Sez. 1, 17 settembre 1992. n. 10659; 11 ottobre 1978, n. 4519).

La natura del giudicato, quale regola del caso concreto, comportandone l’assimilabilità agli elementi normativi della fattispecie, esclude peraltro la possibilità di ricorrere, ai fini della sua interpretazione, ai criteri ermeneutici dettati per le manifestazioni di volontà negoziale, trovando invece applicazione, in via analogica, i principi dettati dall’art. 12 disp. prel. cod. civ., e dovendosi quindi procedere alla ricostruzione del comando oggettivato nella sentenza attraverso l’integrazione del dispositivo con la motivazione che lo sostiene, avendo riguardo, ove residuino incertezze interpretative, anche alle domande proposte dalle parti, nonché alle risultanze degli atti processuali (cfr. Cass., Sez. Un., 9 maggio 2008, n. 11501: Cass., Sez. 2, 27 ottobre 2010, n. 21961; 18 gennaio 2007. n. 1093; Cass., Sez. 1, 7 febbraio 2007, n. 2721). Trattandosi dell’interpretazione di una regula juris, il risultato di tale operazione è censurabile in sede di legittimità sotto il profilo della violazione di legge, la cui deduzione consente a questa Corte di procedere direttamente all’individuazione della portata e dei limiti del predetto comando, indipendentemente dall’interpretazione fornita dal giudice di merito, orientando la sua esegesi anche alla luce della disciplina normativa del rapporto, che costituisce pur sempre il quadro di riferimento tenuto presente dal giudicante (cfr. Cass.. Sez. Un., 28 novembre 2007, n. 24664; Cass., Sez. 1, 5 ottobre 2009. n. 21200).

1.3. — In quest’ottica, non può non sottolinearsi come nella specie l’obbligo di contribuire alle spese necessarie per l’abbigliamento, l’istruzione e le cure mediche della figlia sia stato previsto in correlazione con l’affidamento congiunto della stessa ad entrambi i genitori, in tal modo instaurandosi tra questi ultimi un regime di necessaria condivisione delle scelte relative all’accudimento ed all’educazione della minore, che va oltre la mera imposizione dell’obbligo di concordare le decisioni di maggior interesse, previsto dall’art. 6, quarto comma, della legge n. 898 del 1970 in riferimento all’ipotesi in cui i figli siano affidati ad uno solo dei genitori, con la connessa attribuzione di un diritto-dovere di vigilanza al genitore non affidatario.

Non appare tuttavia risolutivo, ai fini della ricostruzione della disciplina applicabile alla fattispecie in esame, il richiamo, contenuto nella sentenza impugnata, al principio enunciato in una pronuncia di questa Corte, secondo cui l’affidamento congiunto, in quanto fondato sull’esclusivo interesse del minore dal punto di vista del suo sviluppo e del suo equilibrio psico-fisico, anche in considerazione di situazioni socio-ambientali, nonché del perpetuarsi dello schema educativo già sperimentato durante il matrimonio, non comporta, come conseguenza automatica, che ciascuno dei genitori provveda, in modo diretto ed autonomo, ai bisogni dei figli, in relazione alle loro esigenze di vita, sulla base del contesto familiare e sociale di appartenenza, e non esclude pertanto l’obbligo del versamento di un contributo a favore del genitore con cui i figli convivano (cfr. Cass.. Sez. 1, 18 agosto 2006, n. 18187). Tale obbligo nella specie non era in contestazione, avuto riguardo al chiaro tenore della sentenza di divorzio, che, come si è detto, poneva a carico del ricorrente l’obbligo di corrispondere un assegno mensile di mantenimento, nonché di provvedere direttamente e per intero alle spese necessarie per l’abbigliamento, l’istruzione e le cure mediche necessarie per la figlia; ciò di cui si discuteva erano invece le modalità di adempimento del contributo, avendo il C. sostenuto che le spese di cui la I. aveva chiesto il rimborso costituivano il risultato di una scelta alla quale egli non era stato posto in grado di partecipare, non essendo stato preventivamente consultato in ordine alla decisione di iscrivere la figlia ad un istituto scolastico privato, anziché a quello pubblico fino ad allora frequentato.

Nell’esaminare quest’eccezione, la Corte territoriale non ha tenuto conto che l’affidamento congiunto comporta l’assunzione di uguali poteri e responsabilità da parte dei genitori, ai fini dello sviluppo psico-fisico del figlio e della sua formazione morale e culturale, richiedendo a ciascuno di essi un personale impegno nella realizzazione di un progetto educativo comune, la cui elaborazione non può risolversi nella passiva acquiescenza di un genitore alle scelte unilateralmente compiute dall’altro, ma esige una costante e preventiva consultazione reciproca, volta ad una sollecita percezione delle necessità del minore e all’identificazione dei mezzi più convenienti per farvi fronte. In questo contesto, la previsione dell’obbligo di provvedere alle spese necessarie per certi bisogni, non determinati né preventivamente determinabili sotto il profilo quantitativo, non può assumere altro significato che quello di un rinvio della relativa quantificazione alla concorde determinazione di assicurare la soddisfazione di tali necessità e all’individuazione delle risorse da destinarvi, conformemente alle finalità educative perseguite.

È solo in questo modo, d’altronde, che può essere assicurata quell’effettiva compartecipazione alle scelte riguardanti la crescita e la formazione del figlio in cui si sostanzia la c.d. bigenitorialità, quale principio solennemente affermato a livello internazionale dalla Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989 e ratificata con legge 27 maggio 1991, n. 176, che ha trovato attuazione in materia di separazione e divorzio attraverso la legge 8 febbraio 2006, n. 54, la quale ha modificato l’art. 155 cod. civ., introducendo l’istituto dell’affidamento condiviso. L’inapplicabilità della relativa disciplina alla fattispecie in esame, tuttora regolata da una sentenza emessa in data anteriore all’entrata in vigo-re della predetta legge, non esclude la possibilità di desumerne elementi utili ai fini dell’interpretazione della normativa previgente, in una prospettiva evolutiva che tenga conto dell’indubbia comunanza di aspetti riscontrabile tra l’affidamento congiunto e quello condiviso. Significativa, al riguardo, appare la nuova formulazione dell’art. 155 cit., la quale, nel ribadire la necessità che le decisioni di maggior interesse siano prese di comune accordo tra i genitori, inquadra tale esigenza in una disciplina improntata alla riaffermazione dei principio di pari responsabilità di questi ultimi nella cura, nell’educazione e nell’istruzione dei figli. Tale principio, valido anche per l’ipotesi in cui il giudice ritenga preferibile l’affidamento esclusivo, non può non ricevere un’applicazione particolarmente rigorosa nel caso di affidamento congiunto o condiviso, riducendosi altrimenti l’apporto di uno dei genitori ad una mera erogazione di denaro, svincolata da qualsiasi contributo di carattere decisionale, in contrasto con gli obiettivi di responsabilizzazione di entrambe le figure genitoriali avuti di mira dal legislatore attraverso la previsione di queste forme di affidamento.

1.4. — Tale prescritto coinvolgimento fa apparire inadeguata la motivazione addotta dalla Corte d’Appello a sostegno dell’affermato obbligo del C. di provvedere alle spese scolastiche conseguenti all’iscrizione della figlia presso l’istituto privato, non potendo ritenersi sufficiente, ai fini della condivisione della scelta compiuta dalla I. , il consenso postumo ravvisato dalla sentenza impugnata nella mancata adozione da parte del ricorrente di specifiche iniziative, anche giudiziarie, volte a contrastare la predetta decisione.

È pur vero che questa Corte, nell’includere la scelta dell’indirizzo scolastico tra le decisioni di maggior interesse per i figli, in ordine alle quali l’art. 6, quarto comma, della legge n. 898 del 1970, cosi come l’art. 155, terzo comma, cod. civ., richiede il concorso di entrambi i genitori, ha escluso che a carico del genitore convivente sia configurabile uno specifico dovere d’informazione, ravvisabile unicamente in presenza di eventi eccezionali ed imprevedibili, affermando che ciascun genitore è titolare di un autonomo potere di attivarsi nei confronti dell’altro per concordarne eventuali modalità, ed in difetto di ricorrere all’autorità giudiziaria (cfr. Cass., Sez. 1, 27 aprile 2011, n. 9376; 28 gennaio 2009, n. 2182). Questo principio, enunciato in riferimento all’ipotesi di affidamento esclusivo, trova peraltro giustificazione nella disciplina di tale istituto dettata dall’art. 155 cit., nel testo introdotto dalla legge 19 maggio 1975, n. 151, che, in quanto articolata sulla previsione dell’esercizio esclusivo della potestà da parte del genitore affidatario e sul riconoscimento in favore dell’altro genitore di un diritto-dovere di vigilanza sull’istruzione e l’educazione dei figli (e per tale aspetto superata dalle ulteriori modifiche introdotte nell’art. 155 dalla legge n. 54 del 2006. che prevede l’esercizio della potestà da parte di entrambi i genitori, senza distinguere tra affidamento esclusivo ed affidamento condiviso), ha consentito di ravvisare nella mancata tempestiva adduzione di validi motivi di dissenso da parte di quest’ultimo una forma di acquiescenza alla decisione unilateralmente assunta dal primo (cfr. Cass.. Sez. 1, 29 maggio 1999, n. 5262). Esso non è quindi applicabile all’ipotesi di affidamento congiunto, che, oltre ad implicare l’esercizio della potestà da parte di entrambi i genitori, presuppone un’attiva collaborazione degli stessi nell’elaborazione e la realizzazione del progetto educativo comune, imponendo pertanto, nell’accertamento della paternità delle singole decisioni, quanto meno di quelle più importanti, la verifica che le stesse sono state assunte sulla base di effettive consultazioni tra i genitori, e quindi con il consapevole contributo di ciascuno di essi.

1.5. — Non spettava d’altronde al C. l’onere di fornire la prova del proprio dissenso dalla decisione assunta dalla I. , essendo quest’ultima tenuta, in qualità di attrice in senso sostanziale, a dimostrare la sussistenza dei presupposti per l’accoglimento della domanda di rimborso delle spese anticipate, non determinandosi, per effetto dell’obbligo sancito dalla sentenza di divorzio, alcuna inversione dell’onere probatorio, e restando quindi a carico della controricorrente la prova di aver provveduto a consultare preventivamente l’ex-coniuge, al fine di ottenerne il consenso all’iscrizione della figlia presso l’istituto privato.

  1. — Con il secondo motivo, il ricorrente deduce l’omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, censurando la sentenza impugnata nella parte in cui non ha tenuto conto della circostanza che all’epoca dello scioglimento del matrimonio e nei dieci anni successivi la minore aveva sempre frequentato la scuola pubblica, ed ha ritenuto che egli avesse prestato il proprio consenso alla scelta della figlia, senza verificare se la moglie lo avesse preventivamente informato e consultato.

2.1. — La censura è inammissibile, non essendo corredata da una sintesi conclusiva, recante la chiara indicazione dei fatti controversi e delle ragioni per cui si afferma l’inidoneità della motivazione a reggere la decisione adottata.

La necessità di una distinta individuazione del fatto controverso e delle ragioni dell’inadeguatezza della motivazione, ove la sentenza sia impugnata ai sensi dell’art. 360 n. 5 cod. proc. civ., è infatti connessa ad un’esigenza di chiarezza, emergente dall’art. 366-bis cod. proc. civ., la quale impone, nella formulazione del motivo, un distinto momento di sintesi (omologo del quesito di diritto prescritto per l’ipotesi in cui la sentenza sia impugnata ai sensi dell’art. 360 n. 3) che circoscriva puntualmente i limiti della critica alla motivazione in fatto, in modo da non ingenerare incertezze in sede di valutazione della sua ammissibilità (cfr. Cass.; Sez. Un., 1 ottobre 2007, n. 20603; Cass., Sez. 3, 18 luglio 2007. n. 16002).

  1. — È invece infondato il terzo motivo, con cui il ricorrente lamenta la violazione degli artt. 91, 115 e 116 cod. proc. civ., censurando la sentenza impugnata nella parte in cui lo ha condannato nuovamente al pagamento delle spese del giudizio di primo grado, da lui già corrisposte in esecuzione della sentenza del Tribunale di Aosta.

3.1. — La riforma, totale o parziale, della sentenza di primo grado, nella parte riguardante il merito della controversia, comporta infatti, ai sensi dell’art. 336, primo comma, cod. proc. civ., l’automatica caducazione della stessa anche nel capo avente ad oggetto il regolamento delle spese processuali, imponendo al giudice di appello di procedere, anche d’ufficio, ad una rinnovazione della relativa pronuncia (cfr. Cass., Sez. 3, 5 giugno 2007, n. 13059; Cass.. Sez. 1, 16 maggio 2006, n. 11491; Cass., Sez. lav., 18 luglio 2005. n. 15112). Tale rinnovazione deve aver luogo in base ad una valutazione dell’esito complessivo della lite, in conseguenza della quale il giudice di secondo grado può ben pervenire, com’è accaduto nella specie, anche ad una decisione identica a quella risultante dalla sentenza riformata, senza che ciò comporti una duplicazione di titoli, avuto riguardo all’intervenuta caducazione della prima pronuncia, e dovendosi anzi ritenere che, ove nella mancata adozione di una nuova statuizione non possa ravvisarsi un’implicita conferma di quella di primo grado, il pagamento eventualmente già effettuato dalla parte soccombente resterebbe privo di causa giustificatrice.

  1. — La sentenza impugnata va pertanto cassata, nei limiti segnati dal motivo accolto, con il conseguente rinvio della causa alla Corte d’Appello di Torino, la quale provvederà, in diversa composizione, anche alla liquidazione delle spese relative al giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo del ricorso, dichiara inammissibile il secondo, rigetta il terzo, cassa la sentenza impugnata, in relazione al motivo accolto, e rinvia alla Corte di Appello di Torino, anche per la liquidazione delle spese processuali.

BADANTE E DIRITTO DI ABITAZIONE NELLA CASA AVVOCATO BOLOGNA studio legale Bologna

BADANTE E DIRITTO DI ABITAZIONE NELLA CASA AVVOCATO BOLOGNA

avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …

PERCHE’ LA BADANTE DI MIO PADRE HA EREDITATO ?

PERCHE’ LA BADANTE DI MIO PADRE HA FATTO GROSSI PRELIEVI DAL CONTO DI MIO BABBO?

AINFOTONDASUCCESSIONI

BADANTE E DIRITTO DI ABITAZIONE NELLA CASA AVVOCATO BOLOGNA 

 

Dalla motivazione della sentenza impugnata si rileva che la Corte d’appello non ha negato che la C. avesse iniziato la coabitazione nella famiglia dello S. l’11 novembre 2009, ma ha evidenziato la mancanza di prova che tale coabitazione fosse more uxorio.

 

 


La ricorrente, non riportando il ricorso specificatamente la linea difensiva dell’ATC, non consente a questa Corte di apprezzare la dedotta non contestazione delle circostanze che avrebbero dato diritto alla C. a succedere nell’assegnazione dell’abitazione.

 

Art. 433 codice civile: Persone obbligate
All’obbligo di prestare gli alimenti sono tenuti, nell’ordine:
1) il coniuge;
2) i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi, e, in loro mancanza, i discendenti prossimi anche naturali;
3) i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali; gli adottanti;
4) i generi e le nuore;
5) il suocero e la suocera;
6) i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali.
Concorrono all’obbligo degli alimenti anche i donatari (caso del vecchio che si mangia tutto con la badante, lei sarà chiamata a concorrere per il sostentamento in caso di bisogno)
Art. 434 c.c. Cessazione dell’obbligo tra affini.
L’obbligazione alimentare del suocero e della suocera e quella del genero e della nuora cessano:
1) quando la persona che ha diritto agli alimenti è passata a nuove nozze;
2) quando il coniuge, da cui deriva l’affinità, e i figli nati dalla sua unione con l’altro coniuge e i loro discendenti sono morti
Art. 436 c.c. Obbligo tra adottante e adottato.
L’adottante deve gli alimenti al figlio adottivo con precedenza sui genitori legittimi o naturali di lui.
Art. 437 c.c. Obbligo del donatario.
Il donatario è tenuto, con precedenza su ogni altro obbligato, a prestare gli alimenti al donante, a meno che si tratti di donazione fatta in riguardo di un matrimonio o di una donazione rimuneratoria.
Art. 438 c.c. Misura degli alimenti.
Gli alimenti possono essere chiesti solo da chi versa in stato di bisogno e non è in grado di provvedere al proprio mantenimento.
Essi devono essere assegnati in proporzione del bisogno di chi li domanda e delle condizioni economiche di chi deve somministrarli. Non devono tuttavia superare quanto sia necessario per la vita dell’alimentando, avuto però riguardo alla sua posizione sociale.
Il donatario non è tenuto oltre il valore della donazione tuttora esistente nel suo patrimonio.
Art. 439 c.c. Misura degli alimenti tra fratelli e sorelle.
Tra fratelli e sorelle gli alimenti sono dovuti nella misura dello stretto necessario.
Possono comprendere anche le spese per l’educazione e l’istruzione se si tratta di minore. Se il sostegno consiste anche di vivere nella dimora del richiedente, deve accettare; un rifiuto causerebbe la cessazione del diritto.


  1. Con il secondo m vo si denunzia violazione della legge processuale; lesione di diritto di difesa e del diritto alla prova.

 

CONTRATTO OBBLIGAZIONI PECUNIARIE –Cassazione civile SS.UU. 13658/2010sul “motivo principale di opposizione” (da accogliere “nei limiti che seguono”): “l’assegno inviato alla creditrice prima della notifica del precetto aveva ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all’epoca del pagamento”; “secondo la più recente giurisprudenza di legittimità (Cass. Civ. n. 27158 del 19 dicembre 2006), nelle obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro, il pagamento effettuato mediante corresponsione di un assegno costituisce, secondo gli usi negoziali, idoneo modo di estinguere la obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti”.
CONTRATTO OBBLIGAZIONI PECUNIARIE –Cassazione civile SS.UU. 13658/2010sul “motivo principale di opposizione” (da accogliere “nei limiti che seguono”): “l’assegno inviato alla creditrice prima della notifica del precetto aveva ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all’epoca del pagamento”; “secondo la più recente giurisprudenza di legittimità (Cass. Civ. n. 27158 del 19 dicembre 2006), nelle obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro, il pagamento effettuato mediante corresponsione di un assegno costituisce, secondo gli usi negoziali, idoneo modo di estinguere la obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti”.

 


La ricorrente censura la mancata ammissione della prova e contesta l’asserita genericità del capitolo 2.

 

 

L’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., riformulato dall’art. 54 del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, conv. in legge 7 agosto 2012, n. 134, introduce nell’ordinamento un vizio specifico denunciabile per cassazione, relativo all’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe determinato un esito diverso della controversia). Ne consegue che, nel rigoroso rispetto delle previsioni degli artt. 366, primo comma, n. 6, e 369, secondo comma, n. 4, cod. proc. civ., il ricorrente deve indicare il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso, il “dato”, testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il “come” e il “quando” tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua “decisività”, fermo restando che l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sé, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo qualora il fatto storico, rilevante in causa, sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorché la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie.

La riformulazione dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., disposta dall’art. 54 del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, conv. in legge 7 agosto 2012, n. 134, deve essere interpretata, alla luce dei canoni ermeneutici dettati dall’art. 12 delle preleggi, come riduzione al “minimo costituzionale” del sindacato di legittimità sulla motivazione. Pertanto, è denunciabile in cassazione solo l’anomalia motivazionale che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante, in quanto attinente all’esistenza della motivazione in sé, purché il vizio risulti dal testo della sentenza impugnata, a prescindere dal confronto con le risultanze processuali. Tale anomalia si esaurisce nella “mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico”, nella “motivazione apparente”, nel “contrasto irriducibile tra affermazioni inconciliabili” e nella “motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile”, esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di “sufficienza” della motivazione. Cass. Sez. II, Sentenza n. 8053 del 07/04/2014.

 

 

 

Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 16 giugno – 13 ottobre 2016, n. 20634
Presidente Amendola – Relatore Armano
Svolgimento del processo
La Corte d’appello di Torino, con sentenza pubblicata il 10-4-14, ha confermato

il rigetto dell’opposizione di C.A.M.R. al decreto di rilascio emesso in suo danno dalla Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di […], assumendo il proprio diritto a succedere al convivente defunto signor S. nell’assegnazione dell’immobile da questi condotto in locazione.

Avverso detta decisione propone ricorso C.A.M.R. con tre motivi. Non presenta difese l’ATC.

Motivi della decisione

  1. Il primo giudice ha ritenuto che, in virtù dell’art. 14 L.R. n. 14 del 2010, erano ancora applicabili le disposizioni della legge regionale n. 46 del 1995 che esigevano per il subentro nella locazione la maturazione di due anni di ospitalità temporanea. Questi, alla data della morte dell’assegnatario, avvenuta il 23 giugno 2011, non erano ancora decorsi, perché la coabitazione era cominciata l’11 novembre 2009.

  2. La Corte di appello ha confermato il rigetto dell’opposizione, sul rilievo che l’assunto dell’appellante, secondo cui avrebbe dovuto applicarsi il disposto degli artt. 13 e 4 della L.R. n. 14 del 2010 –
    che prevedevano in caso di decesso dell’assegnatario, la successione nell’assegnazione del coniuge, dei figli, del convivente more uxorio, degli affini e degli altri componenti del nucleo familiare composto da membri iscritti da almeno un anno nella famiglia anagrafica, era resistito dalla mancanza di prova che ci fosse convivenza more uxorio, neppure ammessa dal primo giudice, (che usa il termine convivenza come sinonimo di coabitazione) ed in ogni caso escluso dalla documentazione in atti, dalla quale risultava che in data 11 novembre 2009 c’era in casa ancora la moglie dello S. e che ci fu richiesta di autorizzazione alla ospitalità temporanea della C. “per assistenza”.

    La Corte di appello ha ritenuto che la prova della convivenza more uxorio non poteva desumersi dal certificato redatto dopo la morte di S. , dal quale era sparita la moglie, perché mancava prova dei vincoli affettivi con l’assegnatario o di una chiara e manifesta relazione sentimentale tra questi e la C. ; che era stata richiamata genericamente la prova articolata in primo grado, ma non specificamente censurata la mancata ammissione della stessa per superfluità; in ogni caso, il capitolo due della prova sulla convivenza more uxorio era generico e non era indicato alcun teste idoneo a deporre sul punto; non poteva dirsi che la circostanza della convivenza more uxorio non fosse stata contestata, mentre la prova doveva essere rigorosa perché la norma richiedeva almeno un anno di convivenza more uxorio; di conseguenza la C. avrebbe dovuto provare l’eventuale momento iniziale dell’effettiva convivenza more uxorio.
    3. Con il primo motivo di ricorso si denunzia la violazione dell’art. 115 c.p.c.. La ricorrente censura l’affermazione della Corte d’appello secondo cui la convivenza more uxorio non è “comune circostanza di fatto”, soprattutto in presenza di riscontri documentali certi di segno contrario; richiama la circostanza che la stessa convenuta si era opposta alla ammissione della prova

ritenendo pacifici i fatti.
4. Il motivo è infondato.
La ricorrente pur riportando integralmente in ricorso il contenuto dell’atto di citazione introduttivo del giudizio di primo grado, in cui esplicitamente ella vanta la sua qualità di convivente more uxorio, e quindi il suo diritto a succedere nell’assegnazione della casa, per quanto riguarda la posizione dell’ente convenuto, genericamente afferma che quest’ultimo non ha svolto alcune genere di contestazione, ma non indica in ricorso cosa aveva opposto l’ATC e con quali allegazioni avveniva la produzione del documento richiamato dalla Corte, da cui si evinceva che la coabitazione della C. era iniziata per motivi di assistenza quando faceva parte del nucleo familiare dello S. ancora la moglie.
5. Dalla motivazione della sentenza impugnata si rileva che la Corte d’appello non ha negato che la C. avesse iniziato la coabitazione nella famiglia dello S. l’11 novembre 2009, ma ha evidenziato la mancanza di prova che tale coabitazione fosse more uxorio.

La ricorrente, non riportando il ricorso specificatamente la linea difensiva dell’ATC, non consente a questa Corte di apprezzare la dedotta non contestazione delle circostanze che avrebbero dato diritto alla C. a succedere nell’assegnazione dell’abitazione.
6. Con il secondo m vo si denunzia violazione della legge processuale; lesione di diritto di difesa e del diritto alla prova.
La ricorrente censura la mancata ammissione della prova e contesta l’asserita genericità del capitolo 2.

7. Il motivo è inammissibile in quanto non censura compiutamente la motivazione della sentenza sul punto.
Infatti non viene censurata la motivazione della Corte territoriale secondo cui non c’era stata una specifica impugnativa dell’affermazione del Tribunale sulla superfluità delle prove, né viene censurato il rilievo che il capitolo due, avente ad oggetto la convivenza more uxorio, non riportava neanche il nominativo del testimone richiesto.
Su questi punti deve ritenersi passata in giudicato la relativa ratio decidendi; essendo entrambi idonei a sorreggere la decisione.
8. Con il terzo motivo di ricorso si denunzia la violazione dell’articolo 2699 c.c. e vizi motivazionali in ordì alla valutazione dei documenti prodotti in corso di causa oggetto del primo motivo di ricorso.

Il motivo è inammissibile.
Si osserva che sotto l’apparente denunzia di vizio di violazione di legge la ricorrente, al di là della formale dedotta violazione dell’art. 2699 c.c., non indica in concreto quale sia la violazione di legge commessa dai giudici di merito.
In realtà la ricorrente richiede a questa Corte un riesame del merito della controversia, vale a dire la valutazione dei documenti prodotti.
9. La rivalutazione delle risultanze probatorie per giungere ad un accertamento del fatto diverso da quello motivatamente fatto proprio dai giudici di merito era inammissibile nella vigenza della precedente formulazione dell’articolo 360 n. 5 c.p.c ed ancor più oggi, nella vigenza del nuovo articolo 360 n. 5 c.p.c..

Si ricorda che la sentenza impugnata è stata pubblicata il 10-42014 e di

conseguenza alla stessa si applica la nuova formulazione dell’articolo 360 n. 5 c.p.c..
10. L’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., riformulato dall’art. 54 del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, conv. in legge 7 agosto 2012, n. 134, introduce nell’ordinamento un vizio specifico denunciabile per cassazione, relativo all’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe determinato un esito diverso della controversia). Ne consegue che, nel rigoroso rispetto delle previsioni degli artt. 366, primo comma, n. 6, e 369, secondo comma, n. 4, cod. proc. civ., il ricorrente deve indicare il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso, il “dato”, testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il “come” e il “quando” tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua “decisività”, fermo restando che l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sé, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo qualora il fatto storico, rilevante in causa, sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorché la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie.

La riformulazione dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., disposta dall’art. 54 del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, conv. in legge 7 agosto 2012, n. 134, deve essere interpretata, alla luce dei canoni ermeneutici dettati dall’art. 12 delle preleggi, come riduzione al “minimo costituzionale” del sindacato di legittimità sulla motivazione. Pertanto, è denunciabile in cassazione solo l’anomalia motivazionale che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante, in quanto attinente all’esistenza della motivazione in sé, purché il vizio risulti dal testo della sentenza impugnata, a prescindere dal confronto con le risultanze processuali. Tale anomalia si esaurisce nella “mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico”, nella “motivazione apparente”, nel “contrasto irriducibile tra affermazioni inconciliabili” e nella “motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile”, esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di “sufficienza” della motivazione. Cass. Sez. II, Sentenza n. 8053 del 07/04/2014.

  1. La ricorrente nelle formulare la denunzia di vizio di motivazione esce fuori dal modello legale del vizio come disciplinato dall’articolo 360 n.5 c.p.c. vigente.
    Il ricorso deve pertanto essere rigettato. Nulla per le spese stante l’assenza dell’intimato.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla spese.
Ai sensi dell’art. 13 comma 1 quater del D.P.R. 115 del 2002 dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma del comma 1-bis dello stesso articolo 13.

 

Konkretnej odpowiedzi na swoje problemy Studio Legale Bologna ZADZWOŃ TERAZ 051.6447838 BOLONIA ODDZIELENIE ADWOKATA ROZWÓD ROZSTANIE MATRIMONIALISTA ROZWÓD NALEŻY ZAUWAŻYĆ, ŻE ZGODNIE Z UTRWALONYM ORZECZNICTWEM, CZEKU, NAWET PODCZAS SEPARACJI, POWINNY ZOSTAĆ PORÓWNANE STANDARD ŻYCIA CIESZYŁ SIĘ W CZASIE TRWANIA MAŁŻEŃSTWA, ALE INDEKS TEJ ZAWARTOŚCI MOŻE BYĆ OBECNE DYSPROPORCJE DOCHODÓW MAŁŻONKÓW (DLA WSZYSTKICH, CASS. NR 2156/2010 FacebookTwitterGoogle+Blogger PostWhatsAppGoogle Gmail BOLOGNA konsensusie separacja rozwód BOLOGNA rozwód za obopólną zgodą separacja BOLOGNA

Konkretnej odpowiedzi na swoje problemy Studio Legale Bologna ZADZWOŃ TERAZ
051.6447838
BOLONIA ODDZIELENIE ADWOKATA ROZWÓD ROZSTANIE MATRIMONIALISTA ROZWÓD NALEŻY ZAUWAŻYĆ, ŻE ZGODNIE Z UTRWALONYM ORZECZNICTWEM, CZEKU, NAWET PODCZAS SEPARACJI, POWINNY ZOSTAĆ PORÓWNANE STANDARD ŻYCIA CIESZYŁ SIĘ W CZASIE TRWANIA MAŁŻEŃSTWA, ALE INDEKS TEJ ZAWARTOŚCI MOŻE BYĆ OBECNE DYSPROPORCJE DOCHODÓW MAŁŻONKÓW (DLA WSZYSTKICH, CASS. NR 2156/2010
FacebookTwitterGoogle+Blogger PostWhatsAppGoogle Gmail
BOLOGNA konsensusie separacja
rozwód
BOLOGNA rozwód za obopólną zgodą
separacja BOLOGNA
BOLOGNA separacja sądowa
BOLOGNA sporna rozwód
Separacja i rozwód BOLOGNA
BOLOGNA koszty rozwodu
BOLOGNA separacji
utrzymanie dzieci BOLOGNA
Pełnomocnik matrimonialista separacja Bolonii Sergio Armaroli Prawnik Matrimonialista w Bolonii – Sergio Armaroli Studio • Jak wybrać prawnika matrimonialista – Kancelaria Prawnik Matrimonialista Archiwa – Kancelaria Prokuratora Prawnik Sergio Armaroli matrimonialista – Bolonia – Rozstanie … Prawnicy zajmujący się matrimonialisti Prawnicy w Bolonii … Kancelaria Prawnik BOLOGNA Matrimonialista separacji i m …

avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
m

adwokat separacja matrimonialista Bolonii Sergio Armaroli
Prawnik Matrimonialista w Bolonii – Sergio Armaroli Studio • Wybór rozwód adwokat – Kancelaria
Prawnik Matrimonialista Archiwa – Kancelaria Prokuratora Prawnik Sergio Armaroli matrimonialista – Bolonia – Separacja …
Prawnicy zajmujący się matrimonialisti Prawnicy w Bolonii …
Kancelaria adwokat BOLOGNA Matrimonialista separacji i …
m

Bolonia ODDZIELENIE rozwód adwokat rozwód rozstanie MATRIMONIALISTA

Należy zauważyć, że zgodnie z utrwalonym orzecznictwem, czeku, nawet podczas separacji, powinny zostać porównane standard życia cieszył się w czasie trwania małżeństwa, ale indeks tej zawartości może być obecne różnice w dochodach między małżonkami (na zawsze, Cass . nr 2156/2010

Pełnomocnik matrimonialista separacja Bolonii Sergio Armaroli Prawnik Matrimonialista w Bolonii – Sergio Armaroli Studio • Jak wybrać prawnika matrimonialista – Kancelaria Prawnik Matrimonialista Archiwa – Kancelaria Prokuratora Prawnik Sergio Armaroli matrimonialista – Bolonia – Rozstanie … Prawnicy zajmujący się matrimonialisti Prawnicy w Bolonii … Kancelaria Prawnik BOLOGNA Matrimonialista separacji i m …
adwokat separacja matrimonialista Bolonii Sergio Armaroli
Prawnik Matrimonialista w Bolonii – Sergio Armaroli Studio • Wybór rozwód adwokat – Kancelaria
Prawnik Matrimonialista Archiwa – Kancelaria Prokuratora Prawnik Sergio Armaroli matrimonialista – Bolonia – Separacja …
Prawnicy zajmujący się matrimonialisti Prawnicy w Bolonii …
Kancelaria adwokat BOLOGNA Matrimonialista separacji i …
m

BOLOGNA konsensusie separacja
rozwód
BOLOGNA rozwód za obopólną zgodą
separacja BOLOGNA
BOLOGNA separacja sądowa
BOLOGNA sporna rozwód
Separacja i rozwód BOLOGNA
BOLOGNA koszty rozwodu
BOLOGNA separacji
utrzymanie dzieci BOLOGNA
Para-in-lite

BOLOGNA konsensusie separacja
rozwód
BOLOGNA rozwód za obopólną zgodą
separacja BOLOGNA
BOLOGNA separacja sądowa
BOLOGNA sporna rozwód
Separacja i rozwód BOLOGNA
BOLOGNA koszty rozwodu
BOLOGNA separacji
utrzymanie dzieci BOLOGNA
BOLOGNA kosztuje konsensusie separację
BOLOGNA koszty rozwodu za obopólną zgodą
Separacja i ładunek BOLOGNA
oddzielna BOLOGNA
alimenty BOLOGNA
Rozwód kosztuje BOLOGNA
ì
wspólną opiekę BOLOGNA
papiery rozwodowe BOLOGNA
de facto oddzielenie BOLOGNA
jak rozwód BOLOGNA
separacje i rozwody BOLOGNA
Koszt BOLOGNA konsensusie separacja
BOLOGNA przymusem separacje
Wspólne koszty rozwodu BOLOGNA
Koszty zgodził rozwód BOLOGNA
Separacja i dzieci BOLOGNA
BOLOGNA szybkie rozwody
BOLOGNA konsensusie separacja
rozwód
BOLOGNA rozwód za obopólną zgodą
separacja BOLOGNA
BOLOGNA separacja sądowa
BOLOGNA sporna rozwód
Separacja i rozwód BOLOGNA
BOLOGNA koszty rozwodu
BOLOGNA separacji
utrzymanie dzieci BOLOGNA AS10

Sąd Najwyższy

Sekcja VI Cywilny

postanowienie z dnia 14 czerwca 2016, n. 12218

zamówienie

Za sądowego postępowania separacji, sąd w Rzymie oraz nadrukowany 22/7/2010 wyroku oparł się na dwóch młodszych synów F. i S. do obojga rodziców, AM i DBL, dzięki umieszczeniu z matką; przypisuje się małżonków do tej samej matki i ojca Stawia za czek na €. 300,00 miesięczne dla dzieci; nawet kosztem męża do żony, odprawy €. 400,00 miesięcznie.

Sąd Apelacyjny w wyroku z dnia 26.11.2013, został umieszczony za ojca wszystkich wydatków medycznych, edukacyjnych, sportowych i rekreacyjnych dla dzieci powinien być uzgodniony między małżonkami.

Odwołanie się do Sądu Najwyższego z żoną. On jest odporny na męża wzajemnego.

Należy zauważyć, że zgodnie z utrwalonym orzecznictwem, czeku, nawet podczas separacji, powinny zostać porównane standard życia cieszył się w czasie trwania małżeństwa, ale indeks tej zawartości może być obecne różnice w dochodach między małżonkami (na zawsze, Cass . nr 2156/2010)

sąd krajowy dokonał błędnej wykładni art. 156 cc. Ale powiedział, że dochody małżonka stale, choć nieznaczny, wzrost; jego żona cieszy się tylko kwotę czeku na jego korzyść; Jednakże sąd krajowy odnosi się do ilości różnych transferów na rzecz żony, niejawnie zakładając istnienie stosunku pracy nie zgłoszono. Zwrócił uwagę żonie, że wynagrodzenie banku przychodzi od matki, która odpowiada z nazwą wskazaną w samym wyroku, są zbyt ograniczone aktualną kwotę czeku od męża.

Należy również podkreślić, (w tym zakresie, między innymi, Cass. nr 6200 z 2009 roku), które małżonek dłużnik nie zostaje zwolniony do drugiego małżonka, w którym uzyskają formy pomocy od rodziny pochodzenia, zwłaszcza gdy takie wsparcie jest jest to konieczne ze względu na niewielki rozmiar dochodów beneficjenta.

E ‘to raczej odpowiednio uzasadnione odrzucenia wniosku o zmianę ustaleń odwiedzin ze względu na córkę (dziecko w toku, nadszedł wiek). Co więcej, jest ona sama do stwierdzenia, że ​​sprawa ma teraz przestał sprawę rywalizacji.

Należy więc uchylił zaskarżony wyrok, w Check Point do żony, z odniesieniem do Sądu taką samą zasługę w innej formacji, pozostając absorbowane każdy wniosek dotyczący kosztów prawnych, które zostaną zbadane przez sąd krajowy, również w odniesieniu do tych z niniejszego postępowania.

PQM

Trybunał podtrzymuje odwołanie w części; przypadku zaskarżonego wyroku i przekazanie do Sądu Apelacyjnego w Rzymie, w innej formacji, które również podejmie decyzję w sprawie kosztów związanych z postępowaniem.

W przypadku rozpowszechniania tego środka, należy pominąć dokumenty ogólne i identyfikacyjne, zgodnie z art. 52 wykopalisk archeologicznych. 196/03, zgodnie z wymogami prawa.

BOLOGNA konsensusie separacja
rozwód
BOLOGNA rozwód za obopólną zgodą
separacja BOLOGNA
BOLOGNA separacja sądowa
BOLOGNA sporna rozwód
Separacja i rozwód BOLOGNA
BOLOGNA koszty rozwodu
BOLOGNA separacji
utrzymanie dzieci BOLOGNA

INCIDENTE MORTALE ? RISARCiMENTO AI CONGIUNTI? CHIAMA SUBITO !! PRIMA CHIAMI PRIMA POTRO’ LAVORARE PER TE!!

 

INCIDENTE MORTALE ? RISARCIMENTO AI CONGIUNTI? CHIAMA SUBITO !! PRIMA CHIAMI PRIMA POTRO’ LAVORARE  PER TE!!

 

 

incidenti stradali in moto, Incidenti stradali in motocicletta, AVVOCATO ASSICURAZIONE INCIDENTI
incidenti stradali in moto, Incidenti stradali in motocicletta, AVVOCATO ASSICURAZIONE INCIDENTI

La Corte territoriale, ‘sia nella determinazione del lasso temporale tra il verificarsi del sinistro e la morte della L. , che nella quantificazione del danno’, avrebbe mancato di considerare i fatti, emergenti da taluni documenti di causa (verbale di riscontro necroscopico, referto medico, perizia medico-legale di parte) e decisivi ai fini di un diverso esito del giudizio, relativi alla morte della L. non già ‘venti minuti’ dopo il sinistro, bensì due ore dopo lo stesso incidente, e all’aspettativa di vita della vittima, pari a 14 anni all’epoca del fatto (come da tabelle di sopravvivenza Istat).

 

 

avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli Avvocato Matrimonialista a Bologna - Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista - Studio Legale Avvocato Matrimonialista Archives - Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista - Bologna - Separazione ... Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna ... Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e ... m
avvocato matrimonialista separazione bologna Sergio Armaroli
Avvocato Matrimonialista a Bologna – Studio Sergio Armaroli • Come scegliere un avvocato matrimonialista – Studio Legale
Avvocato Matrimonialista Archives – Studio Legale Avv Sergio Armaroli Avvocato matrimonialista – Bologna – Separazione …
Avvocati che si occupano di Avvocati matrimonialisti a Bologna …
Studio Legale Avvocato BOLOGNA Matrimonialista Separazioni e …
m

Peraltro, posto che la morte era intervenuta ‘non prima di due ore’ dopo il sinistro, il giudice di appello avrebbe errato nel non riconoscere il danno biologico ‘da perdita della vita’, avendo determinato ‘l’entità del danno biologico in relazione all’apprezzabilità del lasso di tempo in cui la signora L. è rimasta in vita dopo l’incidente, anziché all’apprezzabilità dell’attentato ad un diritto costituzionalmente garantito quale è quello alla salute’.

 

 

 

I ricorrenti, con la memoria ex art. 378 cod. proc. civ., insistono sull’erroneità del mancato risarcimento del ‘danno da perdita della vita’, invocando a sostegno delle proprie ragioni la sentenza n. 1361 del 23 gennaio 2014, di questa Corte.

 

Con il terzo mezzo è prospettata, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 3, cod. proc. civ., violazione e falsa applicazione degli artt. 2043, 2054, 2056, 2059, 1223, 1226, 2727, 2729, 2909 cod. civ., 112, 115, 116, 342 cod. proc. civ. e 29 e ss. Cost., nonché, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., vizio di motivazione.

La Corte territoriale avrebbe assunto una decisione errata e contraddittoria in punto di risarcimento del danno patrimoniale, dando dapprima atto che questo ‘era stato provato in via presuntiva’ e, poi, riconoscendolo ‘solo ad uno dei membri della famiglia’, cosi ‘attribuendo risalto ad un dato mai contestato dall’appellante, che il risarcimento non competesse ai figli della L. , solo perché coniugati’, là dove, inoltre, neppure la ripartizione per quote eguali e la convivenza familiare era stata oggetto di gravame.

Peraltro, anche il giudizio sulla ‘aspettativa di vita della de cuius’ sarebbe arbitrario, avendo omesso la Corte territoriale di indicare il criterio o gli elementi dai quali è stato desunto.

4.1. – Il motivo è in parte inammissibile e in parte infondato.

È inammissibile là dove denuncia, complessivamente, un vizio di corrispondenza tra chiesto e pronunciato, posto che non coglie la portata della ratio decidendi della sentenza impugnata, la quale, proprio per non incorrere in siffatta violazione di norme processuali, ha mantenuto nell’ambito di un mero obiter dlctum il rilievo sulla non spettanza del risarcimento del danno patrimoniale ai figli della defunta L. , osservando, infatti, che la loro legittimazione attiva non era messa in discussione dall’impugnazione principale. Sicché, la decisione della Corte – di ridurre la liquidazione del danno patrimoniale ad Euro 80.000,00 – riguarda tutti gli attori e si tratta di liquidazione complessiva da ripartire per quote.

Il motivo è, altresì, inammissibile per la parte in cui si incentra sull’adottato criterio di ‘aspettativa di vita della de cuius’, che, invero, non attiene alla vita biologica come dai ricorrenti ipotizzato, ma – come precisato dal giudice di appello – alla ‘vita lavorativa e collaborativa’, che dallo stesso giudice del merito viene considerata sino a 75 anni, cosi da confezionare un limite particolarmente favorevole per gli istanti, la cui impugnazione sul punto, oltre ad essere sostanzialmente fuori quadro, non palesa neppure l’interesse ad aggredire una siffatta statuizione.

Il mezzo è, infine, infondato quanto al resto, avendo la Corte territoriale correttamente considerato in iure l’effettivo apporto economico della defunta alla propria famiglia, attraverso non già la produzione di un reddito esterno, ma tramite la ‘collaborazione nella coltivazione ad uso domestico’ del fondo di proprietà, in relazione all’anzidetta aspettativa di vita lavorativa, così ponendosi in linea con l’orientamento costante di questa Corte che, nell’ambito del tema in esame, attribuisce rilievo particolarmente significativo alla dimostrazione che la vittima contribuiva stabilmente ai bisogni familiari o che, in futuro, i familiari avrebbero verosimilmente e probabilmente avuto bisogno delle sovvenzioni della vittima medesima (in tale prospettiva, tra le altre, Cass., 11 maggio 2012, n. 7272). La liquidazione eminentemente equitativa che ne è seguita, in quanto sorretta da plausibili ragioni giustificative, si sottrae, dunque, al sindacato in questa sede di legittimità

 

aeredefoto

Considerato in diritto

  1. – Preliminarmente, va dichiarato inammissibile, per tardiva proposizione rispetto ai termini di legge, il controricorso della Generali S.p.A., giacché esso è stato spedito per la notificazione ai ricorrenti in data 16 maggio 2012 e, dunque, oltre il termine di quaranta giorni (venti giorni dalla scadenza del termine, anch’esso di venti giorni, stabilito per il deposito del ricorso) previsto dal combinato disposto di cui agli artt. 370 e 369 cod. proc. civ., nella specie decorrente dal 5 aprile 2012, data di notificazione del ricorso.
  2. – Con il primo mezzo è denunciata, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 3, cod. proc. civ., violazione e falsa applicazione degli artt. 2054 cod. civ. e 115 e 116 cod. proc. civ., nonché, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., vizio di motivazione in ordine alla dinamica del sinistro.

La Corte territoriale, a fronte delle censure mosse da essi appellanti incidentali alla sentenza di primo grado in punto di quantificazione del concorso di colpa della L. nella causazione del sinistro (‘da determinarsi in misura non superiore al 5%’), avrebbe adottato una motivazione solo apparente, circoscritta al rilievo di congruità della percentuale del 10% indicata dal Tribunale.

Inoltre la motivazione della sentenza impugnata sarebbe anche illogica, contraddittoria e frutto di travisamento della dinamica del sinistro, posto che la Corte di appello, nonostante abbia considerato assolutamente preponderante, ai fini della responsabilità per la causazione del sinistro, il comportamento gravemente colposo del M. e assai circoscritto l’apporto deterministico della L. , correlato soltanto a non aver attraversato la strada sulle strisce pedonali, non ha poi ritenuto di modificare la percentuale del concorso colposo ‘in quella minore del 5% indicata dagli odierni ricorrenti’, da ritenersi ‘sicuramente più equa’.

2.1. – Il motivo è infondato.

La dedotta apparenza della motivazione è frutto soltanto di una lettura monca della sentenza impugnata, la cui complessiva portata – siccome volta a dare adeguata contezza delle ragioni della statuita graduazione delle colpe ai fini dell’attribuzione della responsabilità per il sinistro nel quale ha trovato la morte L.B. – è già di per sé evidente (e, invero, contraddittoriamente rispetto alle stesse premesse da cui muovono i ricorrenti) dal tenore dell’ulteriore profilo del motivo di impugnazione, con il quale si aggredisce la misura percentuale del concorso colposo.

Tuttavia, anche siffatta doglianza è inconsistente, giacché essa, lungi dal porre in risalto illogicità o aporie intrinseche al percorso argomentativo che ha condotto la Corte territoriale al proprio convincimento (fondato sull’incontestato attraversamento della vittima al di fuori delle strisce pedonali; condotta la cui valenza colposa non è neppure messa in discussione dagli stessi ricorrenti, che si limitano a dedurne la minore gravità rispetto a quella ritenuta in sentenza), mira a sovvertirne l’esito e, dunque, a surrogarsi in un giudizio di stretto merito che non spetta alla parte formulare, essendo di esclusiva pertinenza del giudice. Ciò, dunque, in contrasto con quanto questa Corte ha affermato in tema di sinistri stradali, per cui ‘l’accertamento in termini percentuali del concorso di colpa della vittima nella causazione del danno costituisce il frutto di un procedimento logico e non matematico, e, come tale, insuscettibile di giustificazione analitica. Ne consegue che colui il quale si dolga del relativo accertamento compiuto dal giudice di merito non può limitarsi ad invocare che la corresponsabilità della vittima fosse in realtà maggiore o minore di quella accertata, ma ha l’onere di dedurre il vizio di motivazione, sotto forma di contraddittorietà tra l’espressione percentuale del concorso di colpa e le osservazioni logiche che la sorreggono’ (Cass., 24 marzo 2011, n. 6752).

  1. – Con il secondo mezzo è dedotta, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 3, cod. proc. civ., violazione e falsa applicazione degli artt. 2054, 2056, 2057, 2059, 2909, 2727 e 2729 cod. civ., nonché 32 Cost., 115 e 116 cod. proc. civ., nonché, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., vizio di motivazione.

La Corte territoriale, ‘sia nella determinazione del lasso temporale tra il verificarsi del sinistro e la morte della L. , che nella quantificazione del danno’, avrebbe mancato di considerare i fatti, emergenti da taluni documenti di causa (verbale di riscontro necroscopico, referto medico, perizia medico-legale di parte) e decisivi ai fini di un diverso esito del giudizio, relativi alla morte della L. non già ‘venti minuti’ dopo il sinistro, bensì due ore dopo lo stesso incidente, e all’aspettativa di vita della vittima, pari a 14 anni all’epoca del fatto (come da tabelle di sopravvivenza Istat).

Peraltro, posto che la morte era intervenuta ‘non prima di due ore’ dopo il sinistro, il giudice di appello avrebbe errato nel non riconoscere il danno biologico ‘da perdita della vita’, avendo determinato ‘l’entità del danno biologico in relazione all’apprezzabilità del lasso di tempo in cui la signora L. è rimasta in vita dopo l’incidente, anziché all’apprezzabilità dell’attentato ad un diritto costituzionalmente garantito quale è quello alla salute’.

I ricorrenti, con la memoria ex art. 378 cod. proc. civ., insistono sull’erroneità del mancato risarcimento del ‘danno da perdita della vita’, invocando a sostegno delle proprie ragioni la sentenza n. 1361 del 23 gennaio 2014, di questa Corte.

3.1. – Il motivo è infondato, per la parte in cui non è inammissibile.

La decisione della Corte territoriale – che ha risarcito, iure hereditatis, ai congiunti della L. deceduta a seguito del sinistro e dopo un brevissimo lasso temporale dallo stesso, il danno morale dalla medesima vittima sofferto (per la lucida agonia) e la somma di Euro 80,00 a titolo di danno biologico, come ‘frazione estremamente ridotta consistente nel suo concreto avverarsi’ – è in linea con l’orientamento tuttora maggioritario di questa Corte, secondo il quale, in tema di risarcimento del danno non patrimoniale, quando all’estrema gravità delle lesioni, segua, dopo un intervallo temporale brevissimo, la morte, non può essere risarcito agli eredi il danno biologico ‘terminale’ connesso alla perdita della vita della vittima, come massima espressione del bene salute, ma esclusivamente il danno morale, dal primo ontologicamente distinto, fondato sull’intensa sofferenza d’animo conseguente alla consapevolezza delle condizioni cliniche seguite al sinistro (Cass., 28 novembre 2008, n. 28423; Cass., 7 giugno 2008, n. 13672; Cass., 20 settembre 2011, n. 19133).

Sicché, risultano inconsistenti le critiche dei ricorrenti sulla mancata valutazione di documenti versati in atti, in quanto i fatti che con questi si assumono provati (lasso temporale tra sinistro e decesso: due ore invece che venti minuti; aspettativa di vita) sono tutt’altro che decisivi, non potendo condurre ad una decisione diversa da quella assunta dal giudice di merito. Invero, la stessa considerazione del danno biologico temporaneo – siccome limitato al brevissimo intervallo di lucida agonia – appare, nella specie, eccentrico rispetto al principio di diritto sopra richiamato, sebbene, comunque, di tale statuizione non si dolgano gli originari convenuti con apposito e rituale ricorso incidentale.

Ciò premesso, va altresì escluso che possa rilevare, in ogni caso, il richiamo alla più recente Cass. n. 1361 del 2014, giacché la ricostruzione da essa sostenuta si fonda sulla diversità ontologica tra danno biologico e danno da perdita della vita, con la conseguenza che i ricorrenti avrebbero dovuto anzitutto allegare, e comprovare, di aver richiesto sin dal primo grado e, poi, ribadito in appello, quest’ultima tipologia di danno e non già soltanto la prima e ciò per non incorrere in una inammissibile proposizione di domanda nuova; allegazione e riscontro che, tuttavia, non sono stati forniti.

  1. – Con il terzo mezzo è prospettata, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 3, cod. proc. civ., violazione e falsa applicazione degli artt. 2043, 2054, 2056, 2059, 1223, 1226, 2727, 2729, 2909 cod. civ., 112, 115, 116, 342 cod. proc. civ. e 29 e ss. Cost., nonché, ai sensi dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., vizio di motivazione.
CONTRATTO OBBLIGAZIONI PECUNIARIE –Cassazione civile SS.UU. 13658/2010sul “motivo principale di opposizione” (da accogliere “nei limiti che seguono”): “l’assegno inviato alla creditrice prima della notifica del precetto aveva ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all’epoca del pagamento”; “secondo la più recente giurisprudenza di legittimità (Cass. Civ. n. 27158 del 19 dicembre 2006), nelle obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro, il pagamento effettuato mediante corresponsione di un assegno costituisce, secondo gli usi negoziali, idoneo modo di estinguere la obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti”.
CONTRATTO OBBLIGAZIONI PECUNIARIE –Cassazione civile SS.UU. 13658/2010sul “motivo principale di opposizione” (da accogliere “nei limiti che seguono”): “l’assegno inviato alla creditrice prima della notifica del precetto aveva ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all’epoca del pagamento”; “secondo la più recente giurisprudenza di legittimità (Cass. Civ. n. 27158 del 19 dicembre 2006), nelle obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro, il pagamento effettuato mediante corresponsione di un assegno costituisce, secondo gli usi negoziali, idoneo modo di estinguere la obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti”.

afd4

La Corte territoriale avrebbe assunto una decisione errata e contraddittoria in punto di risarcimento del danno patrimoniale, dando dapprima atto che questo ‘era stato provato in via presuntiva’ e, poi, riconoscendolo ‘solo ad uno dei membri della famiglia’, cosi ‘attribuendo risalto ad un dato mai contestato dall’appellante, che il risarcimento non competesse ai figli della L. , solo perché coniugati’, là dove, inoltre, neppure la ripartizione per quote eguali e la convivenza familiare era stata oggetto di gravame.

Peraltro, anche il giudizio sulla ‘aspettativa di vita della de cuius’ sarebbe arbitrario, avendo omesso la Corte territoriale di indicare il criterio o gli elementi dai quali è stato desunto.

4.1. – Il motivo è in parte inammissibile e in parte infondato.

È inammissibile là dove denuncia, complessivamente, un vizio di corrispondenza tra chiesto e pronunciato, posto che non coglie la portata della ratio decidendi della sentenza impugnata, la quale, proprio per non incorrere in siffatta violazione di norme processuali, ha mantenuto nell’ambito di un mero obiter dlctum il rilievo sulla non spettanza del risarcimento del danno patrimoniale ai figli della defunta L. , osservando, infatti, che la loro legittimazione attiva non era messa in discussione dall’impugnazione principale. Sicché, la decisione della Corte – di ridurre la liquidazione del danno patrimoniale ad Euro 80.000,00 – riguarda tutti gli attori e si tratta di liquidazione complessiva da ripartire per quote.

Il motivo è, altresì, inammissibile per la parte in cui si incentra sull’adottato criterio di ‘aspettativa di vita della de cuius’, che, invero, non attiene alla vita biologica come dai ricorrenti ipotizzato, ma – come precisato dal giudice di appello – alla ‘vita lavorativa e collaborativa’, che dallo stesso giudice del merito viene considerata sino a 75 anni, cosi da confezionare un limite particolarmente favorevole per gli istanti, la cui impugnazione sul punto, oltre ad essere sostanzialmente fuori quadro, non palesa neppure l’interesse ad aggredire una siffatta statuizione.

Il mezzo è, infine, infondato quanto al resto, avendo la Corte territoriale correttamente considerato in iure l’effettivo apporto economico della defunta alla propria famiglia, attraverso non già la produzione di un reddito esterno, ma tramite la ‘collaborazione nella coltivazione ad uso domestico’ del fondo di proprietà, in relazione all’anzidetta aspettativa di vita lavorativa, così ponendosi in linea con l’orientamento costante di questa Corte che, nell’ambito del tema in esame, attribuisce rilievo particolarmente significativo alla dimostrazione che la vittima contribuiva stabilmente ai bisogni familiari o che, in futuro, i familiari avrebbero verosimilmente e probabilmente avuto bisogno delle sovvenzioni della vittima medesima (in tale prospettiva, tra le altre, Cass., 11 maggio 2012, n. 7272). La liquidazione eminentemente equitativa che ne è seguita, in quanto sorretta da plausibili ragioni giustificative, si sottrae, dunque, al sindacato in questa sede di legittimità.

  1. – Il ricorso va, dunque, rigettato.

I ricorrenti, in quanto soccombenti, vanno condannati, in solido tra loro, al pagamento, in favore della Generali Assicurazioni S.p.A., delle spese del presente giudizio di legittimità come liquidate in dispositivo e ciò in riferimento alla sola discussione in udienza pubblica (che presuppone, comunque, lo studio della controversia). Nulla è da disporsi in punto di spese nei confronti dell’intimato che non ha svolto attività difensiva in questa sede.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti, in solido tra loro, al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida, in favore della Generali Assicurazioni S.p.A., in complessivi Euro 5.800,00, di cui Euro 200,00, per esborsi, oltre accessori di legge.

INCIDENTE MORTALE ? RISARICMENTO AI CONGIUNTI? CHIAMA SUBITO !! PRIMA CHIAMI PRIMA POTRO’ LAVORARE PER TE!!

MATRIMONIALISTA РОЗЛУЧЕНИХ LAWYER РОЗЛУЧЕННЯ БОЛОНЬЯ ВИТРАТИ НАДЗВИЧАЙНІ FacebookTwitterGoogle+Blogger PostWhatsAppGoogle Gmail MATRIMONIALISTA розлучених Lawyer РОЗЛУЧЕННЯ Болонья витрати Надзвичайні afa2

MATRIMONIALISTA РОЗЛУЧЕНИХ LAWYER РОЗЛУЧЕННЯ БОЛОНЬЯ ВИТРАТИ НАДЗВИЧАЙНІ
FacebookTwitterGoogle+Blogger PostWhatsAppGoogle Gmail
MATRIMONIALISTA розлучених Lawyer РОЗЛУЧЕННЯ Болонья витрати Надзвичайні
afa2

РОЗДІЛЕННЯ Lawyer MATRIMONIALISTA РОЗЛУЧЕННЯ BOLOGNA витрати Надзвичайні
Адвокат matrimonialista відділення болонья Серхіо Armaroli Адвокат Matrimonialista в Болоньї – Серхіо Armaroli студія • Як вибрати адвоката matrimonialista – Юридична фірма Юрист Matrimonialista Архіви – юридична компанія Адвокат Адвокат Серджіо Armaroli matrimonialista – Болонья – відділення … Адвокати, які мають справу з matrimonialisti юристів в Болоньї … юридична фірма Адвокат BOLOGNA Matrimonialista сепарація і м …
Адвокат відділення matrimonialista болонья Серхіо Armaroli
Адвокат Matrimonialista в Болоньї – Серхіо Armaroli Студія • Вибір юриста Розлучення – Юридична фірма
Адвокат Matrimonialista Архіви – юридична компанія Адвокат Адвокат Серджіо Armaroli matrimonialista – Болонья – Поділ …
Юристи , які мають справу з matrimonialisti юристів в Болоньї …
Юридична фірма Адвокат BOLOGNA Matrimonialista сепарація і …
м

Отже, якщо надзвичайні витрати погодилися дати автоматичне право на повернення, в разі відмови попередніх консультацій і відмови в наданні відшкодування частини з боку чоловіка, який не виконав, повинні “, відбуваються в судах (пор .. Касс . CIV. розділ 1 немає. 10174 від 20 червня 2012 року, про відносну важливість Угоди про батьківський внесок у зміст дітей, які не буде обов’язковим для судді того, щоб орієнтуватися в виняткових інтересів дитини), відповідність витрат інтересів дитини шляхом оцінки, зарезервовані для пробного судді, дозуючий суті “витрачає корисність” для дитини і стійкості “цих витрат у порівнянні з економічними умовами батьків. Рішення у цій справі і “ретельно здійснюється судом Таранто по апеляції, і що заявник оскаржив апеляційний суд через не оцінивши відсутність попередніх консультацій (що апеляційний суд побічно розглядається в діставшись (бездіяльністю) дали своє свідоцтво про згоду дочки (бездіяльністю)) і введення скаргу, яка стосується концептуальної різниці між витратами і екстраординарних вибір, який з’являється абсолютно чуже ставлення вирішальною слідують суду Таранто.

Верховний суд

розділ VI

замовлення від 30 липня 2015 року, п. 16175

італійську Республіку

В ІМ’Я італійців

ВЕРХОВНИЙ СУД APPEAL

РОЗДІЛ ШОСТИЙ ГРОМАДЯНСЬКОЇ

підрозділ 1

Що складається панами Ill.mi магістратів:

. Dott Salvatore PALM – президент

Доктор Рагонезе Вітторіо – директор

. Dott Джачинто ПОТРЕБИ – отн. консультант

Д-р де CHIARA Карло – директор

Доктор ACIERNO Марія – директор

Він дає таке:

ЗАМОВИТИ

за скаргою принесли:

(Бездіяльність), адреса для служби в (бездіяльністю), в палатах. (Бездіяльність), представляв і захищав адвокат. (Бездіяльність), за спеціальною довіреності на полях додатки, яке говорить, що буде отримувати повідомлення про процес факс-ні. (Бездіяльність) та на виборчій дільниці (бездіяльністю);

– Періодичне –

щодо:

(Бездіяльність), адреса для служби в (бездіяльністю) в палатах. (Бездіяльність), який представляє і захищає за спеціальною довіреності на стороні його оборони і каже, що він буде отримувати повідомлення про процес факс-ні. (Бездіяльність) та на виборчій дільниці (бездіяльністю);

– Неприємна сторона –

проти правлячого немає. 1013/13 суд Таранто, виданому 6 травня, 2013 року, а поданої 13, 2013, п. RG 6158/11;

Було встановлено, що 6 лютого 2013 року і “був поданий доповідь відповідно до статті 380-біс КОП і цитуються нижче.

ВИЯВЛЕНО

що:

(Не недогляд) оскаржив судова заборона не. 827/2010 із суддів Таранто видається по апеляції (бездіяльністю) на виплату суми 1,098 євро у зв’язку з надзвичайними витратами, понесених для дочки (бездіяльністю) (меблів витрати її кімнати, сцена для вивчення мови англійська) і за рахунок згідно Надавати підборіддям зміни умов поділу від 5 грудня 2002 противник заперечували проти змушені відшкодування своєї частки в розмірі 50% від загальної суми витрат в тому, що, в той час як не питання про термінові витрат або відкладено, то ж не було раніше узгоджено між колишнім подружжям.
Суддя, в пропозиції немає. 1981/2011, відкинув опозицію.
Таранто суд відхилив скаргу.
Регрес в Верховний суд (бездіяльністю) віднімаючи порушення закону і суперечливості міркувань.
Він захищає свій захист (бездіяльністю), який визнає неприпустимість “дії.
Кошторис

що:

Виняток неприйнятність “акції цілком обгрунтовані. Новий текст статті 360 КПК РФ, п. 5 фактично забезпечує тільки, що дія пропонується в разі невикористання експертизи вирішального факту для судження, що “предметом обговорення між сторонами. Звернення за порушення закону відповідно до статті 360 КПК, п. 3 повинно бути зроблено з інформацією про правила, які, ймовірно, порушені, а також відрахування з причин, чому правова основа цього рішення суперечить цим правилам або тлумачення таких правил дається прецедентної легітимності »(Касс . CIV. немає. 19973/2013).
Жодне з цих вимог прийнятності »і« шанованих апеляції.
Тому надається для лікування справи в закритому засіданні, і якщо установка цього звіту буде “спільно Колегією неприйнятність для декларації” або, можливо, відмова від призову.
Суд згоден з доповіддю і читати позовну заяву апелянта, зміцнює Європейського суду з легітимності “(щодо саме в суперечці про відшкодування витрат на проживання в США для відвідування мовних курсів) і тобто ‘, не “конфігурується доручив депозитарного дружину або collocatario зобов’язання інформації і попередніх консультацій з іншого боку, для того, щоб визначити надзвичайні витрати, сумісні з економічними засобами, батьки яких мають, так як це рішення” інтерес “для дитини, і за умови, що, отже, несе відповідальність за чоловіка неопекунского погашення зобов’язання, якщо воно не змогло висунути вагомі причини для інакомислячих (ЧФР. Касс. CIV. розділ 1, №. 19607 від 26 вересня 2011 року). Отже, якщо надзвичайні витрати погодилися дати автоматичне право на повернення, в разі відмови попередніх консультацій і відмови в наданні відшкодування частини з боку чоловіка, який не виконав, повинні “, відбуваються в судах (пор .. Касс . CIV. розділ 1 немає. 10174 від 20 червня 2012 року, про відносну важливість Угоди про батьківський внесок у зміст дітей, які не буде обов’язковим для судді того, щоб орієнтуватися в виняткових інтересів дитини), відповідність витрат інтересів дитини шляхом оцінки, зарезервовані для пробного судді, дозуючий суті “витрачає корисність” для дитини і стійкості “цих витрат у порівнянні з економічними умовами батьків. Рішення у цій справі і “ретельно здійснюється судом Таранто по апеляції, і що заявник оскаржив апеляційний суд через не оцінивши відсутність попередніх консультацій (що апеляційний суд побічно розглядається в діставшись (бездіяльністю) дали своє свідоцтво про згоду дочки (бездіяльністю)) і введення скаргу, яка стосується концептуальної різниці між витратами і екстраординарних вибір, який з’являється абсолютно чуже ставлення вирішальною слідують суду Таранто.

Таким чином, Суд вважає, що дія має бути визнана неприйнятною і наказати заявнику сплатити витрати по апеляції вироку. Рішення, звільняються від застосування єдиних податків, не допускає застосування Указу Президента Республіки п. 115 2002, стаття 13, пункт 1c.

PQM

Суд визнав заяву неприйнятною. Винесення вироку апелянта виплатити касаційна судові витрати, виплачені в цілому 900 євро, включаючи 100 для покриття витрат. Вона передбачає, що в разі поширення цього положення опущені спільність “і інші ідентифікаційні дані відповідно до законодавчого декретом немає. 196 2003, стаття 52.

судове відділення подружній домашнє завдання, судове оскарження поділу, судові сім’ї поділ посібників, судових поділ і збір, юридичний поділ з неповнолітніми дітьми, судового поділу і розлучення, судового поділу і взаємного спільного рахунку, судового поділу при поділі режиму власності, судова поділ, як жорстка , за взаємною згодою угоду про поділ, судове відділення за державну зраду, за взаємною згодою властивість поділу, за взаємною згодою поділ покладаються дітей, консенсусного їжу поділ, за взаємною згодою поділу необхідних документів, поділ за обопільною згодою на дому розлученням ITALIAANZOLA DELL’EMILIA розлученням АДВОКАТ 2. ARGELATO розлученням АДВОКАТ 3 . Баричелла розлученням ЮРИСТ 4. BENTIVOGLIO розлученням ЮРИСТ 5. розлученням ЮРИСТ 6. БОЛОНЬЯ Борго-Тоссіньяно розлученням ЮРИСТ 7. BUDRIO розлученням ЮРИСТ 8. РЕНО CALDERARA розлученням ЮРИСТ 9. Camugnano розлученням AVVOCATO10. CASALE розлученням AVVOCATO11. Casalfiumanese розлученням AVVOCATO12. Кастель-д’Аяно розлученням AVVOCATO13. CASTEL DEL RIO розлученням AVVOCATO14. CASTEL DI CASIO розлученням AVVOCATO15. Кастель-ді-Гуельфо B. розлученням AVVOCATO16. Кастель GREATER розлученням AVVOCATO17. CASTEL SAN PIETRO TERME розлученням AVVOCATO18. ЗАМОК розлученням ARGILE AVVOCATO19. CASTENASO розлученням AVVOCATO20. CASTIGLIONE Pepoli З розлученням AVVOCATO21. Crevalcore розлученням AVVOCATO22. Dozza розлученням AVVOCATO23. Фонтанеліче розлученням AVVOCATO24. Gaggio MONTANO розлученням AVVOCATO25. GALLIERA розлученням AVVOCATO26. Гранальоне розлученням AVVOCATO27. GRANAROLO DELL’EMILIA розлученням AVVOCATO28. GRIZZANA MORANDI розлученням AVVOCATO29. Імола розлученням AVVOCATO30. Lizzano Бельведере У розлученням AVVOCATO31. LOIANO32. Malalbergo розлученням AVVOCATO33. Marzabotto розлученням lawyers34. МЕДИЦИНА розлученням AVVOCATO35. Minerbio розлученням AVVOCATO36. Молінельі розлученням AVVOCATO37. Monghidoro розлученням AVVOCATO38. Monte San Pietro розлученням AVVOCATO39. Monterenzio розлученням AVVOCATO40. Monzuno розлученням AVVOCATO41. Mordano розлученням AVVOCATO42. OZZANO DELL’EMILIA розлученням AVVOCATO43. PIANORO розлученням AVVOCATO44. PIEVE DI CENTO розлученням AVVOCATO45. Porretta Терме розлученням AVVOCATO46. Сала-Болоньєзе розлученням AVVOCATO47. Сан-Бенедетто-VAL DI S. розлученням AVVOCATO48. SAN GIORGIO DI PIANO розлученням AVVOCATO49. Сент-Джон П. розлученням AVVOCATO50. SAN LAZZARO SAVENA OF розлученням AVVOCATO51. Сан-П’єтро-ін-Казале розлученням AVVOCATO52. SANT’AGATA BOLOGNESE розлученням AVVOCATO53. Сассо-Марконі розлученням AVVOCATO54. Valsamoggia розлученням ЮРИСТ –